ugg shop ritrovati indumenti in un bosco

ugg marroni ritrovati indumenti in un bosco

Nei boschi di Montaione, a 45 km circa da Gello, un cercatore di funghi ha trovato alcuni indumenti abbandonati; l è che possano essere ricondotti alla sparizione di Roberta Ragusa. Si tratta di un paio di slip, un reggiseno, un asciugamano, un paio di scarpe, una maglia e un paio di pantaloni rosa a righe, appartenenti a un pigiama o a una tuta. Insieme a questi abiti, anche una cravatta. Requisiti dai carabinieri, gli abiti sono stati analizzati, e si attendono ora i risultati della comparazione del Dna.

Nel frattempo, nei giorni scorsi è stata nuovamente interrogata Sara Calzolaio, ex baby sitter per Roberta Ragusa nonché amante del marito Antonio Logli. La Calzolaio ha ammesso un paio di telefonate tra lei e Logli la notte della scomparsa di Roberta, intorno alla mezzanotte. Tra le due chiamate c stato un intervallo di qualche minuto: potrebbe quell essere stata causata da Roberta?

Le ricerche di Roberta Ragusa continuano: i sub dei carabinieri hanno iniziato ad esplorare il pozzo che si trova nel giardino della villetta dove la donna abitava con la sua famiglia. Nel frattempo, si procede nuovamente alla perquisizione della casa, sperando di trovare qualcosa sfuggito durante la prima investigazione (che essendo avvenuta però alcuni giorni dopo la sparizione della Ragusa avrebbe potuto essere stata falsata dall cancellazione di prove). stata di nuovo interrogata la segretaria dell’autoscuola di famiglia Sara Calzolaio, ventottenne ex baby sitter e amante di Antonio Logli, il marito di Roberta. La versione della donna non è cambiata: ha confermato di amare Logli, con il quale aveva una relazione da sette anni all della moglie di lui, che pure nutriva dei sospetti.

possibile, secondo alcuni, che sia stata proprio la scoperta della relazione extraconiugale del marito la causa della repentina sparizione di Roberta. Logli nega questa possibilità, parlando invece di una scatola che la donna stava ritirando in soffitta e che le sarebbe caduta in testa, ferendola: l dell è che il colpo in testa abbia fatto perdere la memoria alla moglie.

I carabinieri stanno perquisendo nuovamente anche la scuola guida e hanno iniziato a scandagliare i fondali del vicino lago di Massaciuccoli.

17 maggio 2012 La donna vista in Liguria non era Roberta

La donna vista a Pietra Ligure da alcuni testimoni non era Roberta Ragusa. Ennesimo falso allarme, quindi, in questo caso che diventa ogni giorno più intricato e misterioso. I Carabinieri di Pietra Ligure e di Albenga, infatti, hanno individuato la donna che secondo alcune testimonianze sarebbe stata molto somigliante a Roberta e hanno accertato che in realtà non si trattava della donna scomparsa ma di una persona senza fissa dimora. La speranza di trovare Roberta Ragusa viva, quindi, se si era accesa dopo il presunto ennesimo avvistamento, ora si è di nuovo spenta. E le indagini tornano al punto di partenza. Le ricerche continuano. Decine di Carabinieri del primo reggimento Tuscania e della compagnia di Pisa stanno passando al setaccio il territorio nei pressi dell della donna scomparsa e, in particolar modo, la zona delle cave di pietra sui monti pisani sopra San Giuliano Terme e si stanno calando in ogni anfratto anche in aree assai impervie. Nei prossimi giorni le ricerche continueranno anche nei corsi d e sul lago di Massaciuccoli, i cui fondali saranno scandagliati palmo a palmo da subacquei.

16 maggio 2012 Nuovi avvistamenti in Liguria

Nuove segnalazioni su presunti avvistamenti di Roberta Ragusa parrebbero avvalorare la tesi che la donna si trovi in Liguria: dopo la testimonianza di Rosanna Di Marziano, titolare di una scuola guida di Pietra Ligure, in provincia di Savona, altre persone dei dintorni hanno affermato di aver visto una donna somigliante con la scomparsa. Ieri infatti è stato un albergatore di Borghetto Santo Spirito, che avrebbe riconosciuto la Ragusa in una donna che gli avrebbe chiesto una camera, al prezzo più basso possibile, chiedendo anche se nel prezzo erano compresi i pasti. Alla risposta negativa dell la donna avrebbe risposto che non le era possibile sforare il budget previsto. La donna, che aveva un aspetto trasandato e l toscano, è stata in albergo quattro giorni fa, ma solo ieri l si è reso conto della somiglianza con la Ragusa.

La segnalazione dell non è però l arrivata dalla provincia di Savona: anche una parrucchiera di Pietra Ligure ha infatti dichiarato di aver visto una donna somigliante a Roberta entrare nel suo negozio per domandare qualche soldo.

I carabinieri sono già al lavoro sulle immagini delle telecamere di sorveglianza per confermare o smentire queste segnalazioni; stanno anche interrogando le persone al lavoro presso la Caritas di Pietra Ligure, ma al momento pare che da queste testimonianze non sia emerso nulla di utile per le indagini.

14 maggio 2012 Avvistata a Pietra Ligure una donna che potrebbe essere lei

Una nuova segnalazione su Roberta Ragusa è stata resa nota dagli inquirenti: la donna potrebbe essere stata vista il 27 aprile scorso a Pietra Ligure, in provincia di Savona, presso un di pratiche auto. La segnalazione è stata fatta al comando locale dei carabinieri da parte della titolare della scuola guida, che è stato ascoltata già due volte: secondo quanto riferito, la presunta Roberta portava i capelli raccolti, e indossava una maglia gialla a disegni marroni e dei jeans.

La testimone ha raccontato di aver creduto di riconoscere Roberta in base alle immagini che aveva visto sui giornali e in tv; la donna era entrata nella scuola guida per chiedere l raccontando alla titolare della scuola che si era allontanata dalla sua famiglia, ed era arrivata a Pietra Ligure dalla Sardegna. Un nuovo particolare è stato rivelato, particolare che si spera possa trasformarsi in un indizio per capire che cosa è successo quella sera del 13 gennaio: si rtatta di una lista della spesa scritta dalla Ragusa. visibilmente in fretta e lasciata incompiuta. Nella lista si nota come la scrittura della donna cambi all come se fosse stata interrotta di colpo. Insieme a ciò, emergono nuove incongruenze nei racconti del marito Antonio Logli.

L ha raccontato come Roberta stesse appunto compilando la nota della spesa quando lui era andato a dormire. Ciò che non torna è il fatto che la lista, come detto, sia stata trovata incompiuta, con quella misteriosa accelerazione della grafia, come se Roberta fosse stata distratta da qualcosa. Altro particolare che non torna, la dichiarazione di Logli, l ad aver visto la Ragusa alle 23 di quella sera: la moglie indossava una maglietta bianca e dei pantaloni. Ma la figlia ha invece riferito agli inquirenti di aver visto sua madre molto prima delle 23 di quella sera, e che Roberta indossava già il pigiama rosa, quello che attualmente risulta irreperibile.

189 aprile 2012 Un incendio per far sparire le tracce? Altri dubbi sul marito

Se le indagini non sembrano fare decisivi passi avanti, alcune novità arrivano dal programma di Raitre l visto che si è occupato fin dai primi giorni del giallo della scomparsa di Roberta Ragusa. Uno degli eventi più strani accaduti dopo la scomparsa della quarantaquattrenne di San Giuliano Terme, soprattutto se effettivamente collegato al caso di Roberta, è costituito da un incendio, di natura chiaramente dolosa, che il 30 marzo scorso è divampato in un bosco vicino al paese di San Giuliano. Un sospetto si fa avanti nella mente degli inquirenti e non solo. E se l fosse stato appiccato con lo scopo di occultare indizi o tracce inerenti alla scomparsa di Roberta? Ad aumentare il mistero, come raccontato dal programma condotto da Federica Sciarelli, c il fatto che le fiamme siano divampate proprio nel giorno in cui dovevano ripartire le ricerche.

Un stranezza, che alimenta i dubbi sul marito di Roberta Antonio Logli, indagato con l di omicidio, è costituita dalla circostanza che Logli, il giorno dopo la scomparsa della moglie, avrebbe chiesto tre mesi di aspettativa all per cui lavora, la Geste. Perchè un periodo così lungo? Logli non si aspettava, fin da subito, un ritorno della moglie? Insomma, il giallo diventa sempre più intricato.

13 aprile 2012 In partenza per Gello i volontari raccolti su Facebook

I volontari raccolti dalla pagina Facebook Roberta Ragusa sono pronti a partire: a quanto pare è dunque arrivata finalmente l che avrebbe permesso a questo gruppo di civili di recarsi nelle campagne nei dintorni di Gello per aiutare i carabinieri dei Ris a cercare tracce di Roberta Ragusa. L cosa che manca prima che il gruppo possa muoversi, ha spiegato l del gruppo Facebook Piero Civalleri, è il termine della mappatura che gli inquirenti stanno eseguendo; entro una decina di giorni, comunque, i volontari (almeno una cinquantina, la maggioranza di provenienza piemontese) potrà partire per le campagne pisane nei dintorni di San Giuliano Terme. L dei volontari era inizialmente stato fissato per questa domenica, ma gli organizzatori hanno preferito rimandare ancora di qualche giorno per poter definire meglio programmi e percorsi da battere. Al loro arrivo, i volontari saranno divisi in piccoli gruppi di una decina di persone ciascuno, ognuno sotto il coordinamento di un carabiniere, per poter battere la zona nella maniera più estesa e al contempo mirata possibile.

12 aprile 2012 Su Facebook petizione per riprendere le ricerche

Dopo due mesi e mezzo dalla sua scomparsa, ancora non si è scoperto nessuna pista concreta per ritrovare Roberta Ragusa, sparita dal piccolo paese di Gello, in provincia di Pisa. Come spesso accade in quest di social network, su Facebook è nato un gruppo, Roberta Ragusa che conta 2.718 iscritti e che cerca di contribuire in qualche modo alla ricerca della donna. L iniziativa varata sulla pagina è la petizione perché le ricerche non si fermino, firmata finora da 242 persone.

Ma gli iscritti alla pagina vogliono anche fornire un aiuto pratico e concreto: un gruppo di volontari si è offerto di raggiungere Gello per aiutare i carabinieri dei Ris a perlustrare tutte le campagne nelle prossimità del paesino, arrivando anche nelle zone non ancora setacciate dagli investigatori. Al momento però non è ancora arrivata l a questa spedizione, dunque i volontari non possono muoversi.

10 aprile 2012 Tabulati telefonici dimostrano che Logli non si mosse da Gello la notte della scomparsa

Le investigazioni sulla scomparsa di Roberta Ragusa, della quale non si hanno notizie da metà gennaio, non si sono fermate nemmeno durante le festività pasquali. Le ultime indagini hanno confermato che, nel corso della notte della scomparsa di Roberta, le utenze telefoniche appartenenti a tutti i membri della famiglia Logli non si sono mosse dalla cittadina di Gello di San Giuliano Terme, dove abitano. Esaminando i tabulati telefonici e le tracciature delle cella telefoniche agganciate dai cellulari gli inquirenti hanno notato che anche i due telefonini utilizzati dal marito della Ragusa e dalla sua amante Sara Calzolaio sono rimasti sempre all delle rispettive abitazioni. Tutto ciò sembra una prova della versione dei fatti fornita da Logli. Le investigazioni, in ogni caso, proseguono.
ugg shop ritrovati indumenti in un bosco

ugg bimbo ritorno delle Crocs

quicksilver ugg boots ritorno delle Crocs

Ci provòChristopher Kane, con scarso successo, durante la sfilata primavera/estate 2017, quando mandò in passerella modelle con ai piedi Crocs marmorizzate earricchite con insertidi minerali grezzi. Ci ha riprovato una seconda volta, più recentemente, con Crocszebrate di vari colori ispirate alla sua collezione pre autunnale, con dettaglidifiori metallici epiume di struzzo. La prima versione costava 275 , la secondasolo 65 . Sono sempre stato un loro fan, raccontava lui, riferendosi ovviamente alle ciabatte gommose.Mi piace che siano brutte,per niente femminili o progettate per sedurre. Come dargli torto. A luglio Julia Hobbesha provato a indossarlenegli uffici di Vogue, testando le reazioni di colleghe e amici: nessuno si è rivelatoparticolarmente entusiasta. passatal’estate, e credevamodi essere riusciti a rimuovere dalle nostre menti quell visione. Dopoil mezzo fallimento del doppio tentativo di reinterpretazione speravamo di esserci liberati del tutto delle Crocs, non immaginavamoche perfino la stimatissima Maison Margiela aveva deciso di reintepretarle (per la primavera/estate 2017) in una lussuosa versione in vitello (in vendita a ben 608 dollari).

Inizialmente concepite come calzatura da barca da tre intraprendenti amici di Boulder, Colorado, nel 2002, la Crocs si posiziona tra laBirkenstock chiusa e lo zoccolo Dr Scholl spogliata dall fricchettona e di sinistra della prima (che poi si è evoluta, ne avevamo parlato qui) e quella di fragile anziana del paese della seconda. Siccome è plasticosa (fatta di una speciale schiuma anti scivolo, anti odore e anti microbi) e leggerissima è futuristica e siccome è goffa e orrenda è ironica, in più è comoda e brutta, perciò il messaggio confortante che lancia è: “è sabato mattina, sono in tuta e me ne fotto del buon gusto”, attivando nella nostra mente le sinapsi collegate al tempo libero e al relax.

Questo per gli adulti. In realtà il fenomeno, che conosce la sua espansione in Italianell’estate 2007, parte dai bambini: a loro piaceva il nome, Crocs, che deriva da crocodile (il marchio originale ha un coccodrillo come logo) e gli piaceva che fosse senza peso, comoda, colorata, ma soprattuttoche si potesse personalizzare con le Jibbitz, le spille di varie forme (fiori, animali, cuori, ecc.) che si mettevano nei buchi. Più che una scarpa si trattava di un gioco, un album di figurine sempre a disposizione ai propri piedi. Non solo le Crocs permettevano al loro possessore adulto di autocompiacersi del proprio sagace cattivo gusto chiunque se interrogato ne ammette la bruttezza, nessuno le trova “belle” intanto però erano state avvistate ai piedi di Al Pacino, Matt Damon, Isabella Rossellini e Halle Berry, tra gli altri,
ugg bimbo ritorno delle Crocs
e loro lo sapevano. Grazie alle versioni tarocche che immediatamente iniziarono a circolare, si potevano acquistare anche a 3 euro. Arrivarono le declinazioni per l’inverno, ancora più raccapriccianti per via di un pelo sintetico, morbidissimo, a contrasto o dello stesso colore della gomma. Il boom durò qualche anno, finché, nel 2009, l’azienda andò in crisi. Due i motivi: essendo di fatto indistruttibili, nessuno aveva bisogno di comprarne un altro paio. E poi costavano troppo, e molto probabilmente Al Pacino e Halle Barry erano stati tipo gli unici a comprarle originali.

Insomma, l’azienda fondata dai tre amici di Boulder che era diventata uno dei fenomeni più inarrestabili negli Stati Uniti post recessione, si ritrovò nel 2008 a perdere 185,1 milioni di dollari. Più di duemila dipendenti lasciati a casa, milioni di debiti, magazzini pieni di scarpe invendute. Le Crocs sembravano vicine all’estinzione, per restare alla metafora del coccodrillo. Invece no. Colpo di scena: dopoKane e Margiela che tentano di resuscitarle, ed ecco che ritornano a bomba nella Settimana della moda di Parigi, per la primavera/estate 2018, con Balenciaga, in un’agghiacciante versione con la zeppa, che nemmeno nei nostri peggiori incubi avremmo potuto immaginare. Nella decima collezione di Demna Gvasalia, le terribiliscarpehanno condiviso la passerellacon delle stiletto munite di borchie lunghe almeno 5 cm.

Le reazioni, come per ogni gesto un minimo coraggioso compiuto dagli esseri umani nella storia, sono state da una parte di avversione e dall’altra di entusiasmo. Gavasalia racconta di adorare le Crocs perché sono fatte di un solo pezzo di schiuma plastica, e questa tecnologia del materiale si accorda molto bene con lo stile Balenciaga (un marchio abituato a sorprendere attraverso l’appropriazione degli oggetti più quotidiani e working class: vedi la borsa Ikea), nel futuro, aggiunge, ognuno potrà stamparsi le sue Crocs a casa sua con una stampante 3D. Si è parlato molto della reinterpretazione, da Vice (che addirittura identifica una nobile antenata della calzatura nella storia della moda) a Gq (che ci ricorda come Jared Leto eShia Labeouf le usino ancora, e con un atteggiamento decisamente più Balenciaga e meno sfascione in hangover com’era quello di Al Pacino). Però a volte viene voglia di lanciarsi senza freni nel futuro, dimenticare il post moderno, gli anni eaffacciarsi finalmente a un paesaggioinedito, mai visto. Nonostante questo atteggiamento di ripescaggio produca spesso prodotti di ottima qualità,a volte viene voglia, nella moda come nell letteraturaenel cinema, di una specie di tornado che spazzi via il passatoe regali visioni nuove, sconcertanti. Quello che ci vorrebbe, insomma, è unaspecie di movimentofuturista(ops,
ugg bimbo ritorno delle Crocs
già fatto anche questo).

ugg svizzera Risponde la psicologa Elisabetta Rotriquenz stivali

ugg svizzera Risponde la psicologa Elisabetta Rotriquenz stivali

Le donne amano fare shopping, comprare vestiti, borse, accessori ed in particolare scarpe! Perché le donne amano così tanto lo scarpe da riempirne armadi e scarpiere, fino a non sapere dove metterle tutte? Le scarpe rispecchiano la personalità di chi le indossa, il modo di affrontare la giornata e gli impegni quotidiani. Talvolta la passione nelle calzature può sfociare nel feticismo sia per quanto vengono amate le scarpe sia per quanto vengono adorati i piedi. Sia il piede che la scarpa sono due emblemi del feticismo e possono sedurre molto più di una scollatura.

Uomini e donne sono affascinati dalle scarpe, ma in modo diverso. Per le donne sono un irresistibile oggetto del desiderio e uno strumento di seduzione, per gli uomini sono un fattore di attrazione erotica. Allora largo alle moltissime possibilità di scelta: stivali, ballerine, sneakers, mocassini, tronchetti, zoccoli, zeppe, sandali, con tacco a spillo, ecc. La scelta della scarpa non è cosa da poco, anche perché è legata alla postura, per cui una donna che avanza con i tacchi alti avrà movenze molto diverse da colei che cammina con scarpe sportive.

La scelta della scarpapuò rivelare tanto di chi la possiede. Ad esempio la donna che sceglie di indossare scarpe con il tacco a spillo solitamente punta alla raffinatezza, a mostrarsi sensuale, non vuole mai rinunciare alla sua femminilità. D’altra parte il modo di camminare su un paio di tacchi alti è molto più sexy rispetto a chi passeggia con un paio di scarpe senza tacco. La scelta di indossare solo e sempre scarpe con il tacco può indicare una certa insicurezza che la scarpa va a colmare, data la consapevolezza che l’universo maschile è sempre attratto dallo stiletto.

Le donne che scelgono le ballerinesono piuttosto sicure di se stesse, non sentono il bisogno di indossare scarpe con il tacco per sentirsi femminili ed in grado di conquistare un uomo, non guardano solo all’aspetto esteriore delle cose, ma puntano alla praticità senza dimenticare lo stile. Altre optano per scarpe particolari, che danno nell’occhio: queste donne amano essere sempre sopra la righe, distinguersi dalla massa e farsi notare. Hanno molta fiducia in se stesse e non tengono in considerazione cosa pensano le persone del loro look audace.

Molte scelgono la scarpa sportiva: sono amanti della praticità e della comodità, sono molto attive, adorano il look casual e amano sentirsi giovani. Stanno comunque attente alla moda, magari scegliendo scarpe pratiche, ma trendy, ricche di colori e tecnologiche. Solitamente sono donne molto pragmatiche e dirette nel rapporto con gli altri. Le donne che scelgono i mocassini amano le cose classiche, tradizionali e comode. Questa scelta tende a rivelare una mancanza di fantasia e il desiderio di manifestare sempre serietà e sobrietà.

Coloro che indossano le zeppeamano il tacco anche se in una versione più stabile che permette di camminare a lungo e con maggiore comodità. Questo stile indica la necessità di coniugare la femminilità con il desiderio di rimanere attive, dinamiche e indipendenti. possibile anche fare qualche collegamento con il mondo onirico ed il suo significato nell’ambito delle scarpe. Ad esempio, sognare di cercare senza successo una scarpa può essere indice di un periodo difficile della propria vita, dovuto ad un lutto o ad una separazione; sognare di camminare indossando scarpe strette può significare che si sta vivendo una relazione sentimentale soffocante o insoddisfacente; al contrario sognare di camminare con scarpe troppo larghe potrebbe indicare una eccessiva fiducia in se stessi. Infine, andare in giro con scarpe rotte o a piedi scalzi denoterebbe un periodo complicato che non si riesce a risolvere.

Le scarpe sono quindi collegateal rapporto uomo donna, alla seduzione, alla personalità, allo stile, al modo di affrontare la vita e anche al tipo di partner che si desidera. Infatti nel telefilmSex and the City, la protagonista Carrie, personaggio amante della moda e in particolare delle scarpe, dice: “gli uomini sono come le scarpe col tacco. Ci sono quelli belli che fanno male, quelli che non ti piacciono fin dall’inizio, quelli irraggiungibili che non potranno mai essere tuoi, quelli che affascinano in partenza ma poi capisci che non sono niente di speciale e infine quelli che non ti stancherai mai di avere con te”. Allora si potrebbe azzardare nell’affermare: dimmi che scarpa indossi e ti dirò, non solo chi sei, ma anche che partner avrai.

Domanda Buongiorno Dottoressa, mi chiamo Giorgio e ho 42 anni, la disturbo per un problema che mi affligge da qualche anno. Mia moglie 45 anni, da qualche anno, è molto restia a fare l con me, non per una colpa del sottoscritto, ma al calo del desiderio sessuale sopraggiunto dopo la nascita del 2 figlio. Sin dall del nostro rapporto ho sempre dimostrato un nei confronti delle sue estremità, accessori compresi, calze velate, tacchi, stivali, si figuri che la prima notte di nozze, per lo stress accumulato durante il giorno, non ha voluto fare l’amore, e io mi sono “accontentato” di sdraiarmi a terra e lei vestita ancora da sposa, mi ha calpestato i capezzoli con i tacchi. All mi piaceva farmi solleticare i capezzoli con le unghie, sdraiarmi a terra e massaggiare i suoi piedi o essere usato come poggia piedi con tacchi annessi, pensare alla cura delle sue scarpe, ecc. Questo “gioco”, veniva chiesto da me abbastanza di rado, più o meno ogni 15 giorni. Sapendo che non prova piacere a fare l ho smesso di chiederglielo e purtroppo venendo a mancare la parte sessuale del nostro rapporto, mi si è accentuata molto quella che oramai è la parte di me che io giudico “perversa”. Penso che essendo stato adottato, io mi faccia una colpa nel mio subconscio per quello che è accaduto, e mi lego ad un feticcio (calze, piedi) per poi essere da lui sgridato e punito (tacchi sui capezzoli umiliazione). Poi il non riuscire a soddisfare mia moglie mi fa accettare l’astinenza ai rapporti sessuali, come una forma di punizione e la cosa mi piace, non mi fa cercare in giro avventure occasionali o altro. L’unica cosa è che questa mia sottomissione viene da me esasperata, cerco sempre con lo sguardo i suoi piedi, spero sempre in un suo ordine, spero sempre di essere usato, calpestato, umiliato come un cane, punito se sbaglio, ecc. Secondo Lei c’è possibilità di guarire o perlomeno attenuare questa mia passione/perversione? Non vorrei perdere la mia Regina, perché giustamente stufa dei miei atteggiamenti. Lei mi ha appoggiato in questo mio gioco (forse perché esasperata), per le faccende domestiche, ripagandomi con del cibo per terra, da lei calpestato, e anche se stanco e svogliato mi bastava un ordine per fare quello che lei mi diceva, sperando in un calcio o in uno sputo a terra da leccare e la casa brillava, forse un vantaggio per tutti e due. Ultimamente forse perché ho esagerato con il mio servilismo, vedo una sua insofferenza sulle mie continue attrazioni. Vorrei guarire, ma ho letto che dal feticismo non si può guarire. La prego mi aiuti. Grazie, Giorgio.

Risposta Gentile Giorgio, nel suo caso sono da considerare due disturbi: il feticismo e il masochismo sessuale. Tali disturbi rientrano nelle cosiddette parafilie, nelle quali l sessuale viene suscitata da oggetti inusuali oppure da attività sessuali di natura inusuale. In particolare, il feticismo comporta l di un oggetto inanimato per raggiungere l’eccitazione sessuale. Le persone che manifestano il feticismo sono di solito maschi, con impulsi ricorrenti e intensi nei confronti degli oggetti inanimati, detti feticci (ad esempio, scarpe da donna), e la presenza del feticcio è marcatamente preferita o addirittura necessaria per l sessuale. I feticci più comuni sono capi di vestiario (in particolare biancheria intima), prodotti in gomma (come gli impermeabili) e articoli correlati ai piedi (calze velate, scarpe da donna). C chi manifesta il proprio feticismo in solitudine e in segreto baciando, accarezzando, annusando, succhiando o solo guardando l adorato mentre si masturba. C chi invece ha bisogno che il partner indossi il feticcio come fonte di eccitazione per il rapporto sessuale.

il focus erotico ciò che distingue il feticismo dalla normale attrazione per i tacchi a spillo. Il feticista attratto dagli stivali deve vedere o toccare uno stivale per eccitarsi, e quando il feticcio è presente l è irresistibilmente forte. Il masochismo sessuale invece si definisce dal desiderio intenso e ricorrente di ottenere o accrescere la gratificazione sessuale mediante la sofferenza fisica o l alle quali ci si sottopone. Le manifestazioni di masochismo sessuale sono svariate e includono l (costrizione fisica), il farsi bendare gli occhi (costrizione sensoriale), lo sculacciamento, la fustigazione, le scosse elettriche, le ferite da taglio, le umiliazioni (ad esempio, farsi urinare o defecare addosso, essere costretti a indossare un collare e ad abbaiare come un cane o essere messi in mostra nudi) e l di ruolo di schiavo con la conseguente sottomissione a ordini e comandi. Una forma particolarmente pericolosa di masochismo, detta ipossifilia, può avere come esito la morte o il danno cerebrale; essa implica eccitazione sessuale da deprivazione di ossigeno, la quale può essere ottenuta mediante un cappio, un sacchetto di plastica, una compressione sul petto o una sostanza chimica che provochi una temporanea riduzione dell cerebrale mediante vasodilatazione periferica.

Oltre alla spiegazione dei disturbi, Lei mi chiede se e come è possibile guarire o comunque attenuare questa passione/perversione. Per quanto riguarda il trattamento delle parafilie è necessario seguire una psicoterapia, ad esempio di tipo cognitivo comportamentale. Per quanto riguarda il trattamento comportamentale il terapeuta potrebbe focalizzarsi sul condizionamento aversivo, mentre per l cognitivo potrebbe utilizzare interventi cognitivi con obiettivi a più ampio spettro. La terapia aversiva si basa sull di sensazioni negative a stimoli che in precedenza producono attrattiva. Lo scopo è quello di sostituire una precedente risposta positiva allo stimolo con una risposta d o una reazione d elicitata. Di seguito proverò a farle qualche esempio, ma ci tengo a sottolineare che queste tecniche fanno parte di un percorso terapeutico ben preciso e che sarà il suo terapeuta a decidere quali tecniche utilizzare. Un esempio di terapia aversiva è quello della cosiddetta saturazione (satiation), nella quale l si masturba a lungo, di solito dopo aver eiaculato, mentre fantastica ad alta voce sulla sua attività deviante. L è che la masturbazione continuerà tanto a lungo da diventare aversiva. Anche se la terapia aversiva a volte non elimina completamente l in alcuni casi essa conferisce al paziente una maggiore capacità di controllo sul suo comportamento manifesto. Una variante della tecnica aversiva utilizza solo l dello stimolo negativo: si tratta della sensibilizzazione nascosta (covert sensitization), per mezzo della quale la persona immagina situazioni inappropriate che trova eccitanti e immagina anche di provare nausea o vergogna nei confronti di ciò che sente e agisce. Della sensibilizzazione nascosta sono state sviluppate versioni che abbinano fantasie aversive a un cattivo odore. Studi condotti su questa tecnica hanno dimostrato che essa riduce l deviante, ma queste tecniche da sole non sono in grado di modificare il comportamento. Per questo motivo alla terapia comportamentale si abbinano interventi cognitivi (volti ad individuare pensieri ricorrenti, schemi fissi di ragionamento e di interpretazione della realtà per correggerli e renderli funzionali al benessere della persona), che hanno come scopo l delle abilità sociali e l’addestramento al controllo degli impulsi sessuali (Kring, Davison, Neale e Johnson, 2007).

Vorrei concludere con un considerazione per Giorgio e per tutti i lettori che soffrono di tali disturbi. Prima di tutto è necessario che vi sia una consapevolezza del problema che porti ad iniziare una psicoterapia. Il percorso potrebbe rivelarsi lungo e complesso, perché talvolta alla parafilia si associano anche altre forme psicopatologiche, ma ciò non deve far desistere dal desiderare una qualità di vita migliore.
ugg svizzera Risponde la psicologa Elisabetta Rotriquenz stivali

ugg.com.au Rischio crollo diga in California

ugg australia europa Rischio crollo diga in California

Sono quasi 200mila le persone evacuate nel nord della California per il rischio del collasso dello sfioratore di emergenza della diga di Oroville. Anche se la minaccia di inondazioni è diminuita in queste ultime ore, nella mattina le autorità hanno ordinato l’evacuazione di circa 188mila residenti nella zona per il potenziale crollo della diga, la più alta degli Stati Uniti. Le forti piogge hanno indebolito il canale di scolo della struttura, alta 230 metri e, secondo l’allerta diramata dal Servizio meteorologico nazionale, la rottura potrebbe causare “un rilascio incontrollato delle acque del lago di Oroville”. Per questo, le autorità hanno evacuato le città circostanti di Oroville,
ugg.com.au Rischio crollo diga in California
Palermo, Gridley, Thermalito, South Oroville, Oroville Dam, Oroville East e Wyandotte. Il governatore della California, Jerry Brown,
ugg.com.au Rischio crollo diga in California
ha dichiarato lo stato di emergenza in modo da consentire alle autorità locali di potersi attivare con i lavori di ripristino e con le operazioni di evacuazione.

ugg for kids rientrano 200 aziende di fascia alta

ugg australia canada rientrano 200 aziende di fascia alta

Sono solo l’1,6% delle aziende del made in Italy, ma in proporzione contribuiscono più di ogni altro settore al surplus commerciale nazionale: Chi dieci anni fa diceva che i calzaturifici italiani sarebbero morti si deve ricredere ha affermato Cleto Sagripanti, presidente di Assocalzaturifici, presentando ieri a Roma lo Shoe Report 2015, focus sullo stato di salute del settore, che nel 2014, stando ai preconsuntivi, ha fatturato quasi 7,5 miliardi di euro (+0,3% sul 2013), con 5.031 aziende, per l’80% piccole e medie, cioè con meno di 50 dipendenti e meno di 10 milioni di euro di fatturato, e 76.610 addetti. Aziende alle prese da una parte con segnali di ripresa, soprattutto grazie all’export (che nel 2014 ha rappresentato l’84,6% della produzione, +3% sul 2013), dall’altra con le pesanti conseguenze dell’embargo alla Russia, primo Paese di destinazione per molti player, con il calo dei consumi interni ( 7,2% in valore fra 2013 e 2014), con le sfide del ricambio generazionale e dell’internazionalizzazione.

Il dato dell’export conferma l’appeal del made in Italy, soprattutto per la produzione di alta qualità, che sta alimentando sempre più il fenomeno del il rientro della produzione in Italia: Abbiamo tracciato già 196 casi di marchi di calzature e abbigliamento che sono rientrati ha proseguito Sagripanti . Il prodotto di fascia alta ha bisogno di una manifattura capace di realizzarlo. Servono però risorse per un’adeguata formazione, perché gli imprenditori vogliono lavoratori qualificati; serve anche il credito alle imprese che investono nei distretti, incentivi fiscali e promozione internazionale. Tuttavia, all’etichettatura manca ancora una tutela ufficiale a livello europeo, e anche per questo Assocalzaturifici ha scelto Roma per presentare lo Shoe Report, proprio per sollecitare la politica a non cedere in Europa, ha proseguito il presidente dell’associazione.

Se il made in Italy fosse tutelato avremmo un rapporto di maggior trasparenza con i cittadini consumatori ha aggiunto Lisa Ferrarini, vicepresidente Confindustria per l’Europa : ne guadagnerebbe la competitività, con benefici quantificabili in un aumento del 10% per l’ occupazione e del 20% per la produzione; aumenterebbero anche i controlli contro la contraffazione, che vale 6,5 miliardi solo in Italia.

Le aziende sono peraltro sempre più consapevoli che made in Italy sia una formula di sicuro successo all’estero: secondo il report, nei prossimi due anni circa l’84% delle aziende si dice all’internazionalizzazione. Anche qui, però, servono incentivi e soprattutto un’informazione corretta e completa, che possa infondere fiducia a un tessuto composto perlopiù di piccole aziende, sempre più vocate all’export (sono aumentate quelle che esportano fra il 50% e il 90% della produzione) e attratte dalle potenzialità dell’e commerce (chi lo usa nel 2014 è il 25,
ugg for kids rientrano 200 aziende di fascia alta
3%, a fronte del 21,1% del 2011).

Insomma, se nel panorma generale si colgono germogli di ripresa (circa l’80% delle aziende si dicono o uscita dalla fase peggiore della crisi) restano aperti due difficili fronti per i calzaturifici italiani: in primis, quello della Russia, che mette a rischio circa 400 aziende e 10 15 mila posti di lavoro, ha chiosato Sagripanti. Ancora più dura sul tema l’opinione di Ferrarini, per la quale la Russia è un problema molto sottovalutato. Chi ha lavorato per anni solo con un Paese non può reinventarsi subito.

Poi, c’è il capitolo del ricambio generazionale: Gli addetti stanno invecchiando, e i grandi marchi del lusso, francesi in testa, oltre ad acquistare aziende nei vari distretti, stanno portando nei loro Paesi i nostri artigiani con il loro know how, ha spiegato Nadio Delai, presidente di Ermeneia, società che pubblica lo Shoe Report. Per questo è cruciale rendere appetibile questo tipo di lavoro per i giovani, e in tal senso si sta muovendo anche uno speciale progetto di Assocalzaturifici con ItaliaLavoro, come ha spiegato il presidente Paolo Reboani: Nelle Marche i giovani tirocinanti confermati dalle aziende sono stati l’80%.

Il Sole 24 ORE incoraggia i lettori al dibattito ed al libero scambio di opinioni sugli argomenti oggetto di discussione nei nostri articoli. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. Non verranno peraltro pubblicati contributi in qualsiasi modo diffamatori, razzisti, ingiuriosi, osceni, lesivi della privacy di terzi e delle norme del diritto d’autore, messaggi commerciali o promozionali, propaganda politica.

Finalità del trattamento dei dati personali

I dati conferiti per postare un commento sono limitati al nome e all’indirizzo e mail. I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell’utente. Il Sole 24 ORE si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Ogni ulteriore diffusione dei dati anagrafici dell TMutente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso a titolo esemplificativo il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.
ugg for kids rientrano 200 aziende di fascia alta

stivali ugg australia Ricette per bambini

ugg slippers uk Ricette per bambini

HomePortateAperitiviAntipastiPrimi piattiSecondi piattiPiatti uniciContorniInsalateSughi e salseDolciIngredientiCarnePesceVerdureUovaRisoPastaLegumiCerealiFruttaDi stagioneCarciofiMeleAsparagiPere specialiVegetarianeVeganeSenza lattosioSenza glutineLink rapidiUltime ricette light veloci facili Bimby di PasquaPiatti tipici regionale etnica

Una sezione interamente dedicata alle ricette per i bambini. Tanti piatti semplici, facili e veloci da realizzare dedicati ai più piccoli. Se volete proporre ai vostri figli dei piatti sfiziosi ma che siano allo stesso tempo salutari e che li aiutino nella loro crescita quotidiana, date un’occhiata alle nostre ricette.

Fate scoprire ai vostri bambini i sapori della buona tavola con piatti a base di verdure, carne,
stivali ugg australia Ricette per bambini
legumi, pesce e tanto altro. Qui troverete tante idee divertenti e facili per preparare primi piatti, secondi e contorni che i più piccoli mangeranno con gusto.

Oltre a ricette sui pasti quotidiani che possano soddisfare i gusti esigenti dei bambini, potrete anche trovare tanti consigli per realizzare torte,
stivali ugg australia Ricette per bambini
dolci e dessert da preparare per un giorno di festa.

ugg original Ricette dolci di Natale

ugg trainers Ricette dolci di Natale

HomePortateAperitiviAntipastiPrimi piattiSecondi piattiPiatti uniciContorniInsalateSughi e salseDolciIngredientiCarnePesceVerdureUovaRisoPastaLegumiCerealiFruttaDi stagioneCarciofiMeleAsparagiPere specialiVegetarianeVeganeSenza lattosioSenza glutineLink rapidiUltime ricette light veloci facili Bimby di PasquaPiatti tipici regionale etnica

Scopri con noi quali sono i migliori dolci di Natale da preparare durante le feste e da offrire i tuoi ospiti. Leggi tutte le ricette e guarda le fotogallery illustrative per capire come preparare delle squisite pietanze in accompagnamento al Menù di Natale.

Impara come preparare degli ottimi dolci di natale napoletani come ad esempio i mostaccioli oppure gli struffoli,
ugg original Ricette dolci di Natale
per deliziare la vostra famiglia e anche i vostri piccoli ospiti. In questa sezione potrai trovare anche altri dessert tipici regionali come i dolci di Natale siciliani,
ugg original Ricette dolci di Natale
calabresi e pugliesi ma anche prendere spunto dalle ricette di dolci di Natale americani come ad esempio i cupcakes a forma di albero che faranno impazzire i bambini.

Prova a realizzare con le tue mani un fantastico panettone secondo i dettami tipici della tradizione meneghina oppure un tronchetto di Natale da gustare sotto l’albero in compagnia di amici e parenti.

botas ugg Riccardo Lacchinelli e il suo nuovo sponsor Snobs

prezzi ugg italia Riccardo Lacchinelli e il suo nuovo sponsor Snobs

“Sono scarpe comodissime, la prima cosa che ho preteso. Dopo di che sono ‘funamboliche’ e rispecchiano il mio carattere, il mio personaggio. E inoltre ho subito accettato questa proposta perché si tratta di uno dei rari casi che uno sponsor extra settore e che non c’entra col poker e col gambling si avvicina al nostro mondo”.

Riccardo Lacchinelli è pronto per volare all’Ipt di Nova Gorica con i fedelissimi MrMojoRising e Dinobreak, compagno nello Snai poker team, per giocare e difendere il titolo e presentare il suo nuovo sponsor Snobs! “E’ un brand di un’azienda di calzature di un certo livello. Scarpe estrose che rispecchiano il mio carattere. Calzature che colpiscono e stupiscono proprio come me al tavolo da gioco e nella vita”, racconta il Funambolo.

Ma prima di stringere l’accordo una raccomandazione importante: “Sembra una cavolata ma ho chiesto e ho voluto sapere se le scarpe erano comode. Stando 10 ore al tavolo non avrei indossato scarpe scomode neanche per milioni di euro. Ma ho potuto testare che sono davvero splendide”.

Snobs, un brand già molto conosciuto a livello nazionale: “E’ di Torino e ha tra i soci Charlie Gnocchi, fratello di Gene, che avrete visto in tv su Striscia la Notizia e avrete ascoltato in radio su 105 o su RTL 102.5 con la trasmissione Alto Godimento”. Attualmente è con Alessandro Greco sempre in radio nel fine settimana”.

Come nasce l’accordo? “Diciamo che è una cosa ev+ per tutti e due, per me e per Snobs. Nasce dalla simpatia che alcuni in azienda hanno per me. Poi ho conosciuto i soci e siamo giunti a questa idea. In realtà il target è perfetto visto che tra i miei fan ho gente giovane e giovanissima che potrebbe fare al caso loro. Vedremo cosa succede, è un buon accordo che potrebbe continuare con maggiore successo ancora”.

Visto che è tempo di sfide Lacchi ne lancia una delle sue: “Invito Carlo Savinelli a indossare ai prossimi eventi delle comode scarpe da ginnastica magari nere e grigie. Mentre per Giuliano Bendinelli vorrei degli stivali da alligatore caucasico, introvabili sul mercato, al costo di 150mila euro a scarpa insomma”, se la ride il Funambolo.

Comunque una buona cosa per il settore questa qua: “Sì decisamente. Speriamo di aprire una piccola breccia visto che dall’extra settore sono arrivati davvero pochi sponsor per i poker players. Per me invece spero di trovare anche uno sponsor per le mie fans femminili, magari un’azienda di boxer. Non so Dolce potrebbero essere interessati all’articolo?”. L’importante è specificare. Guardare e non toccare! Good luck Lacchi e Snobs.
botas ugg Riccardo Lacchinelli e il suo nuovo sponsor Snobs

www.ugg boots Riaperto ospedale testuggini a Linosa

ugg scontati Riaperto ospedale testuggini a Linosa

(ANSA) LINOSA (AGRIGENTO), 9 AGO Oggi è un giorno di festa per Cts, per l’isola di Linosa e per gli amanti della natura che hanno a cuore la sorte dei nostri mari. Riapre l’ospedale delle testuggini marine, il Centro recupero tartarughe marine del Cts, fiore all’occhiello dell’isola e punto di riferimento per la cura e riabilitazione degli esemplari nel Canale di Sicilia.

Ma ad essere felici saranno loro, le tanto amate Caretta caretta che in questa parte del Mediterraneo rimangono purtroppo spesso vittime di catture accidentali nelle reti a strascico e nei palamiti, gli attrezzi usati per la pesca al pesce spada, dice il Cts. La presenza di questo presidio, dove operano biologi e un veterinario, è fondamentale per ridurre la mortalità degli esemplari catturati accidentalmente che grazie alle cure del personale del Centro e dopo un periodo di riabilitazione possono tornare in libertà. Ma lo staff del Centro assiste anche le “mamme” tartaruga che periodicamente scelgono Linosa per deporre le loro uova. Viene infatti svolta una continua attività di monitoraggio della spiaggia per verificare la presenza di femmine in deposizione e,
www.ugg boots Riaperto ospedale testuggini a Linosa
una volta individuati i nidi, un controllo e un’assistenza fino al momento della schiusa e all’entrata in acqua dei piccoli.

Il Centro, nato molti anni fa, è stato danneggiato da un incendio doloso che ha provocato seri danni strutturali e in cui sono andate distrutte molte delle attrezzature che con tanta fatica l’associazione, grazie all’aiuto di molti donatori e al sostegno della Commissione Europea, del Ministero dell’Ambiente e della Provincia Regionale di Agrigento, aveva acquistato nel corso degli anni.

Grazie ad un nuovo progetto europeo denominato Tartalife (Life12 Nat/IT937) il cui capofila è il Cnr Ismar di Ancona, realizzato nell’ambito del programma Life+ Natura, il Centro è finalmente tornato ad essere pienamente operativo. Sono stati già fatti lavori strutturali per poter riutilizzare l’immobile, anche grazie alla collaborazione dell’amministrazione comunale.

Sono state acquistate nuove e più moderne attrezzature veterinarie e sono riprese le attività di monitoraggio diurno e notturno della spiaggia nella speranza che quest’anno mamma tartaruga scelga di tornare a nidificare su questa straordinaria isola. Stanno arrivando anche i primi volontari che offriranno il loro prezioso contributo allo staff del Centro svolgendo anche un’importante azione d’informazione e sensibilizzazione dei confronti dei turisti e dei pescatori che da sempre hanno offerto il loro supporto allo staff del Centro. Inoltre è stato da poco siglato un protocollo d’intesa con l’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia per la raccolta e l’analisi di campiono biologici.

“Siamo felici dichiarano dalla Unità Life Natura della Dg ambiente della Commissione Europea di aver contributo a riaprire il Centro tartarughe marine di Linosa dopo l’incendio doloso dello scorso anno vista l’importanza di questa struttura non solo per la Sicilia ma per l’intero Mediterraneo dove ogni anno si consuma una vera e propria strage. Si stima che siano infatti oltre 130 mila le tartarughe marine che ogni anno rimangono vittime di catture accidentali da parte dei pescatori professionisti”. (ANSA).
www.ugg boots Riaperto ospedale testuggini a Linosa

ugg aus Master in Cultura ebraica e Comunicazione

ugg ugg australia Master in Cultura ebraica e Comunicazione

Feste e riti della tradizioneebraica, Rav Amedeo SpagnolettoStoria delle comunità ebraiche italiane,Anna FoaStoria ebraica contemporanea, Le origini del sionismo moderno, Simonetta della SetaEbraismo e cinema,Ariela Piattelli

Cartella stampa del Master

Master UCEI, è tempo di stage

Pagine Ebraiche, MEIS, Museo Umberto Nahon di Gerusalemme, Central European University di Budapest, sono le destinazioni scelte dagli studenti del Master in Cultura ebraica e Comunicazione dell’UCEI, per effettuare lo stage richiesto dal percorso formativo sulla base delle loro specifiche inclinazioni, al fine di approfondire, attraverso esperienze dirette, il percorso di studi intrapreso.

Così, tre giovani hanno partecipato al laboratorio giornalistico di Pagine Ebraiche, Redazione Aperta, tenutosi come ogni anno a Trieste ed eccezionalmente, vista la ricorrenza dei 500 anni del suo ghetto, anche a Venezia. Tale laboratorio ha consentito agli studenti di prender parte alle attività della redazione: dalla chiusura del numero in uscita alla cura della versione online; dagli eventi culturali alle interviste a personalità interne e vicine al mondo ebraico. Un’opportunità per cogliere non solo i caratteri dell’attività giornalistica ma anche per comprendere aspetti e modalità della comunicazione ebraica, nelle sue dinamiche intra ed extra comunitarie.

Sempre in relazione alla sfera della comunicazione, ha avuto luogo lo stage di Nunzia presso il MEIS di Ferrara. Qui, mettendo a disposizione le proprie conoscenze e competenze nell’ambito dell’informazione pubblica e scientifica, la stagista ha collaborato ad alcune fasi del processo di costruzione di questa peculiare realtà ebraica, che si configura come un vero e proprio cantiere. Una realtà museale in divenire, realizzazione di quell’ambizioso e importante progetto di riconversione di un luogo di reclusione ed isolamento, l’ex carcere di via Piangipane, in un luogo vivo, d’incontro e d’interazione.

Dalla realtà museale, fuori dai confini nazionali, è iniziato il tirocinio di un’altra persona iscritta al Master. Il luogo è Gerusalemme, l’istituto di riferimento è il Museo Umberto Nahon di Arte Ebraica Italiana. Oltre ad aver visitato il museo e ad aver collaborato all’allestimento della mostra sui 500 anni del Ghetto di Venezia, ha potuto visionare, grazie alla sua elevata professionalità, documenti e materiali d’archivio riguardanti la sfera economica e la vita all’interno del ghetto veneziano, indagandone le forme di governo e di autogoverno.

Anche lo stage di Luca si è svolto all’estero, presso la Central European University di Budapest, con lo scopo di sviluppare un progetto di ricerca sulla Shoah ungherese, per ricostruire la storia dei tragici eventi che colpirono la comunità ebraica nel marzo del 1944. Una ricerca che lo ha portato a consultare la prestigiosa biblioteca dell’Università ed anche a visitare il quartiere ebraico, le sue sinagoghe, l’Holocaust memorial Center e, sulla riva del Danubio, uno dei monumenti più toccanti dedicati alla Shoah, le Scarpe della Memoria: 60 paia di scarpe che ricordano il massacro, lo sterminio sistematico e la deportazione ad opera dei nazisti di migliaia di ebrei nell’inverno tra il 1944 1945. Proprio dalla suggestione di un tale monumento può trapelare l’impegno, insieme storico ed etico, che ha guidato un tale studio: quello di dar voce a tutti coloro che, complici il tempo e l’oblio, corrono il rischio di restare muti ed inascoltati.
ugg aus Master in Cultura ebraica e Comunicazione