ugg knit boots Non mi ha mai fatto il tiramisù ovvero cinque anni e mezzo con una stronza Blog Archive Depressione batte Amore

guanti ugg Non mi ha mai fatto il tiramisù ovvero cinque anni e mezzo con una stronza Blog Archive Depressione batte Amore

Mi sono ritrovato in gran parte in quelle situazioni descritte nell’articolo e oggi mi sembraindecente che un terapeuta professionista possa aver detto a L., quando per la prima volta lei gli aveva parlato della nostra crisi di coppia, “in questi mesi tu sei cambiata, mentre lui è rimasto indietro”, senza un minimo accenno al fatto che una crisi depressiva incide anche sul rapporto con il partner. Brucia, anche perché il motivo “finale” (per così dire) per cui lei non è più tornata indietro è stato: “mi sento molto cambiata”. C’è un nesso? Lo psicologo CrickCrock può aver banalizzato in maniera così superficiale un malessere così profondo?

Vediamoi sintomi (ho sottolineato i brani che più si avvicinano all’esperienza passata):

“La depressione può presentarsi con una sintomatologia molto diversa da individuo ad individuo, ma c’è un sintomo che accomuna tutte le persone depresse ed è la anedonia. L’anedonia ovvero la ridotta capacità di provare gioia e piacere è in un certo senso l’essenza della depressione. Chi è depresso prova una profonda sensazione di noia e apatia, o, nei casi più gravi, di impotenza e disperazione. Tutto appare grigio e senza scopo, non si riesce più a divertirsi, a provare entusiasmo per niente. Anche la capacità d’amare risulta (momentaneamente) menomata : le persone care ci diventano improvvisamente indifferenti quando non sentiamo di detestarle. ”

I mesi dell’apatia e della noia vissuti da L., ma soprattutto il senso di rabbiae di astio nei miei confronti checi hanno portato alla pausa di riflessione.

“Il corpo esprime la fatica di vivere con una serie di malesseri : ci sono i dolori alle gambe per indicare la fatica di reggersi sulle proprie gambe, la stanchezza cronica diventa l’espressione della propria stanchezza interiore, la cefalea parla di una testa troppo piena di ansie e preoccupazioni, i disturbi gastrointestinali diventano il simbolo delle cose che facciamo fatica a ” digerire” e così via. Il desiderio sessuale ha un vistoso calo: la persona depressa sperimenta poca o nessuna voglia di fare l’amore. Il sonno è disturbato : ci può essere un insonnia persistente oppure si può avere un eccessivo bisogno di sonno. In genere queste persone girano da un medico all’altro e si sottopongono ad una serie di esami che risultano essere negativi ma continuano a pensare di avere un ” brutto male”.”

Illuminante. L. in quel periodo sembrava avere tutte le malattie del mondo. Nonostante gli esami davano, per fortuna, sempre esito negativo lei era convinta di avere qualche “brutto male”. Quest’angoscia era surrogata dal fatto che lei il dolore lo sentiva veramente: mal di testa sempre, senza tregua; mal di stomaco molto forte; stanchezza perenne.

La capacità di provare amore è diminuita: non si prova più niente nemmeno verso il partner e i propri figli che appiano all’improvviso degli estranei. Il desiderio sessuale è assente. Tipicamente, la persona depressa si colpevolizza moltissimo per questo stato di cose e si sente un individuo indegno. L’autostima è a terra : la persona dà un interpretazione negativa della sua vita. Cominciano a comparire pensieri di morte, anche se spesso non c’è un vero intento suicida. In questa fase la persona comincia a pensare che gli altri starebbero meglio senza di lui, oppure che nessuno sarebbe dispiaciuto per la sua morte. Non si riesce più a pensare con chiarezza: si fa fatica a concentrarsi, ci si dimentica le cose, anche la capacità decisionale diminuisce : chi è depresso lamenta spesso di non riuscire a prendere da solo neanche le decisioni più semplici. Il mattino è il momento più critico della giornata : la persona depressa fa moltissima fatica ad alzarsi dal letto, mentre verso sera si verifica un leggero miglioramento del tono dell’umore.”

L. non riusciva più a dare amore, ne in senso fisico ne in senso spirituale. Si sentiva inutile, non realizzata nella sua vita. La mattina non riusciva ad alzarsi prima delle 11 12.

Vediamo invece gli effetti sulla relazione di coppia.

“D’altra parte, poche cose possono incidere negativamente in un rapporto come una prolungata depressione. E’importante sapere che questi sentimenti sono assolutamente normali e sono la prova dell’affetto che ci lega alla persona che sta male”.

Ho capito dopo che il mio essermi “allontanato” in quel periodo dipendeva da questo: da una parte il sentirmi respinto; dall’altra il senso di frustrazione per non riuscire a farla essere felice.

“La depressione influenza negativamente tutte le relazioni con gli altri. Ma più la relazione è intima, più diventa difficile e doloroso relazionarsi ad una persona depressa.”

E infatti l’incomunicabilità in quel periodo era fortissima, soprattutto con me. E questo aumentava il nostro malessere di coppia.

“Hai la sensazione di non riconoscerlo/ a più. Lui o lei sembrano diventati un’altra persona : una persona negativa, apatica, indifferente a tutto e in alcuni casi, irritabile e sempre di cattivo umore. Ovviamente questo cambiamento ti disorienta e non ti piace, continui a chiederti che fine ha fatto il tuo caro e se l’individuo distruttivo e spento che ha preso il posto della persona a che conoscevi e amavi, se ne andrà un bel giorno.”

Ho cominciato a chiedermi se quella che avevoaccanto era la persona che volevo accanto a me per sempre. Di colpo ho messo in dubbio il nostro rapporto, masubito dopoho cominciato ad aver paura che potesse essere lei ad andarsene (a volte, ne avevo quasi la certezza).

“Nel vedere una persona a cui volgiamo bene andare alla deriva, proviamo un profondo senso di pena e di dispiacere. Nel vedere l’altro soffrire, soffriamo anche noi. Se siamo molto legati alla persona depressa, specialmente se è un rapporto genitore figlio, ci possono essere dei sensi di colpa. Infatti tutti noi, tendiamo a sentirci responsabili del benessere delle persone che amiamo e, di conseguenza, possiamo sentirci parzialmente responsabili della loro infelicità. Questa convinzione si traduce nella sensazione di non fare abbastanza per aiutare e rendere felice la persona che sta male.”

Io soffrivo insieme a lei. Non sono riuscito a “sdrammatizzare” e di questo me ne è stata fatta una colpa. Poi, come detto, il senso di inadeguatezza nell’impossibilità di farla felice.

“Spesso, il depresso ferisce i sentimenti delle persone che gli stanno accanto senza nemmeno accorgersene. La depressione è caratterizzata dalla diminuzione della capacità di provare amore e gioia. Chi è depresso in modo grave non sente più niente verso le persone che un tempo gli erano care, l’amore viene sostituito da una profonda indifferenza verso tutto e tutti. La depressione comporta, inoltre, un ripiegamento su se stessi e i propri problemi. Proprio per questo, essere il figlio o il partner di una persona depressa è dolorosissimo e può favorire la sensazione di scontrarsi contro un muro di gelida indifferenza. ”

Notavo, a volte, una sorta di “cattiveria” di L. nei miei confronti. Nelle piccole cose, per stupidaggini spesso. Poi, nel momento della vera e propria crisi di coppia, una gelida indifferenza, un muro invalicabile, una persona con cui di colpo era impossibile ogni dialogo.

“Hai la sensazione che il tuo caro stia facendo una tragedia di una piccolezza e ti fa rabbia che non sappia reagire. Tu hai la sensazione che si pianga addossa e che faccia poco o niente per star meglio. Lui è diventato una persona completamente diversa, una persona che non ti piace,e tu puoi sentirti tradito o imbrogliato. Non sentirti in colpa per la rabbia che provi : è un sentimento perfettamente naturale, che dimostra quanto tu sia emotivamente legato alla persona depressa.”

A volte cercavo si spronarla a fare qualcosa, maper tutta risposta lei si irrigidiva sempre più e mi diceva che io non potevo capire il suo stato d’animo.

“La riluttanza a farsi curare è un altro aspetto della depressione. Il depresso ha la sensazione di essere un caso senza speranza, che le cure non servano a nulla e che il suo futuro sarà senza prospettive e senza gioia. Questi sentimenti di pessimismo, di impotenza, di sfiducia nella vita e nelle persone sono aspetti centrali della depressione. Inoltre il rifiuto delle cure, può nascondere un inconscio bisogno di punirsi a causa di forti sensi di colpa.”

L. non immaginava più il futuro, per lei l’essere umanoera destinato a soffrire sempre e non c’era scampo a questo destino.

Io sono depresso e se ho dei sensi di colpa è perchè ho fatto delle cose veramente gravi e la cosa peggiore è che ho continuato per anni, senza mai rendermene conto.

Alla fine ho avuto il fatto mio, come se avessi sfidato le leggi della fisica, come se mi fossi buttato da un palazzo senza paracadute.
ugg knit boots Non mi ha mai fatto il tiramisù ovvero cinque anni e mezzo con una stronza Blog Archive Depressione batte Amore