ugg au Latte e calzature killer

ugg new zealand Latte e calzature killer

ROMA “Parlare di latte cinese parlare di latte killer”. “Lede afferma la rete di sicurezza alimentare costruita con tanta fatica a livello mondiale e va contro a chi produce nel rispetto del prodotto e del consumatore, mettendo a rischio anche la possibilit di lavorate con gli altri paesi emergenti”. Per quanto riguarda le misure sanitarie di protezione che dovrebbero essere approvate oggi dalla Ue il sottosegretario sicuro che verranno adottate e ha ricordato l stata la prima nazione europea a emettere norme restrittive di importazione sui prodotti cinesi gi attive dall della settimana. “Non solo aggiunge ci stiamo preoccupando anche delle derrate gi presenti in negozi e ristoranti con controlli a campione”. E ribadisce: “il latte italiano ed europeo assolutamente sicuro”. Sulla sicurezza dei ristoranti cinesi Martini ribadisce: “Amo la cucina italiana. Comunque i miei figli non li manderei. Sono per la rintracciabilit del prodotto”. E alla domanda se i negozi cinesi e pi in generale etnici vendono prodotti certificati risponde: “Se sono presenti prodotti illegali siamo ai margini della sicurezza. E abbiamo gi avuto prove con controlli a campione che esiste questa possibilit visto che a Milano sono stati sequestrati latte e derivati illegali e a Firenze oltre 6 quintali di biscotti”.

NUOVI DECESSI “POSSIBILI” SECONDO OMS Altri decessi di bambini a causa del latte contraffatto sono “possibili”, secondo il responsabile per la Cina dell Organizzazione Mondiale della Sanit (Oms), Hans Troedsson. In una conferenza stampa a Pechino, Troedsson ha affermato che la crisi del latte velenoso stata “probabilmente” causata da “un misto di ignoranza e di deliberati ritardi nel denunciare la situazione”. Il latte allungato con la melamina, una sostanza chimica che fa apparire pi alto il contenuto proteico del prodotto, ha causato la morte di quattro bambini mentre migliaia sono ricoverati in ospedale con i calcoli renali. Le autorit cinesi non hanno ancora risposto alle denunce di alcuni organi di stampa internazionali, secondo le quali l allarme sul latte alla melamina era stato lanciato alla fine del 2007 e ritardato prima a causa della reticenza delle autorit locali e poi per non “turbare” lo svolgimento delle Olimpiadi di Pechino. Oggi la White Rabbit, un impresa che produce dolci al latte, ha annunciato la sospensione della vendita dei propri prodotti. Il commissario europeo per il commercio Peter Mandelson, in visita in Cina, ha sostenuto che il governo cinese “ha agito in modo appropriato” alla situazione, e ha bevuto un bicchiere di latte cinese per dimostrare come la contaminazione sia un fenomeno circoscritto.

BRUXELLES, 25 SET La Commissione europea decider oggi, oltre al bando sull dalla Cina di prodotti alimentari per neonati e bambini, anche l di controlli sanitari a tappeto “sul 100% dei prodotti alimentari che contengono pi del 15% di latte in polvere cinese”. Lo ha detto Nina Papadoulaky, portavoce della commissaria europea alla Sanit Androulla Vassiliou. Inoltre ha precisato la portavoce Bruxelles prevede di imporre “l di effettuare test a sorpresa e per campione sui prodotti alimentari cinesi gi presenti sul mercato europeo”.

FIRENZE I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze, a seguito di indagini coordinate dalla Procura del capoluogo toscano, hanno sottoposto a sequestro 1.700.000 calzature in pelle con marchio contraffatto nei confronti di 28 imprenditori, 21 dei quali di etnia cinese, sparsi sull territorio nazionale, in particolare in Toscana e nel Lazio. Campioni della merce sequestrata dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Firenze, il cui valore si aggira sui 20 milioni di euro, sono stati sottoposti ad analisi di laboratorio che, nella maggior parte dei campioni, hanno riscontrato la presenza di cromo esavalente, sostanza assolutamente vietata nel processo di concia della pelle, perch altamente tossica ed addirittura cancerogena.

Latte cinese, primi sequestri in Italia. Alfredo Sessa

Un goffo tentativo di nascondere la polvere dello scandalo sotto il tappeto. In Cina la cronologia della frode del latte alla melamina si fa di giorno in giorno pi precisa, e rivela impietosamente il volto di un Paese che a livello di garanzie non riesce a tenere il ritmo dell sviluppo produttivo. Ieri l Nuova Cina ha reso noto che il gruppo statale Sanlu, la principale azienda casearia coinvolta nello scandalo, ha nascosto la verit per mesi. L aveva infatti cominciato a ricevere reclami sugli effetti del suo latte in polvere per neonati gi nel dicembre del 2007. Tuttavia Sanlu non ha fatto alcun test fino al giugno 2008, data in cui ha appreso che la melamina era stata aggiunta al latte, e non ha informato le autorit locali che il 2 agosto. A quel punto scattata l olimpica, la consegna del silenzio per non macchiare l di gioia ed efficienza che il Giochi di Pechino dovevano trasmettere al mondo. Un silenzio criminale che costato finora la vita a quattro neonati, mentre sono gi 53 mila quelli intossicati. L ha ormai superato i confini del gigante asiatico. Pechino si impegnata a fare di tutto perch il latte avvelenato non entri pi nella filiera produttiva, e ha avviato un giro di vite sulle esportazioni. Ma il livello di attenzione alle frontiere si innalzato in tutto il mondo. Nell europea nessun bando alle importazioni di prodotti a base di latte, purch ci siano le prove che non sono contaminati dalla melamina. Fermo restando che le esportazioni di latte in polvere sono gi vietate perch non esiste un sistema di controllo, la Ue ha chiesto alla Cina confermare, per i prodotti a base di latte come la cioccolata, che non contenga latte o, in caso contrario, provare che non si tratti di latte contaminato ha detto ieri un portavoce. Quanto agli Stati membri, resta la di rafforzare i controlli sulle importazioni di prodotti a base di latte, sia a livello di operatori agroalimentari, sia a livello di autorit pubbliche Ieri primi sequestri di merce cinese (latte, yogurt e biscotti) sono stati effettuati in diverse citt del Nord, a cominciare da Milano e Firenze, e nelle Marche. Lo ha reso noto il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, che ha anche detto che l ha introdotto una certificazione che dovr contenere l che i prodotti alimentari venduti in Italia non abbiano tracce di latte e derivati cinesi. Da parte sua, Coldiretti sottolinea come lo scandalo confermi la difficolt da parte della Cina, di adeguarsi alle norme di sicurezza alimentare. Pechino, 22 gen. Due condanne a morte, una terza sospesa, ergastolo per la donna che dirigeva la Sanlu, la societa al centro del caso: sono queste le prime sentenze pronunciate in Cina per lo scandalo del latte contaminato. Un tribunale di Shijazhuang, a sud di Pechino, ha inflitto pene esemplari per il caso del latte in polvere contraffatto con la melamina che ha fatto ammalare 296 mila neonati ed e costato la vita ad almeno sei di loro, morti per blocco renale. Se l cavata con l Tian Wenhua, 66 anni, la donna che dirigeva la Sanlu, la societa produttrice di latte in polvere della provincia dell al centro dello scandalo. Tre suoi colleghi hanno ricevuto pene dai cinque ai 15 anni di carcere. Pena capitale invece per Zhang Yujun, per aver messo a repentaglio la sicurezza pubblica. Zhang e responsabile della produzione e della vendita di oltre 600 tonnellate di latte in polvere tra l del 2007 e l del 2008. Condanna a morte anche per Geng Jinping mentre a un terzo imputato la pena capitale e stata sospesa e potrebbe quindi essere commutata in ergastolo. L di melamina, un composto azotato tossico, serviva a superare i controlli di qualita falsando i valori proteici del latte. In tutto sono 22 le aziende coinvolte nello scandalo. In giornata sono attese tutte le sentenze per i 21 imputati per questo scandalo, esploso nel settembre scorso. Dopo i primi verdetti, una portavoce del ministero degli Esteri di Pechino ha assicurato che il governo ha compiuto grandi sforzi per migliorare la sicurezza del latte in polvere e piu in generale alimentare in tutto il settore alimentare. lo scandalo, il governo ha introdotto regole piu severe e ha preso molte altre misure per rafforzare i controlli ha assicurato.

ANSA CINA: LATTE CONTAMINATO, DUE CONDANNE A MORTE.

PECHINO Zhang Yujun e Geng Jinping sono stati condannati a morte dal tribunale di Shijiazhuang nel processo per lo scandalo del latte alla melamina, che ha provocato la morte di almeno sei bambini e ne ha fatti ammalare quasi 300mila in tutta la Cina. Ad un altro degli imputati è stata inflitta una condanna a morte cioé che verrà riveduta e potrebbe essere tramutata in ergastolo. Il tribunale ha emesso inoltre una condanna all ergastolo e tre a pene minori. Sotto processo ci sono ventuno persone tra cui Tian Wenhua, dirigente e fondatrice della Sanlu, l impresa al centro dello scandalo.

Vorrei sapere come si discolpa questa signora che è a capo dell mondiale della sanità, sulla mancanza di sicurezza dei prodotti che si fabbricano e producono nella sua nazione. Le autorità Cinesi se ne infischiano della vita umana, questo succede quando chi controlla è colui che produce.

I capitalisti Cinesi sono di un cinismo e di un bestiale, pur di propagandare le loro imprese i loro prodotti come frutto dell e ingegno delle loro industrie, inondano il mercato con prodotti pericolosi, nocivi, tossici, spalleggiati da um governo che ha in mente solo il Dio denaro. Gli altri paesi fanno buon viso a cattivo gioco, per non perdere il mercato. L cosa che mi consola è che la Cina e i suoi satelliti con il Pil al 10% hanno comprato quasi il 30% dei buoni del tesoro USA. Secondo il comandante provinciale del corpo Vincenzo Stabile, attendere le analisi per vedere se contaminato con la sostanza pericolosa, ma ci sono ragionevoli dubbi sia perche era nascosto sia perche non ha elementi per la tracciabilita

IL GOVERNO CINESE FRENA GLI AVVOCATI.

Le vittime del latte contaminato chiedono giustizia e ricorrono agli avvocati, nonostante il governo abbia esortato a non farlo. Tre sono le cause in corso e le corti dovranno notificare alle parti lese l dei casi, mentre le autorità giudiziarie hanno già avvertito gli avvocati di farsi da parte. Questi dal canto loro sono molto preoccupati della situazione, come traspare dalle dichiarazioni dell di Pechino Li Fangping: pressione sugli avvocati non risolverà il problema. La questione deve essere affrontata altrimenti il malcontento della società aumenterà Delle tre azioni legali avviate nelle province dello Henan, del Guangdong e del Gansu, una riguarda un bambino di sei mesi morto per il latte contaminato. Tutte le parti lese chiedono il risarcimento danni alla Sanlu. Li Fangping ha specificato che le corti hanno l di notificare l dei casi entro sette giorni dalla presentazione, ma finora nessuna delle tre ha ottenuto risposta. Secondo Li il numero di persone vittime dello scandalo del latte contaminato ha superato i 100.000 casi e molte altre famiglie faranno causa nei prossimi giorni. In seguito alle reazione di molti paesi importatori di prodotti cinesi a base di latte, il governo ha ordinato di ritirare dagli scaffali tutti le merci più vecchie di un mese. Considerando che secondo le precedenti dichiarazioni governative molte merci prodotte prima del 14 settembre erano sicure, si deduce che il timore di contaminazione sia di dimensioni più vaste di quanto prima immaginato. Intanto le maggiori compagnie di prodotti a base di latte si discolpano, attribuendo la responsabilità dell di melamina ai punti di raccolta del latte gestiti da privati. La contaminazione quindi non sarebbe avvenuta nelle fabbriche, in particolare in quelle della Yili e Mengniu e non ha nulla a che fare con la produzione e la gestione delle due compagnie. A tal proposito, le dichiarazione del vicepresidente della Yili danno certezza e rassicurazione: che tutto il latte prodotto dalla Yili è sano al 100%

CINA: PESTICIDI NEI FAGIOLI, NUOVO SCANDALO ALIMENTARE.

Tokyo, 16 ott. Un altro scandalo alimentare investe la Cina: questa volta l viene dal Giappone e riguarda fagioli surgelati contenenti pesticidi. La prima vittima è stata una donna che ha ingerito il prodotto con un contenuto di pesticidi di 34.500 volte superiore al limite consentito dalla legge. La ditta produttrice, Yantai Beihai Foodstuff, ha negato ogni responsabilità e le autorità locali della provincia orientale dello Shandong, quartier generale della azienda, non hanno trovato prove di residui di pesticidi nei fagioli. Anche l di stampa Xinhua ha confermato la regolarità dei processi di coltivazione e trattamento del prodotto. La polizia giapponese sospetta che l dei pesticidi sia stata volontaria e gli importatori giapponesi intensificheranno i controlli per garantire la qualità dei prodotti senza bloccare, per ora, l Il sospetto è che si tratti di un boicottaggio. Il Giappone è fortemente dipendente dall per il settore alimentare, importando il 60% del cibo soprattutto da Cina e Stati Uniti.

SPAZIO, ATTERRATA NAVICELLA CINESE.

PECHINO La navicella spaziale cinese Shenzhou VII, con tre astronauti a bordo, è atterrata oggi al termine di una storica missione nel corso della quale Zhai Zhigang è diventato, ieri, il primo cinese a passeggiare nello spazio. Lo ha riferito la tv di Stato. La tv di Stato Cctv ha mostrato in diretta le immagini del rientro della navicella, il cui nome significa divino atterrata nella Mongolia interna, nel nord della Cina. L ufficiale Nuova Cina ha riferito che i tre ( dello spaziò in cinese), sono in buone condizioni fisiche. Il razzo Marcia II F, che ha portato la Shenzhou VII, era partito giovedì scorso dalla base spaziale di Jiuquan, nel nord ovest della Cina. Ieri, per una quindicina di minuti, Zhai Zhigang, un colonnello dell di quasi 42 anni, è entrato nella Storia quale primo astronauta cinese ad aver nello spazio. E stato il terzo volo spaziale cinese con astronauti, dopo quelli del 2003 e del 2005.
ugg au Latte e calzature killer