ugg sparkle Politica e tribunali

ugg shoes online Politica e tribunali

Pasquale Cardillo Cupo

Formia: Ho letto l’articolo di Saverio Forte Cardillo Cupo chiede risarcimento di 100.000 euro a Bartolomeo (1). Bartolomeo nel consiglio del 19.12.2011 avrebbe offeso, pare con epiteti impronunciabili, l’onore e la reputazione di Cardillo Cupo, che ora chiede il risarcimento dicendosi disposto a ritirare la querela se Bartolomeo chiede scusa. Cardillo Cupo dice: credo fermamente che le questioni politiche non debbano risolversi nei tribunali ma tra la gente. Ciò mi lascia perplesso.

Verso la fine di novembre del 2011 c’era stata l’Operazione Golfo: gli arrestati, accusati di far parte del clan dei casalesi, erano stati messi in libertà anche grazie al penalista (e assessore comunale) Cardillo Cupo il quale disse Ora che i giudici hanno fatto . giustizia . è necessario che coloro che hanno sbagliato in mala fede paghino: i politicanti medioevali, quelli della caccia alle streghe, dovranno risarcire i danni causati alle famiglie degli indagati scagionati dal Tribunale; gli improvvisati commentatori, quelli che hanno rilasciato giudizi personali roboanti per vendere giornali o fare audience dovranno rispondere delle diffamazioni e delle calunnie, coloro che hanno gettato fango e infamia su tutta la città e sulla parte sana della società per farsi notare e strumentalizzare gravi errori giudiziari per finalità politiche dovranno pagare i danni dell’errore commesso (Latina Oggi 16.12.2011).

Tre giorni dopo, nel consiglio del 19.12.2011, si doveva discutere su “Infiltrazioni della criminalità organizzata nel sud della Provincia di Latina”. Inizialmente l’intervento di Bartolomeo fu pacato (video). Bartolomeo, come altri consiglieri sia di minoranza che di maggioranza, evidenziò un conflitto d’interesse di Cardillo Cupo (video). Infine intervenne Cardillo Cupo (video). Il consiglio finì male (video).

Manzo, De Santis, Filosa, Zangrillo, Masiello e Ciccolella, presenti in quel consiglio, hanno scritto: Quella sera . l’atteggiamento di Cardillo Cupo scatenò la rabbia di molti, specie di alcuni consiglieri di maggioranza cui l’assessore consigliò di tacere. “Potrei andare oltre.” disse rivolto al consigliere Pdl Salvatore Forte. Giuseppe Simeone prese le difese del collega di partito e minacciò di abbandonare l’aula qualora l’assessore della sua maggioranza non avesse spiegato cosa intendeva. . Stupisce però che un ex assessore, anziché dare risposte sugli importanti temi contenuti in quell’ordine del giorno, si preoccupi di redarguire Bartolomeo e di portare la vicenda in Tribunale. Questo succede quando la politica si trasforma in qualcosa di diverso.

Ad esser più precisi, Cardillo Cupo quella sera disse: anzi mi voglio fermare qui e non costringetemi ad andare oltre. Quella frase scatenò fortissime reazioni soprattutto della maggioranza. Il consiglio venne sospeso. Fu a quel punto che Bartolomeo disse qualcosa per cui ora è imputato.

Bartolomeo in proposito ricorda: Il consigliere Salvatore Forte fu verbalmente intimidito dall’allora assessore Cardillo Cupo e a seguito di questo intervenni con le espressioni che sono oggi al vaglio della magistratura. In quella stessa sede . le sue dichiarazioni furono fortemente stigmatizzate anche dall’allora consigliere di maggioranza Giuseppe Simeone . Prima che gli rispondessi, lo stesso Cardillo Cupo offese me, assimilando la professione di psichiatra al mio stato di salute mentale (2).

Secondo Formia Libera, che gli fa sempre opposizione ma che questa volta lo difende, Bartolomeo quella sera si scatenò verbalmente contro l’avvocato Cardillo Cupo con una veemenza del tutto opportuna (3).

Epilogo di una serata movimentata

Saverio Forte, in un altro articolo, così ha riportato l’epilogo di quella serata:

Nel frattempo l’assessore Cardillo Cupo veniva invitato ad abbandonare l’aula consiliare da un’uscita secondaria, il Pdl ha pensato di aprire la crisi ma a togliere le castagne dal fuoco è stato il sindaco Michele Forte: ha riunito la maggioranza e ha preteso che il suo assessore e avvocato Pasquale Cardillo Cupo si scusasse con una stretta di mano con il capogruppo del Pdl Salvatore Forte. Natale poi è dietro l’angolo e tutti hanno concluso la serata in ristorante come se nulla fosse accaduto (4).

In quel verboso articolo Cardillo Cupo parlò anche del vento dell’antipolitica che soffiava in Italia a causa dei cattivi esempi di qualche scellerato criminale e scrisse prima di creare allarmismi sarebbe opportuno che i moderni Don Chisciotte abbino almeno il buon senso di documentarsi . avrebbero evitato di fare una così brutta figura, avrebbero evitato di palesarsi ridicoli persino agli occhi delle Autorità.

Cardillo Cupo così chiuse l’articolo: Con questa ulteriore nota credo che la vicenda si sia definitivamente chiarita e cessino allarmi inesistenti presso enti, autorità e comunità, anche perché il procurarli volutamente e senza fondamento costituisce un illecito penalmente perseguibile.

Il commento di Maurizio Acquaviva:

Se noi cittadini vogliamo dire la nostra riguardo un qualsiasi problema che riguarda la nostra città e/o il nostro golfo rischiamo di essere denunciati penalmente? Per chiarezza e trasparenza, questa vostra affermazione la potete mettere sul vostro programma elettorale delle prossime amministrative comunali.

Alle successive elezioni amministrative Cardillo Cupo non venne rieletto.

Cardillo Cupo, assieme al resto dell’amministrazione Forte, ci ha lasciato questo bel ricordo:

Pista di go kart con ferri arrugginiti (ornamentali)Oggi Pasquale Cardillo Cupo chi l’avrebbe mai detto ? difende l’ex sindaco Michele Forte, indagato assieme ad altre 19 persone per ipotesi di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, alla concussione, all’abuso d’ufficio e al falso, nell’ambito dell’indagine “Sistema Formia” (6).

Cardillo Cupo ha detto: Sicuramente nell’inchiesta le posizioni sono differenti e non si può mettere tutto nel calderone.

Michele Forte, tra le altre cose, ha detto: se oggi un sindaco dovesse rispettare al 100% la legge dovrebbe andare via.

Nel passato Michele Forte ha ammesso pubblicamente di aver fatto delle cose anche sfiorando la legge (video). E la legge lo ha più volte sfiorato. Infatti l’avv.
ugg sparkle Politica e tribunali