ugg a milano Il Primo Blog italiano sull

outlet ugg milano Il Primo Blog italiano sull

La Foxconn, il primo produttore mondiale di elettronica con grandi contratti aziendali è stata visitata dal giornalista e fotografo francese Jordan Pouille, il quale ha riportato le condizioni lavorative della fabbrica, sulla scia di una serie di problemi sollevati dagli impegati.

L Touch, l e l passano attraverso le linee di produzione di questo gigante della fabbricazione e, purtroppo, la descrizione di Pouille dellaFoxconn è dura ed inquietante.

Il giornalista racconta la storia di giovani lavoratori cinesi, adolescenti e ventenni, che si sono trasferiti da zone agricole e rurali della Cina, e che sopportano turni di 13 ore, con un numero minimo di interruzioni (10 minuti ogni 2 ore) lavorando 6 giorni alla settimana o spesso 7 giorni su 7, quando la richiesta è al picco.

I giovani vivono in dormitori nel campus Foxconn, fino a otto o nove persone per stanza provenienti da diverse città d con turni di lavoro diversi. Anche i diversi lavori all dello stabilimento, rendendo la situazione di vita molto sfavorevole ai rapporti interpersonali.

Pouille non sa darsi delle risposte a queste condizioni disumane di vita, presenti in diversi impianti di produzione cinese, ma è sicuramente interessante sapere cosa si cela dietro la produzione dei nostri amati dispositivi super tecnologici.

Ho vissuto 6 anni in Cina e tutt ci vado per lavoro molto spesso, in mezzo le fabbriche.

Le foto, i reportage, sono indiscutibili e nessuno dice che le condizioni lavorative Cinesi siano perfette, o buone.

E pero vero che in Foxconn i dipendenti ricevono uno stipendio che e almeno il 50% piu alto della media degli altri operai in Cina.

Le fabbriche Foxconn hanno davvero di tutto all (cinema, piscine, centri sportivi per facilitare la permanenza di chi decide di lavorare in queste aziende.

I turni di lavoro sono di 8 ore. Tutto cio che va oltre, e completamente volontario e viene retribuito come straordinario.

Non parlo cosi per mettermi l in pace quando compro Apple (o Samsung, o LG tanto sono tutti clienti Foxconn). Lo sappiamo bene che la Cina e competitiva perche e meno sviluppata dell (sotto alcuni aspetti). A parte questo, mi sento di dire che e svilente e ingiusto leggere articoli di questo tipo che NON sono minimamente contestualizzati, e se posso aggiungere, pure ipocriti.

Sono un lettore di iPadevice / iSpazio da tanto tempo, continuo a seguirvi con piacere, ma, per piacere, occupatevi di gadgets e di elettronica.

Se volete fare del giornalismo d fatelo come si deve, non con la storia strappalacrime sotto Natale.

Non quoto per niente che non si debba parlare di quello che c e dietro al business tecnologico. E giusto che anche una rivista online come questa ne parli, anche se a modo suo. Importante e sensibilizzare i lettori che non per questo poi non possono apprezzare da un punto di vista tecnologico il proprio IPAD o altro. Per quello sopra che ha vissuto 6 anni in Cina Non sono d . Nulla giustifica l della debolezza di certe classi sociali con l illusione di una vita lavorativa ( piscina, cinema ecc.) che niente ha che fare con una dignitosa vita umana ,
ugg a milano Il Primo Blog italiano sull
dove il lavoro e importante ma non e la piu importante delle fonti del nostro vivere.

Questo vale per ogni azienda che porta anche al suicidio (come nel caso APPPLE, NOKIA, ecc) dei lavoratori e poi dice che all della azienda non ci sono costrizioni e che tutti vivono nel paese delle meraviglie.

Sia APPLE che NOKIA sono poi intervenute per limitare l dei suicidi in queste aziende ( a causa delle condizioni di lavoro) promettendo alle stesse di aumentare i loro margini sensibilizzandole a una maggiore attenzione.

Ma questo ci fa capire che la continua corsa alla competitività , anche se purtroppo inarrestabile , diminuisce i prezzi di acquisto, ma in maniera esponenziale diminuisce la qualità della vita nel senso più grande e veritiero .

Innanzitutto vorrei dire che sono molto contento del fatto che finalmente si possa parlare in maniera civile, senza insulti, pur mantenendo le proprie opinioni, quindi un plauso ad iSpazio/iPadevice e agli utenti che mi sembra stiano maturando assieme ai siti, davvero complimenti.

Riguardo quello che hai scritto, Gio, io non ho detto che bisogna approfittarsi della debolezza di certe classi sociali (cosa che in Italia, Francia, Germania ecc. comunque avviene). Dico soltanto che la situazione della Foxconn non e davvero esplicativa della realta Cinese, specialmente presentata in un articolo del genere.

Riguardo i suicidi, se hai seguito le vicende, sai bene che succedono perche questi ragazzi VOLONTARIAMENTE accettano di lavorare per ditte che li paga tanto, ma psicologicamente non sono preparati ad affrontare il salto dalle zone rurali a quelle industrializzate.

Il lavoro da 8 o 10 ore, in Cina e una cosa di una naturalezza esagerata. Anzi, quando vengono in Italia si chiedono perche ci lamentiamo sempre che l in Italia va male ma i negozi sono sempre chiusi quando la gente smette di lavorare (dopo le 7.30pm ad esempio) e i commercianti sono cosi indisponenti? Parlo per esperienza.

Sensibilizzare: concordo, ma su cosa? Il 95% dei prodotti che abbiamo in mano e fatto in Asia. Le scarpe, i vestiti, i piatti, i cibi, le auto, i gadgets vari per un mese il Made in Italy soltanto, poi mi dici se ti senti Italiano o Cinese.

Ti garantisco che il potere d di uno stipendio in Cina e paragonabile (se non maggiore) ad uno Italiano.

Infine, non siamo stati noi Italiani la fabbrica a basso costo degli Americani, dei Tedeschi e degli Olandesi per tanti anni? Di nuovo, non voglio giustificare solo dire che certi cicli economici sono uguali dappertutto e si ripetono.

Vedrai tra 10 anni dove sono i Cinesi e dove siamo noi. Prepariamoci.

Siamo macchine da produzione Per quanto riguarda FoxConn, sono almeno quattro i lavoratori deceduti per la contaminazione con l e le lamentele tra gli operai per le condizioni in fabbrica e le pressioni psicologiche sono all del giorno. addestrati per diventare macchine da produzione dichiara una dipendente al blog Shangaiist e veniamo trattati senza rispetto. I rimproveri sono la norma e la nostra autostima è a zero Intanto l dichiara di non aver alcun intento persecutorio nei confronti dei dipendenti. Anche perché l di suicidi potrebbe incidere sull aziendale e forse anche allontanare preziosi committenti. Liu Kan, manager di FoxConn, ha dichiarato prima dell suicidio: livello di azienda, non possiamo averla a male con i nostri dipendenti sul piano personale. E al momento,
ugg a milano Il Primo Blog italiano sull
non so proprio quale sarà la causa del prossimo suicidio credo che la scelta del suicidio sia volontaria da queste dichiarazioni sembrerebbe più indotta E il signor Liu Kan dovrebbe riflettere di più ne e capace.