stivali ugg outlet Preparazione a esami allergologici

ugg vendita on line Preparazione a esami allergologici

credo di soffrire anch’io per questa orticaria. 10 anni fa s’ presentata in concomitanza con un periodo di stress e l’avevo attribuita a quello. Dopo che era “scoppiata”, con bolle ovunque e pruriginosse da matti, il medico di base mi aveva dato del cortisone che poco alla volta aveva normalizzato la situazione, dopodich ho usato zirtec. durata circa un anno, quest’orticaria rimasta poi latente per circa 10 12 anni, salvo ununico ponfo che comparva sulla gamba sinistra, a giorni alterni, quasi a dire “guarda che non passato nulla!”. Stupidamente non ho fatto mai gli esami allergologici perch ho sempre attribuito ( e non solo io) la cosa allo stress e a una mia incapacit di adattamento a certe situazioni. Nel frattempo ho cambiato mio malgrado citt lavoro, ora sono a Milano: dopo 6 anni, da 4 settimane s’ ripresentata l’orticaria. Lami domanda sono in vista degli esami allergologici, e quindi poer almeno 15 giorni mi hannod etto di astenermi da zirtec cortisonici. Ma il malessere e il prurito sono tali da, ogni tanto, farmi quasi mancare il fiato e avere l’impressione di vertigini e svenimento. Mi sono recata a un centro allergologico qui a Milano, il risultato stato che gli esami (quelli su pelle , con le gocce di allergeni )a causa del mio ( a me notissimo.) dermografismo, non sono stati leggibili dopo i canonici 20 minuti . Erano leggibili la sera, quando sono rimasti gonfi solo due pomfi.

Il bello che dal giorno della visita non ho pi le bolle. le riporter i risultati.

sto pain piano aspettando gli esiti di tutti gli esami mentre le bolle di orticaria sono scomparse del tutto per circa 5 giorni ma poi sono ricomparse. sulle braccia, le articolazioni e tutti i punti di leggera compressione dei vestiti.

Primissimi risultati:NON sono allergica a niente, nel RAST.

Non ho l’elycobapter pilory. I test allergologici da soli non bastano poich come ben ha intuito, spesso non si tratta di vere allergie bens di intolleranze ad alimenti o prodotti di sintesi additivanti.

Se desidera eseguire un test in tal senso mi scriva in privato.

Riguardo alla bulimia, controlli se presente un’infezione da candida, spesso principale responsabile dei disturbi del comportamento alimentare.

A presto.

buongiorno dottore. Dopo un periodo di approfonditi esami, ho ritirato le risposte: tutte negative TRANNE UN VALORE: il “complemento Fraz. C3”, che risulta avere valore 0.85 contro un renge possibile di 0.90 1.80.

Tutto il resto nella norma, compresi i test prettamente allergologici ( Rast e Patch: NON sono allergica.)
stivali ugg outlet Preparazione a esami allergologici

stivaletti ugg Un’estate magica di Corina Bomann

ugg italia negozi Un’estate magica di Corina Bomann

Dopo il successo del suo ultimo romanzo, L’eco lontana delle onde del nord (Giunti 2015), che l’ha confermata un’autrice bestseller internazionale, fra le più amate nel campo della narrativa femminile, Corina Bomann ritorna con Un’estate magica, un libro romantico e divertente da leggere tutto d’un fiato.

un po’ di tempo che le cose per Wiebke non vanno per il verso giusto. Non ha passato uno degli esami più importanti del suo corso di laurea in biologia, ha lasciato il fidanzato che la tradiva, e la sua migliore amica passerà delle romantiche vacanze con il nuovo amore, lasciandola sola in città per tutta l’estate: una prospettiva davvero sconfortante. Chissà se la zia Larissa vorrà ospitarla per un paio di settimane nella sua casa in campagna sulle sponde del lago di Mritz?

Da sempre un mito per Wiebke, Larissa è single, indipendente e creativa; è fuggita dalla città dopo aver tagliato i ponti con la famiglia in maniera turbolenta. Wiebke non conosce il segreto che sta dietro a questa decisione: sa solo che dodici anni prima Larissa ha perso in modo tragico il suo grande amore, e da quel momento si è rifugiata in campagna, dove dipinge magnifiche scarpe da sposa e coltiva more, circondata dai suoi animali.

L’arrivo di Wiebke, con la sua vitalità e il suo affetto, crea scompiglio nella vita di Larissa e del piccolo paesino in cui vive, mettendo alle strette la zia: è giunto il momento di imprimere una svolta alla sua esistenza, complice anche il nuovo, misterioso vicino di casa Ma riusciranno le due donne a reagire agli imprevisti che ogni trasformazione porta con sé?
stivaletti ugg Un'estate magica di Corina Bomann

ugg on sale Willow Smith e le star diventate stiliste

come pulire gli ugg Willow Smith e le star diventate stiliste

La moda affascina tutto il mondo. Anche quello delle star. Sono tante le celeb, infatti, che hanno prestato la propria creatività al mondo della moda diventando stiliste. L’ultima èPamela Anderson che ha lanciato una linea di stivali vegan molto simili alle famose UGG che ha chiamato Pammies. “Sono davvero entusiasta per il lancio dei miei boots”, ha detto. “Ho cercato di trovare un’alternativa che non facesse del male agli animali”. I Pammies arriveranno nei negozi a novembre.

A settembre ha lanciato una capsule collection con TSE e ora Claudia Schiffer è pronta per lanciare la sua collezione di cashmere. Si tratta di 40 capit che saranno svelati questa settimana.

Nuova collaborazione per Willow Smith. La figlia di Will Smith e Jada Pinkett Smith ha dato vita a una collaborazione con Stance Socks. La giovane attrice ha anche indossato le sue coloratissime creazioni in scatti che sembrano dipinti.

Coco Rocha e il marito James Conran debutteranno presto con una linea di Sportswear che hanno realizzato in collaborazione con Paragon Project. La collezione si chiamerà Co + Co by Coco Rocha.

Poppy Delevingne, invece, ha lanciato una capsule collection di otto paia di scarpe con Aquazzurra, mentre Neha Kapur una linea completa di prt à porter.

Naomi Campbell ha dato vita a un brand digioielli, articoli tessili per la casa, borse e valigeria. TCC, società leader nei programmi di fidelizzazione, infatti, ha siglato un accordo di collaborazione con Marenco per sviluppare una gamma di prodotti a marca Naomi Campbell, che le catene di retail potranno utilizzare per premiare i clienti nelle campagne di fidelizzazione.

Georgia May Jagger per Mulberry ha realizzato una giacca di pelle con interni colorati (smeraldo, zaffiro o rubino).”La giacca di pelle è un must a mio parere va con tutto”, ha spiegato la modella e it girl. ” perfetta con qualsiasi look in nero, ma ho voluto che la mia giacca Mulberry fosse colorata. E le nuance delle pietre preziose che ho scelto sono perfette, spiccano”.

Taylor Swift ha dato vita a una linea di abbigliamento in collaborazione con Heritage 66 Company. Il lancio avverrà a Shanghai, in Cina, in concomitanza con l’inizio del 1989 tour che partirà a novembre.

Erin Wasson, invece,sta per lanciare una linea di gioielli che ha chiamato Wasson. “I gioielli sono per me una grande passione”, ha dichiarato. Qualche indizio sulla linea? “Mi piace semplificare nella moda”, ha continuato, “La semplicità è tutto”.

Eva Longoria ha dato vita a una linea di abbigliamento femminile. “Finalmente ho il tempo per dedicarmi a questo progetto”, ha detto l’attrice a WWD. Ma Eva ha intenzione di ampliarla con scarpe, borse e accessori.

Recentemente,
ugg on sale Willow Smith e le star diventate stiliste
anche Sarah Jessica Parker aveva allargato la sua linea di scarpe SJP con una collezione dedicata alle spose. Il suo brand era stato lanciato nel 2013.”Mentre giravo Sex and the City ho indossato un sacco di scarpe, quindi ho imparato davvero tanto”, aveva detto l’attrice a Vogue America. Infatti. Chi meglio di lei sarebbe riuscita nell’impresa?

Anche Rihanna probabilmente realizzerà un progetto moda. Secondo rumors, la cantante starebbe per lanciare il marchio $CHOOL KIlls.

del 2014 la collaborazione di Kate Bosworth con Matisse Footwear. “Ci sono donne che possono indossare scarpe vertiginose e correre ovunque. Non io. Io voglio sentirmi comoda e cool allo stesso tempo”.

L’Angelo di Victoria ‘s Secret Alessandra Ambrosio, invece, ha puntato tutto sullo Swimwear lanciando un brand di costumi da bagno, chiamato le by Alessandra. “I dettagli sono fondamentali per me”, aveva spiegato la modella a WWD. “Volevo fare qualcosa che fosse molto bohemian e allo stesso tempo chic, in tagli differenti. La collezione è perfetta per ogni silhouette”.

Madonna ha lanciato con la figlia Lourdes la linea di abbigliamento teen Material Girl, che vanta testimonial d’eccezione, come Georgia May Jagger, Kelly Osbourne e più recentemente Rita Ora.

Kate Hudson si è concentrata invece sull’abbigliamento sportivo con il brand Fabletics.”Sono sempre stata molto attiva e ora che ho una famiglia sono ancora più occupata. Sono una mamma che lavora e so come ci si sente. Siamo sempre in movimento e passiamo da un’attività all’altra”, aveva confessato. “A volte non hai il tempo nemmeno per cambiarti, ma la realtà è che si vuole essere ancora carine sia che si voglia fare un corso di yoga che delle commissioni. Ho creato Fabletics con Don Ressler e Adam Godenberg (amministratori delegati di JustFab) per offrire alle donne una linea di sportswear di qualità, ma soprattutto alla moda, funzionale e conveniente”.

Altre star a lanciarsi nel fashion world sono Jourdan Dunn con una linea bimbi, Robyn Lawley con una linea curvy di costumi, e le sorelle Kardashian. Ma l’ultima ad essersi aggiunta al gruppo è Miranda Kerr. L’Angelo di Victoria’s Secret, infatti, da ruolo di testimonial è passata a quello di designer.

Nel corso di tre stagioni, Miranda Kerr e Swarovski hanno dato vita a una collaborazione creativa che trova ora la sua migliore espressione in una significativa capsule collezione, disegnata dalla super modella australiana e dal Direttore Creativo del marchio, Nathalie Colin. ” meraviglioso vedere il frutto del proprio lavoro, è stato un processo fantastico” ha dichiarato la Kerr.

Vogue Arts

Kanye West: Yeezy Season 3 alla New York Fashion Week, il nuovo album e la polemica con Taylor SwiftDurante la sfilata di Yeezy Season 3, Kanye West ha presentato il suo nuovo album,
ugg on sale Willow Smith e le star diventate stiliste
The life of Pablo. Ecco tutto quello che c’è da sapere (e prepariamoci allo scontro con Taylor Swift)

New York Fashion Week: tutti gli eventiI party più esclusivi della New York Fashion Week

New York Fashion Week: lo street styleTutto il meglio dello street style avvistato alla Settimana di New York

ugg classic short grey USA Iraniani per la globalizzazione e commercio con l’Europa

comprare ugg USA Iraniani per la globalizzazione e commercio con l’Europa

Teheran (AsiaNews) Il popolo iraniano favorevole in genere al processo di globalizzazione e lo sostiene, chiede riforme economiche interne al Paese e desidera migliorare i rapporti economici e commerciali con l quanto emerge da una inchiesta elaborata ad agosto, i cui discorso di Trump all finiranno per allontanare Bruxelles e Teheran.

Dalle risposte emerge un crescente ottimismo nell pubblica iraniana circa il futuro economico e sociale del Paese, grazie anche all delle sanzioni in seguito all sul nucleare. La dimostrazione arriva dal consenso diffuso intorno alla parola vista come crescente fra nazioni in beni, servizi e investimenti giudicata in termini positivi dal 62,5% degli intervistati.

Del resto il tema economico ha ricoperto un ruolo di primo piano in campagna elettorale, diventando oggetto di un aspro dibattito fra i candidati con scambi di accuse incrociate. E i dati diffusi nelle scorse settimane mostrano che la campagna di riforme avviata dal presidente moderato Hassan Rouhani, trionfatore alle elezioni del 19 maggio scorso che gli hanno assicurato un secondo mandato, sembrano garantire effetti positivi.

Gli iraniani mostrano entusiasmo per gli investimenti e i commerci avviati dalle compagnie straniere nel e con il Paese. Una grande maggioranza (84,6%) afferma che crescita di commercio o investimenti fra Iran e altre nazioni ha avuto effetti o in qualche modo positivi per la nazione. Il 51,1% convinto che essa abbia determinato una crescita nei posti di lavoro e, per il 40,4%, anche un aumento dei salari.

Per quanto concerne le compagnie straniere operative in Iran, per il 90% degli intervistati la loro presenza o abbastanza positiva E quando si parla di singoli Stati, la preferenza va a nazioni come la Germania (66,1%) o il Giappone (66,7%), anche se tutta l europea a essere vista con favore dagli interpellati.

Di contro, resta alta la diffidenza verso gli Stati Uniti e verso un partner storico e tradizionale della Repubblica islamica, la Cina: solo il 19,1% degli iraniani ritiene che un rafforzamento dei legami con Pechino potrebbe portare benefici. Inoltre, pur mantenendo una aperta diffidenza se non vera e propria ostilit verso l Usa il 49,9% degli intervistati vede con favore la presenza di aziende e compagnie statunitensi sul territorio.

Nel lungo periodo gli iraniani sembrano ottimisti per il futuro della loro economia, con il 56,6 degli interpellati convinto che i figli godranno di una realt migliore di quella vissuta dai genitori. A destare pessimismo e preoccupazione vi solo la possibile cancellazione dell sul nucleare (Jcpoa),
ugg classic short grey USA Iraniani per la globalizzazione e commercio con l'Europa
positivo ed essenziale per il futuro del Paese per il 61,7% degli interpellati.

Proprio in tema di accordo sul nucleare si registra in questi giorni un appello sottoscritto da 76 intellettuali, attivisti, diplomatici o ex militari di Europa, Russia e Regno Unito, tra i quali lo spagnolo ed ex segretario generale Nato Javier Solana, il russo Igor Ivanov un tempo a capo della diplomazia di Mosca e lord David Owen, ex ministro degli Esteri britannico. Fra i firmatari desta preoccupazione la minaccia sollevata da Donald Trump, sempre pi orientato a cancellare quello che ha definito a pi riprese peggior accordo di sempre Azioni unilaterali da parte degli Usa sarebbero un errore che finirebbe per minare gli interessi di Washington e l degli Stati Uniti in Europa, oltre che la cooperazione in ambito di Consiglio di sicurezza Onu.

Sebbene di durata limitata e pur non essendo il migliore possibile, il Jcpoa a detta dei firmatari dell ha garantito una stretta decisiva al programma atomico degli ayatollah e rilanciato la cooperazione economica e commerciale con l Infine, anche se gli Usa dovessero recedere l deve andare in direzione contraria e fare di tutto per salvaguardare e mantenere in vita l nello spirito e nei fatti. (DS)

20/05/2016 08:57:00 IRAN

Governi occidentali invitano banche e imprese a promuovere il commercio con l’Iran

Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito incoraggiano societ e finanziarie e riprendere, nell della i rapporti con Teheran. La rimozione delle sanzioni solo parziale e restano i timori di ostacoli e ritorsioni da parte di alcuni governi. Finora le banche europee si sono mostrate nel riallacciare i rapporti con l

03/04/2006 CINA UNIONE EUROPEA STATI UNITI AUSTRALIA

Cina, Stati Uniti, Ue: si profila una guerra di dazi

L’Ue impone tariffe all’importazione di scarpe cinesi, Usa e Ue si appellano all’Omc contro le imposte cinesi per l’importazione di parti di autoveicoli. Intanto la Cina acquisterà 20 mila tonnellate annue di uranio dall’Australia.

05/05/2006 KAZAKISTAN STATI UNITI UNIONE EUROPEA

Cheney in Kazakistan per un progetto di gasdotto che non passi per la Russia

Dovrebbe passare sotto il Mar Caspio, fino alla Turchia. Usa e Ue vogliono realizzare vie che non passano per la Russia.

06/12/2007 CINA USA UNIONE EUROPEA

Usa e Ue premono su Pechino, rivalutare lo yuan

Il segretario Usa al Tesoro alla vigilia della sua partenza per la Cina rinnova l’invito a rivalutare lo yuan. L’Ue ora accusa Pechino di favorire le proprie ditte con sussidi per l’acciaio, rendendole più competitive di quelle europee. Per contenere l’inflazione, Pechino annuncia che cambierà la politica monetaria.

09/10/2007 CINA UNIONE EUROPEA

L’Europa contesta il cambio troppo basso dello yuan

I ministri delle Finanze dell’eurozona criticano Pechino perché tiene artificialmente bassa la sua valuta, lucrando vantaggi negli scambi commerciali. La questione sarà affrontata il 19 ottobre al prossimo incontro dei G7. Ma c’è divisione nell’Ue. 00889190153 Tutti i diritti riservati: e’ permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L’utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire puo’ avvenire solo previo accordo con l’editore. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvedera’ prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate
ugg classic short grey USA Iraniani per la globalizzazione e commercio con l'Europa

zalando ugg boots vigili aggrediti dagli immigrati

stivali tipo ugg vigili aggrediti dagli immigrati

Se la rabbia degli stranieri contro i vigili ha un volto, il volto tumefatto dell’agente Federico Carrozzo, 31 anni. Era appena uscito dall’ospedale dopo le botte nella guerriglia di Chinatown, il 12 aprile, e c’ rientrato ieri sera. In prognosi riservata. Ferito, con due colleghi, da 60 peruviani che al Parco Cassinis, periferia Sud Est della citt , hanno risposto a un controllo su un connazionale venditore di Nike taroccate.

L’uomo stava scaricando da un furgone scatoloni e scatoloni di scarpe a prezzi stracciati paia a 10 euro, per esempio quando sono comparsi 10 vigili. Controlli e manette. Lui ha urlato. E chiamato a raccolta i connazionali, in gran parte donne. Una massa urlante, infuriata, eccitata dagli alcolici tracannati in quantit industriale per tutto il pomeriggio. Le bottiglie sono diventate armi, tirate addosso agli agenti. Bottiglie in testa, bottiglie sui visi, bottiglie ovunque. Cinque arrestati, alla fine. Da inizio anno, 37 vigili finiti all’ospedale. A gennaio, l’aggressione di ambulanti senegalesi. Ad aprile, appunto, i cinesi.

Due settimane fa, un centinaio di nomadi romeni che pretendevano dal Comune roulotte per viverci dentro. A Milano, Forza Italia protesta ( Dove sono carabinieri e poliziotti? ),
zalando ugg boots vigili aggrediti dagli immigrati
il sindacato dei vigili Siapol suggerisce ( Maggiore dotazione di mezzi e strumenti ) e il vicesindaco Riccardo De Corato sbotta: Adesso basta . Basta ai clandestini ( Sono a quota 100mila: troppi ) e alle zone franche. Come i parchi pubblici. Parchi che pagano dazio, nel fine settimana, all’abbandono dei milanesi destinati ad altri lidi, tipo quelli liguri. D’accordo: ma soluzioni?

Ancora De Corato: Bisogna insistere con il far rispettare le regole. Tolleranza zero. Chi sgarra, deve andarsene. Certo, Milano, sull’emergenza stranieri, sinceramente non ce la fa pi . Continuiamo a chiedere aiuto al governo, ma non vediamo nessun miglioramento . Da fine aprile, il Comune ha fatto scattare l’operazione Verde sicuro , con una squadra di vigili addetta al controllo dei giardini pubblici. Luogo dove le comunit extracomunitarie si incontrano, mangiano, parlano e si divertono, perch , comunque, un parco dev’essere pur sempre un posto d’aggregazione e relax.

E per , forse approfittando di una generale scarsa sorveglianza, ci sono bande di immigrati che nei parchi piantano le loro attivit illegali. Cos ha fatto il peruviano che al Cassinis ha scatenato il putiferio. Per fortuna disse il 12 aprile l’agente Federico Carrozzo mi ha aiutato un collega. Altrimenti, sarei potuto morire . Ieri sera, Carrozzo era l , in ospedale, sanguinante, a ripetere le stesse parole
zalando ugg boots vigili aggrediti dagli immigrati

ugg sale uk Un’estate magica

ugg boots outlet Un’estate magica

Dopo il successo del suo ultimo romanzo, ”L’eco lontana delle onde del nord” (Giunti 2015), che l’ha confermata un’autrice bestseller internazionale, fra le più amate nel campo della narrativa femminile, Corina Bomann ritorna con ”Un’estate magica”, un libro romantico e divertente da leggere tutto d’un fiato.

E’ un po’ di tempo che le cose per Wiebke non vanno per il verso giusto. Non ha passato uno degli esami più importanti del suo corso di laurea in biologia, ha lasciato il fidanzato che la tradiva, e la sua migliore amica passerà delle romantiche vacanze con il nuovo amore, lasciandola sola in città per tutta l’estate: una prospettiva davvero sconfortante. Chissà se la zia Larissa vorrà ospitarla per un paio di settimane nella sua casa in campagna sulle sponde del lago di Mritz? Da sempre un mito per Wiebke, Larissa è single, indipendente e creativa; è fuggita dalla città dopo aver tagliato i ponti con la famiglia in maniera turbolenta. Wiebke non conosce il segreto che sta dietro a questa decisione: sa solo che dodici anni prima Larissa ha perso in modo tragico il suo grande amore, e da quel momento si è rifugiata in campagna, dove dipinge magnifiche scarpe da sposa e coltiva more, circondata dai suoi animali.

L’arrivo di Wiebke, con la sua vitalità e il suo affetto, crea scompiglio nella vita di Larissa e del piccolo paesino in cui vive, mettendo alle strette la zia: è giunto il momento di imprimere una svolta alla sua esistenza, complice anche il nuovo, misterioso vicino di casa. Ma riusciranno le due donne a reagire agli imprevisti che ogni trasformazione porta con sé?.
ugg sale uk Un'estate magica

ugg for women Working Week di Federico Pace Blog Archive Il primo lavoro

ugg ebay Working Week di Federico Pace Blog Archive Il primo lavoro

Per i giovani un’offerta di lavoro su quattro è un tirocinio. Si trasforma in assunzione nel quaranta per cento dei casi. Le aziende lo utilizzano per conoscere la capacità dei futuri dipendenti. Ma i ragazzi dicono che “tappano buchi” e imparano poco. E per il 60% dei laureati, il primo stipendio non supera i 15mila euro l’anno.

Fine agosto, il grande rientro alle nostre spalle da poche ore. Oggi è il primo vero lunedì di attività e l’estate pare già dimenticata per sempre. Le imprese riaprono le porte e tornano a chiamare i candidati. Torna il lavoro. Un poco di più rispetto agli anni scorsi. Ma torna in forme sempre più difficilmente afferrabili. Il lavoro, viene da dire, è diventato sempre più “liquido” e caratterizzato come dice il sociologo Zygmunt Bauman da legami fragili, mutevoli, sempre in discussione.

rientrata al mio posto da stageista. bella esperienza? sì, sicuramente. peccato che non esista il rimborso spese, e quindi per lavorare (come molti ho una laurea e un master costosissimo) mi trovo a spendere senza guadagnare. inoltre le aziende non ci prendono per insegnarci a lavorare (tanto che io qui non ho un senior a cui far capo), ma per non pagare lavoratori veri e propri, e per poter avere un facile riciclo di personale. e noi a 25 anni ci ritroviamo a dover fare due lavori per non farci mantenere dai genitori. e poi dicono che la nostra generazione è abituata ad avere tutto.

Postato lunedì, 28 agosto 2006 alle 10:48 am da Giovanni

Mi sono laureato poco meno di due anni fa, e da allora ho svolto due stage:

il primo è durato dieci mesi (retribuito 500 euro al mese) ed il secondo della durata di nove (830 euro al mese lordi)

Di stage avevano ben poco, trattandosi per lo più di lavoro sottopagato, avendo le stesse mansioni dei dipendenti

In compenso ho fatto esperienza, e tra poco inizierò a lavoraro a tempo indeterminato presso una società di consulenza.

Sebbene quindi lo stage sia uno strumento sempre più abusato dalle aziende (quelli che effettivamente si trasformano in contratti sono pochi), ti consente di accumulare esperienza in attesa di tempi migliori (molto meglio di tanti master dai nomi improbabili e dai costi proibitivi).

Postato lunedì, 28 agosto 2006 alle 10:56 am da Ale

io sto tuttora sopportando due stage part time. dopo aver fatto 3 mesi gratis ho ricevuto un rimborso spese ridicolo (150 euro al mese). devo ringraziare mio fratello e la famiglia che mi permettono di entrare nel mondo del lavoro che voglio fare.

e sono cmq agli sgoccioli delle riserve finanziarie.

penso che se si vogliano mantenere gli stage bisogna almeno per legge obbligare un rimborso spese che non sia ridicolo. per permettere a tutti di farlo. e penso che sia una vergogna che un datore di lavoro creda che prendendo uno stagista equivalga a fargli un favore. si dovrebbero vergognare come esseri umani. anche un tirocinante deve vivere

Postato lunedì,
ugg for women Working Week di Federico Pace Blog Archive Il primo lavoro
28 agosto 2006 alle 11:04 am da gabriel

Di tirocini ne ho fatti due. Attualmente sono in stage presso un’azienda multinazionale, ufficio risorse umane. Il mio compito è proprio quello di reclutare gli stagisti. Da Gennaio 2006 ad oggi hanno svolto un periodo di stage in azienda 28 persone e attualmente ce ne sono 10, me compresa. Nel 2005 gli stage sono stati 31, nel 2004 27. In questi tre anni i tirocinanti assunti sono stati 2.

In aziende come quella in cui mi trovo ora, gli stagisti sono carne da macello,non importano le qualità, le capacità, le potenzialità. Importa solo per quanto tempo possono essere sfruttati e soprattutto che non se ne vadano prima del tempo. Se questo accade scatta il panico e la corsa feroce al reclutamento. Ovviamente nessuno stage prevede retribuzione.

A mio modo di vedere lo stage è sfruttamento non opportunità. e dopo circa 2 anni come dipendente.

Vedendo adesso le cose un po’ “dal di fuori”, devo dire che quello che ho fatto non è un percorso sbagliato, anche se ovviamente mi sarebbe piaciuto guadagnare qualcosa fin da subito. Certo che il fatto che le Università ricevano fondi (anche) in base al numero di laureati e alla media dei voti non aiuta.

Postato lunedì, 28 agosto 2006 alle 11:09 am da Marco

Sono fortunato. A tre mesi dalla laurea stage di 4 mesi a 750 euro netti + alloggio. Rinnovo 4 mesi. 1 mese a casa. 6 mesi a progetto in un altra azienda e poi assunzione a tempo indeterminato. Credo che lo stage possa essere un valido strumento per farsi conoscere e imparare (se adeguatamente retribuito: si lavora!!!). Il progetto può andar bene come periodo di prova, se molto breve, anche se credo che per sua natura tale contratto si adatti più a consulze svincolate da obblighi di orari e mansioni da dipendente. Per questi lavori sembrerebbe meglio il contratto a tempo determinato, anche se più oneroso per le imprese. Rendere meno conveniente assumere progetto potrebbe essere una soluzione. In bocca al lupo, ragazzi. Sono con voi

Postato lunedì,
ugg for women Working Week di Federico Pace Blog Archive Il primo lavoro
28 agosto 2006 alle 11:15 am da Alessio

cosa penso del lavoro stage borsista cococo.?

un modo per evadere i diritti ai lavoratori e renderlo schiavo del padrone, privare il lavoratore di un diritto fondamentale: la PAROLA e la DIGNIT.

ugg rylan Usi e costumi cinesi

ugg joslyn Usi e costumi cinesi

Aspetto fisico dei cinesi La gente della Cina bianca, eccetto alcuni delle provincie australi, che per participare e star vicine alla zona torrida, sono alcuni di color fosco. Tengono puoca barba e molti nessuna, e quella puoca che tengono dritta senza nessun modo di crespo e gli nasce tardi per il che i loro giovani di trenta anni sono come i nostri di vinte. Gli occhi molto piccoli, neri, molto ovati et in fuora e, s gli occhi come le ciglia, stanno pi alte dalla parte di fuora che da quella di dentro; il naso notabilmente piccolo, e le orecchie non molto grandi. Il colore de’ capelli e della barba anco nero, et difformit tra loro esser di pelo biondo o rosso. Alcune provincie hanno il viso quasi di forma quadrata: nella provincia di Quantum, che noi chiamiamo Cantone, e Quansi molti in ambe doi li diti piccoli del piede tengono due unnhue, come tutti i Cocincinesi o loro vicini, e pare che anticamente avevano sei diti nei piedi.

Le donne sono tutte piccole e la magior parte della loro leggiadria pongono nei piedi piccoli; per questa causa dalla loro fanciullezza gli in fasciano strettamente i piedi e non gli lasciano crescere, e cos sono tutte stroppiate si pu dire de’ piedi, andanno sino alla morte con quelle fascie, e non possono ben camminare se non come zoppicando; e pare fu inventione de qualche savio huomo per non lasciarle andare per le strade e starsene in casa, come alle donne pi conviene.

Gli huomini, e le donne parimente, lasciano crescere i capelli senza tosarsi mai, fuori i fanciulli piccoli et una sorte de’ loro Ministri degli idoli, che si radono ogni settimana la testa e la barba. Gli huomini gi adulti raccolgono tutti i capelli con una scuffia di rete fatta di capelli di coda di cavallo e di huomini o di seta, e nel mezzo escono fuora con un nodo galante che gli danno. Le donne tengono i loro ornamenti della testa di oro, argento, perle et altre cose pretiose, con pendenti alle orecchi, ma non usano di anelli nelle dita. (E 73 74)

Eunuchi Nelle parti pi boreali usano di un’altra inumanit verso de’ figliuoli, che castrarli quando sono piccoli, all’istesso modo che fanno i Turchi, per porli poi al servitio del Re, il quale nel suo palazzo non usa di altri servitori che di eunuchi e di donne per s per le sue Regine e concubine. Questo custume hebbe origine d’anticamente solersi gastigare certa sorte di delitto con simil gastigo, e condennarsi al perpetuo servitio del palazzo del Re. Di poi vennero questi a tenere tanto podere nel palazzo, che molti pigliorno questo mezzo per stare pi appresso al Re, et a questo tempo arriv a tale che tutti i servitori, Consiglieri e pi amici del Re, e che si pu dire governano questo regno, sono eunuchi, de’ quali stanno nel Palazzo dieci milia; e conciosia cosa che loro sia tutta gente plebeia, povera di sua origine, senza lettere et allevata in perpetua servit la pi stolida e vil gente di questo regno, la pi impotente e inepta per far nessuna cosa grave. Di qui si pu facilmente raccogliere che educatione avr il Re di s grande regno fra questa gente e fra donne anco senza nobilt come di sopra si disse; il che ben vedono e piangono i loro savij. Percioch continuamente si fanno e dentro e fuora del palazzo molte ingiustizie e crudelt senza potersegli resistere o dar rimedio, n con forza n con buoni consegli, posciach questi eunuchi soli parlano con il Re, e n virt n autorit n animo tengono per parlargli altra cosa se non quello a che vedono pi inclinato quello che pensano essere il suo Dio. (E 82 83)

Foggia degli abiti Si huomini come donne usano di vesti lunghe sino alla terra; gli huomini con una parte della toga, che con binnelle ligano alla mano dritta; le donne ligano nel mezzo; e se bene ambe dua tengono maniche lunghe, come i nostri Venetiani, quelle per degli uomini sono serrate lasciando solo quanto possi uscire la mano, quelle delle donne sono aperte.

Nelle berrette de gli huomini fanno molti lavori e galonterie di lavori molto fine, e le pi preggiate sono fatte de peli di coda di cavallo; nel inverno sono di feltro, et adesso anco fanno di veluto; ma quello che a’ nostri pi strano delle scarpe, che sono tan bene lavorate con seta e varij fiori che n le nostre donne le usano di tanta galanteria.

Non cosa se non di gente assai plebeja scarpe di corame se non fosse alcuna volta nelle sole. Le berrette di letterati sono quadrate, gli altri non possono portare se non berretta ritonda. Tutti spendono mezz’hora almanco alla matina in pentinarsi e comporre i capelli, che sarebbe ai nostri di grande faticha.

Sogliono anco infasciare i piedi e legare con certe fascie lunghe di tela, perci le loro calze sono sempre molto larghe; non usano di camiscia, ma lavano molte volte il corpo. Usano per le strade farsi portare un obrero grande da suo servitore per difendersi dal sole e dalla pioggia; gli poveri ne portano uno pi piccolo con le sue proprie mani. (E 74)

Gli inviti Dunche, volendo invitare alcuni a Convito solenne, il giorno inanzi, o anco molti giorni prima, gli mandano un libretto di invito di quei che di sopra dicessimo, nel quale, scrivendo il suo nome e con puoche parole eleganti e di molta cortesia, dicono avere apparecchiato un mangiar leggiero di foglia, e lavati i bicchieri per invitare tal giorno a tal hora (che ordinariamente di notte) in tal luogo, a sua Signoria per udire la sua bella dottrina et imparare qualche cosa, priegandolo gli vogli fare quello favore. Dipoi in un taglio di Carta roscia scrivono il nome grande di quello che invita con molti titoli, conforme alla qualit della persona; e questo fanno a ciascheduno de gli invitati. L’istesso giorno del Convito, per la mattina, tornano a mandare un altro libro della istessa foggia, ma non dicono altro che priegar che va presto; et all’hora destinata mandano il 3 che chiamano de ire all’incontro all’invitato. (E 61 62)

La sala da banchetto Arrivati al luogo e fatta la solita cortesia, si pongono a sedere nella sala e bevono prima il Ci e dipoi vanno al luogo del Convito, che suole essere molto bene adornato, non con spalliere, di che loro non usano, ma di molti quadri di pinture, cocci di fiori et altri vasi e cose antique. Ad ogn’uno si d una tavola di un braccio e mezzo in lungheza ed un braccio in larghezza, et alle volte sono due tavole una avanti all’altra e di fuora con un paramento assai bello, come de’ nostri altari. Le sedie sono anco molto belle, inverniciate et indorate, con varij lavori, intagliate e pinte di tutti colori, anzi tutte queste sale sogliono avere tutti questi simili lavori e pinture molto belle. (E 62)

Posate Non usano nel mangiari de forcine, n di cocchiari, ma di certe bacchette sottili, di un palmo e mezzo lunghe, le quali pigliano di tal garbo con la mano dritta, che mangiano tutto quanto si pone a tavola senza mai toccar niente con le mani, con molta destrezza. vero che necessario che tutto quanto si pone a tavola venga trinciato in pezzetti, se non fusse cosa di s liquida o molle, come ovi, pesci et altra cosa simile, che con l’istesse bacchette si possa spiccare, e di nessuna guisa appare coltello nessuno nella tavola. Il loro bevere sempre cosa molto calda, anco nel mezzo della state, o sia quella loro decottione di Ci o vino, o altre cose liquide che pare cosa molto utile alla sanit Per questo vivono molti anni di vita, e sino a settanta e ottanta anni sono assai pi robusti che i nostri, e da qui anco penso viene che loro non hanno il male della pietra o di arenella, come hanno s soventemente i nostri europei, che sempre bevono cose fredde. (E 61)

T Una d’un arbucello infruttifero delle cui foglie fanno il Ci , cosa assai preggiata da quelle parti et anco nelle circumvicine, cui uso non antiquissimo nella Cina per non ritrovarsi tal lettera ne’ libri antiqui, e cos pare che ne’ nostri boschi vi sar anco questo genere di arboscello. Queste foglie cogliono nella primavera e seccano all’ombra, e guardano per fare una decottione di acqua, della quale usano molto per essere di molto gosto al bevere et utile alla buona dispositione e digestione, bevendosi sempre assai calda, e tutto il giorno, si pu dire. Percioch non solo alla tavola, ma anco tutte le volte che viene uno di fuora alla loro casa, la prima cosa che si presenta a tutti una tazza di Ci per bevere e di poi va continuando, se sta molto tempo, tre e quattro volte. Ve ne di molte variet uno pi perfetto che l’altro; e cos vale alle volte un scuto la libra et altre doi e tre. Nel Giappone pi caro, e vale dieci e dodici scuti il pi fino; ma per l’uso di esso qualche cosa differente dalla Cina; perch nel Giappone macinano queste foglie come farina e depoi in ogni tazza di acqua calda ne bottano uno o doi cocchiaretti, et cos insieme con l’acqua lo bevono. Nella Cina mettono in un vaso di acqua calda una mezza oncia di questa foglia, e de quella acqua bevono lasciando le foglia nel vaso. (E 18)

Servizio del t Posti a sedere, subito viene un servitore con veste lunga e accorto, con una tavoletta con tante tazze di quella decottione di Ci , di che parlassimo nel 2 capitolo. Quanti stanno a sedere, e cominciando dal primo luogo sino all’ultimo che quello del Patrone di casa, tutti pigliano la sua nelle mani. Dentro della tazza viene anco qualche frutto secco o conserva dolce et un cucchiarino di argento et altra cosa galante per mangiare le frutta che vengono nel Ci ; e, se stanno molto tempo a sedere, ritornano due e tre e pi volte a dare questo ci variando sempre quelle frutta secche e conserva che mettono dentro. (E 60)

Giochi Il giuoco di carte e dati, che anco usato in queste parti, solo di gente bassa; i pi gravi usano per passa tempo, et anco per giuocar denari, del tavoliero et anco de’ scacchi assai simili ai nostri, se non che il Re mai esce delle quattro case intorno al suo luogo, ne anco doi letterati che stanno al suo lato; non hanno la Donna, ma tengono doi pezzi assai artificiosi, che chiamano pannella di polvere, che stanno avanti ai doi cavalli dietro alla pedina, che in questi doi luoghi sta avanti una casa. Questo pezzo nell’andare simile al Rocco, ma nel ferire e dare scacco sempre bisogna che vi sia nel mezzo un scacco, o sia proprio o dell’adversario, di modo che per difendersi della sua ferita o scacco, vi sono, l’oltre il mutarsi, altri doi; l’uno porre un altro pezzo nel mezzo, o togliere, se nostro, il pezzo che sta di mezzo.

Il pi grave di tutti i giochi uno di pi di ducento pietrine in ambe le parti bianche e nere, in un tavolero di trecento casette, e con queste, che vanno ponendo una ad una, procurano l’uno al altro por nel mezzo alcune dell’adversario, restando signore di quel campo; e di poi nel fine quello che guadagn pi campo del tavolero il vincitore. I mandarini sono tanto dati a questo giocho che occupano alcuni molta parte del giorno in esso, durando un giocho pi di un’hora; e quei che sanno ben giochare a questo giuoco, se ben fosse persona che non avesse altra abilit sono in ogni parte accarezzati et imitati, et alcuni gli pigliano per maestri per insegnare a giocare a questo giuoco. (E 76 77)

Cerimonie nei saluti e nelle visite Non tengono per cortesia tirarsi la berretta, o far riverentia con i piedi e molto manco abbracciarsi o basciare le mani o altra cosa che si presenti ad altri. La pi commune cortesia loro unire ambe le mani e le maniche, che sempre portano molto lunghe, et alzarle e poi abassarle di rempetto dell’uno all’altro, dicendo l’un all’altro: zin zin , che parola senza nessuna significatione, se non di far cortesia. Quando si visitano, et molte volte anco quando si incontrano nella strada, con l’istesse mani unite, doppiando tutto il corpo, abbassano la testa presso al suolo, l’uno all’altro et anco molti insieme, che chiamano zoi . Quando facciano questa cortesia il magiore all’inferiore in et o dignit et il Patrone di casa, o visitato, a quello che viene a visitare, sempre lo pone a mano dritta (bench nelle parti settentrionali del regno si ponga a mano sinistra); e molte volte, dipoi di alzati in piedi, l’altro ancora trapassa all’altra parte sinistra e fanno la stessa inclinazione ponendolo a mano dritta, come pagando l’honore che gli fece. E quando fanno questa cortesia nelle strade si voltano ambedua alla parte settentrionale, in casa alla parte pi alta e pi fonda della sala, che anco suole essere al settentrione, per essere lo stile di questo regno che tutti li palazzi, tempi e case fatte con buona regola, o tutta la casa, o almeno le sale per ricevere le visite, siano con la faccia al mezzogiorno, dove anco hanno la porta.

Quando vogliono far magior cortesia, o per esser la prima volta che si veggono, o per esser molto tempo che non si videro per star lontani, o per congratularsi di qualche buona nova che ebbe o cosa che gli successe, o per darli gratia di qualche benefitio, o per esser qualche festa solenne, di poi di fatta la detta inclinatione, si pongono ambedua di ginochi et abassano la testa sino al suolo. E ritornando a levarsi in piedi, tornano a far la stessa inclinatione e poi porsi di ginochi con la testa in terra, tutto questo quattro volte. Ma quando si fa questo a persona magiore o per esser suo Padre o superiore o persona di molta autorit quello a chi si fa se ne sta in piedi nel pi alto luogo della Casa senza porsi inginochione, e solo, conforme alle persone, gli risponde alla cortesia con le mani unite o facendo una inclinatione non molto fonda dal luogo dove egli sta. (E 57 58)

Cerimonie nelle visite e “libretti” da visita Nel visitarsi, anco persone parenti e ben conosciute tra di s ogni volta che uno visita all’altro in sua casa, o va a pagare la visita, entrato nella porta, d un libretto con il suo nome scritto con varij modi di humilt conforme alle persone che visitano o sono visitate; il quale il portiero presenta e lascia a quello che visitato e, se sono molti quei che sono visitati o visitano, molti anco sono i libri. Sono questi libretti ordinariamente di dodici foglia e di carta bianca, un palmo e mezzo lunghi, e nel principio con un taglio di carta roscia nel mezzo e spesse volte posto dentro d’una borsa anco di carta bianca e con l’istesso taglio di carta roscia di fuora. In questi vi tanta variet che bisogna in casa tenere vinte e pi cassette con titoli diversi e pieni di essi, per il continuo uso di ogni giorno. E cos bisogna che nella portaria habbiamo un libro, come anco fanno tutte le persone gravi, nel quale di giorno in giorno scrivono quei che vengono a visitare, per potere dentro di tre giorni irgli a pagare la visita. Ma s come, quando non stanno in casa o non possono uscire alla sala quei a chi visitano, lasciano il libro, cos anco, quando si paga la visita, basta lasciare in casa il nostro libro, e con questo restano satisfatti.

Questi libri, o quella righa sola in che si pone il nome, non scritta ordinariamente dal proprio autore, ma basta esser scritta da qual si voglia. E, quanto persona pi grave, tanto magiore la lettera che si scrive in essi; talch alle volte ogni lettera di un dito in largo, e con dieci lettere empiono una righa dal capo del libro sino al fine, secondo il loro modo di scrivere. (E 58 59)Nel mandare i presenti, et anco quando qualcuno presenta le cose andando in persona a sua casa, usano dell’istesso libretto e, oltre il suo proprio nome, al modo gi detto, scrive tutte le cose che d di presente, una per una, ciascheduna nella propria righa molto attillatamente. Ma perch questi presenti si fanno spessissimamente, e sono obligati a rispondergli con altro presente dell’istesso valore, non tra loro nessuna discortesia non ricevere il presente che si manda o egli stesso ci porta e non ricevere tutto quello che si manda. Soventemente se gli torna a mandare o tutto o parte di esso, senza sdegnarsi quello che presenta, mandando un altro libro dell’istessa forma, nel quale o dia le gratie del presente che riceve o ricusandolo o scrivendo le cose che riceve e quelle che gli torna a rimandare con molte cirimonie. anco cosa nova ai nostri in questi presenti molto frequentemente mandare denari; hora dieci scuti, hora cinque, hora doi et alle volte doi e tre giulij, persone gravi a altri inferiori, o inferiori a persone maggiori. (E 59)

Abiti per le visite I magistrati e graduati quando fanno queste visite vestono il loro vestito del proprio offitio e grado, che assai diverso del commune. Quei che n hanno offitio n grado, e sono persone gravi, hanno anco un vestito proprio di visita, pur diverso dal ordinario, con il quale ricevono e fanno queste visite, come anco noi pigliassimo in questo regno. E quando a caso si incontrassero doi, uno col vestito di visita e l’altro no, non fanno loro cortesie senza l’altro ir a vestire il vestito conveniente che sempre fanno portar seco ai servitori quando vanno fora di casa. E quando questo non pu essere, quello che sta vestito di cortesia si toglie di dosso quello vestito e resta con l’ordinario, e con quello fanno le cortesie, che di sopra dicessimo. (E 59)

Accoglienza degli ospiti Fatta la cortesia, obligato il Patrone di casa o il pi grave, quando sono molti, e pigliare le sedie de’ forastieri e porle una per una in ordine nel primo e pi alto luogo, e con le maniche spazzarle, ancorch stessino nettissime. E se le sedie stanno gi poste nel detto luogo in ogni modo necessario che con ambe le mani tocchi tutte, come assettandole bene che stiano ben ferme. Di poi il pi grave degli forastieri piglia la sedia del padrone di casa e la pone de rimpetto della sua e all’istesso modo la netta con le maniche. E dopo lui gli altri forastieri, conforme alla loro dignit uno doppo l’altro, fanno l’istesso a questa sedia e la tornano a nettare, se ben fussero vinte e pi persone, stando il Patrone ad un lato inclinato con le mani unite e dando le gratie e ricusando il favore che gli fanno.

I forastieri nel porsi a sedere fanno anco molte cerimonie in cedere l’uno all’altro il mezzo o il luogo magiore, stando tutti in pie’, alle volte pi di un quarto d’hora. In questo il patrone di casa non si mette, ma i forastieri si danno il luogo pi grave gli uni e gli altri, se bene tutti sanno chi si deve porre a sedere nel migliore, o per la et che prende tra quei della stessa terra, o per la dignit come si fa nelle corti, o quello che precede, o tutto per esser di pi lontano paese; e per questo noi altri in puochi luoghi lasciano di darci il luogo sopra tutti o niente ci vale il ricusare. (E 59 60)Nella architettura sono inferiori ai nostri, s nella bellezza come nella fortezza degli edificij, nel che non so si sieno pi di biasmari i nostri che i Cinesi, i quali non edificano se non per durare gli puochi anni che hanno di vita e non migliaia di anni come i nostri. Et il commune etiamdio dei grandi palazzi del Re et altri signori sono app piano e senza cantina sotto terra; e cos non ponno loro n credere n imaginare la magnificentia delle nostre fabbriche pubbliche e de’ particolari, e stupiscono quando gli diciamo che ordinariamente le nostre case durano centinaia di anni, e ve ne sono alcuni edificij di mille e due milia anni, che stanno anco in piedi e molto forti, e sicome la causa del durare i nostri tanto sono gli alti e buoni fondamenti che gli facciamo, alle volte pi profondi di quello che hanno d’essere alti, cos la causa di durar puoco i loro perch o non vi fanno nessuno fundamento, se non fosse il porre sotto qualche pietra e battere la terra, o si lo fanno, non sono di un braccio o doi de fundo, anco in muri, torri et altri edificij altissimi; e cos puochi arrivano o passano di cento anni, anco gli edificij de’ muri della Citt e palazzi regali, senza l’essere renovati molto soventemente, oltre che, come habbiamo detto, gli edificij delle loro case sono la magior parte di legno. (E 20 21)

Stampa La stampa tra loro pi antica che fra noi, poich l’hanno pi di cinquecento anni addietro ma assai diversa dalla nostra. Percioch le sue lettere sono moltissime e difficilmente si potrebbe usare del nostro modo, se bene adesso ne sogliono fare qualche cosa per via di Co
ugg rylan Usi e costumi cinesi

ugg australia outlet Vittorio Emanuele III

official ugg Vittorio Emanuele III

Nel 1931, anno IX dell’Era fascista, nella monetazione del Regno d’Italia debutta un nuovo massimale in oro, di peso minore dei precedenti (8,8 grammi a titolo 900, per 23,5 millimetri di diametro), ma di qualità artistica altrettanto eccellente. Per tre anni, infatti, viene coniata la 100 lire Italia su prora che, ad un bel ritratto di Vittorio Emanuele III in uniforme, decorato in basso dal nodo sabaudo,
ugg australia outlet Vittorio Emanuele III
abbina una classica ed elegante personificazione dell’Italia con le vesti mosse dal vento, che regge nella destra un ramo d’ulivo (simbolo di Pace) e con la sinistra solleva alta la fiaccola della Civiltà.

Nel 1932 in Italia circolano 291.587 automobili e, nello stesso anno, viene presentata la Fiat Balilla. La benzina costa 2 lire al litro, Il pane 1,73 lire al chilo, la carne rossa 9, le cipolle 80 centesimi. Per un abito da uomo servono 235 lire e per un paio di scarpe 50 ma, mentre un impiegato guadagna da 300 a 600 lire ed un funzionario circa 1.000, braccianti ed operai si fermano a 300. “Se potessi avere mille lire al mese” canterà non a caso, qualche anno dopo, Gilberto Mazzi.
ugg australia outlet Vittorio Emanuele III

ugg spray un’icona anche per la moda

ugg.com.au un’icona anche per la moda

Topolino è una vera e propria icona globale. Più di ogni altro personaggio animato, è presente nella vita di generazioni di spettatori, a cui regala, da sempre, edificanti momenti di divertimento, ottimismo e speranza. Topolino è simpatico, attivo, ottimista, è un leader nato, e tutte queste qualità lo rendono il protagonista perfetto di una serie di creazioni di moda che saranno apprezzate dai suoi fan di tutto il mondo.

La storia di Topolino nella mondo della moda:

Essendo un’icona pop e un riferimento culturale senza tempo, nel corso degli anni, Topolino ha influenzato molte menti creative e vari stilisti di alto profilo, diventando il protagonista di fantasiose e originali collezioni di moda. Inoltre, nel corso di una recente ricerca condotta in tutta Europa da The Walt Disney Company, è emerso che Topolino, insieme alla sua fidanzata Minnie, sono i personaggi preferiti in assoluto, apprezzati specialmente dagli adulti.

Topolino porta con sé un’aura di simpatia e di nostalgia in ogni collaborazione, e questo lo rende uno degli elementi della cultura pop più ricercati, nel campo della moda ed una grande fonte di ispirazione per gli stilisti che riescono a catturarne i tratti più iconici per amalgamarli nelle loro creazioni.

Il primo accessorio con l’immagine di Topolino risale al 1933, quando Ingersoll fabbricò un iconico orologio di Topolino, che resta uno degli oggetti più ambiti fra i collezionisti.

Ultimamente, il leggendario Topolino è stato scelto da una varietà di stilisti importanti. Nell’agosto 2011 i gioiellieri di Chopard hanno lanciato una collezione a lui ispirata che comprendeva orologi, anelli e bracciali. Stilisti come Castlebajac, Dolce Gabbana, Tommy Hilfiger, Comme de Garons e Anya Hindmarchhanno collaborato con Disney per creare capi di abbigliamento e accessori ispirati a questo incredibile personaggio.

Tuttavia, Topolino non solo influenza i creativi della moda,
ugg spray un'icona anche per la moda
grazie al suo appeal universale e alla sua capacità di stabilire un legame emotivo con persone di ogni età e nazionalità, ma è molto apprezzato anche nel mondo dell’arte e del design; è apparso infatti nelle creazioni di stilisti del calibro di Terence Conran e Ingo Maurer, e di artisti come Andy Warhol, Roy Lichtenstein e Claes Oldenburg.

L’anniversario di Topolino diventa l’occasione per ricordare la sua immensa eredità con lo sguardo rivolto alle future collaborazioni e progetti creativi. Topolino continua a rappresentare un personaggio chiave nel mondo della moda, e di recente è apparso nelle creazioni di marchi d’alto profilo quali Markus Lupfer, Marc Jacobs e Iceberg, Adidas, Vans and Birkenstock.

In occasione del suo 75 anniversario, Coach si è unita a Disney per creare una collezione limitata dedicata a Topolino, icona di tutti di tempi. La collezione presenta borse, maglie e scarpe da ginnastica arricchite dai disegni esclusivi degli animatori Disney.

Lo stilista Bobby Ableyè noto per il suo fascino, umorismo e intelligenza, oltre che per la sua passione per Disney. Dal suo studio londinese, Bobby Abley ha conquistato i mercati internazionali con il suo estroso ‘street style’ che presenta i personaggi Disney sulle passerelle.

Fra il 2016 e il 2017, sono previste altre collaborazioni con firme esclusive e marchi di moda, fra cui:

The Rodnik Band si è unito a Disney per creare la collezione ‘Guess Who’ in cui vedremo Topolino all’interno di un inedito contesto contemporaneo.

La collezione Disney x Lazy Oaf presenta 26 articoli di abbigliamento femminile e quattro capi maschili, arricchiti da applicazioni che riproducono i celebri personaggi di Topolino, Gli Aristogatti e La Carica dei 101. I fan della Disney saranno deliziati dalla visione dei cardigan lavorati a mano, delle giacche in stile universitario arricchite dalle orecchie più famose del mondo, e da una scamiciata con orecchie tridimensionali

A dicembre, Cath Kidston lancia una simpatica collezione ispirata a Topolino e Minnie, con stoffe a fiori e a pois e motivi ispirati alle favole Disney. La collezione comprende abiti e accessori femminili nonché stoffe per arredamento e articoli per bambini.

GAP si è unita a Disney per creare una collezione che susciterà sia nei bambini che nei loro genitori, la sensazione che tutto è possibile. La gamma è rivolta a bambini, ragazzi e adulti e presenta i personaggi di Minnie e Topolino,con un messaggio che celebra l’amore e l’amicizia.

La riuscita partnership fra il brand di accessori di lusso Anya Hindmarch e Disney è giunta alla terza stagione, con le esclusive spille di pelle di Topolino, e i giocosi e iconici motivi Disney stampati su borse,
ugg spray un'icona anche per la moda
cancelleria e calzature. A/I 16