ugg ultimate bind tendenza righe

ugg non originali tendenza righe

In origine furono i marinai bretoni: nel 1858, una legge inglobava la maglia a righe nel loro guardaroba, con il nome marinière. In cotone, 21 strisce come le 21vittorie di Napoleone; prodotta esclusivamente da un’azienda manifatturiera della Bretagna, la Saint James (attiva ancora oggi). Queste regole esteticamente severe le hanno impedito di diventare, da subito, un fenomeno di tendenza.

Per farla entrare nell’immaginario femminile come oggetto del desiderio, simbolo di un’eleganza rilassata e (solo all’apparenza) noncurante, ci vuole una come Mademoiselle Coco, che, la inserisce nella sua collezione nautica del 1917, ad identificare una certa borghesia francese che amava passare le estati in Riviera, abbinandola a blazer e short.

Poi,
ugg ultimate bind tendenza righe
le righe presero una piega sensuale addosso a Brigitte Bardot, mollemente sdraiata sulle spiagge della Costa Azzurra; furono molto sofisticate nell’interpretazione che ne ha dato Audrey Hepburn sul set di Funny Face ma anche ribelli, con l’avvento degli anni Sessanta e poi della beat generation, della Factory e delle it girl come Edie Sedgwick, o, più tardi, di Blondie.

Le righe hanno vissuto innumerevoli interpretazioni e restyling, ma la loro versione che ancora oggi affascina di più uomini e donne è quella originale, languida, acerba ma sexy, sussurrata ma ammiccante. E in questa stagione si declina in nuance pop: su shorts e su zeppe in rafia, t shirt e maglioni, cappelli alla marinaretta e vestiti dal fascino vintage.
ugg ultimate bind tendenza righe

ugg ultimate bind Unioni civili di due persone che si amano a prescindere dal sesso

ugg australia Unioni civili di due persone che si amano a prescindere dal sesso

TERMOLI Unioni civili, il consigliere Salvatore Di Francia fa un focus sull’attuale situazione italiana e, in particolare termolese e annuncia: “Presto presenterò una mozione per il riconoscimento delle coppie di fatto. La politica purtroppo ancora chiusa nel suo imbarazzante perbenismo, si è dimenticata di riconoscere i diritti per le coppie di fatto. Ora il premier Renzi inizia ad affrontare il problema con leggi ad hoc. Appare incredibile ma purtroppo è vero quanta discriminazione ci sia contro le coppie di fatto: ancora tantissimi diritti, in altri casi considerati scontati, di fatto non sono riconosciuti: dalla assistenza ospedaliera da parte del partener, alla reversibilità della pensione, dal riconoscimento dell’eredità, fino alle graduatorie per ottenere una casa popolare e tanti altri DIRITTI non di meno conto”.

Salvatore Di Francia prosegue: “La strada da percorrere è pertanto ancora lunga e sicuramente tutta in salita, ma mi piace guardare con fiducia al modello di unione alla Tedesca, dove le unioni civili prevedono TUTTI i diritti e doveri come in un matrimonio eterosessuale con l’unica eccezione circa l’impossibilità di adozioni esterne alla coppia. Si può invece accedere all’adozione interna alla coppia, “stepchild adoption”, concetto che estende la genitorialità anche al padre o madre non biologico del bimbo già cresciuto da uno dei due. Sono sicuro nella svolta culturale da parte dei cittadini Italiani come in quelli Termolesi, che riusciranno a far prevalere i diritti delle persone pur avendo delle forti ingerenze dal mondo cattolico. Purtroppo la Chiesa nei secoli ha dettato le linee guida della famiglia, non riconoscendo all’interno della stessa una collocazione adeguata per le coppie di fatto. Credo che l’amore non abbia confini, non può essere influenzato da differenze culturali, di sesso o religione, nè tantomeno il mondo politico, può negare visibilità e diritti a delle unioni basate su sentimenti così importanti.

Vorrei che si istituisse da subito il registro delle coppie di fatto nella mia città , invito il mio Partito PD a fare la sua parte per il varo della legge e per questo chiamo in causa i miei parlamentari (Venittelli, Ruta e Leva) ai quali rivolgo un appello alla pari dignità per le coppie di fatto . Inoltre ringrazio pubblicamente Vladimir Luxuria che si è resa disponibile a guidarmi nel complesso mondo dei diritti violati delle coppie di fatto.

Io porrò tutto il mio impegno nel far sì che Termoli diventi la prima città del Molise a celebrare unioni civili diventando emblema del rispetto dei diritti di ogni persona e, perchè no, mi piacerebbe poter essere il primo consigliere a celebrare l’unione di due persone che si amano a prescindere dal loro sesso”.
ugg ultimate bind Unioni civili di due persone che si amano a prescindere dal sesso