ugg stivaletti Conosci il tuo nemico per sconfiggerlo

quicksilver ugg boots Conosci il tuo nemico per sconfiggerlo

Io parlo olandese. Secondo il Governo è la mia seconda lingua. Ho tanto di diploma che lo attesta, perchè ho passato i quattro esami di Stato dell Per un anno ho studiato in modo costante, a fianco del mio lavoro full time e senza orari.

Mi sono fatto lo straculo ed ho imparato una lingua straniera parlata solo qui e basta, abbastanza bene anche, visto che quando la usavo quotidianamente sul lavoro, i clienti pensavano che fossi belga o del Sud Africa. Diciamo che la grammatica è abbastanza corretta ma ho un accento di merda. Ci sta.

Appena ho potuto, cambiando lavoro, ho smesso di parlarlo. Il motivo è, che delle 4 lingue che parlo, l è la meno affascinante, quella con la musicalità più stridente ed è effettivamente limitata e limitante nell E gutturale, va di fretta, è piena di consonanti, ha poche sfumature. Sento ripetere e ripetere le stesse frasi dai madrelingua, quando li ascolto fingendo di leggere il giornale o ascoltare la musica. Metto in pausa Katy Perry e mi dico: provaci, inizia a voler bene all dutch.

No. Mi fanno male le orecchie. Sono arrivato al punto che alcune parole, soprattutto se combinate assieme, mi danno l Mi provocano un senso fisico di fastidio e repulsione. Se ti sento dire qualcosa come lekker chillen o relaxte gozer sono capace di guadarti come se ti stessi annusando sotto la scarpa una merda di cane bella fresca appena pestata. Lo so, sono una persona pessima.

LEGGI ANCHE: Genti di Amsterdam: Marika e le scelte che ti cambiano la lingua dei sogni

Al lavoro, i miei colleghi olandesi si meravigliano che a volte rispondo loro in olandese. Magari nella versione turca della lingua, però più che comprensibile. sapevo che parlassi olandese! La mia risposta è, sempre: finta che non lo parlo faccio per rigetto. Lo faccio perchè in questa lingua ci vedo tutto quello che non mi piace dell medio. Se inizi a conoscere un codice comunicativo, inizi a capire anche come ragiona chi in quel codice ci cresce. Vi ricordate il nome di un poeta o uno scrittore di fama internazionale olandese? No, non ve lo ricordate. Perchè non c questo punto di vista siamo molto, molto fortunati ad essere cresciuti in una lingua latina. Che poi non vuol dire nulla: il tedesco è una lingua complessa e completa, la lingua dei filosofi moderni. Mica fave.

Sono attualmente in una fase di rifiuto della lingua, il che è un peccato, visto che non è stato facile apprenderla. Questo non vuol dire che non dobbiate impararla. Se volete vivere nei Paesi Bassi, è giusto ed è normale che uno sforzo venga fatto. Soprattutto perchè, in futuro, ve lo faranno pesare.

Come italiani forse non capiamo bene. I nostri immigrati arrivano che una base di italiano già la parlano, oppure la apprendono in fretta. Anche perchè non siamo una nazione brava con le lingue straniere, quindi chi arriva da noi è anche più stimolato a cercare un idioma comune di comunicazione. Ad Amsterdam,
ugg stivaletti Conosci il tuo nemico per sconfiggerlo
Rotterdam e poche altre grandi città, puoi tranquillamente vivere con l Lavoro e pago le tasse, dici, cazzomene.

LEGGI ANCHE: T’aggia ‘mpara’ sta lingua de mare!

Però sbagli a pensare così. Sei un immigrato e come tale sei in fondo alla catena alimentare. Il fatto che non parli la lingua degli autoctoni sarà sempre una motivazione per vederti il dito puntato addosso. Sei più vulnerabile e ci sarà sicuro chi farà vantaggio di questo tuo limite.

Vorrei davvero che non si facessero paragoni con l in questo contesto. Non siamo mai stati una nazione di colonizzatori, non abbracciamo le compagnie straniere dando loro ampi respiri fiscali, non abbiamo permesso a generazioni di popolazioni di immigrati di vivere come se fossero a casa loro (nella convinzione che poi se ne sarebbero tornati a casa).

Per questo trovo scorretto e anche un po bastardo che l delle tasse sia tenuto a parlare e comunicare solo in olandese. Mi fa arrabbiare quando un italiano che arriva qui, si ammazza di lavoro, fa turni assurdi, si sente dire dal primo olandese che lavora part time ed ha finanziamenti non si capisce da dove: tu non parli olandese? Una risposta opportuna potrebbe essere: riuscissi a non fare un cazzo come te, vedi come te lo imparo? Solo che ti devo pagare i finanziamenti col mio lavoro, quindi bacia manina.

Mi fa il sangue in fiele (si era capito dal tenore del post?) sapere che in Parlamento c in discussione una legge per cui se non parli un olandese anche basico, ti vedi decurtare in modo graduale l ovvero il sussidio di disoccupazione.

Dovesse passare questa legge, si renderebbe chiaro che i Paesi Bassi hanno ancora il sangue dei colonizzatori.

Se decidi di penalizzare qualcuno, economicamente, sul fatto che non parli una lingua, sei uno stronzo. Soprattutto se tu sei un madrelingua e quindi poni l in una posizione di svantaggio a priori.

L lo tagli se non ti impegni a cercare lavoro o se sei un delinquente.

Dovesse passare questa legge, io perfezionerò il mio olandese e lo userò per distruggere ogni autoctono che mi dirà baf sul fatto che mi sentirà parlare in inglese.

Veloggiuro qui davanti a tutti voi.

Per giustificare la mia sfuriata di questo post, vi lascio uno stralcio di un diario di viaggio che ho tenuto in Francia, così da farvi entrare un po nel mio cervello e farvi capire il casino mi succede in testa quando si parla di lingua:

( Cammino per una delle navate laterali, in cerca di un posto isolato in cui sedermi e scrivere. Il mio occhio legge di sfuggita la scritta CHEPALLE. Mi sono fermato stupito. In realtà c’era scritto CHAPELLE.

Parlare quasi quotidianamente 4 lingue mi ha reso dislessico. Ieri ho concluso una risposta data al panettiere in olandese, al posto di s vous plat ho detto alstublieft. Una parola che tre anni fa mi era difficile da pronunciare e che ora scivola nella mia bocca. Mi sono stupito che la commessa non avesse compreso l’ultima parte della mia frase.

Mi capita di pensare in olandese. Non capisco perchè ma questo fatto mi infastidisce. Ho messo molto impegno nell’apprendere questa lingua di porto. Capita che riesca a trovare le parole prima in olandese che in italiano. Non mi piace questa arroganza della lingua del mio paese di accoglienza che cerca di avere il sopravvento sulle mie origini.

Identità differenti ingaggiano sempre una lotta tra loro.

( gte mso 9]> Normal 0 14 false false false IT X NONE X NONE

Francesco dice che un francese che impara l’italiano ha grosse difficoltà ad essere espressivo. I nostri accenti sono invisibili.

Gli stranieri per un italiano hanno sempre fatto rima con guai. Abbiamo reso loro il cuore della nostra lingua pressochè inaccessibile.

L’olandese è composto di molte consonanti e poche vocali, risparmia sugli spazi e forma parole lunghissime. Spesso non segue regole logiche, si mantiene vivo con le eccezioni. una lingua di porto ma anche di conquistatori, pratica e fatta di codici. Quando un olandese ti dichiara il suo amore, sembra che ti voglia mangiare. un idioma con la fretta del marinaio che è appena attraccato ma già vuole tirare a bordo l’ancora.

Il francese non svela i denti, fa modellare la bocca in forme piccole, non è una lingua aggressiva. di suoni ovattati, che escono dal naso. Si nutre di raffinatezze barocche, fa saltelli e giravolte come in un ballo di corte. una lingua per ricchi che amano i fronzoli.

Trottolino su Facebook scrive: nootebum, hella haasse, scrittore e scrittrice neerlandesi ( cees nootebum mi risulta essere conosciuto, scrisse un valido libro sul cammino verso santiago. Narrativamente è rinomato per la di alcune sue narrazioni. Comunque nell fa parte di una letteratura pallosa da buon borghese olandese ( poi, sempre per restare in tema letterario,
ugg stivaletti Conosci il tuo nemico per sconfiggerlo
pure da noi non è che ci sia fucina di best seller internazionali eh.