lynnea ugg boots Piquadro campagna pubblicitaria

ugg sparkle Piquadro campagna pubblicitaria

Che cosa fa Matteo Marsaglia a Milano, davanti a una banca, col ciuffo insolitamente in ordine, un abito di sartoria e uno zaino Coleos Piquadro sulle spalle? Pochi istanti e tutto diventa chiaro: Matteo, riceve un messaggio sul cellulare, torna alla sua auto e lo ritroviamo subito dopo a fare free ride insieme a un paio di amici.

Specialista di discesa libera e super gigante, talento al di là delle aspettative anche come attore al suo debutto, Matteo è in grado, non soltanto di entusiasmare con temerari fuori pista ma anche di affascinarenel finale a sorpresa del video che Piquadro ha realizzato per promuovere lo zaino porta computer Coleos.

La produzione, curata dall’agenzia UNAA Milano con la regia di Aaron Olzer, ed il sound design di Fausto Intrieri si è avvalsa della collaborazione di Pure Ski Company per le scene di heliski girate nel comprensorio Vialattea di Sestriere dove Matteo Marsaglia è di casa. Qui la troupe ha trovato un panorama suggestivo e adrenalinico per ambientare “la bigiata” del nostro giovane manager che, una mattina qualsiasi, si concede una straordinaria sciata tra le vette del Monte Terra Nera, nella valle di Thures.

Con questa campagna pubblicitaria,
lynnea ugg boots Piquadro campagna pubblicitaria
lo zaino porta computer Coleos, viene per la prima volta presentato in un contesto coinvolgente che emoziona il suo pubblico di riferimento. Con lo stesso obiettivo, Piquadro sostiene la Federazione Italiana Sport Invernali per la quale ha realizzato una speciale versione di zaino e trolley, nonché una sacca porta scarponi coordinata, esclusivamente creata per la Squadra Nazionale di Sci Alpino.

“L’abbinamento con lo sci, non è casuale” afferma il Presidente di Piquadro Marco Palmieri. “Il nostro desiderio è quello di dimostrare la straordinaria affidabilità e versatilità dei prodotti Piquadro. Allo stesso tempo vorremmo emozionare i nostri consumatori stimolandoli con una passione, quella per lo sci, che io stesso condivido. Da qui l’idea di un video che alternasse entusiasmanti immagini di sci estremo all’ambiente urbano che rappresenta il nostro mondo”.

“Giocare a fare l’attore è stato davvero divertente!” racconta Matteo Marsaglia. “Interpretando un manager appassionato di sci ho apprezzato ancora di più una cosa che mi era già molto familiare e cioè la grande adattabilità dei Prodotti Piquadro a situazioni e condizioni diverse”.

Lo zaino Piquadro Coleos nel colore azzurro, utilizzato per le riprese del video, è quello in dotazione alla Nazionale Italiana di Sci Alpino. Un’edizione limitata dello stesso colore sarà disponibile in alcuni, selezionati negozi Piquadro durante i Mondiali di Vail a febbraio 2015. Tutti gli altri colori, incluso il nuovo azzurro elettrico, sono già in vendita in tutti i negozi Piquadro.
lynnea ugg boots Piquadro campagna pubblicitaria

lynnea ugg boots Associazione Culturale Civiltà LaicaAssociazione Culturale Civiltà Laica

ugg abbie Associazione Culturale Civiltà LaicaAssociazione Culturale Civiltà Laica

Commenti recentiAlex su La farsa di Medjugorje: chi comanda in Vaticano?Aldo su La farsa di Medjugorje: chi comanda in Vaticano?Alex su La farsa di Medjugorje: chi comanda in Vaticano?Alex su Medjugorje, è tutto falsoAlexJC72 su Lo ius primae noctis non è mai esistito, evviva il medioevo!Stefano Dalla Casa su Lo ius primae noctis non è mai esistito, evviva il medioevo!Luca su Medjugorje, è tutto falsoDagoberto Frattaroli su Charlie non merita i ciarlatani

Il sito di Civiltà Laica è stato creato da Katapulta Design

I documenti presenti sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons SelezionataLe immagini pubblicate su Civiltà Laica sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l’autore o la riproduzione riservata. 91044120557

Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato in base a tempistiche casuali ed imprevedibili. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n62 del 7.03.2001.

Che esiste una deriva dei continenti, cioè una spaccatura sempre maggiore tra il complesso dei paesi dominanti che chiamiamo “Occidente” [1] e la grande varietà dei paesi dominati. Una spaccatura non solo economica, ma che riguarda lo stesso modo in cui gli esseri umani vivono la propria vita.

Nella sua famosa opera, Samuel Huntington dedica più spazio alla “civiltà islamica” che alla stessa “civiltà occidentale”. La domanda principale che lui si pone, dunque è, “perché loro sono strani, e come possiamo controllarli?”

Mentre l della deriva pone l proprio sul continente che si muove di più, e quindi si allontana di più dagli altri: il continente Occidente. La domanda fondamentale diventa così l che ci competa: “perché noi siamo strani, e come possiamo controllarci?”

La deriva dei continenti è inseparabile dal grande rimosso, cioè dalla questione dell Ma è anche inseparabile e qui sorgono problemi con i marxisti “tradizionali” [2] da tutto l che l e cioè da elementi mitici, mediatici, religiosi e comportamentali.

La faccenda delle vignette è grottesca, e questo non è casuale.

Gli sciocchi ci incitano a confrontare la “libertà di stampa dell con “le dittature del Terzo Mondo”.

Hanno ragione, ma la cosa non ha nulla a che vedere con un modello superiore di civiltà. Semplicemente, noi viviamo nell del capitalismo totalitario, dove sono le imprese, e non più i politici, a decidere del nostro destino.

Ora, i media sono tra le principali imprese dei nostri tempi. E quindi la libertà di cui gode oggi chi ha la fortuna di possedere i media è uguale alla libertà di cui gode chi oggi ha la fortuna di possedere una finanziaria.

La questione non è la libertà di espressione, ma quella completamente diversa, della libertà dell mediatica.

Tolto il freno della politica, la concorrenza tra prodotti mediatici genera un ottundimento della sensibilità e una ricerca di forme sempre più elementari e quindi infantili per attirare l passati così in meno di quindici anni dal piano ancora nobile della letteratura, con lo scandalo Rushdie, a ciò che il blog Haramlik definisce, fare pappappero a Maometto.

Ogni sistema economico genera un proprio tipo umano. Quello dei media, ha prodotto la casta dei guitti che sanno conciliare l scandalistico con la predicazione moralistica.

Lo scandalo senza contenuto è la sua forma tipica di espressione: la televisione ha creato la colorita presenza di Vladimir Luxuria [3], i pruriti erotici del Grande Fratello e l di Amedeo d che ogni settimana a Domenica In racconta come procede la sua gravidanza.

Nel ciclo dell culturale, lo scandalo crea l della trasgressione, e quindi diventa una falsa ribellione. Perciò, sono spesso le persone che si ritengono di sinistra a gettarsi a difesa dello scandalo senza contenuto, contro i presunti bigotti che lo criticano.

In realtà, lo scandalo senza contenuto è trasgressivo quanto un bordello per soldati gestito dall mentre si raggiungono vette sempre più immaginifiche di pratiche sessuali, la disciplina generale non viene mai messa in dubbio.

Possiamo capire così alcuni aspetti della vicenda delle vignette.

Prima di tutto, è assurdo proporre un confronto tra la “libertà di stampa” in Europa e nei paesi islamici.
lynnea ugg boots Associazione Culturale Civiltà LaicaAssociazione Culturale Civiltà Laica

lynnea ugg boots Jimmy Choo borse di lusso biker bag estate 2013

outlet ugg milano Jimmy Choo borse di lusso biker bag estate 2013

Nel campo dell’alta moda, sono tante le maison che si dedicano alla creazione di incredibili accessori di lusso ma, tra quelli più amati dalle donne di tutto il mondo da un bel po’ di anni a questa parte ci sono sicuramente quelli firmati Jimmy Choo. Per l’estate 2013 il fashion brand ci delizia con le ultimissime proposte, must have luxury di stagione: le nuove Biker bag.

Jimmy Choo,
lynnea ugg boots Jimmy Choo borse di lusso biker bag estate 2013
una delle case di moda più amate dalle star, che sfoggiano scarpe di lusso e borse griffate dal marchio ad ogni occasione, suggerisce in vetrina per i mesi caldi una it bag dalle linee decise e di carattere. Il look biker, tornato in auge già da alcune stagioni,
lynnea ugg boots Jimmy Choo borse di lusso biker bag estate 2013
è ancora in gran voga. Piace perchè è uno stile grintoso ma iper femminile allo stesso tempo. Le Biker bag sono borse da giorno, hobo e tracolle morbide che si caratterizzano per il piglio rock e metropolitano grazie alle catene metalliche che vanno ad impreziosire i modellini cult.

L’attitude di queste borse da donna di lusso è energica e combattiva, per uno stile casual e cittadino, ma sono anche modelli estremamente pratici per la vita di tutti i giorni,
lynnea ugg boots Jimmy Choo borse di lusso biker bag estate 2013
capienti e realizzati in tessuti e materiali di qualità. Le Biker bag si ispirano agli ormai iconici stivali da motociclista targati Jimmy Choo. La pelle screpolata effetto metallizzato e le tre catene di palladio conferiscono alla borsa un tocco vintage super attuale. Sono disponibili nell’e shop ufficiale della maison, i prezzi partono dai 1200 euro e variano a secondo della fantasia o della nuance scelta. La più trendy? La biker bag in fantasia floreale, colorata, vivace e primaverile (3095 euro).
lynnea ugg boots Jimmy Choo borse di lusso biker bag estate 2013