ugg jimmy choo online l’ultima vittoria al San Paolo

ugg jimmy choo boots l’ultima vittoria al San Paolo

Una febbre da Napoli Juve più che una febbre da sabato sera. La sfida del 30 settembre 2000, anticipo del sabato della prima giornata del campionato 2000 2001 (partito in forte ritardo rispetto al consueto a causa dell’impegno della Nazionale olimpica ai Giochi di Sydney), suscitò una grandissima attesa in tutta Napoli, pronta a riassaporare il gusto della sfida alla Vecchia Signora del calcio italiano, dopo due anni di purgatorio in serie B. Il San Paolo (che, neanche a dirlo, per l’occasione registrò il tutto esaurito) e il popolo napoletano in toto affidavano ambizioni e speranze di successo al neo tecnico Zdenek Zeman: in fondo in lui vedevano l’uomo anti Juve, colui che nel giorno della sua presentazione a tifosi e stampa avevano visto saltare al grido “Chi non salta bianconero è”. Quello Zeman che era ormai divenuto il paladino di una crociata anti farmaci nel calcio (in realtà una crociata anti Juve nei tribunali e sui mezzi d’informazione, sulla base unicamente di sensazioni e deduzioni): crociata che però, dopo circa due anni, cominciava a mostrare evidenti incrinature. Nella settimana che precedeva l’incontro, infatti, Gianluca Vialli era stato penalmente prosciolto dal Gip di Roma (“il fatto non costituisce reato”) in merito ad una querela presentata dal boemo al tribunale di Roma, dopo che l’ex attaccante di Juve e Samp lo aveva definito “un terrorista che vuole destabilizzare il mondo del calcio”, riferendosi alle dichiarazioni di Zeman sulle presunte esplosioni muscolari dello stesso Vialli e di altri giocatori bianconeri del periodo 1994 1998. Anche in casa Juve l’attesa si faceva sentire, non certamente con lo stesso entusiasmo dell’ambiente azzurro, bensì con la voglia di voltare pagina dopo un avvio di stagione non certo esaltante: la squadra di Ancelotti aveva già giocato tre sfide di Champions League senza entusiasmare (due pareggi esterni e una vittoria in casa col Panathinaikos) ed era stata eliminata negli ottavi di Coppa Italia in casa dal Brescia di Mazzone, punita da una doppietta di Dario Hubner. Il tecnico di Reggiolo aveva così finito per venir contestato dai tifosi,
ugg jimmy choo online l'ultima vittoria al San Paolo
che nella sfida di Champions contro il Deportivo avevano invocato a più riprese il nome di Gianluca Vialli, cui però Ancelotti, in conferenza stampa, avrebbe fatto riferimento con una battuta: “Vialli?? Purtroppo è un attaccante e qui ce ne sono tanti. Servirebbe un difensore”. La Juve si presentò infatti a Napoli con un reparto arretrato che registrava le defezioni di Iuliano, Montero e Paramatti e che nel primo scorcio stagionale aveva mostrato qualche crepa di troppo (sette gol al passivo in cinque sfide ufficiali)

Il destino volle poi che, oltre a Zeman, la Juve ritrovasse sia Pierluigi Collina, arbitro di quell’infausto Perugia Juventus dell’ultima giornata della precedente stagione ’99 ’00, in cui erano annegate le speranze di vincere lo scudetto, sia un terreno di gioco che appariva allentato a causa della pioggia caduta a Napoli durante il giorno, seppur solo lontano parente della risaia del “Curi”. Dopo tre minuti di gioco il match venne sospeso poiché Van Der Sar, nel tentativo di deviare in angolo un cross di Sesa, s’aggrappò alla rete provocandone la rottura: si poté ricominciare a giocare solo grazie all’intervento di un magazziniere azzurro che annodò un laccio delle scarpe alla rete. Lo spettacolo offerto in campo dalle due squadre appariva però molto inferiore alle attese, visto che la retroguardia bianconera riusciva ad imbrigliare il tridente di Zeman, mentre dall’altra parte Zidane, Del Piero e Inzaghi non trovavano la giusta intesa con gli altri reparti e solo al 15′ il francese effettuò il primo tiro in porta per i bianconeri, su tocco di Del Piero da calcio di punizione. Fu ancora Zidane ad accendere la luce al 38′ quando, da calcio piazzato,
ugg jimmy choo online l'ultima vittoria al San Paolo
servì Bachini, che graziò il portiere napoletano Coppola stampando un colpo di testa sul palo. Per i vice campioni d’Italia dal possibile vantaggio al goal subìto trascorsero solo tre minuti: un disimpegno sbagliato dell’ex Ciro Ferrara servì involontariamente Sesa il quale, involatosi sulla destra, confezionò un assist perfetto per l’accorrente Stellone che, in spaccata, trafisse Van Der Sar, fermo sulla linea di porta. In avvio di ripresa fu però la Juve a condurre le sorti dell’incontro, andando ben due volte vicina al gol, sempre con Inzaghi: prima con un colpo di testa che andò ad accarezzare la traversa, poi con un sinistro deviato da Coppola in angolo con una gran parata. Il meritato pari venne firmato da Kovacevic, tre minuti dopo il suo ingresso in campo, su perfetto assist di Zidane, mentre il gol del definitivo 1 2 arrivò da Del Piero, con un destro a fil di palo.

Sarebbe stata questa l’ultima occasione per vedere la Juve uscire dal San Paolo con i tre punti in tasca: da allora le due compagini si sono ritrovate solo nell’ottobre 2006, in serie B, quando la gara terminò 1 1, con ancora Del Piero protagonista una superba punizione; le successive quattro sfide in serie A hanno poi fatto registrare altrettante sconfitte bianconere: 3 1 nell’ottobre 2007 con tanto di arbitraggio scandaloso da parte di Bergonzi,
ugg jimmy choo online l'ultima vittoria al San Paolo
2 1 nell’ottobre dell’anno successivo, 3 1 nel marzo 2010 e 3 0 nello scorso gennaio. Non è forse ora di sfatare il tabù del San Paolo e proseguire il cammino in campionato dall’alto del primato in classifica?.

ugg shop on line L’ossessione Di Arikha

ugg australia prezzo L’ossessione Di Arikha

L’ossessione di Arikha è vedere in modo giusto

Avigdor Arikha (1929 2010) ha continuato per tutta la sua esistenza a indagare le ragioni dell’arte, scrutando il gioco delle forme, come riassume benissimo l’immagine scelta per questa raccolta dei suoi scritti, un’opera del 1988 dal titolo Autoritratto in impermeabile mentre guarda lontano.

Tornato alla figurazione dopo un periodo di immersione nell’astrattismo, a Parigi trovò una speciale affinità con Samuel Beckett, che scrisse di lui in varie occasioni. Al centro di questa importante raccolta di scritti, nati per occasioni diverse, c’è l’idea di fondo di affrontare pittori per cui provava più stima che affinità, astenendosi invece dallo scrivere su Hals, Piero o Chardin.

Quindi, come per l’autore di Aspettando Godot, al centro di questi interventi, spesso acuti, sta la considerazione dell’impossibilità della parola rispetto alla definizione dell’immagine, e contemporaneamente la necessità ossessiva di un’espressione chiara, derivante da una continua, instancabile messa a fuoco. Colpisce,
ugg shop on line L'ossessione Di Arikha
nelle molteplici scritture dedicate a Ingres, a Cézanne, a Poussin, a Rubens, l’ossessione per i temi che l’autore riassume nell’appassionato intervento Vedere in modo giusto, in cui discetta, acutamente, della necessità di tornare alla luce naturale, per la visione delle opere, falsata dall’illuminazione artificiale.

Il desiderio di creare strumenti per la visione, è quello che egli afferma nel suo Progetto di riforma per l’insegnamento delle belle arti, che egli inviò nel 1971 all’allora ministro della cultura Jacques Duhamel, stigmatizzando la difficoltà di concepire un piano didattico nel momento dell’esplosione di tutte le neoavanguardie, afferma che gli anni scolastici per gli studenti debbano essere quelli della messa in scacco, della discussione sulla loro visione: perché la forgia è il fuoco e occorre dunque che gli iniziatori, i professori, compiano l’iniziazione quando il fuoco brucia.
ugg shop on line L'ossessione Di Arikha

ugg negozi italia L’oroscopo di oggi lunedì 26 febbraio 2018

ugg mens boots L’oroscopo di oggi lunedì 26 febbraio 2018

ARIETE (21 marzo 19 aprile): vi domandate come mai le cose siano andate in un certo modo quando tutto sembrava indicare un esito differente. Siete certi di aver tenuto conto di tutti i segnali?

TORO (20 aprile 20 maggio): fate quello che ritenete giusto e gli altri ve ne saranno immensamente grati: non abbiate paura di andare controcorrente.

GEMELLI (21 maggio 20 giugno): sarete assai riluttanti ad affrontare una giornata che si preannuncia noiosa, prevedibile e inutile; qualcosa, pero’, potrebbe sovvertire ogni programma.

CANCRO (21 giugno 22 luglio): su certe importanti questioni avete avuto spesso ragione ma oggi dovrete avere l’onesta’ di ammettere di essere confusi e di non sapere che pesci prendere.

LEONE (23 luglio 22 agosto): avrete un’opportunita’ per mettere in mostra certi vostri talenti, oggi, ma attenzione a non strafare: rischiate di rendervi ridicoli.

VERGINE (23 agosto 22 settembre): riceverete delle critiche, oggi,
ugg negozi italia L'oroscopo di oggi lunedì 26 febbraio 2018
da parte di una persona che non comprende ne’ voi ne’ il vostro: non fatevene una malattia.

BILANCIA (23 settembre 22 ottobre): avete le qualita’ per emergere, oggi, ma questo potrebbe non essere il momento piu’ opportuno per mettersi alla prova: c’e’ qualcosa nell’aria che rende tutti molto distratti.

SCORPIONE (23 ottobre 21 novembre): siete piu’ che disponibili ad esaudire i desideri di qualcuno, oggi, ma non al punto di sacrificare i vostri.

SAGITTARIO (22 novembre 21 dicembre): riceverete un invito che vi arrivera’ attraverso un canale insolito e che richiedera’ una risposta immediata: non c’e ragione di essere tanto titubanti.

CAPRICORNO (22 dicembre 19 gennaio): siate piu’ elastici nel giudicare voi stessi e gli altri. Ricordatevi che la perfezione non esiste!

ACQUARIO (20 gennaio 18 febbraio): non siate insofferenti, oggi, e fate attenzione a non danneggiare gli altri con la vostra fretta di concludere. Siate pazienti.
ugg negozi italia L'oroscopo di oggi lunedì 26 febbraio 2018

ugg adirondack boots L’orgoglio di narrare il proprio territorio

ugg australia kids L’orgoglio di narrare il proprio territorio

Il mutuo soccorso, il principio di solidariet e di collaborazione, il fondatore di Slow Food li ha invocati per esortare al sistema Su questa formula Petrini ritorna ancora una volta come unica e sola via che possa garantire il futuro al sistema Paese. E ancora una volta ha chiamato direttamente in causa i produttori di vino perch gli unici, in questo momento storico, a rappresentare quell che soffre meno a cui affidato il compito di rappresentare l nel mondo. dal piedistallo ha detto alzando il tono della voce Dovete imparare ad essere coproduttori, imparate a dialogare, a confrontarvi da pari, perch nel dialogo si rafforza la cultura. Ricordate il vostro dna da contadini. Ricordate che vostro il dovere di fare rete,
ugg adirondack boots L'orgoglio di narrare il proprio territorio
di sostenere coloro che lavorano la terra e la curano. Ricordate che siete tutti sulla stessa barca Petrini ribadisce che l rimane la parte pi prestigiosa della patria. Fiat non c pi rendiamocene conto ha ricordato se ne andata. I contadini no, rimangono nei campi, sono restate le piccole aziende. La politica dorme. Se non prendiamo coscienza del fare squadra non riusciremo pi ad uscire da questa situazione allucinante E stimola gli animi della platea a riaccendere il senso dell miglior marketing l che dobbiamo avere per il nostro territorio esorta su questo punto anche i giovani il territorio che ci d gli argomenti per andare a raccontare l nel mondo. Torniamo all Non dovete vendere il vino in virt della sua perfezione stilistica, dovete vendere il vino in virt della sua storia e della storia di questo Paese E toccando il tema della comunicazione lancia un monito sullo stato di schizofrenia da cui attualmente il Paese sembra incapace di uscire. si mai tanto parlato di cucina come adesso ha detto eppure, le carote si continuano a vendere a sette centesimi al chilo, il latte a 30 centesimi. A soffrire rimangono sempre i contadini, sempre e solo loro. Succedeva in passato, quando venivano mandati in guerra o erano costretti a emigrare e a morire in mare,
ugg adirondack boots L'orgoglio di narrare il proprio territorio
e succede oggi Cita ancora altri paradossi che ben dipingono il motore dello Stivale oramai ingolfato, soprattutto dalla burocrazia: cosa strana che succede dice Petrini che chi realizza pratiche virtuose deve avere una certificazione che paga anche a caro prezzo, lo sporcaccione no invece. Dovrebbe essere il contrario. Abbiamo tante urgenze poi. Una di queste pu risolverle solo una legge contro il consumo del suolo agricolo. Non possiamo continuare a parlare di Made in Italy e vedere ettari ed ettari costantemente cementificati.Il presidente nazionale della Fisar, che ha presentato la partnership con Slow Wine in merito al progetto editoriale e didattico, ricollegandosi alle parole di Petrini ha colto l per fare atto pubblica ammenda, dinnanzi ai protagonisti dello scenario vitivinicolo riuniti nella sala dei Cinquecento del Lingotto sulla degenerazione del ruolo del sommelier diventato un oratore con manie da divismo. le scarpe lucide e indossiamo gli stivali. Noi sommelier dobbiamo riscoprire l e ricordarci che protagonista il vino che sta nel calice. Riprendiamo il contatto con la terra. Tutti questi atteggiamenti, inutili orpelli, non rendono giustizia alla nostra missione E ha ricordato il progetto pilota che partir a Bologna e che porter i corsisti in vigna per seguire l ciclo della vite.Il ritorno alla terra poi celebrato dalla quinta edizione della guida,
ugg adirondack boots L'orgoglio di narrare il proprio territorio
in un modo ancora pi incisivo rispetto al passato. Giavedoni precisa non solo che il numero di aziende recensite che hanno sposato il biologico aumentato, ma che vi un deciso spostamento dalla cantina alla vigna. era complicato far capire alle cantine la nostra esigenza di visitare le vigne durante i nostri giri di monitoraggio, quest ci accoglievano invece con gli stivali in mano E sull dello strumento, spezza una lancia a favore. guide sono ancora utili, soprattutto per comunicare l del vino all Non sono tramontate perch di fatto, non ci sono strumenti alternativi La guida non per a se stante, rientra nel progetto pi ampio di Slow Wine, che affianca un vetrina questa volta digitale,
ugg adirondack boots L'orgoglio di narrare il proprio territorio
il nuovo magazine, presentato al pubblico da Gariglio, a cui affidato il compito di raccontare da nord a sud l vitivinicola oltre confine, grandi e piccole denominazioni, potenzialit e unicit e che dal 2015 conter sul supporto della web radio. La prima in Italia monotematica sul vino e bilingue e che verr presentata ufficialmente al Vinitaly. Il patrimonio vitivinicolo sar affidato al racconto di firme del giornalismo enogastronomico, alla squadra di Slow Wine ed anche a grandi personaggi del mondo della musica e dello spettacolo. Daniele Lucca ci anticipa: con il Piemonte, la Toscana, la Sicilia e il Veneto. Manderemo in onda contributi su questi territori,
ugg adirondack boots L'orgoglio di narrare il proprio territorio
sulle aziende, sui progetti che i Consorzi portano avanti. Il palinsesto sar davvero ricco. Ci saranno parti pi tecniche, avremo pure una sala degustazione in collegamento live. Tratteremo temi come il mercato, la politica e l Ma il focus saranno le storie degli uomini che fanno il vino. La stesura sar affidata a Parullo. educare ad esercitare il gusto in senso etico ed estetico ha detto il professore perch solo cos si pu riconoscere l E i produttori devono essere consapevoli della loro capacit di produrre bellezza e benessere.

ugg inserts L’orgoglio del basket Ugg

ugg boots mens L’orgoglio del basket Ugg

ALBUM DEI RICORDI Costo dell’amarcord quattro euro e ottanta. Li ha spesi, al telefono, Franco Devetag per mettere assieme tanti pezzi di storia della pallacanestro goriziana, quella dell’Unione ginnastica, e riaprire, in una magica serata d’agosto, il più bell’album dei ricordi che questa città possa orgogliosamente esibire.

Alfredo Miseri marca visita, nel senso che è di turno in ospedale. Toni Gaier anche, altrimenti questo questo pezzo l’avrebbe scritto lui, ma gli altri convocati ci sono tutti: o quasi.

E arrivano come dice in questi casi il manuale del cronista sportivo alla spicciolata. Ecco Bruno Gubana, assieme a Renato Bensa. Sono sempre uguali, alla faccia del calendario. Bruno ha scavalcato gli 87 e sta raccogliendo, con Aldo Rosa, il materiale per scrivere un libro. Sulla pallacanestro goriziana, ovviamente. Renato taglia, in questi giorni, il traguardo degli 82 ma,
ugg inserts L'orgoglio del basket Ugg
in camicetta, jeans e inseparabili mocassini, gliene sconti un buon 30 per cento.

Già i suoi mocassini tuona Tonino Zorzi, maglietta da golfista e solito piglio da paròn in cinque anni di allenamenti non l’ho mai visto con le scarpe da ginnastica. il fischio d’inizio. Nino Comelli ritorna ai tempi di Jim McGregor. Quando ci portò per la prima (e unica!) volta in America ci lasciò a. patatine e acqua. Con tre dollari al giorno, a testa, non ci potevano permettere altro!.

Dovevate meritarvelo interviene Giancarlo Mauri con la sua cadenza milanese. Xe qua dal ’67 ma no ga mai imparà il gorizian, commenta Franco Devetag. Alberto Ardessi prende di mira Waldi Medeot, la scovazzera, per la sua capacità di raccattare tutte quelle che adesso si definirebbero palle vaganti. No me passava mai la bala e la prima volta che lo ga fato me son confuso e no gò fato canestro.

Questa è gente fatta così. Ricorda l’errore, ma tutta Gorizia ricorda le migliaia di bombe dell’Albertone, il pupillo di Leo Terraneo e Sandro Vanello, due presidenti che hanno scritto pagine importanti di questa storia.

Alberto è rimasto in palestra, ma lì il canestro non c’è più; Waldi invece naviga nei mari del Sud. a Brindisi, piazza storica del basket,
ugg inserts L'orgoglio del basket Ugg
che ha portato per mano in B 1 cogliendo l’ennesima promozione. Paolo Bosini siede invece sulla panchina del Cordenons, ma con il pensiero di tanto in tanto ritorna a quel titolo italiano juniores conquistato nel ’68 con la Banda Bassotti di Bensa, quella di Silvani, Ceccotti, Ursic, Gazzillo.

Enzo Tomasella, il sorriso di sempre, rammenta le sue esperienze da emigrante: Maddaloni, Benevento, Napoli. Sarino Bisesi avrebbe potuto parlarci di quando giocava a Ragusa e studiava contemporaneamente all’Isef a Roma. Nino Comelli racconta di quando convinse Zorzi a prendere dall’Ardita Fabio Del Ben e il paròn ne approfitta per rievocare lo scippo di Lorenzo Carraro alla Goriziana (trattativa da veri briganti con l’Ardita) e il suo passaggio a Venezia.

Claudio Soro dialoga con Desio Flebus e Rino Bruni. Sono i Patriarca boys o, se preferite, i ragazzi di Sales. Desio e Rino arrivavano ogni giorno da Udine. Quando andavano in trasferta entravano in albergo dalla porta e uscivano dalla finestra. Ad aspettarli , al rientro, nella hall, Nino Comelli. Se il giorno dopo andava bene confessa stavo zitto, ma se perdavamo scattavano le multe.

Irrompe nella discussione Elvio Pierich. Ma cosa volè che sia, mi e Ardessi,
ugg inserts L'orgoglio del basket Ugg
alle Forze armate, a Vigna di Valle, ierimo sempre in puniziòn. I veniva a liberarne solo per far alenamento e per le partide. Elvio vive a Mirandola. Ha giocato fino a 42 anni e ora allena il settore giovanile. Con la sua cessione, allora, Giovanni Bigot riuscì a mettere in piedi la palestra della Valletta del Corno.

Vive in Emilia anche Giorgio Devetag, al secolo Ciucci. Fa il preparatore delle giovanili della Fortitudo, organizza tornei di Over 40, non ha perso un cent della sua vivacità.

I ricordi dilagano, le voci si accavallano, si potrebbe, più o meno tranquillamente, fare mattina. Ma gli sportivi. sono sportivi. Benito Zollia manda tutti negli spogliatoi. Parla del valore sociale che ha avuto la pallacanestro a Gorizia, della funzione formativa ed educativa dell’Unione ginnastica, ricorda il grande impegno e la passione di tanti dirigenti e poi di Livio Collini, Silvano Kristancic, Dudi Krainer. E poi chiude con un fioi come noi la mama. Sarebbe bello che continuasse a farli, però!
ugg inserts L'orgoglio del basket Ugg
.

jumbo ugg boots L’omissis di Alessandro Leogrande

ugg men boots L’omissis di Alessandro Leogrande

Ci sono la vita e la morte, e non c’è nient’altro. Questa è l’unica verità, ma è una verità inutile, è impossibile aggrapparsi a lei perché non è vera: ci sono l’amore e l’odio, l’amicizia e i fallimenti, la contentezza e la disperazione, scrivere e cadere, sfiorarsi e perdersi o il contrario di tutto questo. Siamo niente più che una parola in un aforisma di Gesualdo Bufalino: “Biografia: nacque, omissis, morì”; ecco, per raccontare l’omissis di Alessandro Leogrande non basteranno mille scrittori e cento vite. Dal giorno dopo la sua morte parenti, colleghi, amici hanno cominciato a parlare di lui, di quel modo preciso, gentile, forte e integro che aveva di stare al mondo. Alessandro Leogrande era un intellettuale, lui l’avrebbe messo tra virgolette, come Sciascia, per schermirsi, ma noi possiamo fare a meno dell’ironia: il suo nome discende da Gaetano Salvemini, Alexander Langer, Carlo Levi. Loro riempivano le giornate di Alessandro, che intanto si dava da fare per buttare giù le frontiere e i naufragi, il caporalato e l’ignoranza, la malafede e le ingiustizie.

Alessandro Leogrande aveva quarant’anni, li aveva compiuti a maggio al Salone del libro di Torino dove era consulente e li aveva trascorsi lavorando, come sempre; aveva maestri e allievi, aveva imparato a contatto coi grandi (Goffredo Fofi e Luigi Manconi sopra tutti, e poi: Mario Dondero, Luciano Canfora, Luis Sepulveda, Serena Vitale, Doug Solstad). Con loro parlava alla pari raro e forse unico caso nella nostra generazione e come fosse lui stesso un filo conduttore ne trasmetteva le idee e il linguaggio durante i continui appuntamenti con i ragazzi nelle scuole o nei laboratori. I maestri lo cercavano, gli allievi lo amavano. Continuavano a scrivergli e a chiedergli consigli anche settimane e mesi dopo gli incontri,
jumbo ugg boots L'omissis di Alessandro Leogrande
diventava subito il loro modello, senza che lui indossasse abiti cattedratici; accadeva perché era bravissimo nell’eloquio come nei contenuti, ma anche perché dentro gli istituti superiori Alessandro si sentiva a casa.

Aveva cominciato a fare politica e a scrivere quando era uno studente dell’Archita, il liceo classico di Taranto dove aveva studiato anche Aldo Moro, e per lui entrare in una scuola era un momento rituale; quando si metteva dietro o davanti alla cattedra, per farsi più vicino ai banchi, col microfono in mano per rispondere alle domande che gli facevano sui suoi libri o sui temi etici e sociali di cui si era occupato, aveva l’aria di essersi appena alzato dalla terza fila (la prima no perché non era un secchione, l’ultima neppure perché era tutto tranne che svogliato), ecco: aveva l’aria di essere uno di loro a cui semplicemente erano capitate più cose, che aveva elaborato più idee. Era un uomo, ma anche un ragazzo, e non lo dimenticava neppure nelle occasioni più importanti e ufficiali. Dopo il liceo si era iscritto alla facoltà di filosofia a Roma e poi aveva continuato a portare sé stesso studio, linguaggio critico, voracità cognitiva nelle redazioni dei giornali, soprattutto Lo straniero di cui a lungo era stato vicedirettore. Aveva scritto molti e preziosi libri, da subito, da giovanissimo, in ognuno aveva lasciato un urlo, una denuncia prima che quel male diventasse “di moda”.

Appena si affacciava l’ombra dello sciacallaggio, dell’abuso del tema, Alessandro era già altrove, e intanto seminava, prima e con più esattezza di altri: Le male vite sul contrabbando, Fumo sulla città su Taranto dall’Ilva a Giancarlo Cito, Il naufragio sulla motovedetta albanese Kater i Rades speronata da un’imbarcazione della marina militare italiana, La frontiera sui migranti, Uomini e caporali sul caporalato pugliese. Il libro che non scriverà, quello intorno a cui da tempo studiava e meditava, sarebbe stato sull’Argentina e sulle vittime della dittatura, aveva cominciato scrivendone in un articolo e poi in un racconto per un’antologia collettiva: stava, come spesso accade agli scrittori, prendendo le misure per trovare il suo incipit, e di nuovo avrebbe scritto per far rivivere i morti. I morti per cancro della sua città natale,
jumbo ugg boots L'omissis di Alessandro Leogrande
i morti affogati nel Mediterraneo, gli schiavi del traffico di vite umane, i desaparecidos erano tutti presenti accanto a lui, sempre, erano la sua ossessione, i suoi fantasmi. Nelle pagine finali di Uomini e caporali li chiama a sé:

“I morti per la fatica e per le sofferenze patite. I morti di tutte le lotte, utili e inutili, di questa terra. I morti ammazzati per esersi ribellati. I morti ammazzati prima ancora di essersi ribellati. I morti che nessun libro di storia, nessun articolo di cronaca ha mai menzionato. Coloro che nessuno ricorda”

Alessandro Leogrande vive anche nelle curatele dei libri degli altri, che prendeva alla lettera: avendo cura delle parole di altri scrittori. Nell’ultimo anno si era occupato di Rodolfo Walsh e di Carlo Pisacane, per il secondo aveva scritto una postfazione a L’altro Risorgimento, dove il suo nome figura accanto a quello di Nello Rosselli. La scelta di riscoprire un punto di vista su Pisacane dice molto del modo con cui dialogava dentro di sé con i nomi più nobili del passato. Il violento mestiere di scrivere è invece il titolo del libro che raccoglie gli scritti di Walsh, ed è anche un’espressione adatta a raccontare il mestiere di Walsh come quello di Leogrande: attenzione composta e accusa violenta. A un lettore che si accingesse ad accostarsi ai suoi scritti per la prima volta bisognerebbe proporre anche Ogni maledetta domenica, fra i suoi libri un apparente intruso, un alieno: un’antologia di racconti sul calcio, in realtà un libro ponte tra lo scrittore Leogrande e il ragazzo Alessandro. Fra questo libro e gli altri c’è Alessandro Leogrande, lì in mezzo, tra un’erudita grandezza e la propensione al sorriso, alla battuta, al sole del Sud che rischiara la giornata. lì che lo troviamo anche in questi giorni straziati.

Di Alessandro Leogrande bisogna leggere tutto, anche i pezzi teatrali come quello andato in scena a settembre al Teatro Argentina in cui sul palco riviveva Giuseppe Di Vittorio, e poi la splendida opera lirica, Haye, di cui è stato librettista, in scena pochi mesi fa a Reggio Emilia. In questo libretto, che si trova in ebook, viene fuori una voce sicura, altissima. Leogrande era un narratore dei fatti del mondo, e chissà dove nascondeva tutta quella poesia. Gli dicevo spesso che l’opera era la cosa più bella che avesse mai scritto, lo rimproveravo perché doveva dedicarsi alla lirica, trovare il tempo per scriverne un’altra. Rispondeva sorridendo: può mai essere un mestiere il librettista?

(Dispiace non leggerlo nelle biografie, e questa è una preghiera amica: Alessandro Leogrande scrittore e giornalista, ma anche librettista).

Alessandro scriveva articoli tutte le settimane, ma bisogna dire: purtroppo, e non per volontà sua, di recente sempre meno,
jumbo ugg boots L'omissis di Alessandro Leogrande
come se l’Italia potesse fare a meno di quella voce limpida, di quel rimboccarsi le mani quanta miopia, o incuria e sbadataggine. In un mondo più umano Alessandro avrebbe avuto uno spazio suo ogni giorno, perché ogni giorno, ora che non c’è più, io leggo una notizia e penso: chissà cosa ne avrebbe scritto. Qualche anno fa aveva creato Fuoribordo, un inserto settimanale del quotidiano pagina99 dove invitava gli scrittori a scrivere reportage narrativi. L’inserto era stato chiuso, poi aveva chiuso anche il giornale, eppure quelle pagine che tutti noi chiamati da lui scrivevamo con l’ansia di volergli dare il meglio, la scrittura più alta che potevamo, ecco: quelle pagine io le ho collezionate tutte. Perché con lui diventavamo tutti più bravi. E basterebbe solo questo a struggerci, ora: la mancanza di una persona che rendeva le persone migliori.

Il giorno prima che morisse avevamo parlato di nuovo di Vittorini, di quella conversazione in Sicilia che ossessionava entrambi, quella prosa indemoniata del nostos in cui noi meridionali caschiamo sempre, vogliamo cascare con consapevolezza. Riapro la prima pagina:

“Pioveva intanto e passavano i giorni, i mesi, e io avevo le scarpe rotte, l’acqua che mi entrava nelle scarpe, e non vi era più altro che questo: pioggia, massacro su manifesti dei giornali, e acqua nelle mie scarpe rotte, muti amici, la vita in me come un sordo sogno, e non speranza, quiete”.

Oggi Vittorini parla a me, parla di questa prima settimana che abbiamo attraversato sconvolti e immobili senza di lui, non pare vero. Il dolore è ancora così acceso che posso solo stare seduta a guardare il tempo che passa. “Quante ore mi restano da far passare?” si chiede Mathias Enard in un lungo racconto intitolato L’alcol e la nostalgia, in cui accompagna verso la sepoltura il cadavere del suo amico Vladimir, in un lungo viaggio in treno verso la Siberia: siamo noi adesso in quel viaggio, accanto ad Alessandro, siamo noi a sentire il rumore di ferrovia. Ma presto o tardi dovrò alzarmi, scendere dalla vettura, e insieme a tanti mettermi al servizio della sua opera, farla camminare in ogni dove, sulle nostre gambe e nelle nostre teste. Ora mi sembra impossibile, ma è l’obbligo che abbiamo tutti. Non guarirà dalla sua assenza,
jumbo ugg boots L'omissis di Alessandro Leogrande
ma è l’unico modo in cui la si può vivere.

ugg rivenditori roma L’incredibile vita di Norman 2016

ugg prezzi L’incredibile vita di Norman 2016

Cerca un cinemaNew York. Norman Oppenheimer si qualifica come uomo d’affari. La sua vita consiste nel cercare di soddisfare le necessità altrui sperando di ricevere in contraccambio rispetto e ammirazione. Un giorno riesce ad avvicinare un uomo politico israeliano e a comprargli un costoso paio di scarpe. Quando diverrà il premier del suo Paese Norman potrà ricevere quella considerazione che ha sempre desiderato. Ma per quanto?

Le radici di questo film affondano nella storia della cultura ebraica e nella letteratura. Joseph Cedar, che è nato a New York ma dall’età di sei anni vive a Gerusalemme, ha studiato la figura dell’ “Ebreo cortigiano” cioè di colui che mette il suo talento al servizio di un potente per poi ritrovarsi vittima di invidie e ostilità. un personaggio che si trova nella Bibbia (vedi Giuseppe e il Faraone) per poi ripresentarsi nel “Mercante di Venezia” di Shakespeare, nel Fagin dell'”Oliver Twist” dickensiano o nel Leopold Bloom dell'”Ulisse” di Joyce.

Cedar lo ha fatto e ha centrato l’obiettivo. Gere si cala nei panni e nella psicologia di Norman con un mimetismo straordinario. Nei panni perché la sua eleganza ha sempre dei tratti di inadeguatezza; il suo cappotto, le sue camicie , la sua giacca non sono mai ‘davvero’ giusti. Così come non lo è mai il credito che si attribuisce millantando conoscenze e contatti ai livelli più elevati del mondo degli affari. Ma Norman non è un imbroglione con il cosiddetto pelo sullo stomaco. un uomo profondamente solo che ha bisogno, per sentirsi vivere, di essere accettato e riconosciuto come necessario dagli altri. Questo comporta frustrazioni (quando le sue supposte relazioni si rivelano inesistenti) ma anche momenti di esaltazione e di trionfo quando chi detiene il potere lo ammette nella propria cerchia ristretta. Chi però dipende dall’approvazione altrui, dal bisogno che gli altri hanno dei suoi servigi (reali o presunti che siano) non assurge mai, anche se si illude che non sia così, alla dignità di persona. Perché è solo trovando la giusta misura di autostima che un essere umano può riconoscersi come tale oppure compiendo scelte che dipendano esclusivamente da se stesso. Eppure Norman non si nasconde, anzi, fa di tutto per essere notato, per partecipare, per organizzare, per aiutare. Invecchiando Gere ha anche imparato a recitare, ma mi pare che siano proprio i film nei quali recita che non vanno. Franny di Andrew Renzi del 2015, ad esempio poteva essere una tematica anche interessante e Gere ce l messa tutta, ma il film era proprio scarso! Qui poi totalmente fuori luoghi cos [.]

Vai alla recensioneTutto nella presentazione del film fuorviante. Dal titolo italiano, che alterando l evoca eventi strani e straordinari, al manifesto, dove il protagonista pare vestito da dandy, con un cappotto blu e un foulard, che nel film si riveleranno essere indumenti scialbi e sempre fuori luogo (il cappotto che non cambier mai marroncino e il foulard [.]

Vai alla recensionedue le cose su cui si basa il film, credibilit dell fascinoso gere, bravissimo nel diventare un ometto grigio, un signor nessuno, che nella sua vitalistica esigenza di essere qualcuno, qualcosa, tra bluff, sotterfuggi e qualit reali insospettabili capace di metere in moto gli eventi fino a diventarne il fulcro vitale, il vero deus ex machina di cose pi grandi [.]

Vai alla recensioneNOOOOOOOOOOO!!!!!! Non mi fate vedere Richard col cappottone, la sciarpetta, la coppola, e gli occhiali! Aridateme il Gigol il Pretty Woman, o anche L Rosso!
ugg rivenditori roma L'incredibile vita di Norman 2016

Che shock vederlo in questo film come un pensionato al minimo come Aldo, Giovanni e Giacomo negli sketchs appunto dei pensionati.

Del film poco da dire. storia inverosimile con l di mettere a fuoco il sottobosco [.]

Vai alla recensioneOccorre una vera forza morale ed una resistenza oltre il limite per sopportare un film del genere. Caotico, in molte parti incomprensibile con un Norman che non si sa chi sia, dove abiti e chi lo campi. Richard Gere gigioneggia come nei suoi peggiori momenti, la sceneggiatura apocalittica e la noia regna sovrana. Solo la certezza di una bella cena all uscita mi ha dato la forza di resistere. [.]

ugg boot sale L’immaginazione di Esselunga

ugg gloves uk L’immaginazione di Esselunga

Il vintage ormai ci sovrasta. Da quando l’immaginario si fa arma del marketing (o forse il contrario, ma che cambia?), le operazioni nostalgia si moltiplicano a tutta forza per ogni brand che si rispetti e in ogni settore merceologico possibile: dalla musica all’abbigliamento, dal design alla ristorazione, dalle motociclette alle cucine componibili, giù giù fino al turismo, all’educazione e perché no? anche alla politica. Past is beautiful, ci si inculca senza sosta. A patto che questo passato sia sufficientemente prossimo da essere euforicamente indicato e nominato dal consumatore, sia esso la piccola cosa di pessimo gusto che stava nel tinello della nonna, la copertina di un long playing venerato in adolescenza, un giocattolo di latta spartito col fratellino, la bilancia rossa del salumiere sotto casa, il fotoromanzo su cui sospirava la domestica, il mangiadischi o il Geloso a nastri, il cestino per i picnic domenicali al parco, l’abat jour di plastica arancione a forma di fungo, la polaroid, il borsello, le scarpe da paninaro

E, in fondo, ammettiamolo, a chi non piace lasciarsi coinvolgere nel gioco del ricordo del bel tempo andato (bello forse proprio perché andato), nel meccanismo ingenuo del riconoscimento di oggetti e oggettini, video e musichette, fumetti e dischi, pantaloni a zampa e racchette da tennis rigorosamente in legno?

Non resta perciò che andare a visitare la mostra spettacolo che Esselunga ha aperto a Milano, a fine novembre negli spazi di The Mall (aperta fino al 6 gennaio) per festeggiare i suoi primi sei decenni di attività. S’intitola “Supermostra: 60 anni di spesa italiana” e garantisce allo spettatore d’ogni età, sesso, ideologia e religione un sicuro momento di svago (poco altro). Si tratta di una perfetta operazione vintage, e per giunta al quadrato: è tale difatti il contenitore e il contenuto, il soggetto festeggiato e gli oggetti per farlo, le cose narrate e i modi di raccontare, i consumatori e i consumatari (neologismo inventato sul momento, ma ci sta); e nel gioco di queste sovrapposizioni si finisce per disorientarsi, come in quella sala centrale assai scenografica dove megaimmagini di generici prodotti alimentari (dai limoni ai parmigiani, dalle mozzarelle alle fragole) vengono proiettate a ritmo incalzante nelle quattro pareti interamente a specchio: un vero luna park, ma ben ammantato da un’intenzione storicizzante parecchio di facciata.

La storia di Esselunga, per proseguire nel gioco dell’elevamento a potenza, ha fatto storia: il primo punto vendita apre a Milano, in viale Regina Giovanna, nel 1957 (si chiama Supermarkets italiani SpA), nel ’61 è anche a Firenze, nel ’69 ce ne sono ben venticinque in varie città d’Italia. Emerge un nuovo modello per fare la spesa, nuovo si badi perché importato dagli Stati Uniti, ed è subito festa: una festa che da allora non è mai venuta meno, riadattandosi ogni volta ai gusti e ai desideri del pubblico, all’immaginario collettivo in continuo fermento, ma soprattutto alle potenti innovazioni dell’industria alimentare, capaci di modificare nel profondo le abitudini quotidiane dell’italiano medio, e non solo nella sfera dell’alimentazione. Dall’Italia della ricostruzione a quella del boom economico, dalle domeniche a piedi all’edonismo reaganiano, dai noiosissimi Novanta all’esplodere di Internet succede di tutto: ma la gente, ostinata, fa la spesa praticamente sempre allo stesso modo, sempre nello stesso posto, nel supermercato con la esse lunga, dove si trova di tutto e di più, cose necessariamente superflue che alimentano i sogni piccolo borghesi di una grandeur sempre di là da venire. Ed è così che il supermercato cambia nome, decidendo di chiamarsi proprio come la gente lo soprannomina, Esselunga appunto, di modo che quel geniale pubblicitario che era Armando Testa provvede a ridisegnarne, negli anni Settanta, logo e marchio. “Dottor Caprotti chiedono un giorno al mitico patron , che cos’è per lei il talento?” E lui senza esitazione: “E’ quello che gli americani chiamano imagination. Bisogna saper evolvere, bisogna saper immaginare, bisogna guardare più in là”. C’è più efficace filosofia di marca?

Ma questa immaginazione, in Supermostra, sembra a un certo punto prendere il sopravvento, e dalla storia dei consumi degli italiani per il tramite dei prodotti proposti per sessant’anni da Esselunga (che si vedono assai poco) si passa surrettiziamente, e definitivamente, a quella dell’immaginario collettivo inscritto in oggetti e depositato in cose che nei banconi del supermercato in questione non si sono quasi mai visti. Ogni sala dà spazio a un decennio, in una superfetazione, imbarazzante e commovente insieme, di oggetti tanto iconici quanto eterocliti il cui accostamento genera una Wunderkammern senza limiti e confini (solo per i Sixities ci sono 249 cianfrusaglie, più o meno quelle elencate sopra). La cosa esalta, senza dubbio, e fa grande piacere lasciarsi coinvolgere nel gioco immersivo degli amarcord a buon mercato. La sala più emozionante (vale il viaggio) è senza dubbio quella che raccoglie la celeberrima campagna pubblicitaria dello stesso Testa con personaggi come Mago Melino, Al Cacone, Bufala Bill, Banana Butterfly o Fico della Mirandola.

Ma, alla fine, di Esselunga c’è ben poco: qualche fotografia e qualche plastico degli edifici, i logo, appunto le pubblicità, la mappa italiana dei punti vendita, quella dei prodotti organic attuali. E che ne è delle scatolette, dei surgelati, delle bibite frizzanti e non, degli imbustati, dei tetrapack per il latte, dei pacchi di pasta, delle acque minerali, dei formaggini, dei fustini di detersivo, dei barattoli di caffè, dei dadi da brodo, delle merendine, delle caramelle, dei fortunelli e dei ghiaccioli, delle bottigliette di aperitivo, ossia di tutto ciò che l’industria alimentare giusto per il tramite dei supermercati ci ha per decenni propinato, e che oggi, non meno ideologicamente, sembra essere diventato il nemico pubblico numero uno della attuale gastromania tutta chiacchiere biologiche e distintivo di provenienza? Se una operazione di orgoglio aziendale andava fatta, poteva essere anche quella di non nascondere, ma semai di sfoggiare, tutto quello che per anni dagli espositori di Esselunga è finito negli stomaci di tutti noi. Se l’uomo è ciò che mangia, siamo fatti di Esselunga, in tutti i sensi. Malefatte da nascondere? Peccati da farsi perdonare? Viviamo in un Paese cattolico, si sa, ma questi imbarazzanti omissis sembrano cozzare con l’imagination tanto decantata da Bernardo Caprotti.

Come al solito ci aveva visto bene, sicuramente dopo aver visitato quell’allora mitico negozio di viale Regina Giovanna, il grande Italo Calvino. Ricordate Marcovaldo al supermarket? Il poveraccio, un sabato pomeriggio, va con la famiglia a visitare un supermercato. Il portafoglio è vuoto, come le pance, dunque lui, la moglie e i due bambini possono solo ammirare i prodotti esposti: a poco a poco però, senza neanche capire il perché, riempiono ciascuno un carrello, lo fanno stracolmo, finché l’imponente schiera di casse e cassiere li blocca. Tornano indietro, si arrabattano per il labirinto dei corridoi cercando di riposare il maltolto. Ma non ce la fanno. Per ogni prodotto depositato, altri due vanno nel grosso gabbione. Disperati, si trovano, tutti e quattro in fila, con i carrelli pieni, in una zona del negozio ancora in costruzione: e gettano il tutto nelle fauci di una gigantesca, metallica gru. Che altro avrebbero potuto fare? Noi invece
ugg boot sale L'immaginazione di Esselunga

come pulire gli ugg L’ILLUMINISMO IN FILOSOFIA

stivaletto ugg L’ILLUMINISMO IN FILOSOFIA

Nonostante i grandi progressi in campo di cultura avvenuti nel 1600 per l’ audacia e l’ intelligenza individuale di pochi pensatori , la pi diffusa immagine del mondo restava nel 1700 , al termine di quei cento anni rivoluzionari e innovatori , assai vicina a quella di tre o quattro secoli prima . Nell’ ambito della scienza il modello galileiano e quello copernicano , con il Sole fermo al centro , erano ancora lontani dall’ essere universalmente riconosciuti e ci non solo nei paesi cattolici , ma pure in quelli protestanti , che pure avevano avuto una maggiore alfabetizzazione dovuta soprattutto alla teoria luterana del libero esame : la Bibbia continuava ad essere per la grande maggioranza degli uomini una fonte indiscutibile o almeno assai attendibile di verit . Solo un’ ostilit irriducibile nei confronti della religione poteva portare ad accentuare il contrasto tra scienza e Bibbia , ma di fatto personalit quali Galileo e Newton non misero mai in dubbio la perfetta compatibilit fra il proprio operato fisico e la fede cristiana . Le dimensioni fisiche dell’ universo , quindi , continuavano a rimanere tanto per gli scienziati ( che volevano rimanere fedeli alla Bibbia ) quanto per la gente comune piuttosto ristrette e in molti erano ancora convinti che il mondo fosse stato creato da Dio 4004 anni prima della nascita di Cristo . Certo Aristotele aveva perso buona parte della sua autorit e cominciava ad essere messo in discussione , ma l’ ampliamento della conoscenza delle civilt asiatiche stava producendo un nuovo effetto imprevisto . Il generale allargamento della prospettiva storica port allora a un atteggiamento pi critico nei confronti dei testi sacri e classici e non manc chi arriv a trattare la Bibbia come un qualsiasi testo e non come l’ infallibile parola di Dio , rivelando tra l’ altro le incongruenze di tali testi . e la geologia , che si stava all’ epoca affermando , nell’ esaminare i fossili e i procedimenti di erosione port alla conclusione che i 6000 anni concessi dalla Bibbia non bastavano per spiegare fenomeni cos antichi . Nel 1700 la ricerca scientifica ottiene buoni risultati ; ma questo in fondo era gi accaduto nel 1600 : ci che accade nel 1700 e non nel 1600 che le novit scientifiche diventano rapidamente patrimonio comune di un maggior numero di uomini , essenzialmente per due fattori : la diffusione dell’ alfabetismo e la nascita di strumenti capaci di trasmettere con facilit le nuove conoscenze . Va senz’ altro notato come in questo periodo si moltiplichino i giornali quotidiani , approfittando anche dell’ attenuazione dei controlli censori sulla stampa : da questo punto di vista , l’ Inghilterra senz’ altro il paese pi ” libero ” , anche perch qui la censura era stata addirittura abolita ( 1695 ) . Questa apprezzabile alfabetizzazione non fa altro che conferire all’ illuminismo e ai suoi pensatori un carattere tipicamente divulgativo : ci si vuole rivolgere al maggior numero possibile di persone e quindi non si deve scrivere in modo complesso : ecco allora che il latino perde terreno e al trattato filosofico si preferisce il romanzo filosofico , comprensibile anche per un pubblico di media cultura . Se l’ Inghilterra si libera della censura , la Francia invece riesce a scrollarsi di dosso il clima cattolico intollerante e bellicoso che aveva caratterizzato il periodo in cui aveva governato Luigi XIV . Con questa liberazione Parigi torna a diventare la capitale intellettuale del paese ; nella prima fase del 1700 Parigi era gi il pi grande centro di produzione di idee e il francese si era affermato come lingua internazionale . E proprio a Parigi e in generale in Francia si avvia un rapido sviluppo di una produzione letteraria dotata di una forte carica di critica intellettuale nei confronti delle istituzioni politiche e , soprattutto , religiose . Spontaneamente questo ” esercito ” di saggisti e scrittori si diede un’ identit collettiva , una vera coscienza di partito di opposizione , seppur privo di influenza politica . Essi si chiamarono e si fecero chiamare ” filosofi ” e si attribuirono il compito di sgretolare con i ” lumi della ragione ” tutto ci che la pesante e morta eredit dei secoli passati aveva trasmesso a un’ epoca che doveva essere una dinamica transizione verso un futuro di progresso e rinnovamento . In Francia si parla di filosofia dei lumi , altrove , in modo pi generale , di illuminismo . Ma in fin dei conti che cosa l’ illuminismo ? Il filosofo tedesco Kant risponde a questa domanda con un breve testo intitolato : ” Risposta alla domanda : che cosa l’ illuminismo ? ” ; egli d una definizione che , pi che alle manifestazioni storiche del movimento , bada alla trasformazione dell’ atteggiamento intellettuale e culturale che esso comporta in ciascun individuo . L’ illuminismo uscire dallo stato di minorit intellettuale , divenire maggiorenni sul piano razionale e imparare a pensare con la propria testa , staccandosi nettamente dalla superstizione . Kant definisce cos l’ illuminismo : ” L’ illuminismo l’ uscita dell’ uomo dallo stato di minorit che egli deve imputare a se stesso [ . ] abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza ! E’ questo il motto dell’ illuminismo ” . Rousseau , pensatore francese , dir : ” grande e bello spettacolo veder l’ uomo uscir quasi dal nulla per mezzo dei suoi propri sforzi ; disperdere , con i lumi della ragione , le tenebre in cui la natura l’ aveva avviluppato ; innalzarsi al di sopra di se stesso ; lanciarsi con lo spirito fino alle regioni celesti : percorrere a passi di gigante , al pari del sole , la vasta distesa dell’ universo ; e , ci che ancor pi grande e difficile , rientrare in se stesso per studiarvi l’ uomo e conoscerne la natura , i doveri e il fine ” . E’ innegabile il rapporto di parentela tra l’ et del razionalismo (1600) , ossia l’ et dell’ indiscussa onnipotenza della ragione umana , e l’ illuminismo : evidente come vi siano analogie con l’ illuminismo , che prende il nome proprio dai lumi della ragione . Tuttavia tra razionalismo e illuminismo possono essere ravvisate anche differenze : il 1600 l’ epoca in cui si riscopre , dopo un lungo periodo di svalutazione durato tutto il medioevo , la ragione umana e come ogni scoperta appena fatta vi la tendenza ad entusiasmarsi troppo e a non vederne i limiti : ecco allora che nel 1600 i filosofi ripongono tutta la loro fiducia nella ragione in modo acritico , senza domandarsi se essa abbia dei limiti o meno . Nel 1700 , invece , dopo cento anni che questa riscoperta stata introdotta , ci si comincia a chiedere se la ragione abbia dei limiti o meno : certo l’ illuminismo figlio del razionalismo in quanto si predilige la ragione ad ogni altro strumento di indagine , ma l’ approccio con la ragione stessa risulta diverso , pi ponderato e critico . Ma a questo punto sembra che con l’ illuminismo si ritorni al medioevo perch in fondo gi San Tommaso , che nutriva grande fiducia nella ragione , si era chiesto fin dove potesse arrivare . La vera differenza tra illuminismo e medioevo che mentre per il medioevo la ragione limitata da Dio stesso , per l’ illuminismo i limiti della ragione sono imposti dalla ragione stessa : questo lo posso conoscere , quest’ altro no . Locke , filosofo preilluminista , definisce la ragione come una candela che ci illumina il cammino ; s l’ unica luce che possa illuminarci il cammino , ma rimane comunque una luce fioca , che non pu tutto . E’ anche interessante la metafora di cui si avvale il pi grande filosofo illuminista , Kant , nella Critica alla ragion pura : egli dice di aver istituito il tribunale della ragione : la ragione contemporaneamente sia giudice sia imputato : si vedono i limiti e si d un giudizio , ma a dare il giudizio proprio colei che accusata , la ragione . Ecco allora che per gli uomini del 1700 la ragione non pi un qualcosa di illimitato come era per gli uomini del 1600 , ma tuttavia l’ unico mezzo a nostra disposizione per conoscere la realt . Tutti gli illuministi hanno grande fiducia nella ragione umana e nel futuro e grande svalutazione del passato , visto come somma di errori scientifici , ingiustizie sociali e superstizioni religiose ; soprattutto contro il Medioevo che si scagliano i pensatori settecenteschi , che nutrono grandi speranze nel futuro , che ai loro occhi sar migliore perch retto non dalla tradizione e dalla religione , bens dai lumi della ragione , una ragione uguale dappertutto : non si deve fare questo perch lo dice la Chiesa o la tradizione , ma perch la ragione dice che giusto . Ecco allora che l’ illuminismo ha come sfondo l’ utilitarismo , ossia il far felici con la ragione il maggior numero possibile di uomini ; e il futuro consiste nel progresso : gli illuministi , di fronte all’ antico quesito se il bene consiste nel futuro o nel passato non esitano a scegliere il futuro . E quest’ idea in buona parte l’ hanno derivata dal Cristianesimo ( l’ acerrimo nemico degli illuministi ) che , a differenza delle concezioni classiche del tempo in chiave circolare , colloca l’ uomo su una linea retta strutturando la storia in punti che volgono al progresso : da Adamo fino alla redenzione . All’ atteggiamento illuministico dunque connesso un sostanziale ottimismo , una fondamentale fiducia nel futuro e nel carattere progressivo della storia umana . La ragione a cui l’ illuminismo affida il compito di rischiarare l’ umanit non per la ragione assoluta di Cartesio , dalla quale scaturiscono deduttivamente i sistemi metafisici della realt , ma piuttosto una ragione scientifico strumentale che , per il suo condizionamento empirico , assai vicina a quella di Locke e di Newton ( e , pi alla lontana , di Galileo . Pur avendo un’ identit collettiva , questo fronte di scrittori costituenti il partito dei filosofi , non avevano un’ identit di vedute su tutti i problemi : su parecchi problemi scientifici la pensavano in modo divergente tra loro , ma soprattutto interessante notare la differenza nelle opzioni politiche e religiose : tra i filosofi ci furono sia atei dichiarati sia sostenitori dell’ esistenza di Dio , con le pi diverse sfumature gli uni dagli altri ;
come pulire gli ugg L'ILLUMINISMO IN FILOSOFIA
c’ era chi vedeva nella natura la realizzazione di un progetto divino e chi invece pensava che la natura fosse autosufficiente . Ma almeno su un punto tutti i filosofi illuministi erano d’ accordo : il radicale rifiuto della Chiesa cattolica (“schiacciate l’ infame” era uno dei motti), con la sua intolleranza universale , i suoi dogmi inaccettabili per la ragione , il suo appoggio ai regimi tirannici , il suo ruolo di divulgazione dell’ ignoranza e la sua superstizione pi profonda . L’ anticlericalismo dei filosofi talvolta era davvero infuocato ; non mancarono coloro che videro nella religione un grande inganno intessuto dai preti di tutte le epoche per tenere i popoli nell’ ignoranza e nell’ impotenza . Tuttavia vi furono anche illuministi ” simpatizzanti ” nei confronti della religione , nella quale vedevano un fenomeno naturale con un nucleo razionale ( l’ esistenza di un Dio buono e ordinatore del mondo ) . Senz’ altro l’ atteggiamento religioso pi diffuso presso le compagini dei filosofi illuministi fu il deismo , ossia il credere nell’ esistenza di Dio solo sulla base di argomentazioni razionali , rifiutando ogni forma di rivelazione , un p come aveva fatto Aristotele a suo tempo vedendo la divinit come ” primo motore ” , come ” causa incausata ” . Non si tratta , certo , di ateismo , tuttavia evidente come sia assurdo pregare una divinit come quella in cui credevano i deisti , una divinit che di umano non ha nulla e che pu essere colta non con la fede , bens con la ragione : non un Dio a immagine e somiglianza dell’ uomo ( come invece vuole il ” teismo ” ) , bens una sorta di principio metafisico garante dell’ ordine nel mondo . In qualche modo il pensiero anti cristiano degli illuministi contribuir ad una vera e propria scristianizzazione tipica del 1700 ; tuttavia sarebbe errato pensare che solo gli illuministi abbiano portato a questa laicizzazione della societ : merita allora di essere ricordata la massoneria , ossia l’ associazione segreta che si suppone essersi sviluppata dalla corporazione medioevale dei muratori ; essa , nata in Scozia ed Inghilterra , divenne una vera e propria societ e con diramazioni dislocate in tutta l’ Europa . Come gli illuministi , anche la massoneria propugnava il deismo , per in modo pi ” terra a terra ” , pi comprensibile a tutti : se il popolo si scristianizz non fu certo perch leggeva le opere dei filosofi illuministi , ma per via della massoneria e del suo ruolo intermedio di societ n nobile n popolare . Tuttavia nell’ illuminismo troviamo anche vere e proprie posizioni atee : viene ripresa la definizione di Cartesio dell’ uomo come animale macchina dotato di anima ; ma ad essa si preferisce quella di animale macchina senza anima ; un ateismo radicale . Ma illuminismo non significa solo anti cristianesimo ; nel 1700 presso i filosofi nasce il gusto della scoperta per il nuovo , magari con soluzioni spericolate , il che spiega bene la grande passione di questi pensatori per le forme enciclopediche e per i romanzi filosofici , tipici del 1700 ; nasce anche l’ interesse per civilt diverse rispetto a quella europea : cos come la Terra non pi al centro dell’ universo , comincia ad affacciarsi l’ idea che l’ Europa non sia pi il centro della Terra . E’ interessante citare a proposito le ” Lettere persiane ” di Montesquieu nelle quali si immagina un gruppo di persiani in visita a Parigi che descrivono tramite lettere ai loro corrispondenti iraniani vita e costumi di una societ cattolica e assolutistica , con sguardo distaccato , nella loro nuda oggettivit : l’ ovvio e il quotidiano diventano l’ assurdo e il grottesco e il lettore viene abituato all’ ottica del relativismo culturale : la Francia e l’ Europa non sono pi il centro , ma solo un angolo del mondo ; ci che a noi europei pare banale e ovvio perch ci siamo abituati , agli Iraniani sembrer ridicolo e bislacco . Una simile operazione , naturalmente , la si potr compiere con un cinese o con un pellerossa . Si pu anche addurre come esempio dell’ interessamento degli illuministi per le civilt straniere il mito del buon selvaggio , sostenuto da Rousseau , che , a differenza degli altri illuministi , tende a vedere nel progresso qualcosa di fortemente negativo , destinato ad aumentare sempre pi la dusuguaglianza tra gli uomini ; ecco allora che egli sintetizza questo concetto nell’ idea del buon selvaggio , non corrotto dalle tradizioni e che con la sua ragione pu arrivare ad una concezione di Dio pi pura e veritiera di quella di un teologo cattolico . Rousseau riscopre quindi una nozione moderna di primitivo , capace di illuminare il passato e la storia della civilizzazione umana . Se vero che presso gli illuministi affiora l’ interesse per le culture diverse , tuttavia dobbiamo specificare che l’ Europa finisce comunque per rimanere al centro : in altre parole , l’ esame che Montesquieu e Rousseau fanno di civilt lontane ed estranee all’ Europa non volto effettivamente a conoscere meglio le medesime , ma a vedere l’ Europa e gli Europei da un altro punto di vista . Ma il manifesto del partito illuminista senz’ altro l’ Enciclopedia , un’ opera mastodontica prevista in 17 grandi volumi che illustra attraverso i suoi articoli disposti alfabeticamente i progressi della scienza e della tecnica e che discute con la libert consentita dal sistema di censura francese i grandi problemi teologici , filosofici e politici . La direzione del progetto era stata affidata a uno dei pi vivaci e originali pensatori illuministi , Denis Diderot , e al matematico famoso un p ovunque d’ Alembert : l’ intero partito dei filosofi era stato chiamato a raccolta per dar vita a quest’ opera di ampio respiro , baluardo della filosofia illuministica . L’ opera pot superare tutte le opposizioni ( forti erano soprattutto quelle dei gesuiti ) e godette perfino dell’ appoggio di molti aristocratici . Le vicende dell’ Enciclopedia sono esemplari : dimostrano come la cultura illuminista non tema rivali e come coi lumi della ragione tutto pu essere vinto . Tuttavia dobbiamo dire che la forma enciclopedica , di misure mastodontiche , non era la sola forma di stesura : c’ erano , come accennavamo , i romanzi filosofici e in pi anche il pamphlet , breve e non tecnico , alla portata di tutti . Molti studiosi hanno pensato che l’ illuminismo fosse una cultura tipicamente borghese , cosciente della propria opposizione globale alla societ del tempo . Per non del tutto corretto : infatti i borghesi non leggevano i testi illuministi in quanto totalmente assorbiti da attivit pi proficue ; essi circolavano soprattutto nei salotti aristocratici e non quindi scorretto affermare che l’ illuminismo fin per diventare una manifestazione dello scetticismo dell’ aristocrazia e della sua perdita dei valori tradizionali . Detto questo , bisogna ora affrontare le posizioni degli illuministi in ambito politico : gli illuministi erano tutti grandissimi ammiratori del sistema liberale inglese ed erano tutti d’ accordo su alcuni punti essenziali : la completa libert di religione , la fine del potere culturale della Chiesa cattolica , la libert di stampa ( come gi avveniva in Inghilterra ) , l’ abolizione dei privilegi fiscali , il netto ridimensionamento dell’ assolutismo regio . Ma anche in campo politico , come in campo religioso , non ci fu mai una totale identit di idee tra gli illuministi . Nel 1734 , nelle ” Lettere filosofiche ” Voltaire prende in esame il sistema parlamentare inglese ; nel 1748 Montesquieu argomenta in favore di tale sistema nella sua opera pi importante , ” Lo spirito delle leggi ” : a suo avviso il sistema delle leggi di ciascun paese ha uno spirito , una logica occulta e quindi esse non sono il risultato del caso ; il che deve rendere consapevole chi cerca di attuare dei progetti di riforma che non tutte le evoluzioni sono facili o possibili . Un riformatore che non tiene in considerazione la struttura sociale di un paese , delle sue tradizioni , della densit umana , dell’ estensione geografica e dei determinismi ambientali destinato a fallire . Le leggi non sono soltanto il prodotto della volont del legislatore , ma ” intese nel loro significato pi ampio , sono i rapporti necessari che derivano dalla natura delle cose ” , dice Montesquieu . Egli ravvisa tre modelli fondamentali : 1 ) repubblicano : , fondato sulla virt e sulla libert ( repubblica romana e cantoni svizzeri ) ; 2 ) tirannico : ispirato dalla paura dei sudditi ( in ultima istanza schiavi ) nei confronti del sovrano tiranno : il sovrano padrone assoluto del popolo ( civilt orientali , Russia ) ; 3 ) governi temperati ( o moderati ) : c’ un monarca e il rapporto monarca sudditi temperato da corpi intermedi : il suddito non mai completamente solo di fronte al sovrano . Montesquieu convinto che queste tre forme siano dettate dalle condizioni climatiche : la tirannide tipica delle grandi pianure ( Russia ) dove la societ , quasi come il terreno , si appiattisce : il cittadino solo di fronte al sovrano , che su di lui pu tutto . Le migliori sembrano le piccole repubbliche , ma esse vanno bene solo su territori ridotti ; quindi i pi adatti per l’ Europa sono i regimi temperati , le monarchie costituzionali : se la Francia non degenera in tirannide , secondo Montesquieu solo perch il regime temperato da organi intermedi quali l’ aristocrazia e il parlamento . Montesquieu guarda con simpatia al sistema inglese , ma sa di non poterlo trasferire in Francia in maniera pura e semplice . Dell’ Inghilterra bisogna secondo lui imitare soprattutto un elemento , la pratica di dividere il potere tra istituzioni diverse , la migliore procedura per evitare la tirannide : la magistratura dovr essere totalmente dipendente dal potere del governo , il parlamento dovr emanare leggi generali ,
come pulire gli ugg L'ILLUMINISMO IN FILOSOFIA
il re e il suo governo dovranno eseguire le leggi e svolgere

outlet online ugg L’identità nazionale non si insegna

ugg shop italia L’identità nazionale non si insegna

A proposito della richiesta che fin dalla seconda media gli alunni avanzano agli insegnanti di insegnare loro il fascismo così riporta la stampa di qualche giorno fa ritengo ma vorrei essere smentito che molti insegnanti per certi versi mastichino poco di fascismo e di storia recente se possiamo chiamarla così per altri versi temono di essere parte Mah!!! Chissà che cosa pensano in famiglia, per cui è meglio lasciar perdere! Così, dopo la prima guerra mondiale l’abbiamo vinta, quindi è più che sufficiente per la storia patria! Ma poi? Poi c il vuoto Forse sono cattivello, ma come mai in rete scrivono tanti sedicenni Ma nostalgici di che? Che cosa ha insegnato loro la Scuola Democratica e Repubblicana? Questi ragazzi cellularizzati hanno forse vissuto la guerra, i bombardamenti, la fame, hanno saputo dei nostri soldati in Russia con le scarpe di cartone? Dei nostri soldati in Africa con le bombe a mano contro i carri armati? Della presa in giro del obbedire, combattere Del avanzo seguitemi, se indietreggio uccidetemi, se mi uccidono vendicatemi Del e moschetto fascista perfetto Del stramaledica gli inglesi il popolo dei pasti Dell alla Patria?

Ovviamente, nessuno nega che con il governo fascista si siano avute opere pubbliche e innovazioni civili (cinque città costruite nell Pontino, l nazionale maternità e infanzia, previdenza et al), però a quei tempi, purtroppo, guai a pensarla diversamente! Gramsci è morto in carcere nel L’isola di Ventotene era piena di antifascisti E in Francia ricordiamolo i fratelli Rosselli nel giugno del furono ammazzati da una squadraccia di Insomma, la storia non è tutta bianca o tutta nera! La storia non può essere studiata secondo criteri morali o moralistici non c la storia che piace e quella che mi piace I viva e gli abbasso sono della politica quotidiana, non dell storica! Bloch, Braudel, Febrve, i nostri Cantimori, Chabod, mettiamoci anche Croce, sono grandi maestri della ricerca storica. Per non dire del “Secolo Breve” di Hobsbawm. Insomma, la ricerca storica può essere una buona e costruttiva palestra e non so quanto certi libri di testo concorrano a fare i nostri studenti! Troppe illustrazioni! Troppe letture inutili! Troppe prove di comprensione abborracciate!

Certamente il fascismo va studiato ed oggi, a tanti anni di distanza, lo studio potrebbe essere effettuato con lo stesso intellettuale con cui studiamo Cesare o Napoleone. A nessuno studente o adulto oggi verrebbe in mente di parteggiare o meno per Cesare o per Pompeo, per la Pulzella di Orleans o per il Conte di Shrewsbury, per Napoleone o per l’ammiraglio Nelson, ma il fatto è, purtroppo, che la nostra democrazia, nonostante la ventennale Resistenza, la Liberazione del e la Repubblica del ’46, è ancora giovane!

In effetti, l del nostro Paese risale al 1861, quando una certa Casa Savoia, mediocre e vigliacchetta, che nessun credito aveva presso gli altri Stati europei, volle celebrare la nascita del Regno d’Italia! Un regno nato, però, con l’abile utilizzazione di un Mazzini e di un Garibaldi, ambedue poi “confinati”, a cose fatte! Mazzini dovette rifugiarsi a Londra, da dove rientrò nel 1872 a Pisa sotto il falso nome di Giorgio Brown e a Pisa morì nel medesimo anno. Garibaldi di fatto venne confinato a Caprera con un sacco di fagioli, dove morì nel 1882! L'”eroe dei due mondi”, colui che a Teano nel 1960 aveva salutato il Re d’Italia facendogli dono di tutta l’Italia meridionale liberata si fa per dire dai Borboni. Per non dire dell’impresa garibaldina del 1862, quando Garibaldi, deciso a marciare su Roma, fu fermato, ferito e arrestato nell’Aspromonte! Come un bandito! Non come un liberatore!

I Savoia non scherzavano affatto! E sparavano pure contro chi non rientrasse nei loro disegni egemonici ed annessionistici. Fingevano di cercare alleanze, ma erano maestri delle più squallide strumentalizzazioni! Astuzie politiche? Mah! E Camillo Benso di Cavour ci metteva del suo, ovviamente! Fino al giorno della sua morte, il 6 giugno del 1861! I Savoia restituirono i dovuti onori a Mazzini e a Garibaldi, due nostri Grandi del Risorgimento, solo dopo la loro morte, perché, da morti, non potevano più opporsi alla dittatura savoiardo piemontese ormai estesa dalle Alpi alla Sicilia. Strategie intelligenti quelle dei Savoia! Anzi, spregiudicate! Per non dire poi di quei plebisciti pro Savoia sapientemente organizzati, ma anche della brutale repressione contro i cosiddetti briganti, che oggi potremmo chiamare partigiani della resistenza antisavoiarda! Si legga l'”Antistoria d’Italia”, di Fabio Cusin: una ricerca più che interessante sui modi con cui i Savoia costruirono un regno! Nazionale o savoiardo?

Quindi, con questa monarchia, che si era impadronita con raggiri e furberie dell’intera penisola, era molto difficile costruire una vera identità nazionale! La prima guerra mondiale fu una grande occasione per dar fiato alle trombe sabaude! Poi ci pensò il fascismo a far risorgere il Sole sui Colli Fatali di Roma! La Roma dei Cesari! Altro che quella dei Savoia! Ma re Pippetto alias Vittorio Emanuele III gliela fece pagare cara al duce quando il 25 luglio del ’43 lo impacchettò e lo fece prigioniero! Un re, a cui il duce non solo aveva restituito un’Italia “salvata” dal comunismo, ma aveva anche donato altre due corone, quella dell’Albania e quella dell’Impero d’Etiopia! Ma i Savoia sono i Savoia, da sempre, una stirpe di regnanti che i re veri dell’Europa non hanno mai voluto riconoscere come tali! Quei Savoia che in quell’8 settembre del ’43 sono scappati da Roma a gambe levate dopo avere annunciato l’armistizio con gli Alleati e la fine del Patto d’Acciaio così si chiamava stipulato anni prima con la Germania di Hitler.

Insomma, se non è facile per i nostri ragazzi sentirsi compiutamente Italiani, dipende anche dal fatto che la nostra storia patria non è affatto semplice né da spiegare né da capire! Aggiungiamo poi che a tutt i partiti che ci hanno governato non sono mai stati capaci di innescare e sostenere una identità nazionale, per cui la lotta del partito e per il partito forse ha fatto perdere di vista quell di Nazione di cui ogni cittadino, invece, soprattutto se giovane, ha bisogno e, soprattutto, diritto di sentire e condividere. Ricordiamo che Ciampi ci provò a ridare vita all’Idea di Patria, ma, morto lui,
outlet online ugg L'identità nazionale non si insegna
ora ci troviamo a fare i conti con la politica becera di gruppi politici che hanno affossato i partiti per dar vita a una guerra tra bande! Sono cattivo? Lo so!