rivenditori ugg roma Ivano Zilio dice

outlet ugg online Ivano Zilio dice

Ivano Zilio dice: “Io non ci sto”

Il presidente di Primarete porta avanti una battaglia a suon di hashtag e di campagne che spronino le adv all e il settore a reagire

Le battaglie (pacifiche) oggi si fanno anche a colpi di hashtag WeAreNotAfraidToTravel, o di motti, come ti denuncio Ivano Zilio, presidente di Primarete, lo sa e lo ha fatto.

Forte dei suoi principi e della sua carica di sempre, sceso in campo anche questa volta, non solo per dire la sua e per togliersi qualche sassolino dalle scarpe,
rivenditori ugg roma Ivano Zilio dice
ma anche per dare una sferzata al settore, come una ventata di aria fredda che spalanca all una finestra. E arrivato cos perch ha deciso di dire: non ci sto e di passare all per spronare le proprie adv, ma anche tutto il settore ad agire.

Una crisi che ha radici profonde

E innegabile che i recenti fatti di Parigi abbiano portato un freno alle prenotazioni, riconosce il manager. Le ripercussioni ci sono state, molto la situazione che si rallentata. Questa la terza crisi che ho vissuto commenta Zilio a Guida Viaggi , ma credo che ci sia anche qualche cosa di pi il fatto che il 40% dei giovani non trovi lavoro vorr pur dire qualche cosa

Lancia il sasso Zilio, un sasso che cade lontano,
rivenditori ugg roma Ivano Zilio dice
perch il suo pensiero lo porta a credere che le radici di questa crisi siano ben pi profonde e che non si possano ricondurre solo ai fatti di terrorismo che si sono verificati in questi ultimi tempi. base c una crisi ben pi ampia, che ha radici in motivazioni economico politiche osserva il manager.

Si passa all

Preso atto dello stato contingente, si deve passare all E quello che ha fatto Primarete con il lancio della campagna WeAreNotAfraidToTravel e con la divulgazione delle locandine da appendere nelle vetrine delle adv con il messaggio: “Non farti togliere la libert di viaggiare, difendi il tuo benessere e la tua cultura”.

Una mossa avvicinare direttamente i clienti e stimolarli, ma anche per far sapere loro che noi adv sappiamo offrire l Una mossa che piaciuta molto e che diventata virale sui canali social dichiara Zilio . Molte adv hanno ripreso il motto che abbiamo lanciato e lo hanno divulgato, aggiungendo anche il loro marchio E a farlo non sono state sole le adv del network.

Una risposta che non pu che soddisfare il manager, che ha ricevuto anche riscontri via mail. e le adv perch comunichino al consumatore di non smettere di viaggiare. E,
rivenditori ugg roma Ivano Zilio dice
allo stesso modo, diciamo che siamo bravi a fare il nostro lavoro afferma con convinzione, rivolgendosi alle adv.

Lotta all

A questo pensiero si riallaccia anche la seconda campagna lanciata da Primarete con il motto ti denuncio con il quale il network invita le adv a segnalare ogni caso di abusivismo e a sensibilizzare l pubblica in merito al fatto che quando prenota un viaggio ci si deve rivolgere ad una agenzia che abbia tutte le carte in regola per assistere il cliente. Inoltre, vogliamo incoraggiare il consumatore perch possa rendersi conto che andare in agenzia non costa di pi in quanto si ha il 100% delle garanzie sul fronte sicurezza. Infine, vogliamo dire basta, non siamo al servizio di tutti afferma Zilio . Il ruolo delle adv e della distribuzione ancora importante, per questo non dobbiamo pi tollerare che chi prenota in internet,
rivenditori ugg roma Ivano Zilio dice
poi, in caso di problemi e necessit si rivolga alle adv per avere informazioni e garanzie. Io voglio la consulenza e questa sar la mia prossima battaglia promette il manager.

La campagna ti denuncio vuole tutelare la dignit e il lavoro delle adv.

Come si combatte, quindi, concretamente l Zilio entra nel merito della questione e fa presente che, Primarete per tutelare le nostre adv, abbiamo messo a disposizione uno studio legale. Abbiamo ricevuto da parte delle adv aderenti al network, ma non solo,
rivenditori ugg roma Ivano Zilio dice
diverse segnalazioni di casi di abusivismo. Sono state una decina in una sola settimana

L prevede che vengano poi inviate alle Province. un tema che dovrebbe essere portato sul tavolo del Governo fa presente Zilio . Dobbiamo difenderci da un mercato che sembra non avere pi regole visto e considerato che in tema di abusivismo il discorso piuttosto ampio e che sotto questo rientra un insieme di situazioni che essere regolamentate