the ugg shop Annalisa Masella in cima alla classifica dei fashion blog

ugg sales Annalisa Masella in cima alla classifica dei fashion blog

L incontrata per capire come nata la sua passione per la moda e l di mettere su questo spazio di condivisione e discussione su quella che ormai per lei diventata una vera e propria la moda.

Quando nata la tua passione per la moda?

Se dovessi trovare una data di inizio alla mia passione per la moda sicuramente direi che dura da una vita, e che non c mai stato un cambiamento in me in questo. Ho sempre avuto una “mania ” (mi piace definirla cos per tutto ci che riguarda questo campo. Il merito di tutto stato sicuramente di mia madre, che fin da quando ero bambina, mi ha trasmesso quella che era la sua di passione.

Con gli anni le somigliavo sempre pi c stata una sorta di “passaggio del testimone”.

Oggi il tuo blog fra i 100 pi seguiti in Italia ammettere che anche grazie al mio blog se oggi posso ritenermi abbastanza “informata” su questo campo. Sapete, impressionante quante cose si possono scoprire attraverso blog di milioni di giovani ragazze, che come me giornalmente pubblicano i loro look quotidiani, gli ultimi trend di stagione, e insieme ci si confronta, ci si scambia opinioni e ci si conosce.

Come nata l di aprire un blog?

L di aprire un blog nasce appunto da una serie di fattori, di idee e di ispirazioni messe insieme. La decisione stata presa nell 2012, quando finalmente mia cugina riuscita a convincermi a fare il grande passo. anche grazie a lei, che mi aiuta in questo progetto fin dall se oggi leggo il nome del mio blog fra i 100 pi seguiti in Italia, ma soprattutto grazie a tutti i miei follower che ogni giorno crescono sempre pi e mi sostengono quotidianamente. Ogni mese leggevo e rileggevo la classifica con la speranza di poter leggere anche il mio nome, e finalmente accaduto ed un emozione davvero unica. Devo ammettere che curare un blog non una passeggiata, la maggior parte delle persone pensa che sia un gioco da ragazzi, due scatti e due parole buttate l ma non assolutamente cos Trascorro ore ed ore davanti al pc, addirittura ci sono giorni in cui trascorro un intera giornata seduta facendo soltanto qualche minuto di pausa. Ma tutto questo lo faccio e continuer a farlo con molto piacere, perch ormai non potrei pi farne a meno. Certo sono ancora all di questo progetto, ma posso garantirvi che ricevere i primi inviti, le prime collaborazioni e altro ancora una cosa davvero gratificante, perch significa che il duro lavoro in qualche modo viene visto e ripagato.

Hai detto di avere una per la moda. Cosa intendi?

Ho sempre adorato indossare abiti (soprattutto se nuovi), divertirmi nel saper giocare con gli accessori. Amo ogni singolo capo che possiedo, senza distinzione. Certo ho qualche preferenza, non lo nego, ma ritengo che ognuno abbia la sua storia e la sua importanza. Se c una cosa che non amo fare assolutamente quella di scegliere l del giorno in fretta e furia, ma al contrario ho bisogno del mio tempo e del mio spazio che nessuno deve potermi togliere. Ogni dettaglio deve essere studiato e la cosa che deve rigorosamente esser cambiata sono le scarpe. Proprio cos non indosso lo stesso paio per due giorni consecutivi, pi forte di me. Una delle tante cose che mi lega alla moda il suo continuo cambiamento. Mentre prima eravamo abituati a vedere nuovi trend e nuovi must ogni due anni, adesso bastano soltanto due mesi per stravolgerla interamente e ritrovarsi punto e a capo. Ed proprio questo che rende questo lavoro ancor pi intrigante. Sapersi mettere in discussione e affrontare nuove sfide quello che mi piace di pi
the ugg shop Annalisa Masella in cima alla classifica dei fashion blog

ugg boot cleaner Asics e dei rivestimenti per iPhone

ugg flip flops Asics e dei rivestimenti per iPhone

“Ho visto un angelo nel marmo ed ho scolpito fino a liberarlo”, così diceva Michelangelo Buonarroti.

Negli ultimi mesi ci stiamo sempre più abituando a vedere applicata la texture rocciosa a scarpe ed accessori. Ultime, solo in ordine d’apparizione sono le ADIDAS ORIGINAL TUBULAR RUNNER MARBLE.

Questa versione di una delle scarpe già icona per il marchio tedesco da uomo è dotata di tomaia in neoprene con profili in pelle, accattivante suola a doppia densità e punta con rivestimento saldato. La gabbia sul tallone tagliata al laser richiama i dettagli delle leggendarie ZX 700.

A differenza del precedente modello da donna (o da uomo con numero piccolo) questa versione non ripropone il gioco delle venature della pietra anche sulla parta in neoprene della tomaia ma solamente sulla suola monoblocco.

Disponibile in due varianti colore: bianca e nera.

Poco prima di questa release, ASICS aveva lanciato le sue due GEL LITE III MARBLE PACK.

ASICS sceglie di applicare la texture sull’intera tomaia, ogni lembo di pelle è trattato in modo da simulare le venature del marmo. Si “salvano” solamente l’intersuola del tallone, spazio dove è cucita la scritta GEL e la classica linguetta divisa in due lembi distinti sul collo. I lacci tono su tono basic non ripropongono la texture e la esaltano con un bel gioco di contrasto.

La GEL LITE III si veste di pietra.

Disponibile in due varianti colore: nera e bianca.

Chiaramente,
ugg boot cleaner Asics e dei rivestimenti per iPhone
come non citare NIKE. L’ormai famosissimo servizio NIKEiD, lanciato ormai nel lontano 1999 che permette di personalizzare al 100% molti modelli di scarpe (e non solo) riporta tra le proprie le scelte le venature marmo su molti componenti dei più importanti modelli dello swoosh. Finitura che interessa soprattutto le suole, può esser personalizzata in diversi colori: azzurro, rosso nero o bianco

La moda marmorea si sta velocemente diffondendo a tutti gli oggetti che fanno parte del nostro quotidiano. Non mancano certo gli accessori “in coordinato”

Ed ecco che UniqFind propone una serie di rivestimenti per i vostri smartphone, iPad e MacBook. Cover e finiture applicabili che renderanno i vostri accessori simili alla pietra, minimal, dal sicuro effetto scenografico.
ugg boot cleaner Asics e dei rivestimenti per iPhone

ugg highkoo Aprilia RSV 1000 R 2006

ugg in australia Aprilia RSV 1000 R 2006

Tre giorni a in Qatar. Tre giorni per scorrazzare una delle piste pi tecniche del mondiale di MotoGP. Tre giorni per mettere alla prova la nuova Aprilia RSV 1000 R, una delle sportive pi attese della nuova stagione.

Tre ottime ragioni per essere felici di aver preso parte ad una presentazione internazionale di questo calibro, al quale mi sento di aggiurgene uno tutto speciale: il piacere di aver visto nuovamente serenit negli sguardi degli uomini storici Aprilia.

Ma passiamo alla RSV Rispetto alla RSV la nuova edizione non certamente stata stravolta ma pi semplicemente perfezionata. Le aree di intervento, in ogni caso, sono state numerose partire dallo styling per arrivare alla ciclistica: nuove le carenature, con estrattori d maggiorati per migliorare il raffreddamento, nuovo il codone, pi profilato (lo stesso della Tuono e nuovo il plexiglass racing a doppia bombatura ribassata.

I tecnici Aprilia, dunque, hanno lavorato molto sulla micro aerodinamica, riuscendo nell di rendere pi aggressiva la RSV portando a 0,3 il valore relativo al coefficiente di penetrazione aerodinamica.

Euro3 per il V60

Il 998cc 60 Magnesium indubbiamente una pietra miliare nella storia dei propulsori bicilindrici e nell di questo face lift stato ulteriormente aggiornato per il 2006 per far rientrare le emissioni inquinanti entro i limiti imposti dalla rigida normativa Euro3 e migliorare l ai bassi regimi.

Molte le novit le valvole di scarico, ad esempio, passano da 31 a 33 mm di diametro, ma anche in tema di impianto di scarico i tecnici Aprilia hanno lavorato sodo, prolungando il condotto secondario di 200 mm.

Di pari passo con l fluidodinamica arrivata l della mappatura del sistema d che fa fronte ad una maggiore portata d diretta all assicurata dalla bocchetta Runner profondamente ridisegnata.

La sezione elettronica, controllata da una centralina VDO di ultima generazione, gestita nel delle informazioni da linea CAN (Controlled Area Network), che utilizza due soli fili per far transitare tutte queste informazioni enormemente l elettrico e contribuendo alla leggerezza globale della moto.

Passando ai numeri, possiamo segnalarvi che i CV sono saliti a quota 143 mentre la curva di coppia massima lievitata in corrispondenza dei regimi intermedi.

Il telaio: leggerezza ed equilibrio

Qualche novit ha riguardato anche il leggerissimo telaio in alluminio/silicio deltabox, che vanta valori di rigidit estremamente elevati nonostante il peso contenuto in 9.650 grammi.

L di inclinazione del canotto di sterzo, passato infatti da 24 45 a 25 si tratta di una scelta voluta per migliorare ulteriormente la stabilit senza penalizzare troppo il parametro

No news per il forcellone, invece,
ugg highkoo Aprilia RSV 1000 R 2006
sia per quanto concerne l costruttivo ( oggettivamente un d sia per quanto riguarda l Sachs pluriregolabile che ne scandisce il movimento. Anche in questo caso, il peso contenutissimo (solo 4.860 grammi).

Tutta nuova, al contrario, la forcella anteriore che la vecchia Showa nera andata in pensione per fare posto ad una bella Ohlins pluriregolabile da 43 mm di diametro e 120 mm di corsa.

Di alto livello anche l frenante, che all vanta un sistema Bridge a pinze radiali, sviluppato in collaborazione con Brembo.

Chi sceglie uno scarico Aprilia by Akrapovic ha la certezza di montare uno dei migliori scarichi disponibili per questa moto, senza dimenticare l ufficiale, molto importante anche nel caso in cui si voglia rivendere la moto

Finalmente in sella!

Ma tutto questo, una volta in sella, in cosa si traduce? Volendo sintetizzare, potrei dire che la cosa pi evidente la perfetta di tutti gli elementi. Tutto al proprio posto e nessun elemento sembra sovrastare l al pilota un unico compito: quello di dare gas.

Possibile? Beh, otto anni di evoluzioni realizzate da tecnici appassionati e collaudate da maestri della guida quali e Fabrizio Pellizzon non possono che dare questo risultato, anche se tanta perfezione nei confronti di alcune categorie di motociclisti pu rappresentare un difetto.

In effetti, la compostezza dinamica della RSV sulle prime lascia spiazzati che in alcuni frangenti sembra che all’appello manchi qualcuno dei 143 CV: il retrotreno entra difficilmente in crisi in uscita di curva, cos come c’ da rimanere a bocca aperta ammirando i 258 km/h di GPS alla fine del dritto di Losail.

Eppure X Crono T GPS non mente ed alla fine del rettifilo i km/h rispetto alla pi cavallata CBR 1000 RR, provata in dicembre sulla stessa pista, sono appena 7.

Ma non basta: il tempo sul giro di riferimento ufficiale X Crono T nella giornata di test stato il 2.12 netti di Alessandro Valia (InMoto) contro i 2.13.63 fatti registrare dallo stesso pilota nei test con la Honda.

Ci sarebbe una ulteriore sessione non ufficializzata dalla telemetria in cui il tester bolognese ha seguito come un i solchi dell veloce Fabrizio Pellizzon, facendo scendere il crono a 2.09.5. Con un tempo del genere i due si sarebbero qualificati a met schieramento nella griglia della SuperSport 2005

Considerazioni sui tempi a parte, ho trovato pi semplice la guida della R e pi la guida della Factory. Ma perch L pi morbido ed i cerchi pi pesanti della versione rendono oggettivamente meno reattiva la RSV, assicurando cos un maggior senso di sicurezza nei cambi di direzione. La Factory, al contrario, un pi tagliente,
ugg highkoo Aprilia RSV 1000 R 2006
molto impegnativa nel caso in cui non si sia in perfetta sintonia con la pista e non si stia girando ad un livello quantomeno discreto.

ugg outlet online attenta a dove metti i piedi

ugg joslyn boots attenta a dove metti i piedi

Chi aspetta un bambino deve scegliere le scarpe con particolare cura. Usare calzature sbagliate infatti può esporre a rischi anche dopo la gravidanza.

“I muscoli e i legamenti si ammorbidiscono per i cambiamenti ormonali dovuti alla relaxina, un ormone prodotto dalle ovaie durante la gravidanza.” afferma Lorraine Jones, della Society of Chiropodists and Podiatrists. “I tacchi alti aumentano le sollecitazioni alla schiena e alle ginocchia, già sotto pressione per l’aumento di peso” e possono causare mal di schiena, sciatalgie e tendiniti che in alcuni casi perdurano anche dopo il parto. Oltre alle classiche cadute e slogature alle caviglie.

Sette mamme su dieci dichiarano di aver sofferto di problemi agli arti inferiori durante la gravidanza, tra cui caviglie (37%) o piedi (45%) gonfi e dolori all’arco plantare o al tallone (16%).

Un sondaggio pubblicato dall’inglese Daily Telegraph ha rivelato che la maggior parte delle donne usa scarpe sbagliate,
ugg outlet online attenta a dove metti i piedi
come stiletti (32%), ballerine (53%), infradito (66%) e stivali tipo Ugg (30%).”Tutti questi tipi di scarpe sono sbagliati continua Jones “Perché non forniscono un supporto sufficiente al fisico appesantito”.

Le calzature migliori sono comode, ammortizzate, con punta tonda e tacco basso ma non rasoterra, per favorire il mantenimento dell’arco plantare che altrimenti subisce un appiattimento che può diventare anche molto doloroso.
ugg outlet online attenta a dove metti i piedi

ugg sito ufficiale italia Arriva anche in Italia Altra Running

ugg milano Arriva anche in Italia Altra Running

Il primo pensiero che ti viene parlando di questo brand è “un scarpa” Il che alle prime può significare “una in più”, ma anche una “diversa scarpa” per il running. Nessun marchio meglio di “Altra” si presta a questi giochi di parole.

Forse anche perché Altra Running non è una “fabbrica” di scarpe sportive, come tante ne esistono, ma è prima di tutto un un modo di fare scarpe da running unico e distinto; insomma una filosofia che non nasce dall dello sport, ma da un semplice negozio di scarpe.

Altra Running, è stata pensata già oltre un decennio fa dalle esperienze legate alla tecnica di corsa, che si sono compiute in un negozio di articoli sportivi immerso tra le Rocky Mountains americane. Fondata nel 2009, da quest è approdata anche in Italia, con una piccola distribuzione affidata, guarda caso, non a un commerciale, bensì a studio milanese, il Soi Sport Solution, che si occupa di trovare soluzioni ortopediche per gli ambiti sportivi.

Ogni storia americana ha una sua morale che nasce dalla casualità, dall di tutti i giorni. Altra non fa eccezione, come raccontano i fondatori Brian Beckstead, Jeremy Howlett and GoldenHarper che fin dalla metà degli anni 2000 avevano cominciato a tagliare “selvaggiamente” le talloniere delle scarpe da running tradizionali, dopo averle riscaldate in un forno o su un tostapane per rendere le gomme più morbide. Tutto avveniva nel retro del negozio Corner di Orem, nello Stato dello Utah, dove in un solo anno le richieste di dare un taglio allo spessore del tallone delle scarpe da parte dei runners ha superato il numero di mille. Un successo La loro teoria è stata fin da subito chiara e precisa: Zero drop. Nessun differenziale tra lo spessore della suola nell e nel tallone. Proprio come se ci si trovasse a correre a piedi nudi.

anni, abbiamo tagliato i talloni delle scarpe da running tradizionali per verificare la nostra teoria Zero Drop. E tornato a gareggiare, grazie alle modifiche prodotte alle sue scarpe, alle quali tagliava parte dell nella zona posteriore per promuovere un appoggio più avanzato sull che non influisse sulle ginocchia.

Questa filosofia in tempi più recenti è diventata nota con il nome di Natural Running ed è oggetto di studi, esperimenti di laboratorio, ma soprattutto di un movimento di runners ampio e alternativo. Una nicchia di runners per lo più esperti ed efficienti che qualche anno fa si era distinta sotto l del minimalismo o addirittura del barefoot running (corsa a piedi nudi), e che oggi ha trovato nuove ispirazioni in un concetto più ampio di corsa Natural che, in alcuni casi, non disdegna concetti come ammortizzazione e protezione, a patto che si corra con calzature con differenziali ridotti o pari a zero.

Il drop zero indica esattamente lo stesso spessore dell sia nella zona del tallone che nell dunque la possibilità di avere i piedi perfettamente paralleli al suolo, come se si stesse a piedi nudi. Molti ricercatori attribuiscono a questo assetto uno stile di corsa davvero naturale, ossia nel quale il piede è in grado di muoversi in modo corretto, promuovendo un appoggio più avanzato tra il mesopiede e l permettendo di ridurre le forze di impatto e di spinta che si scaricano sulle articolazioni e sul corpo. Altra ha compiuto un mettendo a punto una scarpa dal drop nullo, ma dotata d intersuole comunque molto ammortizzate. Dunque non ci si aspetti di correre a piedi nudi, ma in scarpe che raggiungono livelli di ammortizzazione in alcuni casi vicini ai modelli Maxi. Il tutto, però rispettando lo Zero Drop che è il principale brevetto di Altra.

A differenza di altre Zero drop esistenti sul mercato che hanno un assetto decisamente minimalista, Altra ha scelto la strada Natural, ma ammortizzato.

Dunque i modelli si distinguono innanzitutto per la loro diversa ammortizzazione, più ridotta per i modelli veloci e reattivi, più corposa per le scarpe da lunghe distanze.

Altra ha realizzato una intersuola in mescola A Bound, composto ecologico (fatto con materiali riciclati), che sembra garantire un buon ritorno di energia. Le normali schiume in Eva arrivano a comprimersi fino al 70 90%, mentre questo materiale si comprime 2 o 3 volte meno (dati forniti da Altra Running), promettendo una durata e un maggiore. Altra propone diversi livelli per ammortizzare l’impatto con la strada (leggero, moderato, forte e maximal) che si adatta alla loro specifica morfologia e tecnica di corsa.

Gran parte delle calzature da running più tradizionali hanno una costruzione dell molto affusolata per garantire una linea più scattante e avvolgente, ma questo in qualche caso finisce per compromettere la posizione del piede favorendo calli, dita a martello, e nei casi estremi anche fasciti plantari. Altra Running ha preferito puntare su un puntale ampio e arrotondato che accoglie le dita del piede in modo rilassante, permettendo la naturale espansione delle dita durante la fase di contatto prima della spinta. L rimane più diritto permettendo un buono slancio in fase di spinta.

Fino a qualche anno fa le scarpe da running femminili si differenziavano da quelle maschili essenzialmente per specifici colori e taglie. Da qualche tempo tutti i produttori più attenti propongono modelli disegnati appositamente per la donna, con geometrie e tagli differenti. Altra Running ha individuato ben 9 specifici punti disegnati appositamente per il pubblico delle runners in rosa. Tra questi spiccano una talloniera più stretta, un a densità diversa, un arco plantare più lungo e un mesopiede più stretto, un diverso posizionamento degli inserti metatarsali e persino una suola differente. Io corro con il modello Torin ma presto acquisterò le Paradigm per godere della massima ammortizzazione nelle distanze più lunghe. Provale, ne vale la pena.

Ciao. Quello che mi fai è un domandone medico!

problemi di schiena è un termine molto generico. Ma soprattutto è un ambito medico che deve essere valutato da professionsit. Ti posso dire in generale che utilizzando un modello molto più ammortizzato, molti runners hanno trovato benefici anche muscolo scheletrici. Devi inoltre tenere conto che si tratta di scarpe con drop zero, che inevitabilmente ti condurranno a cambiare il tuo stile di corsa, con passi molto più piccoli e frequenti. Il consiglio che ti do è quello di verificare prima con chiarezza la natura dei tuoi problemi di schiena e poi magari intraprendere delle prove con modelli che ti portano a cambiare il tuo stile di corsa.

Difficile dare un consiglio, su modello che oltretutto sono molto nuovi per il nsotor mercato. La Repetiotion è sicuramente la scarpa più stabile, dotata anche di un inserto antipronazione. La Paradigm si candida a divnetare la scarpa più venduta. Perché è molto ammortizzata e dunque adatta a fare molti chilometri. L difetto che le trovo è il fatto che rischia di essere un po poco flessibile, visto lo spessore di una suola praticamente piatta. Questo potrebbe infastidire il tuo alluce. Il consiglio che ti do è di rivolgersi a un negozio specializzato e provarle. Tieni conto che questa scarpa hauna struttura e una geometria completamente diversa dalle altre scarpe, dunque sonop da provare e riprovare per capire se fanno proprio per te!. l dei negozi affiliati lo trovi su fb dei negozi affiliati lo trovi su fb

Ciao, sinceramente la tua è una domanda che non ha una risposta. Stai parlando di due modelli estremamente diversi. La Inspire è un modello stabile (dunque devo dedurre che tu sia un iperpronatore), ma molto veloce e scatante. Sopratutto ha un differenziale (drop) di 12 mm. Alta è una scarpa con drop zero, dunque ha un assetto radicalmente oppoosto. Ci sono modelli Altra Running creati per i pronatori come la Repetition, ma è molto morbida e ammortizzata, l è spessa 30 mm. Negli Usa esiste anche la Prevision (con intersuola di 25 mm). Dunque, come vedi si tratta di calzature estremamente diverse. Ti consiglio di recarti in un negozio che vende Altra e provarle ai piedi, per capire se è la scarpa che fa per te. In ogni caso, ti consiglio di approcciare in modo progressivo le Altra, per abituare i tendini d a lavorare con drop zero. Ti confermo che Altra ha in generale suole molto alte, dunque non difettano in quanto a capacità di ammortizzare. Tuttavia, come tu dici, non tutti possono correre con un drop zero. Sul fatto che una scuola piatta possa dare fastidio, non lo credo in assoluto. certo, la scelta di non arrotondare l nella parte anteriore, nonsotante sia così spessa, può dare una sensazione d inon rotondità. In generale, credo che il mercato è così ampio da offrire la scarpa più adatta ad ognuno di noi. La cosa importate è non farsi catturare dalle mode, dai colori e dai marchi che fanno tendenza. A ognuno il suo

sinceramente non in assoluto. Altra Running rappresent auna nicchia di scarpe che si chiama Natural Running. Una delle caratteristiche è quela che ha un differenziale dell pari a 0, ossia non ha il tallone rialzato come le normali scarpe. Questo per te potrebbe andare benissimo, come potrebbe portare dei problemi. Comincerei da un modello più tradizionale.
ugg sito ufficiale italia Arriva anche in Italia Altra Running

stivali donna ugg Anticipazioni Uomini e Donne Trono Classico registrato il 28

ugg 5825 Anticipazioni Uomini e Donne Trono Classico registrato il 28

Il nuovo tronista potrebbe essere Mariano Catanzaro visto che ha rimosso il suo account instagram (guardate la foto sotto) e come sapete quando si diventa tronisti vengono chiusi gli account.

A dopo per tutti gli aggiornamenti!

Paolo non ha scelto e Angela e Marianna si sono eliminate (giorgia è stata eliminata).

Entrano i tronisti e gli opinionisti e Gianni si domanda come mai ci fosse dello spazio tra le loro sedute e quindi chiede a Maria se la conduttrice deve comunicare qualcosa, ma lei dice di no. Emanuele scende e porta con sé una vasca con dei pesciolini rossi finti e del mangime perché sostiene che deve essere lui ad imboccare gli altri corteggiatori suoi rivali. Maria però avverte Emanuele che se lui ha scelto questa entrata particolare, Lorenzo non sarebbe stato da meno e infatti scende le scale vestito da Sanpei con tanto di cappellino, stivali da pescatore e canna da pesca. Tutti in studio applaudono e apprezzano la trovata del corteggiatore. Dopo questo breve siparietto Maria decide di partire da dove eravamo rimasti : viene mandato in onda un filmato che riassume ciò che è successo nella puntata precedente, in particolare la lite di Nilufar con Francesco, accusato dalla tronista di concentrarsi più su sé stesso e di apparire bello agli occhi del pubblico, piuttosto che impegnarsi a conoscere lei. Viene accusato di voler fare il fenomeno da Luigi ma lui ammette di esserlo e non di volerlo fare. Sempre in questo filmato si conclude con il continuo battibecco tra Sara e Lorenzo e con la decisione della tronista di eliminarlo. In studio Maria dice che Nilufar decide, dopo la scorsa puntata, di non voler portare in esterna Francesco ma si dice disposta ad incontrarlo nell in cui lui avesse deciso di vederla. E infatti lui chiede alla redazione un incontro con la tronista. Appena la raggiunge in camerino, Francesco esordisce dicendo : Ma come ti passa per l del cervello di non portarmi in esterno dopo quello che è successo in puntata? lei prova a rispondere ma lui subito continua dicendo : Dillo che non ti frega niente di me, che non ti piaccio Nilufar poi si arrabbia perché non riesce a spiegarsi e con toni alti dice : Io non ti ho portato in esterna perché non ero delusa, di più del tuo atteggiamento. Ma non per quello che hai fatto (per il fatto di essersi presentato truccato in esterna con lei), ma per le sue giustificazioni Francesco continua imperterrito a contraddirla e sostiene invece che la tronista non è minimamente interessata a lui. Se vuoi sentire le mie ragioni mi devi ascoltare lui continua a dire : Ma dillo che non ti interesso, non sei nemmeno venuta a parlare con me e Nilufar : Ma porca puttana ma sto qua, secondo te non mi interessi Il confronto tra i due si conclude con entrambi che decidono di darsi un possibilità. Viene poi mandata in onda l con Gianluca : lui la chiama con una videochiamata e invita la tronista a raggiungerlo a casa sua, a Napoli. Lei entra nel giardino di casa di Gianluca e ad accoglierla ci sono 4 cani massicci. Nilufar si trova subito a suo agio. Gianluca presenta i suoi cuccioli come membri di famiglia. I due poi si accomodano a terra e cominciano a parlare. Tina da ragione a Gianluca, non trovando per niente maliziose le parole del corteggiatore, mentre Gianni le ritiene offensive. Emanuele interviene è accusa Gianluca di essere più interessato a parlare con Sara piuttosto che commentare l sua con Nilufar. Alla fine Nilufar afferma di essere stata molto bene con Gianluca e di aver fatto una bella esterna. Poi viene mandata in onda l di Nilufar con Giordano. La tronista organizza una sorpresa per lui, in vista del compleanno di quest e gli fa trovare una torta di compleanno. Lui spegne le candeline ed esprime il desiderio. I due iniziano a parlare e Giordano ammette di non aspettarsi una sorpresa del genere e afferma di vedere la tronista diversa, più sciolta. Lei ammette di riuscire a sciogliersi quando non si sente sotto pressione. Giordano, quando cominciano a parlare, dice : la cosa che più mi ha fatto rosicare è il fatto che Gianluca si è dichiarato per te, là me rodeva il culo. Un ballo in cui lei è stata molto più sciolta. Viene mandata poi in onda l con Lorenzo. Lui l davanti ad un museo particolare museo dei mostri Appena Nilufar arriva, Lorenzo dice : Nilufar, ti porto a vedere il museo come Giacomino, ma questo museo è diverso Appena entrano Lorenzo scopre il ritratto del primo mostro, Francesco. Lorenzo propone alla tronista di truccarlo, visti i precedenti. Nilufar un po titubante, alla fine cede e si diverte a mettere il mascara alla foto di Francesco. Il secondo ritratto è quello di Giacomino e il terzo è quello di Gianluca. Ma quello di quest non è un ritratto normale : nell non si vede Gianluca ma una statua dell di Pasqua, che secondo Lorenzo somiglia molto al corteggiatore. I due poi si mettono a parlare e lui è molto affettuoso con lei, addirittura, quando escono fuori per una passeggiata lui l più volte e lei quando lui lo fa, fa delle smorfie strane. Lui se ne accorge e la chiama In puntata Maria però afferma che Sara ha portato qualcosa che riguarda Lorenzo. La tronista infatti afferma che Lorenzo, nel corso di queste feste, si è spulciato per bene le ig stories delle sue amiche (di Sara), della madre della tronista e del fratello. Lorenzo non azzarda a negare e ammette di averla pensata molto e che gli è mancata. Vengono fatti vedere degli screen in cui si vedono le visualizzazioni di lui sui vari profili delle persone vicine a Sara. Inizia il solito battibecco tra i due. Viene mandata in onda l di Sara con Emanuele: lei è ferma in un bar e le arrivano diversi messaggi tra cui riccio è un capriccio e io cercherò di prendermi cura di ognuno di loro oppure fai ar caos mio capisce subito che si tratta di Emanuele e infatti lui entra abbracciandola. Tutti e due si dicono imbarazzati, lui in particolar modo afferma di non aspettarsi tutto questo interesse da parte sua per lei, non si aspettava di ritrovarsi a pensarla così spesso. Lei apprezza quanto detto da corteggiatore e ammette che lei, quando sta con lui, si sente libera di essere sé stessa e non ha paura di mostrarsi per quello che è. Viene affrontato dai due, il discorso di Lorenzo. In puntata però Lorenzo ammonisce Emanuele e lo mette in guardia, dicendogli che secondo lui a Sara il cuore batte solo in esterna con lui (Lorenzo). Anche Emanuele dice di aver trovato Sara un po distante. Maria poi chiede a Lorenzo con chi vuole ballare e lui dice : questo momento con Sara lei si rifiuta ma lui si alza e la prende per le mani. Lui la riempie di baci sul collo e la a braccia forte, lei fa la sostenuta. Lui invece afferma che lei gli ha detto che se non si dichiara gli farà un culo così e che le è mancato tantissimo. Nilufar è stufa di questo teatrino tra i due. Viene mandata in onda l con Luigi : I due sono a cena, e cominciano a parlare del fatto che vogliono ricominciare. Lui è molto in imbarazzo e ammette di non riuscire subito a manifestare il suo interesse. Sara invece ammette di averlo rivalutato dopo la puntata scorsa e dice di apprezzare il suo essere scontroso, con Emanuele. Ovviamente non ha nessuna intenzione di scegliere né adesso né mai dal momento che Marianna ed Angela sono andate via, quindi non oso immaginare quale sarà il suo epilogo. I due cominciano a passeggiare accompagnati dalle voci dei passanti che urlavano I due si accomodano su una terrazza e fanno un aperitivo : lei fa una serie di domande a Paolo, gli chiede se gli è mancata, e lui conferma, gli chiede se l pensata e lui afferma di sì. I due poi si spostano sul lungomare e tra chiacchiere dolci e sguardi eloquenti si baciano più volte. Lui conferma ma ammette anche di non essere stato male con lei. I due si lasciano andare ad un lungo bacio. Da quel momento in poi, in studio, si scatena l : Tina accusa Paolo di fare business, Marianna ed Angela sembrano coalizzarsi per metterlo (giustamente) alle strette. Paolo diventa una furia, inveisce contro Tina, accusa Angela di essere influenzata dal pubblico. Conclude l dicendo di aver voglia di baciarla ma un bacio fine a se stesso per lui non avrebbe avuto senso e quindi non lo fa. In puntata decide di voler eliminare Giorgia e qui anche subisce le critiche di Tina che lo definisce falso. Gianluca gli dice che per lui lei è una ragazza rara mentre ragazze come Sara fuori è facile trovarle. Si torna in studio Tina trova offensiva la battuta su Francesco, a differenza di Gianni come sempre. Si torna in studio e subito Maria dice a Lorenzo che Sara ha portato degli screen per far vedere che Lorenzo segue la sua migliore amica, il fratello e la mamma, guardandosi tutte le loro storie, lui come sempre non si tira indietro ed ammette precisando però che si interessa anche di Nilufar. Maria chiede a Lorenzo con chi voglia ballare oggi è lui dice oggi con Sara, lei contenta ma per non dargli soddisfazione dice di non voler ballare, ma basta che Lorenzo gli vada vicino per cambiare poi subito idea. Si alzano anche Giordano e Giacomo per ballare con Nilufar che appare un tantino nervosa.

Luigi si rivolge poi a Lorenzo dicendogli che dopo due mesi è impossibile non avere una preferenza lui dice di averla ma di non volerlo dire.

Maria annuncia l’arrivo di un nuovo tronista che farà piacere a Tina e manda il suo filmato di presentazione, si tratta di una vecchia conoscenza del programma, Mariano Catanzaro che ironizza su se stesso, sul suo modo di parlare e sul suo comportamento con le donne; il neo tronista entra in studio visibilmente imbarazzato con un pacchetto regalo per Maria, la statuetta del Presepe, raffigurante la conduttrice, realizzata a Napoli dagli artigiani di via San Gregorio Armeno. Si comincia dall’esterna di quest’ultima: a Paolo viene fatto leggere un messaggio in cui Angela decide di invitarlo a Napoli, lui con tanto di sorriso dice “Allora ho fatto il bravo e per meritarmi questo invito”.

Il tronista arriva a Napoli e si incontra con Angela a piazza del Plebiscito. I due sono fin da subito molto complici, passeggiano per le strade napoletane e molti sono i passanti che gli urlavano “siete bellissimi”, “sceglila”. I due poi si spostano sul lungomare e tra sguardi e carezze scatta un mega bacio seguito da altri bacetti.

Marianna ed Angela sconvolte ma mai sono state così d’accordo tanto da sembrare coalizzate. Paolo scatta e si arrabbia contro Tina, quando quest’ultima lo accusa di essere falso.
stivali donna ugg Anticipazioni Uomini e Donne Trono Classico registrato il 28

roslynn ugg boots Aspetti tecnici fisiologici

ugg nightfall Aspetti tecnici fisiologici

Il secondo dei quattro seminari del ciclo Seminar del progetto eCampus Challenge si svolgerà Giovedì 14 Maggio 2015 dalle ore 9:00 alle 16:00 presso la sede di Novedrate dell eCampus. Questo seminario si propone di analizzare il running da un punto di vista tecnico.

La corsa. Ma, quali sonoi fattori caratteristici della prestazione di corsa? Come possono essereallenati e, prima ancora, misurati?

Questo seminario, che è uno dei quattroappuntamenti satellite dell’evento “eCampus Challenge”, analizzerà lacorsa da un punto di vista tecnico, soffermandosi sulla fisiologia delgesto, sulle metodologie strumentali per la valutazione della corsa e suanalisi comparative che indagheranno la differenza tra il correre con esenza scarpe, piuttosto che la differenza tra la corsa su strada e quella sutreadmill. Infine, com’è nostra consuetudine, la parola passa dai ricercatorial campione, a chi della corsa ha fatto un motivo della propria esistenza,Valeria Straneo,
roslynn ugg boots Aspetti tecnici fisiologici
campionessa di maratona.

Il secondo seminario del progetto Challenge svolgerà Giovedì 14 Maggio 2015 dalle ore 9:00 alle ore 16:00 presso l eCampus, via Isimbardi 10, Novedrate (CO). Per vedere come raggiungere l’ateneoclicca qui.

Per vedere la locandina del convegno clicca qui

La partecipazione al seminarioè gratuita ed aperta a tutti,l’iscrizione obbligatoria:CLICCA QUI PER REGISTRARTI

Sarà riconosciuto un credito formativo (1 CFU) agli studentidell’eCampus del CdS in Scienze delle attività motorie e sportivedella Facoltà di Psicologia che parteciperanno ai lavori dell’interagiornata e che produrranno una relazione scritta.

Per tecnici di atletica leggera

Sarà riconosciuto 0,5 CF dal Cento Studi FIDALai Tecnici di Atletica Leggera tesserati che parteciperannoai lavori dell’intera giornata.

I primi 30 iscritti online al seminario riceveranno alla registrazione una copia omaggio autografata di uno dei seguenti 3 libri:

Valeria fa “gli” Olimpiadi. Storia di una campionessa che non sapeva di esserlo

di Valeria Straneo, campionessa italiana ed europea di maratona

Lo speciale della corsadi Johnny Padulo, Ricercatore Università degli Studi eCampus

Tu Puoi! Come superare gli ostacoli, vincere le sfide e vivere al massimodi Mario Furlan, Fondatore City Angels Onlus e Docente di motivazione e crescitapersonale Università degli Studi eCampus

Ore 9:45 Dott. Johnny Padulo,Università degli Studi eCampus,La corsa con e senza scarpe 10:10 Dott. Pietro Picerno,Università degli Studi eCampus,
roslynn ugg boots Aspetti tecnici fisiologici
Metodologie per la valutazione della corsa

womens ugg slippers Aquaticrunner Grado Lignano svela le sue carte al CONI di Udine

ugg shop online italia Aquaticrunner Grado Lignano svela le sue carte al CONI di Udine

L’Aquaticrunner XTriM Border Lagoon, Campionato Italiano CSEN Swimrun e in programma il 27 agosto 2017 con partenza da Grado e arrivo a Lignano, ha registrato il “Sold Out” in pochi giorni.

A gennaio ha ricevuto il premio “nuove frontiere” al Gala del Triathlon di Milano e si prepara anche alla presentazione internazionale che avverrà a fine aprile in Svizzera, a Locarno.

L’annuncio era nell’aria già da qualche giorno e se ne vociferava sui vari siti, e social media italiani e non solo; a Udine, quando Benedetti ha annunciato “Abbiamo Faris!” è partito fragoroso l’applauso!

Aquaticrunner 2017, la conferenza stampa al CONI di Udine

Faris Al Sutan ha 39 anni, è tedesco, corre per il team Abu Dhabi ed è uno dei più forti triatleti di tutti i tempi.

Ha partecipato svariate volte alla finale mondiale Ironman Hawaii e nel 2005 ha vinto il titolo iridato. Nel suo palmarès anche i successi nell’Ironman Arizona, nell’Ironman Malaysia, nell’Ironman Regensburg, nell’Ironman Austria e nell’Ironman Lanzarote.

Nel 2016 è arrivato 15 assoluto alla finale mondiale di Swimrun till in Svezia assieme allo svedese Peter Oom.

A Faris lo Swimrun piace molto proprio per via dei continui cambi tra nuoto e corsa senza doversi fermare in aree di transizione tra una frazione e l’altra.

Lo Swimrun è davvero uno sport affascinante e avventuroso, soprattutto se la gara si svolge in zona naturalistiche che prevedono il passaggio da un’isola a quella successiva, per arrivare alla “conquista” di un altro luogo (proprio come avviene in Aquaticrunner, ndr). Cosa mi aspetto da Aquaticrunner? Non vedo l’ora di gareggiare in acque calde e con un paesaggio mozzafiato, di poter mangiare del buon cibo italiano e di sfidarmi in una competizione dura. La maggior parte delle gare Swimrun sono in Scandinavia e appena entri in acqua ti congeli A me piace il caldo!

Faris Al Sultan trionfa nel 2005 all’Ironman Hawaii World Championship

Faris Al Sultan trionfa nel 2005 all’Ironman Hawaii World Championship

Le registrazioni di Aquaticrunner Italy XTriM Border Lagoon, che sarà valido per il secondo anno consecutivo come Campionato Italiano CSEN di Swimrun, sono state aperte il 18 febbraio 2017 e sono terminate in pochi giorni, con una notevole presenza straniera: anche quest’anno infatti in starting list troviamo atleti inglesi, scozzesi, irlandesi, austriaci, sloveni, francesi, ungheresi, americani e canadesi.

Sono stati previsti solamente 160 posti aperti a finisher e credenziali sportive ed altri 40 riservati alle qualifiche dell’Italian Swimriun Series e gare internazionali (Spagna e Ungheria).

Aquaticrunner infatti non è aperta a tutti, vengono richieste delle precise credenziali, oppure è necessario ottenere una slot di qualificazione: in una delle gare del circuito Italiano Italian Swimrumn Series,
womens ugg slippers Aquaticrunner Grado Lignano svela le sue carte al CONI di Udine
oppure nelle qualificazioni internazionali con le prove Swimrun Costra Brava (Spagna) ed eXtremeMan (Ungheria).

La particolarità delle gare Italiane è la partecipazione individuale che le rende diverse dalle gare nordiche che prevedono invece la sola partecipazione a coppie.

L’11 e 12 marzo, Aquaticrunner è stata presentata alla fiera Fsbshow dello sport di Udine, presso lo stand CSEN, ed c’è stato grande interesse sia da parte del pubblico presente, sia da parte degli operatori sportivi.

Oltre alla conferenza stampa al CONI Regionale di Udine, si svolgerà anche una presentazione a Locarno insieme agli atleti svizzeri che hanno già partecipato alla gara nelle passate edizioni, ovvero gli amici del team Bad Boys Ticino Jean Marc Cattori, Igor Nastic e Andrea Zamboni. Quest’anno la distanza da coprire sarà di 24.5K run e 5.7K swim, con 19 transazioni nuoto/corsa per un totale di 30.2 km. Il pezzo più lungo di nuoto è di è di circa 1.800 metri, a Lignano Sabbiadoro, tratto allungato quest’anno, mentre di corsa rimane l’isola di Sant Andrea da 5.4K. La partenza è fissata la mattina presto da Parco delle Rose a Grado alle ore 7:00 e l’arrivo è a Lignano pineta nella centralissima Piazza Marcello D’Olivo. Si attraversano le Cinque Isole che separano Grado da Lignano, immersi nella natura dei lembi sabbiosi della laguna di Marano e Grado. E’ un’avventura prima che una gara.

Lo swimrun consiste nella pratica del nuoto e della corsa alternata e in maniera continua senza zone di transizione tra le due discipline: si nuota con le scarpe e si corre con le attrezzature per il nuoto. Da quest’anno si è deciso di lasciare all’atleta la facoltà di utilizzare le palette, mentre il pull boy, era già facoltativo. Questa decisione è stata presa in ambito del CSS, il Comitato per lo Sviluppo dello Swimrun in Italia. Non sono previste zone cambio, né trasporto di attrezzature, l’atleta deve quindi indossare sempre le scarpe da quando parte a quando arriva. Il peso delle scarpe viene fissato in 340 grammi cadauna e le stesse verranno pesate prima della partenza; non ci sono prescrizioni particolari sulla tipologia, tranne che le stesse debbano avere un fondo stradale adeguato a non essere rotte o strappate dalle conchiglie e dalle rocce (no calze in neoprene da sub).

IL CAMPIONATO ITALIANO CSEN 2016 Il primo campionato Italiano CSEN di Swimrun, tenutosi all’Aquaticrunner XTriM Border Lagoon Grado Lignano il 10 settembre 2016 è stato vinto da Francesco Cauz (3:04:44) e da Silvia Colussi (3:32:52). Argento maschile a Riccardo Ros (3:12:51) e bronzo per Federico Girasole (3:13:40). Sul podio femminile anche Roberta Fedeli, già vincitrice nel 2014 (03:51:03) e Francesca Capitoli (3:51:24). Il primo straniero è stato Roland Hotter della X3 TEAM AUSTRIA, tra le donne la francese Isabell Gerente. Aquaticrunner nel 2016 è diventata una 30K (5 nuoto e 25 corsa). Otto le nazioni rappresentate: Francia, Slovenia, Gran Bretagna, Ungheria, Austria, Germania, Sudafrica e USA. Una delegazione di tre atleti giapponesi, regolarmente iscritta, ha dovuto rinunciare all’ultimo minuto, come pure un atleta russo. La diretta televisiva su 9 regioni e le trasmissioni fatte prima e dopo la gara hanno ottenuto uno sharing di oltre 21.000 utenti televisivi totali.
womens ugg slippers Aquaticrunner Grado Lignano svela le sue carte al CONI di Udine

ugg bimba Arriva il kit che identifica la scarpa d

sconti ugg Arriva il kit che identifica la scarpa d

Roma, 22 feb. (Labitalia) Come si identifica una scarpa di alta qualita e come si comunicano valori quali sostenibilita stile, naturalita comfort? A rispondere ci pensa Cuoio di Toscana, Consorzio leader nella produzione di cuoio da suola, presente a Fieramilano Rho alla 92ma edizione di Lineapelle, manifestazione di riferimento per l pelle internazionale, per presentare il kit che racconta l di una calzatura in cuoio made in Italy.

Tra i componenti del kit, l Tag, ovvero uno smartshoe che, grazie a un minuscolo chip integrato all della suola, consentira non solo di tracciarne l e il metodo di lavorazione, ma anche di saperne di piu sull produttrice. Bastera avvicinare un comune smartphone abilitato alla tecnologia Field Communication alla calzatura con il tag per accedere ai contenuti piu vari, che illustreranno i vari passaggi che si nascondono dietro alla lavorazione del prodotto.

Completano il kit il cartellino di autenticita che attesta l la qualita e la lavorazione a regola d del cuoio da suola conciato al vegetale, con un numero seriale identificativo della conceria fornitrice del cuoio; il punzone, utilizzato per marchiare il cuoio, che ricorda il processo di lavorazione sostenibile e interamente tracciabile al quale tutti i soggetti della filiera collaborano in modo sinergico; una targa in plexiglass trasparente, che il Consorzio concede in uso ai clienti delle concerie associate, per una partnership basata sui valori condivisi di qualita ed esclusivita del prodotto.

In esposizione anche le novita delle aziende produttrici di Cuoio di Toscana. Per la scarpa, accessorio piu amato da sempre, nella stagione estiva 2018 si fara particolare attenzione alla sostenibilita delle materie prime, prediligendo colori poliedrici e cangianti; i toni dal pastello vireranno verso una freschezza inedita, digitale, molto moderna, come da linee guida elaborate dal Comitato Moda Lineapelle. Con un tocco di glamour, per intercettare i cambiamenti del mercato.

Le aziende che fanno parte del brand Cuoio di Toscana sono di Santa Croce sull (Bonistalli e Stefanelli Spa, Cuoificio Alcyone Spa) e di San Miniato, localita Ponte a Egola (Gruppo Conciario Cmc International Spa, Conceria Gi Elle Emme Spa, Cuoificio Otello, Lamonti Cuoio Spa, Conceria 3S Srl e Volpi Concerie Srl).

Cuoio di Toscana e un cuoio da suola unico ottenuto con concia lenta al vegetale, un processo antico basato sull di tannini naturali ricavati dal legno di castagno, mimosa e quebracho. “Vergognatevi”Danimarca, il segreto della felicità è il fattore “Hygge”

Rete eventi provincia di PadovaInaugurazione della Mostra “Fruttratti. la vita segreta della frutta”Presentazione di proposte progettuali per la realizzazione di manifestazioni ed eventi culturali di interesse regionale: consulta i terminiJohann Sebastian Circus Cabaret al Teatro Ferrari di CamposampieroLa 6a edizione del Banff Mountain Film Festival World Tour Italy arriva a PadovaCorpi a sopresa. Visite guidate legate alla Mostra del Museo diocesano di PadovaTerza edizione di Giardinity Primavera. I bulbi di Evelina PisaniEventone^3_Festival sull’Italia che non va mai in crisi: le mafieAl Ferrari di Camposampiero attori e pupazzi per raccontare di come Pierino diventò Pierone e incontrò la Strega BistregaFilippo Caccamo in scena con “Mai una laurea” al Centro Culturale Altinate San Gaetano di PadovaConvegno Creatività arte e cultura per la competitività delle imprese venete. Venezia, 26 febbraio 2018

Dont miss out. Be the first to join the next Trading Challenge

Tutti i contenuti, quali, il testo, la grafica, le immagini e le informazioni presenti all’interno di questo sito sono con licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia (CC BY NC 2.5), eccetto dove diversamente specificato.

Navigando questo sito accetti l’uso di Cookies e altri sistemi funzionali all’analisi del traffico e al funzionamento del sito web, puoi negare il consenso tramite le impostazioni del tuo browser.
ugg bimba Arriva il kit che identifica la scarpa d

ugg italia sito ufficiale Antitrust in azione contro le pratiche sleali dell’industria

ugg bambina Antitrust in azione contro le pratiche sleali dell’industria

Chiss mai che non ci sia un nesso tra i proclami d fatti dal ministro Maurizio Martina mesi fa contro le speculazioni industriali a danno dei produttori di latte (leggi qui) e l di una indagine conoscitiva annunciata mercoled scorso 6 maggio dall Garante della Concorrenza e del Mercato.

L presieduto da Giovanni Pitruzzella ha infatti deciso di investigare su quattro aspetti salienti che regolano la domanda e l nel settore: le dinamiche contrattuali con cui si determinano le condizioni di acquisto e di vendita sia del latte crudo alla stalla sia dei prodotti finiti, i cosiddetti “meccanismi di trasmissione” dei prezzi lungo l filiera, la rilevanza ai sensi della normativa antitrust delle condotte degli operatori nella contrattazione, e infine il livello di concorrenza esistente tra operatori presenti sul mercato.

L dell giunge in un momento di profondi mutamenti del comparto lattiero caseario, dovuti principalmente alla fine del regime delle quote latte, avvenuta il 1 aprile scorso. “In un siffatto contesto”, spiega una nota stampa dell “le associazioni degli allevatori lamentano la scarsa correlazione tra l dei prezzi al consumo e il prezzo corrisposto agli allevatori stessi per la vendita del latte crudo”. Prezzo “che ha fatto registrare una drastica riduzione negli ultimi mesi”.

Che qualcosa non vada nel settore faccenda assai nota, se vero com vero che tra il prezzo di acquisto alla stalla e il prezzo di vendita al consumatore da tempo immemorabile si registrano differenze superiori anche al 300%. Tra i nomi emersi in queste due attivit sanzionatorie figurano Lactalis e Danone, tra i protagonisti del mercato lattiero caseario anche nel nostro Paese.

Infine, lo precisa l nella sua nota stampa, c da sottolineare che “sotto un profilo normativo sono di recente intervenute importanti novit tanto a livello comunitario quanto a livello nazionale: tra di esse il decreto legge urgente per il rilancio dei settori agricoli in crisi, che contiene specifiche misure a tutela della filiera del latte”. Forse grazie anche a queste si sarebbe venuto a modificare l di cronica indulgenza che la nostra amministrazione ha sempre avuto nei confronti della lobby industriale del settore.
ugg italia sito ufficiale Antitrust in azione contro le pratiche sleali dell'industria