ugg boots clearance Vomito nel cane

ugg boots clearance Vomito nel cane

Su segnalazione di una nostra amica su Facebook, oggi parleremo di vomito nel cane. Discuteremo delle cause più frequenti, di come distinguere il vomito dal rigurgito, quali terapie sono consigliate, ma soprattutto di cosa fare: come si deve comportare il proprietario in caso di vomito del cane? Cosa fare e, soprattutto, cosa non fare?

Prima di tutto se il cane vomita una volta, succhi gastrici, ma è vispo, vivace, mangia, il vomito non presenta sangue, le feci sono normali e succede solo ogni tanto, non bisognerebbe allarmarsi troppo. Certo, una visita dal veterinario non fa male, tuttavia se è stato un episodio isolato, non disperatevi subito. Diverso invece il caso in cui il vomito è ripetuto nella giornata, il cane è mogio, non mangia, non produce feci, compare del sangue: in questi casi urge una visita dal veterinario.

Prima di tutto dovete capire se il cane ha rigurgito o vomito. Il primo è meno grave, ma se si ripresenta spesso potrebbe essere indice di patologie a livello esofageo o di masse che comprimono a livello del torace. Il succo del discorso non cambia: un episodio non deve allarmare, episodi ripetuti e frequenti richiedono una visita veterinaria.

Il rigurgito normalmente avviene immediatamente dopo l’ingestione del cibo, il materiale ingerito viene buttato nuovamente fuori praticamente intonso, non è stato digerito perché appena arrivato allo stomaco è stato subito espulso. Nel rigurgito di solito sono assenti segni di nausea (salivazione, leccamento ossessivo delle labbra, ansia, agitazione), non ci sono i conati, non c’è bile.

Nel vomito, invece, abbiamo nausea, conati, può esserci presenza di bile e di sangue, sia digerito che indigerito. Anche qui dobbiamo distinguere però: una lieve striatura di sangue potrebbe essere dovuta alla rottura dei capillari di superficie causata dagli sforzi di vomito. La presenza di una pozza di sangue, invece, parrebbe suggestiva o di un’ulcerazione o di un avvelenamento da rodenticidi per esempio.

farmaci (in realtà quasi tutti possono provocare vomito, quelli che li causano più spesso sono digossina, chemioterapici, tetracicline. Occhio a non confondere il cane che sputa la compressa perché non gli garba con il vomito)gastrite acuta/cronica con o senza ulcere

enterite da Parvovirus, parassitoti, gastroenterite emorragica, colite, peritonite, pancreatite sia acuta che cronica

uremia da insufficienza renale, morbo di Addison, ipercalcemia, lesioni epatiche,
ugg boots clearance Vomito nel cane
chetoacidosi diabetica

La terapia del vomito nel cane dipende dalla causa: sarà il vostro veterinario a stabilire l’eziologia e a determinare la cura più giusta. In alcuni casi l’iter diagnostico è immediato, ma in altri sono richiesti diversi esami prima di riuscire a capire la causa. Come avete potuto vedere, la lista di cause è infinita e se una dilatazione/torsione è immediatamente riconoscibile, una stenosi del piloro, forme infiltrative, morbo di Addison e affini richiedono qualche accertamento in più.

La terapia si baserà su farmaci sintomatici per ridurre l’acidità dello stomaco, antibiotici se si sospetta una qualche forma infettiva, antiparassitari interni se la causa è da riscontrarsi in una verminosi, ma anche in farmaci specifici che curino alcune delle patologie elencate.

Se il vomito è frequente, con abbattimento e disidratazione, molto probabilmente verrà instaurata anche una fluidoterapia per reidratare il cane. Normalmente si procede in questo modo: si danno farmaci sintomatici, si stabilizza il paziente e se il vomito acuto non risponde alla terapia si procede con tutte le indagini diagnostiche del caso. E starà al vostro veterinario decidere quali siano più indicate per il vostro caso.

Veniamo ora alla parte che interessa forse di più i proprietari: cosa fare in caso di vomito nel cane? Beh, correre dal veterinario deve essere la prima opzione. Tuttavia in attesa della visita, potete cominciare a fare qualcosa. Prima di tutto se il cane vomita ripetutamente togliete il cibo: se mangia e vomita di continuo, la situazione è controproducente. Stesso discorso per l’acqua: è vero che se il cane non beve si disidrata, ma quando si vomita si ha una sete terribile, quindi bevi di più, dilati lo stomaco che già era irritato di suo e rivomiti subito. Più vomiti, più hai sete, più bevi, più vomiti: è un serpente che si morde la coda. In questi casi bisogna razionare l’acqua: poca e spesso, in modo da essere sicuri che il cane la trattenga.

Non fare mangiare erba al cane che vomita. E’ vero che il cane che sente di avere lo stomaco disturbato cerca l’erba per vomitare e questo va bene se il vomito si limita ad un singolo episodio. Ma in caso di vomiti ripetuti, più erba mangia il cane, più lo stomaco si irrita, più il cane vuole mangiare erba e siamo di nuovo al serpente che si morde la coda.

Vale sempre la raccomandazione di non agitarsi davanti al cane: già il povero cucciolo sta poco bene, se ancora sente l’ansia del proprietario, la sua pena, la sua agitazione, ai abbatterà ancora di più.

Cosa non fare in caso di vomito

Ed ecco le cose da non fare in caso di vomito del cane:

il fai da te: evitate di fare farmaci veterinari o umani a casaccio se non è stato il veterinario a prescriverli per quel determinato episodio. Il fatto che un anno prima vi sia stato prescritto un antiemetico, non vuol dire che vada bene per tutti i casi di vomito del vostro cane, magari la situazione adesso è diversa. Inoltre alcuni farmaci possono essere pericolosi a seconda della causa del vomito. Volete un esempio? Se ho un cane che vomita per un corpo estraneo intestinale e gli do della metoclopramide, noto farmaco antiemetico, rischio la perforazione intestinale. Perché? Beh, perché è un procinetico, aumenta in lieve misura la motilità intestinale, ma se l’intestino è bloccato la parete stimolata dalla metoclopramide si lacera

ascoltare i consigli dati in buona fede: stesso discorso di sopra, per quanto il vostro vicino di casa, il salumiere, il tizio incontrato al parco per caso, l’allevatore, il farmacista da sempre abbiano tenuto cani, non sono veterinari, quindi evitiamo di utilizzare rimedi impropri e potenzialmente dannosi che complicano la vita al cane, al veterinario e a voi. Per quanto siano consigli benintenzionati, non sono dati da professionisti del settore: vi fareste riparare i freni della macchina dal panettiere? No. E allora perché far curare il cane da tutti tranne che dal veterinario?

non dare il latte: il cane vomita, ergo ha ingerito un veleno, ergo gli do il latte come antidoto. Ehm, il latte è riferito al solo avvelenamento da piombo,
ugg boots clearance Vomito nel cane
per tutto il resto mi peggiora solamente la sintomatologia

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

ugg jimmy choo sale Una Verità Scomoda e

ugg bailey button chestnut Una Verità Scomoda e

Da 10.000 a 4500 anni fa le copertura glaciali marine artiche si sarebbero mantenute su livelli sensibilmente inferiori a quelli attuali. Lo evidenzia l’indagine paleoclimatica di Stein et al. uscita nel 2017 su Journal of Quaternary Science in cui si riportano stime di copertura glaciale marina olocenica per mare di Chukchi, mar della Siberia orientale, mare di Laptev e stretto di Fram. A quando i titoloni su Corriere della Sera, Tg5 e c. ?

Innumerevoli testimonianze documentali ci parlano della Piccola Era Glaciale (PEG) e degli enormi problemi per le popolazioni europee che la stessa determinò. Su tale fase hanno ad esempio scritto Lamb (1966), Le Roy Ladurie (1967, 2004) e Le Roy Ladurie e Rousseau (2009). Relativamente bene documentati son altresì l’optimum climatico medioevale, romano e miceneo e le fasi di deterioramento che li separano (Monterin, 1937; Behringer, 2013). Assai meno documentata è invece la fase nota come grande optimum postglaciale, che fu di grandissima rilevanza per la nostra civiltà poiché nel corso di essa si ebbe ad esempio l’espansone dell’agricoltura dal medio Oriente all’intero continente europeo.

Ed è proprio da alcuni proxy riferiti all’Oceano glaciale artico che prende le mosse un lavoro scientifico che porta un contributo di conoscenza importante per chiarire gli effetti del grande Optimum Postglaciale nell’areale artico. Mi riferisco allo scritto di Stein et al. (2017) che si basa su un proxy biologico costituito da un isoprenoide molto ramificato a 25 atomi di carbonio noto come C25 HBI monoene (alias IP25), il quale viene sintetizzato unicamente da alcune diatomee che vivono nell’Oceano Glaciale Artico. Per interpretare i livelli di tale molecola nei sedimenti marini si deve considerare che nei mari artici le fasi calde sono caratterizzate dal proliferare di diatomee (e dunque da più elevate concentrazioni di IP25) a causa delle temperature più elevate, della maggiore disponibilità di radiazione solare e del maggiore afflusso di masse d’acqua ricche di nutrienti dall’Oceano pacifico. Da ciò il fatto che i ricercatori si sono trovati improvvisamente per le mani un proxy che descrive le coperture glaciali marine con una accuratezza prima impensabile.

Occorre tuttavia considerare che IP25 è assente sia in totale assenza di ghiacci marini sia in presenza di una copertura glaciale permanente che impedisce alla radiazione solare di raggiungere le diatomee. Le due situazioni estreme possono essere tuttavia discriminate in modo efficace lavorando con altri proxy anch’essi legati al fitoplankton.

PIP 25 offre una stima di copertura glaciale marina che gli autori definiscono “semi quantitativa” (che credo stia per “stima quantitativa affetta da un certo livello di incertezza”). Dall’analisi di tale indice emerge che gran parte dell’Olocene è trascorso con coperture glaciali marine inferiori a quella attuale. Coperture paragonabili a quelle odierne si sono avute solo negli ultimi 4500 anni toccando il proprio apice nella PEG (Piccola Era Glaciale).

In particolare si vedano i diagrammi delle figure 3 e 4 in cui si descrivono gli andamenti delle coperture glaciali marine nel mare di Chukci e nel mar della Siberia Orientale. Indicazioni analoghe sono inoltre emerse analizzando i digrammi PIP25 riferiti ai cores estratti nello stretto di Fram, che divide le Isole Spitzbergen dalla Groenlandia, e nel mare di Laptev, il che lascia intendere che il fenomeno evidenziato non è qualcosa di locale e limitato ai mari di Chukci e della Siberia Orientale indagati ma si estende a parti rilevanti dell’Oceano Glaciale Artico.

In sintesi dal lavoro di Stein et al. mostra che le copertura glaciali marine nell’oceano glaciale artico sono state a lungo su livelli inferiori a quelli attuali. Ciò ha avuto luogo in particolare in un periodo che si estende da 10.000 a 4500 anni orsono ed al cui cuore sta il grande optimum postglaciale.

I dati oggi disponibili ci mostrano dunque un “verità provvisoria” (come tutte le verità scientifiche, del resto) e che tuttavia ha il grande difetto di rivelarsi “scomoda per tutti coloro che per anni hanno operato per accreditare la fase di arretramento glaciale odierna come un “unicum”. Da ciò deduco che sarà arduo vedere tale verità presentata dai grandi media.

Per comodità del lettore riassumo l’affresco generale che a mio avviso va oggi delineandosi:

Nell’interglaciale Riss Wurm, 125.000 anni orsono, la calotta glaciale groenlandese, a differenza di oggi, era quasi totalmente fusa e gli oceani erano più alti di 5 8 metri rispetto ad oggi. Tale evidenza emerge fra l’altro dalle scansioni del ghiaccio del plateau groenlandese da cui si è appreso che il ghiaccio della calotta groenlandese deriva per il 50% dalla glaciazione di Wurm e per il 50% restante si è formato in olocene;
ugg jimmy choo sale Una Verità Scomoda e
inoltre al di sotto di tale ghiaccio sopravvivono solo pochi brandelli di ghiaccio dell’era glaciale precedente (Riss) (Mc Gregor et al., 2015).

Al termine della glaciazione di Wurm ha avuto luogo una fase particolarmente calda (grande optimum postglaciale) in coincidenza con la quale i ghiacci artici sono arretrati in modo rilevantissimo.

Al termine del grande optimum postglaciale ha avuto inizio un processo di “neoglaciazione” che ha visto il proprio apice con la Piccola Era Glaciale, sfociata circa 150 anni orsono nell’optimum oggi in corso.

Un andamento analogo l’hanno probabilmente avuto i ghiacciai alpini ed appenninici, anche se non si deve mai scordare che il comportamento dei ghiaccia non dipende solo dalle temperature ma anche dalle precipitazioni.

Tutto ciò porta per l’ennesima volta a porre in evidenza le forzature operate sui dati provenienti dall’area artica e che mirano ad accreditare l’idea di eventi di scioglimento senza precedenti. In proposito ricordo la rara sintesi offertaci da “An inconvenient truth” di Al Gore, un film a dir poco “visionario” e che ha creato una immensa pletora di emulatori. A Gore oggi manca solo l’Oscar alla carriera e penso che qualcuno prima o poi glielo darà.

Figura 1 l’area geografica di riferimento dello studio

Figura 2 Modifiche al territorio in esame dovute alle variazioni di livello del mare indotte dalle ciclicità glaciali. I punti rossi indicano i siti di campionamento considerati nello studio di Stein et al (2017).

Figura 3 trend delle coperture glaciali marine nel mare di Chukchi (core ARA2B 1A). La linea continua è basata sul Brassicasterolo mentre quella tratteggiata sul Dinosterolo.

Figura 4 trend delle coperture glaciali marine nel mar della Siberia Orientale (core PS72/350).

Qual il problema? Gli hanno dato un Nobel farsa e potrebbero dargli un Oscar farsa.

A scanso di equivoci, considero il Nobel per la pace una farsa tutta politica che sicuramente non migliora il suo premiando senza motivazioni questo e quello.

L alla carriera è per me, invece, un premio serio che vuole valorizzate una vita di lavoro e di impegno in campo cinematografico e che perderebbe molto del suo valore se si comportasse come il nobel per la pace. Franco

PS. Luigi, ti segnalo un refuso che mi era sfuggito quando avevo letto in anteprima l e me ne scuso: non è il Mare di Chukci ma il Mare dei Chucki.

Caro Luigi, ho confrontato i dati della copertura glaciale marina del grafico di fig.3 allegato al tuo post con le ricostruzioni delle temperature superficiali marine e con i dati delle temperature desunte da GISP2 ed ho notato una cosa piuttosto strana. Dalle serie di temperatura si vede che tra i 5000 ed i 6000 anni fa (secolo più secolo meno ) ci fu una sensibile diminuzione delle stesse. Dal grafico di fig. 3 sembra che il minimo di copertura glaciale si verificò proprio in quel periodo. Da ciò dovremmo dedurre, forse sbagliando, che il legame tra copertura glaciale marina e temperature non è poi così stretto come sembrerebbe.

Mi rendo conto che la mia è quasi un e, quindi, deve essere attentamente valutata, anzi presa con le molle, ma confrontando i grafici questo viene fuori.

Negli anni successivi al 4500 BP le temperature desunte dalle serie citate, subirono un lento aumento fino ad assestarsi evidenziando un andamento pressoché piatto (con i soliti alti e bassi, ovviamente, tra cui l romano, quello medievale e la PEG). Dal grafico di fig. 3, invece,
ugg jimmy choo sale Una Verità Scomoda e
la copertura glaciale evidenzia un trend di lungo periodo Anche in questo caso si nota uno sfasamento tra temperature e copertura glaciale.

ugg australiani è a Milano il bar più piccolo al mondo

ugg coupon codes è a Milano il bar più piccolo al mondo

A Milano, in Ripa di Porta Ticinese (Naviglio Grande), Flavio Angiolillo e Marco Russo hanno aperto un whisky bar cocktail take away in appena 4 mq. Due figure di riferimento della cocteleria italiana in grado di metter su un team di ventiquattro ragazzi che lavorano quotidianamente dividendosi tra il MaG Cafè, il 1930 e il Back Door 43, locali tra i più quotati della capitale meneghina in cui trovare una bevuta di livello, sempre.

Back Door 43: intervista albartender del locale più piccolo al mondo”Queste due ore sono vostre, toglietevi pure le scarpe e mettetevi comodi”. Ci accoglie Andrea Dracos, esperto bartender di origini greche che ha mosso i primi passi nella sua città, Torino, e folgorato dalla prima visita al MaG (circa un decennio fa) decide di proporsi come parte integrante dello staff. Da allora non ne è più uscito e nel corso degli anni è diventato una colonna portante del squadra contribuendo alla crescita del gruppo.

“Il Back Door 43 nasce a maggio 2015, inizialmente doveva essere un magazzino e invece si è deciso di sfruttare l’idea di alleggerire il lavoro dell’adiacente MaG dando la possibilità a chi di passaggio di bere usufruendo del servizio take away”. Avvicinatevi alla finestrella che trovate ad altezza vita e si affaccerà un individuo mascherato a cui potrete chiedere un cocktail tra moscow mule, gin americano, whiskey sour, dark il secret cocktail e birra.

Il locale

Considerato l’amore viscerale per il whiskey non poteva che venirne fuori una whiskey room in cui scegliere tra centinaia di etichette, declinate attraverso cinque cocktail che variano mensilmente. Sulle pareti in legno compaiono bottiglie, quadri, specchi, cimeli e fotografie di tempi passati, gli attrezzi del mestiere sono un po’ ovunque e nello spazio riservato al barman tutto è organizzato con precisione e affascina. Il cambio di dimensione dal naviglio affollato alla realtà parallela del Back Door si sente e dura fino alla fine, seducendo e rendendo i drink ancor più piacevoli.

Una bevuta speciale

Non è presente una carta da cui scegliere, a parte per i miscelati del mese, e ci si affida ai sapienti consigli di chi vi accoglierà dietro il bancone (“one” si fa per dire). Ed il bello è proprio questo, sarà la bravura del bar tender ad accompagnarvi nella decisione, potrete annusare e assaggiare tutto così da capire al meglio cosa più fa al vostro caso.

“La bravura e la professionalità sta nell’essere presenti e in grado di sparire all’occorrenza,
ugg australiani è a Milano il bar più piccolo al mondo
diventando parte integrante dell’arredo!”, continua.

Beviamo due cocktail

Noi abbiamo assaggiato il n41 (Wild Turkey Rye, Lillet Blanc, Grand Marnier, limone disidratato, cranberry, fiori d’arancio) e il n38 (Oban Little Bay, Pedro Ximenez, Vermouth infuso alle rose, assenzio, Broker’s bitters), due drink non convenzionali serviti in coppetta cocktail in grado di essere apprezzati nonostante la lontananza dai gusti personali, dimostrazione delle skylls di un vero bartender.

Ma è davvero il più piccolo bar del mondo?

“Non siamo certificati tramite il Guinness dei primati ma pare proprio di sì, c’è un posto in Russia, in un sottoscala ma non così piccolo, poi qualche altro locale che serve solo cinque persone alla volta ma con spazi più ampi, insomma al momento pare proprio che siamo il locale più piccolo al mondo!”. Quattro sedute a sgabello, due al bancone e due più basse subito accanto all’entrata dove poter scegliere la propria playlist da un ipod (essere accolti con i Doors è stata per chi scrive in assoluto la migliore accoglienza). La luce è regolabile a vostro piacimento, dalla più soffusa alla più luminosa, ma consigliamo di mantenere una luminosità tenue così da restare inclini all’atmosfera pacata e tranquilla.

Il Back Door è una coccola, un momento personale speciale, non è la pensata commerciale come qualcuno potrebbe pensare ma luogo di grande professionalità e proposta inconsueta. I turni sono quattro di due ore ciascuno,
ugg australiani è a Milano il bar più piccolo al mondo
a partire dal primo delle 19.30 (di un’ora e mezza) fino all’ultimo dall’una alle tre del mattino.

outlet ugg online verso il woolrich outlet milano indirizzato verso

ugg.co.uk verso il woolrich outlet milano indirizzato verso

Io mi auguro non solo alla scherma ma in generale che tutti riescano a fare lo sport perché aiuta a crescere e ad allenare la mente. Siamo attivi e passivi entrambi ma non è gay nemmeno lui. Il che rende inevitabile per le famiglie supplire alle mancanze del sistema pubblico, e sostenere costi spesso insostenibili, quando si tratta di malattie gravi o croniche. Unmes nero giardini outlet vissuto sulla pelle da Barack Obama figlio di un musulmano del Kenya e di una ragazza bianca del Kansas, nato alle Hawaii e cresciuto in Indonesia divenuto l’incarnazione di un’America multicolore tenuta finora sempre all’esterno di una Casa Bianca sinora dominio esclusivo dei bianchi. Lo ha confermato oggi il ministro dell’Interno bulgaro Tsvetan Tsvetanov. Per la Comunita’ ebraica romana, Sandro Di Castro lascia le parole alle pietre, agli alberi, al silenzio. Desideravamo avere un woolrich outlet online italia o delle bambole per giocare in casa mentre la mamma faceva le faccende domestiche o cucinava,Ugg prezzo. Successivamente, in una gara importante, avviene un incidente grave: sia Cole sia Rowdy, entrambi in coma,cornell woolrich, vengono trasportati all’ospedale dove, curati dalla giovane dottoressa Claire Lewicki, riescono a sopravvivere. Cosa è successo davvero? Per giocare a Magic Cup Euro League chiamate il 199,woolrich donna. IMPATTO La manifestazione prevedeva una serie di esibizioni aeree ed era promossa dall’Aeroclub d’Italia. Davvero, non avrei potuto esserlo di nessun altro colore,Scarpe Ugg, mai. mi sono chiesto perch sia capitato tutto a me, ma non riesco mai a trovare una risposta e questo mi fa ancora pi male. Avrebbe voluto chiedermi se io e Laura litigavamo, se tra noi c’erano problemi di soldi, se ci mettevamo le corna, ma non fece in tempo, perche’ glielo dissi io. Dall parte c la formazione di Arrigoni, che dopo lo sfortunato esordio interno col Lecce che nell giornata si imposto al Manuzzi per 1 0 ancora alla ricerca dei primi tre punti con il Cesena che deve assolutamente risalire la china: ultimo con 3 lunghezze 11:44 Amici di Eurosport buongiorno da Lorenza Teti e benvenuti alla DIRETTA SCRITTA dell domenicale della 12a giornata di serie A! Perch tutta questa sofferenza in nome dell TMamore? arrivato a Manchester con il governo della Thatcher e ha visto passare John Major,
outlet ugg online verso il woolrich outlet milano indirizzato verso
Tony Blair e ora Gordon Brown. La distribuzione dei cuccioli coinvolge un ministro che dice di voler difendere ambiente e produzioni tipiche, e i pastori abruzzesi. Spetter a lui decidere se mantenere entrambi gli impegni. I due guardano verso il woolrich outlet milano indirizzato verso i pali, Farrell con terrore, Wilkinson con curiosit. 79 Interessante calcio d per la squadra di casa. Un’altra ragione rilevante della crescita di interesse per la materia ha avuto, poi, l’arbitro bancario finanziario, che, nei suoi primi due anni di vita, se ne occupato in un cospicuo numero di pronunce (secondo quanto risulta dal sito ufficiale del medesimo). Non le pare un buon motivo per ammazzare mio padre? Scarsamente rappresentata la fotografia con solo quattro opere, tutte aggiudicate oltre le stime alte, con due lavori di Andreas Gursky, un clown di Cindy Sherman e una lightbox di Jeff Wall. Fatelo volare e dirigetelo ovunque desiderate. Domanda: C’è un suo compagno di squadra che avrebbe meritato molto di più di quello che ha avuto dal woolrich italia? Occupano i primi posti, vicino all dove siede il responsabile della struttura,parajumpers negozi. Per capire come mangiare occorre guardare al passato. Questo ben di Dio tuttavia manca di uomini e di professionalita’ , al Nord come al Sud, e soprattutto di informazioni sul settore. “Le vicende attuali non tolgono che Siena, anche per la sua storia, resti l’archetipo della città stato. Sotto la Tour EiffelComincia a lievitare un polemica sulla nazionale francese. Stasera, gioved 7 febbraio alle 21 riprende “Serial scontro” per la sua seconda stagione, un progetto di Alessio Bertoli con il Circolo Cinematografico Sciarada. E stato lui a prendersi l cartellino della sfida. Storie di un fotografo,cornell woolrich, che dopo il grande successo alla Casa dei Tre Oci di Venezia, arriva a Milano arricchita di una nuova sezione dedicata proprio allaGente di Milano: 40 fotografie con i volti, i cortili, la woolrich sito ufficiale della città che lo ha adottato e che nel 2012 lo ha insignito dell’Ambrogino d’oro. Barriere che sono riuscite a frenare l oleosa, ma non a bloccarla del tutto visto che a met mattinata il gasolio era gi arrivato in mare.
outlet ugg online verso il woolrich outlet milano indirizzato verso

official ugg australia Who is Kate Moss dating

ugg boots classic tall Who is Kate Moss dating

RelationshipsKate Moss was previously married to Jamie Hince (2011 2016).Kate Moss has been in relationships with Russell Brand (2006), Jamie Dornan (2006 2007), Jamie Burke (2006), Pete Doherty (2005 2007), Jonny Lee Miller (2004), Daniel Craig (2004), Jefferson Hack (2001 2004), Emanuele Filiberto di Savoia (2001), Angus Fairhurst (2001), Jesse Wood (2000), Antony Langdon (1999), Robert del Naja (1999), Lenny Kravitz (1999), Dan MacMillan (1999), Tracy Pentano (1998), Jason Lake (1998),
official ugg australia Who is Kate Moss dating
Tarka Cordell (1997), John Kennedy Jr. (1996), Johnny Depp (1994 1998), Mario Sorrenti (1993 1994), Mark Wahlberg (1992) and Jake Chapman.Kate Moss has had encounters with Rhys Ifans (2007), Jack Osbourne (2006), Anthony Rossomando (2006), Jack Nicholson (2004), Billy Zane (1999), Evan Dando (1998), Nellee Hooper (1997), Frank Sinatra (1995) and Aviv Nevo.Kate Moss is rumoured to have hooked up with Bobby Gillespie (2004), Leonardo DiCaprio (1994), Vikram Chatwal and Jeordie .AboutKate Moss is a 44 year old . Born Katherine Ann Moss on 16th January, 1974 in , she is famous for . Her zodiac sign is .
official ugg australia Who is Kate Moss dating

borse ugg Unione degli Industriali e delle Imprese

ugg metallic Unione degli Industriali e delle Imprese

Pagamenti tasse rinnovo titoli brevettuali acquisiti dati direttamente da Poste Italiane , dal 03 5 2013, per registrazione marchio nazionale il Titolo della Classe e termini intestazione saranno interpretati letteralmenteInformiamo che il Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per l’Internazionalizzazione, Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione UIBM, con nota prot. 4553/81 del 30.01.2013, ha comunicato che, a seguito del perfezionamento di una convenzione con Poste Italiane, non necessita pi del trasferimento da parte delle Camere di Commercio della documentazione relativa ai pagamenti delle tasse di rinnovo dei titoli brevettuali, acquisendo i dati relativi ai pagamenti direttamente da Poste Italiane.

Pertanto l Brevetti della Camera di Commercio non riceve pi le attestazioni di pagamento relative al mantenimento in vita dei brevetti per invenzione industriale, dei brevetti per modello di utilit e dei brevetti per disegno/modello. I titolari dei suddetti brevetti, nel provvedere al pagamento delle tasse di mantenimento in vita, non sono quindi pi tenuti a consegnare la documentazione cartacea presso l’Ufficio Brevetti.

Informiamo inoltre circa la novit per la compilazione della domanda di registrazione del marchio nazionale. Infatti a seguito della Comunicazione UIBM Div. Marchi Prot. n. 72814 del 02/05/2013, si segnala che per i depositi delle domande di marchi nazionali, dal 03 maggio 2013, il Titolo della Classe e i termini dell’intestazione saranno interpretati letteralmente, a meno che non vi sia una dichiarazione recante l’espressa intenzione di voler estendere la protezione a tutti i beni o servizi contenuti nell’elenco alfabetico della Classe prescelta.

Pertanto, come da esplicite indicazioni della Direzione generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, al fine di tutelare tutti i prodotti/servizi compresi in ogni singola classe, si dovr provvedere a scrivere per esteso e per ogni classe richiesta sulla domanda riquadro E del modulo C quanto segue: Numero della classe, titolo completo della medesima, seguito da un’esplicita dichiarazione del tipo “Si richiede la registrazione per tutti i prodotti e/o servizi presenti nella lista alfabetica della Classificazione di Nizza”. Esempio: Classe 25: Articoli di abbigliamento, scarpe, cappelleria “Si richiede la registrazione per tutti i prodotti presenti nella lista alfabetica della Classificazione di Nizza.” Nel caso, invece, non si intenda estendere la tutela a tutti i prodotti/servizi della singola classe, baster esplicitare le sole voci di interesse specifico: Esempio per la tutela delle sole cinture in tela: Classe 25: Cinture in tela.

Risulta importante per il titolare essere in possesso di un attestato con indicazione chiara dei prodotti/servizi delle classi scelte della Classificazione di Nizza, per questo non sono accettate frasi dichiarative “Si richiede la registrazione per tutti i prodotti presenti nella lista alfabetica della Classificazione di Nizza.” nel riquadro L Annotazioni speciali, o in documenti allegati (fonte Ufficio Marchi e Brevetti CCIAA VT) . Il servizio si rivolge dunque sia alle aziende che hanno gi brevettato o depositato, per la miglior tutela del loro assett intangibili nella valorizzazione commerciale/patrimoniale anche in funzione di interventi di natura creditizia/patrimoniale, e nella protezione da aggressioni e plagi, sia alle imprese che devono ancora intraprendere un percorso di valorizzazione e tutela e intendono verificare la presenza in azienda di beni immateriali immagini, slogan, processi, macchinari, design validi e idonei a percorsi di registrabilit brevettabilit e protezione, nonch i relativi iter, costi, mantenimento, sviluppo.
borse ugg Unione degli Industriali e delle Imprese

roslynn ugg boots è contraria a diritto UE Help Consumatori

ugg italia è sicuro è contraria a diritto UE Help Consumatori

Calzature, CGUE: la legge italiana sull è contraria a diritto UE

E contraria al diritto europeo la legge italiana n.8/2013, che vieta il commercio degli elementi in cuoio delle calzature provenienti da altri Stati membri o da paesi terzi quando questi prodotti non riportano indicazioni relative al loro paese d’origine. A dirlo è la Corte di Giustizia dell Europea precisando che la direttiva 94/11/CE sul ravvicinamento delle disposizioni degli Stati membri sull’etichettatura dei materiali usati nelle calzature, mira a definire un sistema comune per non creare ostacoli agli scambi all’interno dell’Unione.

Secondo le associaizoni di categoria il consumatore sarebbe indotto in errore in merito all’origine del cuoio, attribuendogli erroneamente un’origine italiana a causa del marchio italiano apposto sul prodotto.

La Corte ha precisato che la direttiva 94/11 sull’armonizzazione delle legislazioni è considerata un mezzo idoneo a sopprimere questi ostacoli al libero scambio.: non impone requisiti minimi per l’etichettatura dei materiali utilizzati nelle calzature, bensì prevede norme tassative. Essa compie un’armonizzazione esauriente per quanto riguarda il contenuto dei soli obblighi di etichettatura dei materiali utilizzati nei principali elementi delle calzature i quali, una volta soddisfatti, fanno scattare il divieto per gli Stati membri di ostacolare il commercio di questi articoli. Essa prevede inoltre che l’etichettatura delle calzature deve unicamente far risultare informazioni relative al materiale utilizzato per la loro fabbricazione. Non prevede affatto un obbligo di indicare il paese d’origine del cuoio, quale imposto dalla normativa italiana nel procedimento principale.

Di conseguenza, gli Stati membri non hanno il diritto di adottare prescrizioni più rigorose. Essi possono consentire che scritte supplementari vengano se del caso sull’etichettatura ma non possono vietare od ostacolare l’immissione sul mercato di calzature conformi alla direttiva.

Articoli correlatiMarchi, CGUE: no a registrazione di forme imposte da funzione prodotto Volo in ritardo di 3 ore? CGUE: passeggeri hanno diritto a rimborsoEtichettatura, Cgue: non deve suggerire presenza di un ingrediente che non c’èAgrumi, Tribunale UE: ok ad obbligo in etichetta di trattamento conservantiCalzature e tessili, CdM: nuove norme a tutela consumatore per etichette scorretteEconomia circolare, indagine MATREC: italiani favorevoli ad affittare le scarpe?
roslynn ugg boots è contraria a diritto UE Help Consumatori

comprare ugg online viaggio nel più grande campo di concentramento nazista

ugg.it viaggio nel più grande campo di concentramento nazista

Se siete ad Oswiecim, a circa 60 km di Cracovia, non potete non visitare, almeno una volta nella vita Auschwitz Birkenau. Parliamo del più grande campo di concentramento, lavoro forzato e sterminio costruito dai Nazisti per la soluzione finale della questione ebraica. Fondato il 20 maggio del 1940, iniziò la sua spietata attività di morte il 14 giugno 1940 e al suo interno vennero imprigionate circa 20.000 persone, bimbi compresi. Ricavato da vecchie caserme dell’esercito polacco, era scandito da ritmi lavorativi spiegati. I nuovi arrivati venivano sottoposti a un periodo di isolamento in uno o più blocchi, baracche o tende, contenenti centinaia di persone, dormendo gli uni accanto agli altri su pagliericci che, al mattino, dopo la sveglia, andavano raccolti e sistemati in un angolo della camerata. Solo a fine febbraio 1941 furono forniti i primi letti di legno a tre piani. I locali sanitari comuni erano situati al pian terreno anche se inizialmente migliaia di prigionieri utilizzavano solo due pozzi che fornivano acqua per lavarsi, soddisfacendo i bisogni fisiologichi nelle latine all’aperto.

All’atto di registrazione, i deportati ricevevano speciali abiti di traliccio a strisce, azzurro/grigio in modo da ostacolare qualunque tentativo di fuga. Gli uomini, in particolare, venivano sdotati di camicia, mutandoni, blusa e pantaloni oltre ad un cappotto durante l’inverno, indossando zoccoli in legno tipo olandese o scarpe con suola in legno. Inutile ribadire quanto quegli indumenti fossero laceri,
comprare ugg online viaggio nel più grande campo di concentramento nazista
sporchi, pieni di pidocchi, maledoranti, impregnati di urina ed escrementi. I detenuti ricevevano tre pasti al giorno (mattina, pomeriggio e sera), quasi sempre una misera zuppa di patate o rape e, a sera, del pane con aggiunta di 25 grammi di salsiccia o margarina o un cucchiaio di marmellata o formaggio ammuffiti o stantii. La sveglia era alle 4 ogni mattino, ora in cui i detenuti venivano spesso percossi . Dopo l’appello, si formavano le squadre lavoro e la giornata di lavoro durava 11 ore, con mezzora di pausa per il pranzo.

Articolato era il sistema punitivo. Tra le pene: divieto di spedire e ricevere lettere, addestramenti forzati, lavoro durante il tempo libero, privazione del pranzo nei giorni di lavoro, fustigazione anche pubblica, sino alla punizione del palo in cui il prigioniero veniva legato con le mani dietro le spalle al palo). !Il visitatore osserva le vestigia di questo campo e medita : da qualunque Paese tu venga, tu non sei un estraneo. Fa che il tuo viaggio non sia stato inutile, che non sia stata inutile la nostra morte. Per te e per i tuoi figli le ceneri di Oswiecim valgono di ammonimento: fa che il frutto orrendo dell’odio, di cui ha visto qui le tracce, non dia un nuovo seme, né domani né mai” queste le parole di Primo Levi rivolte a chi decide di recarsi in un campo di sterminio nazista.
comprare ugg online viaggio nel più grande campo di concentramento nazista

ugg offerta Un Santo Tra Arles E Roma

ugg scuffette Un Santo Tra Arles E Roma

Cesario, un santo tra Arles e Roma

Ai Musei Vaticani, fino al 25 giugno, una mostra dedicata al vescovo della città francese

Città del Vaticano. I Musei Vaticani, come è ben noto, racchiudono al loro interno non un’unica raccolta museale ma un insieme di musei, ciascuno con la propria storia e identità. Fra di essi è il Pio Cristiano che conserva le testimonianze, sarcofagi, sculture ed epigrafi, delle comunità cristiane dei primi secoli. Fino al 25 giugno il Museo ospita la mostra Dilectissimo fratri Caesario Symmachus. Tra Arles e Roma: le reliquie di san Cesario, tesoro della Gallia paleocristiana.

Curata da Umberto Utro, curatore Reparto Antichità Cristiane dei Musei Vaticani, Alessandro Vella, assistente del medesimo Reparto, e Claude Sintès, direttore del Musée départemental Arles antique, l’esposizione, dedicata a Cesario, vescovo di Arles dal 502 al 542, pone in relazione opere delle collezioni vaticane con reperti provenienti dal museo arlesiano. Due pallii, una tunica, scarpe e una cinta con fibbia in avorio ornata a rilievo, sono gli oggetti devozionali, appartenuti a Cesario, che il Musée départemental Arles antique ha concesso in prestito. Intorno ad essi, sviluppando il tema della figura e del culto del santo,
ugg offerta Un Santo Tra Arles E Roma
che fu dotto umanista, esegeta biblico e autore di regole monastiche, si raccolgono reperti tutti di provenienza vaticana. Unica eccezione, la collana in oro con monogramma cristologico concessa in prestito dal Museo Nazionale Romano, mentre dalla Biblioteca Apostolica Vaticana giunge il raro codice carolingio in cui è trascritta una lettera indirizzata da papa Simmaco a Cesario, e dal cui incipit, al dilettissimo fratello Cesario, trae origine il titolo della mostra.

L’esposizione inaugura una collaborazione scientifica fra le istituzioni vaticane e arlesiane, collaborazione che vedrà scambi tra laboratori di restauro, prestiti di opere e studio congiunto delle collezioni museali, segnate dal profondo, millenario legame tra Roma e la città francese.

Dice in proposito Umberto Utro: La mostra nasce dalla volontà di mettere in dialogo e raffrontare le raccolte vaticane e quelle del Musée départemental, che possiede 80 sarcofagi realizzati a Roma nel IV secolo, seconda collezione al mondo, dopo quella dei Musei Vaticani, di sepolcri paleocristiani. Durante un sopralluogo di studio al Musée départemental, venimmo a conoscenza che le reliquie di san Cesario, abitualmente conservate presso la cattedrale di Arles, si trovavamo nel museo per interventi di restauro. Prima del ritorno in cattedrale ci è stata offerta la possibilità di esporle in Vaticano. Accanto ad esse abbiamo selezionato reperti seguendo criteri tipologici e iconografici. Ad esempio, il pallio che papa Simmaco donò a san Cesario nel 513, quale simbolo di autorità pastorale, presenta il ricamo di un monogramma costantiniano, e ad esso abbiamo accostato oggetti anch’essi contraddistinti dal Chi Rho: una lucerna in bronzo, una in terracotta, fino alla straordinaria collana in oro dal Museo Nazionale Romano, ritrovata in una basilica paleocristiana.
ugg offerta Un Santo Tra Arles E Roma

ugg stores Why is the world’s largest forest certification scheme still standing

ugg sheepskin Why is the world’s largest forest certification scheme still standing

Earlier this week, we released some sad, shocking footage showing the slow and gruesome death of a Sumatran tiger that became trapped within an Asia Pulp and Paper (APP) concession in Sumatra’s Riau province. The video footage also revealed that in the same APP area, recent forest clearance had taken place in an area identified as tiger habitat.

This episode is not only tragic in conservation terms, it highlights the role of the world largest forestry certification body the Programme for the Endorsement of Forest Certification (PEFC) in greenwashing APP reputation by certifying some of its very questionable products.

Incredibly, APP products containing timber from the area where this tiger died could actually receive the PEFC stamp of approval and be sold around the world as sustainable.

How is this possible, given that there are no PEFC certified forests in Indonesia? Like many forest certification schemes, PEFC allows the production of what have become known as mixed source products that is, products that contain certified timber but also some timber that isn as explained on the PEFC website.

The part that isn certified has to come from what have become known as non controversial or controlled sources. This is timber that isn’t certified, but comes from areas that are checked or verified for things such as basic legality standards, standards which are set by PEFC.

But because these PEFC standards are weak, APP is able to trash forests in Indonesia, replace them with plantations, and then get these plantation areas verified as non controversial by PEFC. What a wheeze. And that is exactly what they’ve done. A number of APP concession areas in Indonesia have been verified under PEFC rules as non controversial sources. This verification is currently carried out by SGS, a certification audit body.

So APP imports PEFC certified timber from outside Indonesia, mixes it with this ‘non controversial Indonesian timber, and produces PEFC products. The APP area where the tiger died is one of these PEFC verified areas. Timber from all these verified areas can be used in PEFC certified mixed source products sold as by APP anywhere in the world.

Have PEFC launched an immediate enquiry or severed their connections to APP? Not quite. PEFC only public response has been an astonishing Italian press release which appears to expose a basic lack of understanding of their own certification scheme.

For those of us who haven cracked Italian, this release claims that Greenpeace is releasing false information which is damaging PEFC reputation. It goes on to claim that because the PEFC certified timber used by APP comes from certified plantations in Chile, we’re trying to sneakily misrepresent the facts. It also states that yes, APP may have issues in Indonesia, but this doesn’t apply to them because all the PEFC fibre is from Chile.

We’ve sent the report which shows how these areas are in fact PEFC verified (if not fully certified) to the PEFC office in Italy. Perhaps it may lead to a public correction of their inaccurate claims? Better still perhaps, it may lead to an urgent review of just how it can be that timber from these areas can possibly be considered as non controversial by PEFC?

APP deforestation includes the destruction of forests mapped as tiger habitat, replacing these forests with acacia plantations. APP is responsible for wiping out the home and hunting grounds of the Sumatran tiger to make throwaway paper products. How can it be that these same areas can then get verified as by the world largest forest certification scheme?

Isn it about time action was taken to stop APP from greenwashing its products with the PEFC brand?

Greenpeace is campaigning to protect Indonesian rainforests and tiger habitat. Support our work by making a donation.

Find out more about APP and Greenpeace’s work on deforestation:

>> Endangered Sumatran tiger dies in trap on APP concession in Indonesia

>> APP spins yet more greenwash with latest advert

>> Call Mattel about Barbie’s deforestation habit

>> How the toy industry and APP are responding to our Barbie campaign

>> Lego announces forest plan,
ugg stores Why is the world's largest forest certification scheme still standing
but what about Mattel?

Although usually spend most of their Ugg Boots Canada time in office work, but the static absolute than dynamic work to cold, recommended several Timb.

Although usually spend most of their Ugg Boots Canada time in office work, but the static absolute than dynamic work to cold, recommended several Timberland Boots UK exquisite 2011 new plume velvet suits: 2011 new autumn and winter fashion classic red down UK Timberland Boots jacket, the fall and winter of this year is the most brilliant red, let you from the beginning big change. Male money down outerwear outdoor sports clothing as the door is open. They are also Canada Uggs more and more worn on more occasions. This phenomenon is similar to that of Japan, is then collected all Cheap Timberland Boots those Milan luxury called paninari. Italy fashion fans have chosen as the only Moncler jacket. Blue, Timberland Boots in UK gray, blue, mixing turmeric, brown, winter can also are neat, delicate with images appearing, which requires skill, wool, cashmere, camel Ugg Canada hair cloth as raw material. For example: coffee, mustard yellow. The winter dress male money down outerwear extremely Cheap Timberland Boots UK warm to cold, bleak nature gives us the opportunity to show color, seasonal color equally attractive. Fabric texture in tight elastic worsted fabrics is 2011 meant Timberland Boots Sale for fashion, and fashion you for what kind of clothes to wear and it is more appropriate you worry. Chiffon become a year beans popular single goods, designer through the improvement and reform,
ugg stores Why is the world's largest forest certification scheme still standing
more refined style.