official ugg Polizia Penitenziaria sequestra droga dentro scarpe

spaccio ugg milano Polizia Penitenziaria sequestra droga dentro scarpe

LARINO La Polizia Penitenziaria di Larino, diretta dal Commissario coordinatore Francesco Maiorano, ha individuato 60 grammi di sostanza stupefacente del tipo cannabinoidi (hashish e marijuana). La sostanza era occultata all’interno di un paio di scarpe,
official ugg Polizia Penitenziaria sequestra droga dentro scarpe
spedite tramite corriere e destinate ad un detenuto.

Le sostanze stupefacenti erano suddivise in più di 40 pezzi, pronte per lo spaccio all’interno del carcere ed abilmente nascoste sotto la suola delle scarpe rincollate con perizia. Il quantitativo può considerarsi notevole, trattandosi di un traffico interno alla struttura penitenziaria,
official ugg Polizia Penitenziaria sequestra droga dentro scarpe
considerato inoltre anche che il valore delle sostanze stupefacenti incrementa in modo significativo in luoghi chiusi come gli istituti di pena.

Solo grazie alla professionalità e operatività della Polizia Penitenziaria è stato possibile impedire che l’attività delittuosa fosse portata ad ulteriore compimento. La sostanza è stata sequestrata e messa a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

official ugg COMMERCIO TRA ALTI E BASSI

ugg coupon COMMERCIO TRA ALTI E BASSI

Il commercio tradizionale continua ad evidenziare una domanda piatta, addirittura cedente. Il valore a prezzi correnti delle vendite del commercio fisso al dettaglio nel primo trimestre di quest’anno, secondo gli ultimi rilevamenti ISTAT diffusi da poco, è aumentato in modo assai contenuto, tanto che, considerando il dato dell’inflazione, diviene negativo.

Nel primo trimestre 2001 il Nordest ha fatto segnare un aumento del valore delle vendite totali, rispetto allo stesso periodo del 2000, pari al 2,3 per cento. Esso è stato più elevato nella grande di stribuzione (più 6,9 per cento) che nelle imprese operanti su piccole superfici (più 1,3 per cento); inoltre,
official ugg COMMERCIO TRA ALTI E BASSI
la crescita del valore delle vendite di prodotti alimentari (più 2,1 per cento) è stata sostanzialmente analoga a quella dei prodotti non alimentari (più 2,3 per cento). Tra i settori maggiormente in difficoltà l’ISTAT segnala quelli dei mobili, articoli tessili e arredamento (crescita dell’ 1,2 per cento), radio, tv, registratori, informatica (1,7), gioiellerie e orologerie (1,8). Un po’ meglio vanno abbigliamento e pellicceria (2,3),
official ugg COMMERCIO TRA ALTI E BASSI
elettrodomestici (2,4), calzature e articoli in cuoio (3,0).

La Confcommercio ha così sottolineato la situazione: “Si ha la conferma delle gravi e reali difficoltà in cui versano i nostri dettaglianti, schiacciati dalla concorrenza della grande distribuzione organizzata e soffocati dai costi pesanti da sostenere (dipendenti, imposte, obblighi e lacci burocratici). Nonostante tutto, però, i commercianti guardano al futuro con qualche speranza in più, perché attendono dal nuovo Governo concrete iniziative a favore del settore, o almeno sgravi fiscali consistenti, com’era stato loro promesso durante la campagna elettorale”.

Tutti sono concordi nel non abbassare la guardia e non mostrarsi rassegnati di fronte all’evoluzione del commercio. I consumatori sembrano orientare parte delle loro scelte verso i punti vendita tradizionali, specialmente se sono specializzati.

Ci sono imprenditori che si aggiornano professionalmente,
official ugg COMMERCIO TRA ALTI E BASSI
che impegnano le loro forze e i loro denari per essere innovatori in un territorio che da sempre ha premiato le novità. Questo ha consentito alle nostre città di mantenere quel ruolo di vetrina che hanno sempre avuto, col risultato di attrarre migliaia di visitatori per iniziative fieristiche, culturali e religiose. Le rilevazioni periodiche delle Ascom venete indicano che nel settore alimentare gli acquisti sono stati abbastanza soddisfacenti, specialmente se legati alla vendita di prodotti tipici e stagionali. La situazione ha rilanciato il ruolo dei piccoli esercizi, rosticcerie, gastronomie, macellerie.

Nel settore dell’abbigliamento i consumatori hanno diretto le loro preferenze verso capi di non grande importanza, come è avvenuto per calzature e pelletteria. Per i capi e gli attrezzi sportivi vi è una buona richiesta, soprattutto perché è arrivato il caldo: vendite ok di tute da ginnastica e per il tempo libero, felpe, magliette, scarpe da jogging, attrezzi ginnici da adoperare a casa. E’ calata invece un po’ l’attenzione dei consumatori verso i settori tecnologici (telefonini,
official ugg COMMERCIO TRA ALTI E BASSI
pc, hi fi, antenne paraboliche). Secondo gli ultimi dati ISTAT rilasciati a metà giugno, la spesa media di una famiglia con un figlio è così composta: 32,5 per cento per l’abitazione, 18,3 alimentari, 7,0 vestiario, 19,1 trasporti, 6,7 tempo libero,
official ugg COMMERCIO TRA ALTI E BASSI
16,4 altro.

Per quel che riguarda l’area geografica, è il Nord a spendere di più (per la precisione 4 milioni e 466.000 lire mensili di media per famiglia contro i quattro milioni e 43.000 lire dell’Italia).