ugg sale uk Un’estate magica

ugg boots outlet Un’estate magica

Dopo il successo del suo ultimo romanzo, ”L’eco lontana delle onde del nord” (Giunti 2015), che l’ha confermata un’autrice bestseller internazionale, fra le più amate nel campo della narrativa femminile, Corina Bomann ritorna con ”Un’estate magica”, un libro romantico e divertente da leggere tutto d’un fiato.

E’ un po’ di tempo che le cose per Wiebke non vanno per il verso giusto. Non ha passato uno degli esami più importanti del suo corso di laurea in biologia, ha lasciato il fidanzato che la tradiva, e la sua migliore amica passerà delle romantiche vacanze con il nuovo amore, lasciandola sola in città per tutta l’estate: una prospettiva davvero sconfortante. Chissà se la zia Larissa vorrà ospitarla per un paio di settimane nella sua casa in campagna sulle sponde del lago di Mritz? Da sempre un mito per Wiebke, Larissa è single, indipendente e creativa; è fuggita dalla città dopo aver tagliato i ponti con la famiglia in maniera turbolenta. Wiebke non conosce il segreto che sta dietro a questa decisione: sa solo che dodici anni prima Larissa ha perso in modo tragico il suo grande amore, e da quel momento si è rifugiata in campagna, dove dipinge magnifiche scarpe da sposa e coltiva more, circondata dai suoi animali.

L’arrivo di Wiebke, con la sua vitalità e il suo affetto, crea scompiglio nella vita di Larissa e del piccolo paesino in cui vive, mettendo alle strette la zia: è giunto il momento di imprimere una svolta alla sua esistenza, complice anche il nuovo, misterioso vicino di casa. Ma riusciranno le due donne a reagire agli imprevisti che ogni trasformazione porta con sé?.
ugg sale uk Un'estate magica

ugg sale uk blitz della Polizia fra profughi e over 60

ugg coupons blitz della Polizia fra profughi e over 60

UDINE. Pattugliamenti anti prostituzione etero ed omosessuale in città e nella prima periferia. La polizia in questi giorni ha setacciato il “quadrilatero a luci rosse”, compreso essenzialmente ma non solo tra via Ciconi, via Battistig, viale delle Ferriere e via Tullio.

Gli agenti, oltre a borgo stazione, hanno monitorato anche le zone verdi adiacenti al fiume Torre che, da tempo, sono utilizzate come luogo di ritrovo da chi è in cerca di incontri a sfondo sessuale e omosessuale.

In quell’area gli uomini della questura hanno identificato, l’altro pomeriggio, sei giovani richiedenti asilo di origine pakistana e attualmente ospitati all’ex caserma Cavarzerani.

Fermati e controllati nelle vicinanze anche sei uomini residenti in Friuli, tutti over sessanta. Recentemente la polizia aveva ricevuto alcune segnalazioni relative a un ricorrente viavai nella zona del greto alla quale si accede percorrendo una stradina che parte da via Cividale. Durante le verifiche di venerdì, comunque, non è emerso nulla di anomalo.

Solo una nigeriana, controllata in città, è risultata clandestina ed è stata espulsa. Tra giovedì e sabato scorsi sono stati effettuati anche servizi nei pressi delle stazioni: gli agenti della Squadra volante, in collaborazione con i colleghi della Mobile, dell’Immigrazione e del Reparto prevenzione crimine di Padova (specializzato negli interventi in strada e in quelli di ordine pubblico), hanno identificato complessivamente 293 persone ed effettuato accertamenti su ben 895 veicoli.

Ciò è stato possibile grazie all’utilizzo del sistema Mercurio che consente in poco tempo e in modo automatizzato di sapere, attraverso il numero di targa, se si ha di fronte un veicolo rubato oppure un mezzo che non è coperto da assicurazione. In città e nell’hinterland sono stati allestiti undici posti di blocco.

Due persone sono state “pizzicate” in città nonostante a loro carico fosse stato emesso un Divieto di ritorno: entrambe sono state denunciate. stato anche rintracciato un romeno sul quale pendeva un ordine di carcerazione. Lo stesso giovane è stato anche segnalato per il possesso di una bomboletta di gas lacrimogeno.

I servizi di monitoraggio del fenomeno della prostituzione in città verranno ripetuti anche nelle prossime settimane. Stando agli ultimi dati raccolti dalla questura, comunque, emerge che nel capoluogo friulano sono sempre attive, in media, una quindicina di lucciole.

Una buona metà sono romene, mentre altre sono di origine africana. Vi sono anche due transessuali e alcune sudamericane. Si possono incontrare percorrendo le “solite” vie: basta imboccare via Battistig, all’angolo con via De Rubeis. O girare in via Ciconi. Altre presenze, inoltre, in via Tullio e viale delle Ferriere, fino alla zona di piazzale Cella.

Di solito le ragazze utilizzano punti d’appoggio sparsi in città o più raramente raggiungono insieme ai clienti luoghi più appartati rispetto alle vie cittadine.

Non molto tempo fa la polizia aveva sospeso l’attività di un affittacamere che si trova a due passi da via della Cernaia perché le presenze e tra queste c’erano diverse prostitute non venivano registrate correttamente.
ugg sale uk blitz della Polizia fra profughi e over 60