ugg originali scontati Fabio Calefato

shop online ugg Fabio Calefato

vision and innovation helped make him a pioneer the likes of which the NFL has never seen before and won see again. Landry instantly brought an attitude to the huddle that wasn familiar to Dolphins fans. Have no problems with the politicians here, Davis said. He be OK. then they have something, much like (John Paul Jones Arena) frankly, that says, actually serious about this. pijamas primark If Anderson thrives, he can build momentum. Complementary exercises also include cable crossovers or a pec deck. PROBABLE: TE Charles Clay (knee), T Seantrel Henderson (illness), WR Chris Hogan (knee), DE Mario Williams (hand). mu2legendzen In any event, once you get on in years there comes a time in your life when you may decide you need to make the cafeteria sloppy joes extra sloppy, if you follow me. As Americans, we are fortunate to be able to speak openly and freely. Maxwell, an African American player for the Oakland Athletics, became the first major league baseball player to kneel during the national anthem. asics gold Tagliabue noted that Los Angeles, which has been without an NFL franchise of its own since the Raiders moved back to Oakland and the Rams went to St. Tough to see Dallas winning many games when he has that kind of stat line. He also rushed for 468 yards and two scores. The truck bed will have a groove cut underneath the edges of the truck side. is in a smaller market. Rookie DL Jonathan Allen left with a foot injury in the fourth quarter. Bump also cited that people weren chiming in to say that the anthem protests discouraged them from watching, because the subjects of the survey were provided choices for why they stopped watching. It the getup he sport for the next three days, wearing it to steakhouses, where men in Brioni stare at him in pique, and to jewel box bistros, where ladies who lunch glower at him over lobster salad. Could New Orleans be gearing up to make a significant change to its pass to run ratio, which has ranked No. There is no guarantee that a First Amendment lawsuit would succeed against pro teams even if they have accepted government money, Tushnet said. Door opened for Urbik to returnGase justified Saturday release of offensive lineman Kraig Urbik by saying that his surgically repaired right knee wasn going to be healed in time for him to contribute in the first month of the season. Nike Air Max 95 Baskets No way to tell the story without showing real football, without showing real football players, to get the blazerr texture and the understanding and the tremendous violence inside the game, director Peter Landesman said in an interview earlier this week. Trademarking phrases is nothing new: The most famous case is sports announcer Michael Buffer, who currently makes more money from his phrase get ready to rumble than he does from actually announcing boxers and letting them know that there might be rumbling. I want the game to stay, and I want it to be safe. Williams has been impressive in the preseason, catching six passes for 128 yards and a touchdown in the first two preseason games. After the Super Bowl, one week later, the Pro Bowl is played between the NFC and the AFC. I think even cooler! He an awesome support system to me and best friend so that makes a world of difference. His 667 receiving yards ranked 64th among NFL receivers and, more than that, Kerley isn even signed for 2017. Will wide receivers Jarvis Landry, Kenny Stills and DeVante Parker rally behind Moore, who is popular in the locker room, and put forth an inspired performance that will force coach Adam Gase (right) to make the quarterback battle a legit competition?. Cowboys knelt arm in arm before the national anthem when they played at Arizona two weeks ago. when I look at this as a whole thing, I not condemning anybody or criticizing anybody. TAMPA, FL JANUARY 09: Wide receiver Mike Williams 7 of the Clemson Tigers makes a reception against defensive back Marlon Humphrey 26 of the Alabama Crimson Tide during the fourth quarter of the 2017 College Football Playoff National Championship Game at Raymond James Stadium on January 9, 2017 in Tampa, Florida. People are more apt to come out, have a drink and party with their friends if they know there a giant flat screen TV with all the action on it. Between the two, Blizzard has regional, minor, and major league organizations covered. Q: I was confused by a series of calls near the end of the Seahawks Packers game. He due to make $8 million against the salary cap in 2016, $5 million of which the Bills could save by cutting him. Football is a sport that boys and girls of all ages can participate in. Jay Williams, who is serving his second term as mayor of Youngstown, followed other Ohio mayors by reducing his salary by 10 percent in 2009. Yeah, that was against an FCS teams, but it wouldn be all that unusual to see Edmunds to it again this week. You could put them in a game and mostly know what you going to get from them. chaussure nike air Build a Training SystemBefore you even consider entering a real competition, build a well rounded training system. But the hangover of this is an issue, too. To change your logo using this site, make the selections shown in Figures 1 and 2. He going to say, guy that disrespects our flag, he fired. Kyles offense is predicated on speed and quickness. He didn elude many defenders and was best running straight ahead. LB ADARIUS GLANTON had 1st career sack FF last week. The past several seasons, the NFL and college football have increased penalties and enforcement for illegal hits to the head and for hitting defenceless players. Our players have the freedom to express themselves in a respectful and thoughtful manner and we all agreed that our sole message is to provide and to promote an environment that is focused on love and equality. They use them to monitor trends and determine probability of the outcome of certain plays or the performance of certain athletes. While Kaepernick has remained silent on the subject, players like Eagles safety Malcolm Jenkins and media personalities like Bart Scott have all come out and said they believe Kaepernick is being blackballed for refusing to stand for the national anthem last year, and that he remains unemployed because of his efforts to raise awareness about racial inequality and issues like police brutality. Jets head coach Todd Bowles and Dolphins owner Steve Ross both joined their teams, arms interlocked, before Sunday AFC East showdown. As Coach Mark Stoops and his staff moved in, she took matters into her own hands by putting together a comprehensive recruiting binder in her own time. Speaking, I was just never in the right place at the right time. Salaries for NFL equipment managers are far below the players they work with, but most will have their jobs for a longer time. The Chicago Bears are the only NFL team without a state player, at least temporarily. Sandy Jr., once a powerful high school running back nicknamed Truck, is working toward his certification as a personal trainer. Party wants to antagonise the Dera because of its substantial vote bank. It was hard. I was about to doze off when I was jarred out of my trance by the flashy touchdown dance I saw on my other TV. felt like I was in this position I always dreamed of, but I wasn a complete person, wasn fully maximizing my time. Being sidelined allowed him to highlight areas in which he felt he was lacking. Other SalariesDespite a population of only 39,000 people, the city of Lima, Ohio pays its mayor $103,763 annually as of 2008. He suffered a bruised spinal cord and eventually retired at age 28. Fortunately for Tech, its cornerbacks don shy away from the challenge. aren surprised when it comes to Beth. Cameron Wake is a fearsome edge rusher and Ndamukong Suh has earned a reputation as one of the NFL best defensive tackles and together, they offer the Eagles offensive line a valuable measuring stick entering the final preparations for the regular season. Said in 2008 he wanted to be remembered for more than football. Stay healthy. Regardless when it comes, if he as good as the Eagles believe, that next one will be substantial. Players are most prized for executing assignments precisely as directed, and because NFL careers are short and contracts aren guaranteed unlike those of NBA or Major League Baseball players outspoken players who create distractions often do so at their peril. Trevor Siemian completed 59.5 percent of his passes and threw 18 touchdown passes and 10 interceptions in 2016. determining that a violation occurred, we applied the standard of proof NBA Jerseys Sales stated in the Integrity of the Game Policy: namely, preponderance of the evidence, meaning that a whole, the fact sought to be proved is more probable than not. This is a well recognized legal standard, which is applied in courts and workplaces every day throughout the country. If the two main team colors are a bit too overwhelming to use on all the walls, such as the orange and brown Cleveland Browns team colors, paint one wall in one of the two main team colors, using a secondary team color, such as white, for the other walls. Millions of sports fans around the world tend to show their team spirit by sporting tees, jerseys and other types of apparel with their favorite team logos. From 1997 to 1999, Carroll spent three seasons as head coach of the New England Patriots. Accuracy should be your number one goal with every throw when becoming a great QB. think our offensive line has a chance to be improved significantly, and I think our running game can benefit from that. So if the Cowboys are to win, their offense has to be the consistent force it was in 2016. She should have a firm grasp of grammar and be able to put a positive spin on various aspects related to her company or client. lunette ray ban prix tunisie We got some talent at that position, and we excited to see them. made a promise to her and I stuck to it. Nike Air Max 1 Considered the matchup of its rush defense against Elliott and a Cowboys offensive line peppered with all pro talent against strength, linebacker Shaquil Barrett said. a time and a place to voice their options about anything at all and that what America stands for, if you have an opinion, you are permitted to voice it any way you want but not at other people expense. For other employees, the national anthem protests hits closer to home. Jonathan Jones was the No. Ex NFL lineman Shane Dronett also committed suicide, in 2009 at age 38, due to delusions resulting from concussions, his family said. Offensive coordinator Dowell Loggains also said Howard had a good week of practice, so the all the potential is here for Howard to cut into Langford workload. Over the last several years, grassroots activists have pushed for change in the face of wholesale nfl jerseys considerable push back from police unions and other law enforcement. Alabama produces China Jerseys pro linebackers like an assembly line, but it has its share of hits and misses too. In fact, they haven lost their first home division game in a season since Week 10 in 2011 against Pittsburgh. Indianapolis broke the longest active SEC less first round streak by taking Alabama C Ryan Kelly at No. It was bigger than we ever thought it would be. David Carr played 12 years in the NFL, but never ascended as an elite level quarterback, in part because of the poor supporting cast in Houston to start his career. Green Bay Packers quarterback Brett Hundley (7) throws against the Minnesota Vikings in the first half of a football game in Minneapolis, Sunday, Oct. She called him a bigot and said it was the height of white privilege to ignore his white supremacy because it wasn a threat. In the sixth round, the Cleveland Browns selected Caleb Brantley, who was accused of doing pretty much what Mixon did. MOVING FORWARD: The Falcons are positioned well in the division, but don want to get ahead of themselves. Harry Kane world class? I don know and you don either. Before ECU, Prunty was the co coordinator at Cincinnati onTommy Tuberville staff, including the season the Bearcats played the Hokies in the Military Bowl. By shedding overpriced veterans and trading Sheldon Richardson for a second round draft pick last week, the Jets and owner Woody Johnson seem to have realized they need to feel some pain this year in order for long term gain. Because if you going to build one, you going to try to break ground within five or 10 years from now. Colin Kaepernick made for a convenient scapegoat, but that fan sentiment narrative more or less falls apart in light of the NFL postelection ratings rally. Practically speaking, the NFL sees no PR risk in getting behind that, or nearly none in supporting the military though the league has been criticized for a Senate investigation in 2015 that found NFL teams were charging military organizations for patriotism, the recognition they gotten at games. Although he was slowed in the final month of the season while wearing a cast on a broken hand, he continued to reinforce his standing as the game single greatest defensive force since Lawrence Taylor. The Raiders can name the score in this one. The course high point, at the summit of the Columbine Mine climb, is 12,550. worst nightmare as a GM is if you sign Colin Kaepernick and the president has you in his sights. With one of the Seahawks leading hitters, Erin Canter, out with an injury, Tarabella played the lead role on Tuesday with 13 kills. have a lot of respect for Hue Jackson, said Harbaugh. with my teammates, we all go through ups and downs, and there struggles in this life. He believes his adjustment to the NFL will be no different than what happened when he arrived at LSU. Many other NFL players took a knee during the national anthem in response to Trump comments that called for owners to fire players who didn stand for the anthem. Some members of the Oakland Raiders kneel during the playing of the National Anthem before an NFL football game against the Washington Redskins in Landover, Md., Sunday, Sept. Players who rise to the top of their high school conferences get noticed by college recruiters. Period. I decided to keep both plasma TV in front of the couch permanently. Even putting accidental annihilation of industries aside, the used clothes way of helping is also a horribly inefficient waste of money. I got linemen telling me they heard it, and I know New York has said there wasn a whistle, but I think I going to believe my offensive linemen over anyone in New York. His attempted pass to wide receiver Kenny Lawler was intercepted Raiders cornerback Briean Borders at the Raiders 6. Come June, if there a season, he add a second session a day, then tack on a third before camp. Or not, but it hasn been tested yet. If one looks at emotional intelligence and its role in business, one must also look at cultural diversity and learned behaviors and beliefs. On the other sideline, several members of the Miami Dolphins knelt during the national anthem. If the game is local, then the fire department, EMS, and police will have an absolute skeleton crew on duty, keeping a radio on hand in case a call comes in. Steklenski and Kantor used to share a common resistance to, well, using more resistance. can see that progress is being made and our commitment is, we have something called the Rooney Rule, which requires us to make sure when we have an opening that on the team or the league level that we are going to interview jerseys from china a diverse slate of candidates, Goodell said. asics gel nimbus 18 soldes All of this will be based on a reassessment of. asics sale 2017 There were also instances were players would trip over their own teammates, which I guess would be considered realistic but I would have liked to have more control and have the jump button work a little better. Ray is the owner of the Regional Indoor Football League. Just wanted my personal things, and I realize now that was stupid of me. One of these games, the Seahawks will resemble the Seahawks, and it could come against the Colts, who nearly blew a big lead at home against Cleveland. Louis and later Missouri. The ordeal has led McMahon to become an advocate for other women who seen the men in their lives taken far too soon. And most of them seem to be interested in following the Jets, too. The Times pointed out that it wasn comparing smoking to football. Ironically, Chicago must improve their defense which really tailed off in cheap nfl jerseys 2008, ranking only 21st in the league in total defense, and were particularly vulnerable against the pass where they were ranked 30th. Can you get paid the incredible $$ you get paid playing football,ANYWHERE else on this planet? Be grateful for the cool job you scored only because you live in America To Drew Brees and you could be looking at a frightening offense. buy mu legend zen Several Mock Drafts from experts3. overall pattern of lending indicates that it is demand driven by which countries want to borrow rather than by a Chinese master plan. wanted to come here and just address that piece because contrary to, at least what was depicted, I never run away from anything in my life. I wanted to make the team, so I took the pills. When the stadium opened, its $40 million HD video board was the largest of its kind in the world. Syd likes the attention but doesn quite know what to do about it. (16) S n pas connu un dbut de saison moyen (499 verges ses six premiers matchs) ce qui tait normal en revenant d srieuse blessure un genou, Adrian Peterson aurait fracass le record de 2105 verges qu tabli Eric Dickerson en 1984. Your offer did NOT meet the players halfway when it would have given 100 percent of the additional revenues to the owners. But, wait! There were other contenders in the rivalry to the Super Bowl. Each National Football League, or NFL, team employs a Football Operations Manager. The second format is free to join, but will cost you for most or all players you claim off waivers or as free agents after the initial draft period ends. There still lots I can improve I still think I should have been on the 53 man roster. Whether you on the homecoming court, playing in the band, or getting your underwear pulled over your head by a linebacker, football is a big part of shaping the life of an American high school student. FILE In this Jan. Like Bo, Lance allowed riders to cruise up beside him and chat. mu legend zen for sale Ratliff will have to sit out the first three games for violating the league Policy and Program for Substances of Abuse. Players are union members and part of the labour movement that has woven the fabric of America for generations, the NFLPA statement read. Baltimore has been rock solid but hasn yet faced a unit that can attack in as many ways as Oakland can. To tie it at 14. air jordan 11 soldes Brown played only nine seasons (1957 65) in the NFL before abruptly quitting and concentrating on his movie career. I am proud to be associated with so many players who make such tremendous contributions in positively impacting our communities. Which leads to. well aware that when we play football, sometimes we may get a concussion, Urschel said then. The New York Giants suspended veteran Dominque Rodgers Cromartie after the cornerback left the team facilities before practice on Wednesday. Rob, the father; Tracy, the mother; and the two boys, Bobby and Syd, bundling, gathering, stretching, testing, zipping, unzipping, strategizing, chattering away the nerves and the morning chill. It been said ad nauseam, but the league has done everything it can to position itself as moral arbiter, and it has succeeded beyond its wildest dreams. It was all about getting the timing down and now we starting to see the results of it. new balance The sun rises, the crowd swells, and the Leas make their way to the start. Fair Catch KicksThe NFL also allows drop kicks under a rarely used rule that allows
ugg originali scontati Fabio Calefato

ugg bambino Filippo Lovotti e il sogno americano

sale ugg Filippo Lovotti e il sogno americano

Quando Filippo è stanco lascia la scrivania e si siede su una sedia massaggiante, guardando un acquario enorme, nella stanza a fianco o fa una partita di bowling con i colleghi. Benvenuti a Zappos, corporation americana, succursale di Amazon, specializzata in vendita online di scarpe, vestiti e accessori con sede nella città surreale degli Stati Uniti: Las Vegas. Proprio nella City vive e lavora il piacentino Filippo Lovotti dove ricopre il ruolo di senior user experience designer per Zoppas. Dopo aver vissuto a San Nicolò e studiato al liceo artistico Cassinari, Filippo, già esperto web designer, comincia l ma la voglia di andare a vivere negli Stati Uniti è troppo forte. Parte allora per Los Angeles dove trova subito un impiego e poi si trasferisce Orange County,
ugg bambino Filippo Lovotti e il sogno americano
sempre in California, dove conosce la bionda americana Maria che presto diventerà sua moglie. Insieme decidono di trasferirsi a Las Vegas. Un mondo, per noi italiani, surreale, esagerato, ipertrofico dove Filippo ha trovato casa. benissimo qui a Las Vegas ed è qui che voglio. Quando guardo indietro, al mio passato vedo Piacenza, la mia famiglia, gli amici, la coppa e addirittura la nebbia. Tutto questo mi manca Ma da buon americano Filippo non si perde in un che non c più,
ugg bambino Filippo Lovotti e il sogno americano
ora guarda al futuro.

ugg argyle knit Fashion blogger outfit e streetstyle

ugg leona Fashion blogger outfit e streetstyle

Nuove scarpine nel mio armadio. e anche i (simil) Ugg!

Ho comprado dei (Simil) Ugg (in versione economica!). Continuo a non vedermeli per niente ai piedi (Mi sembra di avere dei piedi informi, ehehe!) masono caldissimissimi e sono l per uscire di casa la volo senza morire di freddo!
ugg argyle knit Fashion blogger outfit e streetstyle
Penso che non li indosserò al di fuori di pane spesa farmacia palestra. E voi che ne dite di questo tipo di stivali? Li indossate?

New in shoes on my closet and simil Ugg!

Happy day girls!! Today I would like to show you some shoes I going to wear in those holiday days. A burgundy decollete super high, a pair of biker boots with some fake fur inside and. Ok I have bought them!
ugg argyle knit Fashion blogger outfit e streetstyle
I have bought something similar to Ugg. I don like them: they are soooo unsexy and not chic at all but they are really comfy and warm. so they are perfect for the supermarket gym newspaper or something like that. And you, do you have them? What do you think?

scarpe ugg uomo Flavio Giurato in concerto

ugg boot australia Flavio Giurato in concerto

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Flavio Giurato, cantautore romano lanciato dalla trasmissione Mr Fantasy di Carlo Massarini e ritiratosi dalla scena musicale ufficiale dopo aver inciso tre dischi importanti ed innovativi negli anni Ottanta, è considerato dalla critica un personaggio di grande talento, ingiustamente dimenticato dalla canzone d’autore italiana.

Nei primi mesi del 2004 No Reply pubblicherà un libro di tributo a Giurato, con cd allegato, in cui i brani più noti e anche alcuni inediti, registrati “live and unplugged” nei concerti tenuti nei mesi scorsi, sono lo spunto da cui molti scrittori hanno tratto ispirazione per racconti e poesie inedite.

Tra i principali autori coinvolti si ricordano: Paolo Nori, Aldo Nove, Davide Pinardi, Tiziano Scarpa, Fulvio Abbate, Giuseppe Caliceti, Alessandra C, Giuseppe Casa, Andrea Cotti, Enzo Fileno Carabba.

Dopo il concerto reading tenuto a Villa Litta di Milano a Giugno, con la partecipazione di scrittori come A. Nove, T. Scarpa e G. Caliceti, Flavio Giurato suonerà a Ricaldone (Alessandria), città natale di Luigi Tenco, accompagnato dal fedele chitarrista Piero Tievoli.

sul diritto d’autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propricaso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all’atto della.
scarpe ugg uomo Flavio Giurato in concerto

ugg kids Ferpi Il Made in Italy al tempo dei social

ugg sale clearance Ferpi Il Made in Italy al tempo dei social

Il made in Italy è uno dei brand più conosciuti e apprezzati al mondo, forse il più imitato, di certo il più contraffatto. Il made in Italy è la differenza che ci distingue agli occhi degli altri Paesi facendo innamorare di sè milioni di consumatori internazionali perché evoca uno specifico stile di vita, una qualità peculiare dei prodotti e delle esperienze, un certo tipo di suggestioni e di autenticità. Certamente il valore emozionale di questo brand nell degli stranieri è una delle carte vincenti della nostra industria. Ma ad un esame più ravvicinato che cos’è in realtà il Made in Italy per i consumatori internazionali? Che valori vi associano queste persone? Quali sono i valori già sedimentati e quelli su cui puntare? Per rispondere a questa teoria di interrogativi, Blogmeter, ha condotto uno studio su come il made in Italy viene percepito fuori dai confini nazionali, un lavoro nato per offrire una visione diversa sul tema rispetto a come se ne parla solitamente, una visione che prende seriamente in considerazione l’opinione e gli spunti dei consumatori o potenziali tali con l’obiettivo di offrire alle aziende italiane non solo dati numerici, ma anche concreti spunti sociologici e di marketing sui quali lavorare all’interno delle strategie di brand. L’indagine “Italian Excellence una ricerca sul Made in Italy all’estero”, è stata costruita da Blogmeter integrando dati derivanti da due differenti fonti: da un lato sono state analizzate oltre quattro milioni di conversazioni social in lingua inglese; dall’altro è stata elaborata una survey, sottoposta ad un campione di individui di cinque diversi Paesi, Regno Unito, Germania, Francia, Stati Uniti e Russia.

Il primo dato che emerge dall’indagine “Italian Excellence” è che Instagram svolge un ruolo decisamente predominante rispetto agli altri canali social: infatti delle oltre quattro milioni di conversazioni analizzate da Blogmeter, ben tre milioni sono avvenute proprio su questo social, producendo qualcosa come 97 milioni di interazioni complessive. Un dato, a ben guardare, non così sorprendente, se si pensa che proprio Instagram sta crescendo a ritmi incalzanti e solo in Italia conta oggi 14 milioni di utenti attivi al mese. Analizzando il linguaggio con cui si parla del Made in Italy su Instagram è interessante notare come le parole che ritornano più spesso nelle conversazioni sono termini emozionali come beauty, passion e wow. Il Made in Italy è dunque riconducibile alla dimensione del sentimento.

Per quanto riguarda le categorie di prodotto che generano più discussioni, i social e la survey offrono insights alquanto diversi. Da una parte vediamo che sui social dominano largamente i settori del Fashion e del Design (rispettivamente con il 52% e il 20% delle interazioni complessive), mentre il Food e i Motori si fermano sorprendentemente al 2% ciascuno. Tuttavia, a fronte di una domanda diretta, gli individui che hanno risposto alla survey hanno associato all’Italia soprattutto il Food, che domina su tutti gli altri settori con un nettissimo 63%. In questo caso il Fashion si attesta al 42%, dieci punti percentuali in meno rispetto ai dati emersi sui social. Se poi suddividiamo i risultati della survey per singolo Paese emerge uno spaccato eterogeneo: se addirittura l’83% degli americani pensa all’Italia come Cibo, il 51% dei russi ci vede come produttori di Scarpe, mentre il 45% dei tedeschi ci associa al settore Automobilistico. Infine è curioso notare che solamente l’1% dei francesi collega l’Italia al Vino, una delle eccellenze del nostro Paese,
ugg kids Ferpi Il Made in Italy al tempo dei social
a riprova del fatto che la “guerra” con i cugini transalpini su questo prodotto è ancora viva e sentita.

I valori di marca del Made in Italy: siamo belli ed eleganti, ma poco tecnologici

Ai partecipanti alla survey è stata posta anche una domanda a risposta multipla sui valori che il Made in Italy veicola. I risultati mostrano da un lato che il Made in Italy tiene botta riguardo ai suoi valori più consolidati, infatti viene considerato sinonimo di bellezza, tradizione, eleganza e qualità, ma dall’altro sembra essere carente sotto altri aspetti, quali la prossimità, il value for money, la tecnologia e la desiderabilità. Si potrebbe dunque affermare che le persone all’estero ci sentono in qualche modo distanti, poco attraenti e tecnologicamente non all’avanguardia, senza dimenticare che anche il rapporto qualità prezzo dei nostri prodotti andrebbe rivisto. In realtà questa visione viene, almeno in parte, attutita dalle opinioni espresse sui social dove effettivamente si trovano molti post di segno positivo associati alla tecnologia e all’eccellenza del saper fare; dai motori Ferrari, ai telai in carbonio delle biciclette Pinarello, passando per la maestria dei numerosi artigiani attivi in tutta Italia.

L’Italia, i suoi territori e i suoi ambassador

L’indagine ha preso in esame anche i luoghi e in generale i territori più citati nelle conversazioni analizzate. Per quanto riguarda i social, tra le città e le regioni più menzionate, spiccano Bologna e Modena, aree storicamente legate alla produzione di auto di lusso, da Ferrari a Maserati a Lamborghini. Seguono Lombardia e Milano mentre al terzo posto per numero di citazioni spunta la Campania con Capri, Amalfi, Positano e naturalmente Napoli. Infine, alla domanda “Quali personaggi ti vengono in mente se pensi al Made in Italy”, il più citato è stato Giorgio Armani, seguito dalla grande Sophia Loren e da Versace. Da allora rappresenta i professionisti che operano nelle Relazioni Pubbliche, la cui attività è

definita dalla finalità di creare,

sviluppare e gestire sistemi di relazione con i pubblici influenti sul raggiungimento degli obiettivi perseguiti da singoli, da imprese, da enti, da associazioni, da amministrazioni pubbliche e da altre organizzazioni.
ugg kids Ferpi Il Made in Italy al tempo dei social

sito ugg Fabrizio Donato e la dedica della figlia sulle scarpe

ugg retailers Fabrizio Donato e la dedica della figlia sulle scarpe

Aggiornamento 22:38: Bellissime le dediche della figlia di Fabrizio Donato, la piccola Greta, che prima che il padre partisse per Londra ha scritto su una maglietta “Papi sei un campione” e su una scarpa “Sei il mio campione”.

Grande soddisfazione per il triplista italiano che a 36 anni ha coronato il sogno di vincere una medaglia alle Olimpiadi. La squadra azzurra ha conquistato la sua medaglia nell’atletica e non era una cosa così scontata. Ottimo anche il quarto posto di Daniele Greco che ha dodici anni in meno rispetto al compagno di Triplo. La medaglia d’oro l’ha vinta lo statunitense Christian Taylor davanti al connazionale Will Claye.

4 agosto: uno dei beniamini di casa, il saltatore Philip Idowu, sembrerebbe aver fatto perdere le proprie tracce. Almeno, questo dicono, allegramente, media di tutto il mondo inclusi quelli italioti, che se possono cavalcare un giallo, be’, non vedono l’ora. Peccato che il saltatore abbia twittato poco fa, dicendo che è a Londra, come pianificato, da tempo, e che il suo allenatore lo sapeva e smentendo, dunque, le voci che lo davano per disperso (su RaiDue, poco fa, addirittura le foto con le sue ultime apparizioni ai Giochi di Londra), prima di far perdere le tracce. Be’, ecco le tracce.

Due gare di qualificazioni in contemporanea martedì 7 agosto e una finale alle 20.20 di giovedì 9 agosto: questo è il programma del salto triplo maschile alle Olimpiadi di Londra 2012 (qui trovate il calendario completo dell’atletica leggera).

L’uomo da battere è l’americano Christian Taylor, quinto uomo più forte della storia del triplo maschile, grazie ai 17,96 m saltati a Daegu nel 2011, primatista mondiale stagionale con 17,63 m senza vento saltati in Oregon a fine giugno. Ad insidiarlo ci saranno: il campione d’Europa 2012, il ventiseienne italiano di Latina Fabrizio Donato, capace anch’egli di arrivare a 17,63 m quest’anno, ma con tanto vento a favore (+2.8); l’americano Will Claye, quest’anno 17,55 m (senza vento); il russo Lyukman Adams, 17,53 (+1,8 di vento). Attenzione al cubano Osviel Hernandez, capace a inizio anno di fare 17,49 m.

Tra gli atleti in gara ci sarà anche un altro italiano, il ventitreenne di Nardò Daniele Greco, dodicesimo alla gara di qualificazione degli Europei 2012 (15,90 m), che ha un personale, ventoso (+3,4), di 17,67 m, ed è entrato alle olimpiadi con 17.47 m.
sito ugg Fabrizio Donato e la dedica della figlia sulle scarpe

ugg 70 euro Film al cinema

outlet stivali ugg Film al cinema

Genere Commedia, ratings: Kids+13, produzione: Gran Bretagna, 2017. Da giovedì 8 marzo 2018 al cinema e in programmazione in 57 sale cinematografiche.Scoprire, il giorno dell’anniversario di matrimonio, che tuo marito ha un’amante da molti anni potrebbe rivelarsi una cosa molto positiva, soprattutto se la conseguenza è quella di reinventare la tua vita e mettere su una compagnia di ballo. Questo è quello che succede nel divertentissimo film di Richard Loncraine, un’esilarante commedia sentimentale sul “non è mai troppo tardi” che vede come protagonisti Timothy Spall e Imelda Staunton destinata a travolgere il pubblico in un mare di risate.Genere Drammatico, ratings: Kids+13, produzione: Italia, 2018. Da giovedì 8 marzo 2018 al cinema e in programmazione in 145 sale cinematografiche.La storia di Nina, una giovane donna che si trasferisce con la figlia in un paesino della bassa Lombardia. Ha trovato impiego in una prestigiosa clinica privata dove lavorano molte altre ragazze, italiane e straniere. Una piccola comunità femminile eterogenea e tuttavia molto unita, anche da un segreto.Genere Azione, ratings: Kids+13, produzione: USA, 2018. Da giovedì 8 marzo 2018 al cinema e in programmazione in 327 sale cinematografiche.Paul Kersey è un chirurgo che vive una vita tranquilla e coscienziosa, tenendo a bada la propria aggressività. Quando la sua famiglia viene colpita brutalmente, tutta la sua rabbia esplode e, dopo aver preso per sé la pistola di un giovane membro di una gang, inizia a fare giustizia a modo suo per le strade di Chicago. La sua prima impresa viene filmata da un testimone e il video diventa virale, facendo di lui una specie di celebrità, anche se Paul vuole solo ritrovare la pace raggiungendo i criminali che hanno distrutto la sua famiglia.Genere Commedia, ratings: Kids+13, produzione: Italia, 2017. Da giovedì 8 marzo 2018 al cinema e in programmazione in 224 sale cinematografiche.Corrado è assistente sociale presso un centro per minori svantaggiati di Segrate, ma ha a sua volta un problema: è dipendente dagli psicofarmaci, tanto da finire licenziato. Dovendo partire, decide di accompagnare Aldo, affetto da sindrome di Asperger, dal suo vero padre a Pescara. Per risparmiare sul viaggio i due caricano Maria, che vanno a prendere fuori dal carcere e devono portare al porto di Brindisi dalla figlia Lorenza, atleta nel canottaggio femminile.
ugg 70 euro Film al cinema

official ugg website Fashion Monsters

ugg e jimmy choo Fashion Monsters

Bere molta acqua, mangiare tanta frutta e verdura ed evitare di uscire durante le ore calde. Evidentemente non tutti seguono i dogmi della Bibbia, professata da centinaia e centinaia di telegiornali ogni volta che la impazza e il sol leone arroventa le metropoli, sciogliendo l e producendo terribili blackout in certi cervelli. Un colpo di sole. Non si potrebbero spiegare altrimenti certe scelte in fatto di look estivi. Possiamo quasi immaginarvi mentre, sudati, con il ventilatore portatile in mano per dare tregua almeno al calore, vi accingete ad aprire l prima di andare in ufficio, guardando con sospetto camicie e maledicendo pantaloni, e alla fine optate per andare in ufficio in canottiera e infradito di gomma.

Canottiera e infradito di gomma. Lo scriviamo di nuovo per prendere atto e coscienza che non è solo un brutto sogno, un film horror che spegnendo la TV non siamo più costretti a guardare, e che al mondo esiste gente che, sopraffatta dalla canicola estiva, in preda alle insolazioni, pensa sia legittimo recarsi in ufficio abbigliata in stile moda mare a Pinarella di Cervia. E vogliamo parlare, poi, di quelle donne che in estate sempre perché colpite da insolazione in pieno luglio decidono di indossare gli stivali, coltivando all della scarpa nuove forme di muschi e licheni che con l si sviluppano a loro agio? E vogliamo poi parlare di quelle donne che usano reggiseni con le spalline trasparenti convinte che non si vedano? No. Vorremmo tanto non parlarne, ma esistono, quindi ci sentiamo il dovere morale di farlo. Anzi, ci sentiamo il dovere morale di stilare una lista di capi e accessori che, prima che il caldo vi inibisca il senso della ragione, in estate è meglio evitare. Anche se ci sono 40 gradi all Le infradito di gomma in città. No, no e poi no. Vanno bene se siete sul lungomare di Giardini Naxos, non vanno bene se siete in città e specialmente se dovete andare in ufficio. Stampatevelo bene in testa. Tatuatevelo sul braccio destro.

Gli stivali. E ci riferiamo in special modo alle donne, che hanno la fortuna di potere scegliere tra mille mila varianti di scarpe, belle, sia in versione alte sia in versione bassa, che permettono al piede di rimanere fresco. Menzione speciale a chi decide di indossare gli UGG in spiaggia. Masochiste!).

Il mignolo che sbuca malandrino dal sandalo. Ora va bene tutto, ma non pensate ci debba essere un limite alla decenza? La falange che fa l dai sandali è forse una delle cose più brutte che l umano abbia mai avuto la sfortuna di vedere. Non siete Cenerentola, e se avete un piede troppo grande, scegliete un altro modello di scarpe o comprate delle calzature del vostro numero, per Dior!

Le spalline del reggiseno in plastica trasparente, che non dovrebbero vedersi e invece si vedono. Oh, sì, che si vedono. Soprattutto perché con il tempo si ingialliscono e perché la plastica sulla pelle crea quel terribile effetto condensa che le palesa al mondo intero.

Le Birkenstock. Nonostante la moda le abbia prima sdoganate e poi elette, da qualche stagione a questa parte, quali calzature più cool dell Noi non abbiamo dubbi. Il No è secco. Stesso discorso vale per le Crocks. Non prendevamo in giro i tedeschi, vantandoci del nostro innato italico senso dello stile?

Gli shorts inguinali e gli abitini troppo corti, soprattutto per l Non è una questione di bacchettonismo, esiste un dresscode per un motivo e va rispettato.

La canottiera. Cari uomini, non ci piace in spiaggia, figuriamoci in città.

Il borsello e il marsupio. al decoro urbano lo definiva Vittorio Sgarbi qualche estate fa.

La biancheria intima a vista. Ma anche a contrasto cromatico: nel senso, se hai una T shirt bianca perché indossare un reggiseno nero? Le basi, ragazzi, le basi.

In calce alla lista ci sentiremmo di ricordarvi una cosa: hanno inventato l condizionata! E la buona notizia è che l installata ovunque, non solo in ufficio, ma anche in tutti i negozi, supermercati e sui mezzi pubblici.
official ugg website Fashion Monsters

ugg bologna Flavio Insinna contro Antonio Ricci

ugg a Flavio Insinna contro Antonio Ricci

Flavio Insinna (voto: 6,5) è un fiume in piena. Il conduttore concede un’intervista all’AdnKronos il giorno dopo aver terminato le registrazioni di questa stagione di Affari tuoi (6) e con queste il suo contratto.

E si toglie qualche sassolino dalla scarpa. Nel mirino Antonio Ricci e Striscia la notizia (6,5): “Sono sbigottito. La mia unica sfortuna è di andare in onda nello stesso orario di Antonio Ricci, nel cui vocabolario non esiste il verbo perdere. Io pretendo rispetto. Lo devo a tutte le persone Rai ed Endemol che fanno questo programma. Non intendo vivere strisciando. E non mi faccio mettere paura da Ricci”.

“Io ho imparato che nella vita si vince e si perde. Ed uno che ha il talento di Ricci e che fa tv da quando io avevo i calzoni corti non dovrebbe avere davvero nulla da invidiare a nessuno. E dovrebbe imparare che a volte può perdere anche lui. E che l’avversario non può essere preso a secchiate di fango. Ci sono stati periodi in cui era un continuo insinuare, quotidiano, su imbrogli, inciuci. Tutto fatto in maniera piuttosto vigliacca, nascondendosi dietro la satira, così in tribunale ti danno sempre ragione. Mandano in onda ancora le immagini di una vecchietta con i numeri scritti sulla mano di non so quanti anni fa: ma ragazzi, Affari tuoi è registrato, se ci fossero scene scomode e fossimo delinquenti le taglieremmo, invece facciamo solo in modo che le parti musicali siano ben sincronizzate. E se questo e le statistiche sui rossi e sui blu sono il massimo che riescono a dire di male, va benissimo. Anche se non ne abbiamo bisogno”.

Insinna lancia un ‘guanto di sfida’ al papà del tg satirico di Canale 5: “Perchè non manda in onda integralmente il filmato del Tapiro che mi è venuto a consegnare due anni fa e che non è mai stato trasmesso?”. Cosa conteneva? “Ve lo può dire lui o lo può mandare in onda”. Poi aggiunge: “Mi chiedo anche perchè se nutre da così tanti anni così tanti dubbi su questa trasmissione, fin dal primo sorpasso d’ascolti di Affari tuoi su Striscia ad opera di Paolo Bonolis, perchè Ricci non ha mai mandato uno dei suoi intraprendenti inviati a vedere come lavoriamo?”.

“L’unica spiegazione plausibile di questo accanimento è che non sopporta di perdere. Se andassimo in onda alle 19 non saprebbe nemmeno il titolo del nostro programma. Ma io mi sono stufato di vedere i miei collaboratori nei corridoi chiedersi il perché di questa croce. Il perché è semplicemente l’orario di messa in onda, purtroppo lo stesso di Ricci. Ma non si può campare così: per non parlare del fatto che se a me facessero una multa per divieto di sosta mi farebbero nero, dovrei emigrare. Se mi succedesse quello che è successo a Fabio e Mingo o a Ezio Greggio mi avrebbero crocifisso”.

Come se non bastasse la conclusione delle registrazioni di Affari tuoi è coincisa con la consegna degli Oscar tv della Rai, il Premio Regia Televisiva su Rai1: Affari tuoi è rimasto fuori dal palmares al contrario di Striscia la notizia che è stato premiato. Lui commenta: “Mi piacerebbe sapere la causa del perché siamo scomparsi dalla lista dei premi dal momento che siamo il programma più visto di Rai1 e spesso dell’intera giornata televisiva. Ci potrebbero dire di essere beceri? Francamente non credo che questo si possa dire del nostro programma. Ci sono stati concorrenti con le storie più disparate, sempre all’insegna della tolleranza e dell’inclusione”.

Nonostante tutto, assicura che i suoi rapporti con i vertici di Rai1 e della Rai sono ottimi (“almeno fino a questa intervista”, dice ridendo). E in attesa di sapere cosa farà nella prossima stagione televisiva quest’estate girerà il nuovo film di Leonardo Pieraccioni.

Ricci replicherà con uno dei suoi “soliti servizi”, con un comunicato stampa, con un’intervista? E chi condurrà il gioco dei pacchi il prossimo anno? All’Ansa dice: “Non so se lo rifarò ma possono anche chiudere il programma, però tenevo a dire quello che ho detto oggi per rispetto a tutta la squadra che ci lavora. Ci vogliamo bene ed è per questo che ci riesce il nostro lavoro”. Non resta che attendere i prossimi sviluppi.
ugg bologna Flavio Insinna contro Antonio Ricci

ugg rivenditori Ferpi Snapchat e il valzer effimero dei social

ugg boots wholesale Ferpi Snapchat e il valzer effimero dei social

Socio Professionista FERPI, è membro del Direttivo del Club della Comunicazione dell’Unione Industriale di Torino. Già Consigliere del Ministro per gli Affari Esteri e membro del team per le policy di Comunicazione strategica del Ministero della Difesa, svolge attività di consulente per le strategie di comunicazione per multinazionali italiane ed estere. Ha pubblicato 9 libri ed oltre 150 tra articoli e saggi, e per i suoi progetti di comunicazione multistakeholder ha ritirato la “Targa d’Argento” del Presidente della Repubblica Italiana (2009) e il premio “Public Affair Awards” per l’eccellenza nella comunicazione, conferitogli nella Sala Capitolare del Senato della Repubblica (2011).

Il “divo” di Snapchat il Social network basato sullo scambio di messaggi, e soprattutto di brevi video, che si autodistruggono dopo 1 giorno dall’invio è un obeso e grezzo DJ con la faccia poco sveglia. Come ci ricorda la giornalista americana Sarah Frier, prima di Snapchat, DJ Khaled urlava slogan idioti e insensati in un programma minore di una radio di Miami: “E non lo faceva neppure particolarmente bene”, ha scritto di lui il sito di musica Picth fork. Ora Khaled ha milioni di follower su Snapchat e raggiunge 3 milioni di view per singolo video. Video basati sul nulla, o poco più: come sta andando la sua giornata, cosa sta mangiando a colazione, dove va a farsi aggiustare l’iPhone, le discoteche dove esce la sera, con qualche pillola di riflessione pseudo esistenziale sparsa qua e là. “Questa è l’esatta essenza di Snapchat: come le sorelle Kardashian, che sono famose perché sono famose”, ha commentato Ben Winkler, dirigente di OMD, una società che investe denaro nei mezzi d’informazione. In ogni caso Khaled che fino a poco più di un anno fa non aveva mai sentito parlare di Snapchat, e l’ha conosciuto grazie a un amico che gli ha suggerito di “dargli un’occhiata” grazie a questo social network ora è diventato una vera celebrità in USA, con collaborazioni anche importanti con Apple Music. “Con Snapchat puoi mandare solo messaggi effimeri” ha aggiunto Charlie McKittrick, responsabile commerciale dell’agenzia di pubblicità Mother New York, riferendosi alla brevità assoluta e al tono dei messaggi che vengono scambiati su quella piattaforma “Sono briciole di vita, ma per il pubblico è molto divertente”. Oltre ai contributi pubblicati e scambiati dagli iscritti, Snapchat propone le Live Story: una redazione di oltre 100 addetti mixa ogni giorno le migliori “storie” degli utenti stessi, ricavandoci video ex novo, divertenti per il pubblico della App. Poi ci sono i canali Snapchat Discover, i cui contenuti sono prodotti da note testate giornalistiche come CNN, Wall Street Journal, Vice, etc., che gettano ognuno in pasto alla piattaforma decine di video ogni giorno. La differenza tra Snapchat e Youtube com’è ovvio è sostanziale, e va ben al di là della mera lunghezza dei filmati: quest’ultimo è una bacheca, tecnicamente molto performante, per pubblicare e far vedere dei video; Snapchat è una grande community dove al centro ci sono le persone, che interagiscono tra loro scambiandosi messaggi e video.

Per tutti gli americani tra i 14 e i 20 anni Snapchat è la App numero uno, e in genere è tra le prime 10 App scaricate al mondo. Gli utenti di Snapchat saranno inevitabilmente gli acquirenti di domani, tanto che molte grandi aziende come Coca Cola, Amazon, Pepsi, Marriot e Budweiser spendono milioni di dollari per la pubblicità sulla App. L’investitore Gary Vaynerchuk ha dichiarato in un bell’articolo pubblicato a inizio dell’anno scorso su Bloomberg Businessweek, tradotto in italiano da Internazionale: “La stragrande maggioranza delle persone che in questo momento stanno leggendo questo giornale, avrà un account Snapchat entro 36 mesi”.

Un amico cubano di 28 anni, Roberto Carlos, che vive a Londra e gira il mondo per lavoro, è invece attento al lato ludico della App. Mi ha detto: “I miei amici più giovani sono stanchi dei ritocchi di Photoshop, vedi delle ragazze o dei ragazzi splendidi e poi di persona sono una delusione. Su Snapchat questo non accade, perché non puoi alterare le foto migliorandole. Poi c’è la riservatezza: da un paio d’anni frequento spesso i paesi arabi, e negli Emirati tutto quello che succede tutto, ma proprio tutto va su Snapchat. Specie le cose più private: perché, a differenza di Facebook, su Snapchat tutto si cancella automaticamente dopo breve tempo, e così nessuno lascia traccia delle sue cose intime. Inoltre puoi salvare su iCloud i tuoi video e foto: non occupi la memoria del telefonino. E’ comodissimo, è la tendenza del momento, non puoi non esserci. Ed è gratis, ovviamente”.

Nonostante il numero a tratti incredibile di 8 miliardi di video scambiati ogni giorno sulla sua piattaforma lo stesso numero di Facebook, che però ha un numero di iscritti 10 volte maggiore ed esiste da molto più tempo Snapchat macina la ridicola cifra di 200 milioni di dollari all’anno di utili. Eppure Zuckerberg ha fatto un’offerta per acquistarla: 3 miliardi di dollari. Rifiutata, dal momento che la quotazione attuale presunta di Snapchat pare attestarsi intorno ai 16 miliardi di USD.

Ora Snapchat si sta aprendo di più, anche verso le aziende più piccole. Tastemade, una start up che produce contenuti video a tema su cucina e viaggi, si dichiara entusiasta dei risultati: la loro video serie Cookie the News, con filmati in fast motion sul “biscotto del giorno” con la forma ispirata al più intrigante fatto di cronaca del momento, spopola su Snapchat. “E’ così che i ragazzi di questo millennio guardano i contenuti”, ha dichiarato Steven Kydd, uno dei fondatori dell’azienda.

L’altra faccia della medaglia di questo valzer, o meglio, di questo tango scatenato che spariglia le carte dell’accesso all’informazione cheap ed eccita pazzescamente gli investitori 2.0, è l’essenza intrinsecamente effimera di questi strumenti. Dire oggi che Snapchat potrebbe prima o poi “tramontare” potrebbe suonare come una bestemmia, eppure in altri casi è già successo. Un’altra azienda Demand Media, che gestiva content farm, ovvero siti che producevano bulimicamente ogni giorno molti contenuti appetibili per il web, dal “come indossare un costume da bagno Speedo” al “come fare una Apple Pie eccellente in poco tempo” generava picchi di traffico interessanti per gli investitori: i contenuti erano di scarso valore, ma avevano la funzione né più né meno che di “esche” attira polli, come certi programmi della TV commerciale, che costituiscono “l’intermezzo” tra uno stacco pubblicitario e l’altro, secondo il principio che più è alta l’audience in quella fascia oraria, più soldi si possono guadagnare dal vendere gli spot. Demand Media funzionava bene, e venne quotata in borsa dove arrivò a valere 2 miliardi di dollari, circa il 25% più del New York Times. Poi bastò un semplice “click” per distruggerla: Google aggiornò il suo algoritmo, modificandolo, e gli accessi di Demand Media crollarono improvvisamente; ora vale non più di 100 milioni di dollari. Che è probabilmente il prezzo corretto per un’azienda che non produce nulla di particolare valore.

Anche coloro i quali per arroganza o ingenuità rifiutarono le interessanti offerte fatte per cedere Yahoo! forse si sono pentiti della scelta, stante il crollo verticale delle quotazioni di quello che fino a pochi anni fa era il concorrente meglio piazzato di Google e dettava la linea nel settore dei motori di ricerca. Per i nativi digitali, navigare su Yahoo! ora è molto retrò, una cosa strana, un pelo eccentrica e fondamentalmente inutile, come mettersi un vestito anni ’50. Una parte significativa degli under 20 neppure sa cos’è.

Vero è che gli inserzionisti pubblicitari non hanno molti modi oggi come oggi per raggiungere un target di under 25, quindi finchè non nascerà qualcosa di nuovo Snapchat continuerà a far furore. E molto probabilmente aggiungo io divorerà Twitter, che annaspa già tra mille difficoltà. A ben pochi ragazzi verrebbe in mente oggi come oggi di aprirsi un account Twitter: “Perché diamine devo leggere un contenuto testuale breve, se posso vedere un video breve?”, paiono domandarsi con aria stupita le giovani generazioni. Per quali motivi quindi Twitter dovrebbe sopravvivere a Snapchat, che “twitta” centinaia di milioni di contenuti ogni ora, sotto forma di video?

Che i video siano non un futuro, ma il futuro, a discapito dei post testuali, è evidente. Il video marketing ha successo perché utilizza la dirompente forza delle immagini: se si pensa a quante immagini possono essere contenute in un video,
ugg rivenditori Ferpi Snapchat e il valzer effimero dei social
accompagnate da musica e testi, e quanto un contenuto video possa emozionare infinite volte più di un testo scritto o perlomeno con altrettanta forza, ma molto più velocemente grazie al coinvolgimento nello stesso momento più sensi, si comprende quale sia l’ulteriore potenziale futuro dei video, e quanto possano essere utili quando sono utilizzati con intelligenza dai brand. Gli utenti internet sono ormai abituati a vedere video tramite smartphone e giudicano un video un contenuto più fruibile e più interessante rispetto alla norma: preferiscono fruire di un video di tre minuti, piuttosto che leggere un articolo per 15 20 minuti, e hanno una carica virale sul web davvero unica: sono condivisi sui social in media 12 volte più dei testi e in base a statistiche recenti ormai l’87% delle aziende che promuovono campagne pubblicitarie li utilizza con consuetudine per trasmettere con efficacia i propri messaggi, anche perché garantiscono una permanenza media dell’utente ben più elevata rispetto ai messaggi tradizionali. I video possono essere facilmente collegati a campagne a pagamento su Youtube o Facebook per raggiungere velocemente un target selezionato sia a livello locale che nazionale, e inoltre, in base alle tendenze dettate dagli algoritmi di Google, esistono maggiori possibilità che i video entrino nei risultati dei motori di ricerca. Mettersi in gioco attraverso i video “rende più caldo il marchio”, e permette all’utente finale di percepire il brand come a portata di mano, reale, familiare e concreto, costruendo così in modo efficace reputazione.

Tra 5 anni secondo Nicola Mendelsohn, Vice Presidente di Facebook EMEA i video su Facebook sostituiranno i post. “Se dovessi fare una scommessa direi: video, video, video. Il miglior modo per raccontare una storia ai tempi d’oggi è il video, fornisce molte informazioni in pochissimo tempo. Agli utenti piace molto il ‘dietro le quinte’ che offre Facebook Live la possibilità di registrare video “in diretta” su Facebook un fenomeno in veloce espansione che nell’area EMEA conta 433 milioni di utenti attivi”. All’inizio, Facebook Live era riservata a personaggi famosi e grandi realtà editoriali, poi è stata estesa a tutti gli utenti. A sostenere la tesi della top manager vi sono sempre le statistiche: sembra che la condivisione di video su Facebook sia in costante crescita, in quanto gli iscritti al social network più famoso del mondo guardano cumulativamente 100 milioni di ore di video al giorno su smartphone e tablet, ed è Facebook Live a fare la parte del leone, dal momento che i contenuti di quest’applicazione ricevono molti commenti in più fino a 10 volte! rispetto a quelli registrati per i post normali. Anche lo stesso Mark Zuckerberg dà molta attenzione al fattore video sulla sua piattaforma: nel corso degli ultimi 2 anni ha perfezionato più volte Facebook Live, allungando in modo illimitato il tempo a disposizione per le dirette streaming, con l’aggiunta una mappa per cercare le dirette video sul telefonino in tempo reale. Inoltre, a conferma dell’investimento che le grandi piattaforme stanno facendo su formato video, è ora possibile inserire un filmato anche nei commenti che ogni utente può pubblicare in calce al post di un’azienda, cliccando sull’icona a forma di macchina fotografica: di fatto, è possibile quindi commentare un post testuale usando un video.

Facebook rincorre quindi Snapchat? Può essere, con un grande vantaggio però: il social di Zuckerberg ha molti più dati degli utenti rispetto al Social dei video che si autodistruggono, e per ora li profila infintamente meglio. Quanto sa veramente Snapchat degli orientamenti d’acquisto dei propri iscritti? Il fatto che io veda un video di un cantante hip hop su Snapchat perché è divertente, non significa necessariamente che pagherei anche per scaricare da iTunes la sua musica; mentre Facebook sa tutto di noi, grazie all’analisi ossessiva che il suo algoritmo fa delle pagine che frequentiamo, click per click. E questo è il vero valore d’interesse per gli inserzionisti pubblicitari.

Facebook poi non è solo uno strumento per fare qualcosa di divertente: “Sei tu, è la Tua identità; è la Domenica In dei Social, il contenitore, c’è tutto dentro. Le mode arrivano e passano, possono essere un utile complemento, ma alla fine, la verità è che non hai bisogno d’altro che di Facebook, ed ogni volta che qualcuno ha un’idea innovativa, semplicemente Facebook la copia, e magari la rifà anche meglio dell’originale”, rifletteva ad alta voce Luca Yuri Toselli, collega e amico con il quale ho chiacchierato di queste questioni prima di decidermi a scriverci sopra. Facebook ha anche saputo diventare nel tempo sapientemente, astutamente una delle principali porte verso il resto del web: “Perché devo perdere tempo a loggarmi su un sito, inserendo tutto i miei dati anagrafici, se posso accedere istantaneamente a quel sito tramite il mio profilo Facebook?”, ha aggiunto Toselli. Così facendo, Facebook accresce esponenzialmente la propria base dati, e così facendo dopo essere sceso di appeal sugli under 20 per qualche anno, ora sta riguadagnando terreno, e dove non lo fa direttamente, si compra i competitor, come ha dimostrato il grasso assegno staccato per acquistare Instagram.

In definitiva, bless up, “che tu sia benedetto”, ripete spesso DJ Khaled rivolto a tutto ciò che lo circonda e che gli piace, dai fiori del suo giardino al tramonto sul mare. Quindi Bless Up, Snapchat. Finchè dura, però.

Un’ultima riflessione ce la suggerisce il mondo LGBT Lesbico, Gay, Bisex e Transgender che in qualche modo ci da un’altra indicazione preziosa, oltre che dettare la linea delle tendenze anche su web, se consideriamo, parlando di siti di incontri, che Grinder è nato ed è diventato una App di successo ben prima di Tinder che è l’importanza del match dei dati: creo un mio Digital body appetibile, lo metto di Tinder o su Grinder, e cerco l’anima gemella, foss’anche solo per un l’incontro hot di una notte. Le aziende prendono nota e si adeguano. Creo un fantastico profilo sulle scarpe d’alta moda, lo pubblico su Tinder, e sono gli utenti a trovarmi: hai trovato il sesso giusto per stasera? No? Ok, nell’attesa di un orgasmo, eccitati con le tue scarpe preferite, o le tue borse, o chissà cos’altro. Un millesimo dei contatti, forse, ma tutti pazzescamente in target. E a quel punto non ci sarà SIRI, la voce metallica dell’androide pre programmato dell’iPhone, a parlarmi, bensì una persona in carne ed ossa, dall’altra parte della chat o meglio, in un certo senso, nella mia camera da letto a spiegarmi quanto sia magnifico quell’oggetto del desiderio e cosa potrai fare per acquistarlo esattamente ora.

Altro che i tanto declamati e forse sopravvalutati Big Data, tanto “big” da risultare anche molto, troppo generici: le relazioni, of course; l’importanza, assoluta e intramontabile, delle relazioni.

FERPI nasce nel 1970 dalla fusione di due associazioni professionali: la Fierp (Federazione Italiana Esperti Relazioni Pubbliche) e la Firp (Federazione Italiana Relazioni Pubbliche). Da allora rappresenta i professionisti che operano nelle Relazioni Pubbliche, la cui attività è

definita dalla finalità di creare,

sviluppare e gestire sistemi di relazione con i pubblici influenti sul raggiungimento degli obiettivi perseguiti da singoli, da imprese, da enti, da associazioni,
ugg rivenditori Ferpi Snapchat e il valzer effimero dei social
da amministrazioni pubbliche e da altre organizzazioni.