ugg replacement insoles Scudetto Juventus 2015

ugg spray Scudetto Juventus 2015

La Juventus festeggia lo scudetto 2015 2016 e Massimiliano Allegri non può che essere particolarmente soddisfatto. Questo tricolore, molto più di quello dello scorso anno, porta la sua firma. Dodici mesi fa in moti dissero che a vincere fu ancora la Juve di Conte, nonostante il cambio di panchina avvenuto nell’estate del 2014. Arrivato a Vinovo in punta di piedi e tra le contestazioni, dunque, il tecnico toscano fu ancora dileggiato al termine del campionato scorso, poiché il suo lavoro non fu ritenuto decisivo ai fini della vittoria.

In estate, la dirigenza gli smantella sostanzialmente la squadra, cedendo grossi calibri del tipo di Pirlo, Tevez, Coman, Llorente e Vidal. L’inizio è da film horror nonostante la conquista della Supercoppa Italiana: la squadra non gira, i nuovi fanno fatica ad inserirsi, Buffon prende gol al primo tiro Allegri predica calma e invita tutti a guardare la classifica a dicembre, la stampa ne chiede l’esonero, come se il triplete sfiorato l’anno prima non ci fosse mai stato. Ancora una volta, ha avuto ragione lui e davanti alle telecamere di Mediaset Premium si toglie qualche sassolino dalla scarpa:

“A ottobre eravamo dodicesimi, fuori da tutto, sembrava che l’allenatore poteva solo essere cacciato. La rimonta e lo Scudetto sono merito di tutti, dei giocatori, dell’allenatore ma anche dei calciatori che hanno giocato negli scorsi anni. La storia di questi cinque scudetti è merito di tutte le persone che hanno lavorato per la Juve in questi anni”.

A domanda precisa, Allegri rivela di aver capito di poter vincere lo scudetto alla fine del primo tempo contro l’Atalanta, il mese scorso:

“A fine primo tempo, ho detto: questa è la gara dello Scudetto. Questa squadra aggiunge ha grandi prospettive e un grande futuro e credo abbia le capacità per disputare una grande Champions la prossima stagione. In Europa la Juve ha giocato tante finali perdendone molte, purtroppo. Quest’anno abbiamo fatto bene in Champions, facendo dei grandi ottavi di finale: poi dopo ci vuole anche un pizzico di fortuna perché le gare sono tutte molto equilibrate e gli episodi diventano decisivi. Dybala? Dare i voti mi rimane difficile, anche a scuola non prendevo grandi voti. Dybala è cresciuto molto e diventerà uno dei più forti al mondo nel giro di due anni”.

Nei prossimi giorni, intanto, è previsto l’incontro decisivo per la firma del contratto che legherà il tecnico toscano alla Juventus fino al giugno del 2018 con possibile opzione fino al 2019:

“Con Agnelli c’è un ottimo rapporto, sia con lui che Marotta, Paratici e con chi lavora in società. L’obiettivo è portare giocatori e risultati, come adesso come quando eravamo dodicesimi in classifica”.

Anche il dg bianconero Giuseppe Marotta ha celebrato la squadra dando i giusti meriti all’allenatore parlando a Premium Sport:

“Il rinnovo di Allegri in settimana? E’ un matrimonio che sta andando bene, entrambi le posizioni sono assolutamente soddisfatti e andremo avanti con lui, rinnovando il contratto. Lo faremo in settimana ma sarà un atto assolutamente formale”.
ugg replacement insoles Scudetto Juventus 2015

ugg adirondack boots Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto Un omaggio a Calvino per il novantesimo anniversario della sua nascita

ugg schuhe Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto Un omaggio a Calvino per il novantesimo anniversario della sua nascita

Riconosciuto come uno degli autori più importanti del Novecento italiano (e non solo),Italo Calvino, di cui oggi ricorre il 90 anno dalla nascita (15 ottobre 1923 19 settembre 1985) aveva quella che potremmo definire una spiccata capacità “affabulatoria”, tale da infarinare di ironia, semplicità e intelligenza i concetti e le riflessioni più profonde dell’essere umano e, in particolar modo, dell’essere umano che lavora con la scrittura. Dinamismo, movimento e continua esplorazione delle strutture della società e della vita umana, rappresentano le cifre chiave dell’attività letteraria di Calvino in cui è stato riscontrato, in particolare riferendosi a Le città invisibili, Il castello dei destini incrociati e Se una notte d’inverno un viaggiatore, una sorta di “invito a perdersi” derivante da un impianto letterario costruito secondo un’ottica e una struttura labirintica.

Il labirinto, però, altro non è che un articolato impianto reticolare costruito in modo tale che l’uscita da esso risulti essere il frutto di un “gioco intellettuale”, complesso, concreto e degno di considerazione. Calvino, infatti, giocando con questa struttura sia all’interno dei testi citati che, in generale, quasi in tutta la sua opera, dimostra di mantenere ben saldo il suo legame col mondo esterno. Egli lo studia, lo rappresenta e gli attribuisce sembianze e caratteri via via diversi e, pertanto, talvolta labirintici, testimoni del contemporaneo evolversi e inseguirsi di trasformazioni letterarie, storiche e sociali. L’ipotesi di un Calvino che invita a perdersi, dunque, pur non essendo da escludere, è piuttosto interpretabile come un invito a cogliere e decodificare l’illusione labirintica che l’autore mette in atto sulle righe nere e orizzontali di una verticale pagina bianca, quindi, su un originario reticolo, a partire dal quale si diramano le molteplici strade (storie), di un labirinto sì, ma apparente, che intreccia i percorsi e le menti solo di chi resta in superficie ad associare le parole scritte al mondo non scritto. Calvino, invece, in questo è molto chiaro:

Non un invito a perdersi il suo ma, appunto, un invito a scoprire, a disvelare i contenuti nascosti e a superare i limiti della realtà ordinaria, coadiuvati dalle dinamiche e dalle strategie che la realtà del mondo scritto, ovvero la letteratura, mette a disposizione dell’uomo, in quanto spazio privilegiato, asilo individuale delle angosce, realtà stra ordinaria. Sullo spazio circoscritto, ma illimitato, dei fogli bianchi, la geometria, la geografia e la biografia dell’uomo prendono le sembianze di storie e concentrano, nelle pagine dei libri, una minima parte delle combinazioni di eventi possibili. in questo modo che la letteratura calviniana riesce a stupirci, è in questo modo che riesce a regalare l’immagine di un mondo che, come un gomitolo di lana, sbrogliandosi intreccia una trama di parole, gesti e rappresentazioni che si rincorrono saltando da una riga all’altra e da una rete all’altra, per poi assestarsi sull’ordito di un unico tessuto. Si tratta di un’idea di letteratura intesa sì come spazio privilegiato ed elitario, ma che, ciononostante, non porta con sé qualcosa di esclusivo o alienante, non va temuta, né tanto meno condannata. Capire un’opera letteraria equivale a goderne e questo accade quando cerchiamo, e troviamo, al suo interno, il qualcosa di cui il quotidiano che domina intorno a noi ci priva; è a quel qualcosa che si riferisce Calvino, è quel qualcosa che Calvino nasconde nel labirinto dei suoi testi.

Leggere Italo Calvino, dunque, può avere questo di interessante, e cioè il fatto che attraverso l’utilizzo di dinamiche letterarie sospese fra la realtà più semplice, come quelle della nostra geografia quotidiana, e l’immaginazione più complessa, quale risulta essere appunto l’idea di labirinto, sembra di trovarsi nelle stesse condizioni di chi guarda la pioggia, ne ascolta il rumore e si bagna le scarpe, restando fermo nel punto esatto da cui poi, alcune di quelle gocce, attraversate dalla luce del sole, restituiranno l’immagine nitida di un’arcobaleno. Nel Viaggiatore egli scrive di un romanzo imprendibile, e forse inesistente, elaborando in altri dieci romanzi le parti di realtà verosimilmente convincenti per il lettore, attraverso l’engagement imprescindibile rappresentato dall’incipit. In questo modo egli non fa altro che nascondere quel romanzo, e gli altri, dietro un sistema di relazioni che si stabiliscono solo nell’ambito letterario. Essendo questo il territorio di una modalità espressiva fruibile a pieno solo a chi la conosce dall’interno, in esso la letteratura diventa spazio privilegiato, elitario e nascosto solo per chi si rifiuta di conoscerla, ma che in realtà consente di percorrere, interpretare e, perché no, prevedere, come ha fatto Calvino, la molteplicità, la diversità e soprattutto la complessità che dominano nel mondo reale, attualmente nascosto sotto i segni di una universale ed omogenea volontà espressiva.
ugg adirondack boots Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto Un omaggio a Calvino per il novantesimo anniversario della sua nascita

ugg australia online shop scrittori leggono scrittori al pan a ottobre 2009

roxy ugg boots scrittori leggono scrittori al pan a ottobre 2009

Lassociazione culturale Azimut, in collaborazione con il PAN, in occasione della seconda edizione della campagna Ottobre piovono libri, promossa dal Centro per il Libro e la Lettura, Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, Conferenza delle Regioni, Anci e Upi, ha deciso di proseguire lesperienza maturata nel 2008 realizzando la seconda edizione delliniziativa Scrittori leggono Scrittori. Il progetto nato per promuovere la ri scoperta di alcuni grandi libri del Novecento ormai usciti fuori dai grandi circuiti delle librerie,
ugg australia online shop scrittori leggono scrittori al pan a ottobre 2009
delle rassegne, della grande distribuzione: in una parola usciti fuori dal circuito della lettura. E proprio attraverso la lettura, anzi la ri lettura pubblica di libri in buona misura dimenticati da lettori sempre meno curiosi, ci si propone anche questanno di riportare alla luce opere che non hanno ancora smesso di brillare. A leggere e a scegliere i libri anche questa volta non saranno lettori qualsiasi, bens 4 grandi scrittori e musicisti contemporanei. Grandi scrittori per grandi libri. Stiamo parlando di saggisti, narratori, musicisti di grande fama, come .
ugg australia online shop scrittori leggono scrittori al pan a ottobre 2009

comprare ugg Scorciatoie e combinazioni tasti in Windows shortcut Guide Hardware

ugg italia shop online Scorciatoie e combinazioni tasti in Windows shortcut Guide Hardware

COSA SONO GLI SHORTCUT

Gli shortcut sono tasti usati in modo particolare per compiere operazioni comuni che altrimenti richiederebbero l di più click del mouse. Un esempio? Per copiare un file e incollarlo voi: lo selezionate cliccando col destro; cliccate su “Copia”; scegliete la cartella; cliccate col destro;
comprare ugg Scorciatoie e combinazioni tasti in Windows shortcut Guide Hardware
premete “Incolla”. In tutto avete usato il mouse 5 volte. Conoscendo gli shortcut basterebbero 2 volte.

Tanta gente crede che usare il “topo” velocizzi molte operazioni. In realtà state usando una mano sola e sapendo come usare l vedrete che per i compiti più comuni, ripetitivi e noisi e troverete un gran giovamento. Se ripetuto resetta il PC.

Ctrl + Alt + Shift = Permette di inserire “{” e “}” (parentesi graffe) usando i tasti di “è” (e accentata) e di “” (asterisco)

Ctrl + Tasto sinistro mouse = Seleziona singolarmente più file

Ctrl + Trascinamento dell col mouse = Crea una copia del file

Ctrl + Shift + Trascinamento dell col mouse = Crea un collegamento al file

F3 = Apre il Trova nella cartella o pagina Internet visualizzata

F4 = Apre la lista dei percorsi usati recentemente in Esegui, Esplora risorse o in Internet Explorer

F5 = Aggiorna contenuto nella cartelle e in Internet Explorer

F6 = Seleziona alternativamente il contenuto della finestra o la barra degli indirizzi

F10 = Seleziona la voce File in alto a sinistra nella finestra (per sfogliare Modifica, Visualizza ecc. basta spostarsi con i tasti delle frecce)
comprare ugg Scorciatoie e combinazioni tasti in Windows shortcut Guide Hardware

ugg sito ufficiale italiano scorci di un passato repubblicano fatto di redenti e di perduti

ugg bergamo scorci di un passato repubblicano fatto di redenti e di perduti

Uomini e no, con questa drastica alternativa Elio Vittorini aveva rappresentato la radicale alterità contenuta nella scelta di combattere il fascismo. Una decisione a cui lui stesso era giunto con un po’ di ritardo, se è vero che ancora nel 1942 prese parte in Germania ad un convegno con Giaime Pintor e in cui era presente Goebels. Tempo dopo dalle pagine del Politecnico, come ricorda Luisa Mangoni in un saggio sugli intellettuali tra fascismo e antifascismo, sempre Vittorini rispondeva alle numerose lettere scritte da giovani nei quali si poteva leggere l’angoscia di non poter più essere uomini dopo esser stati “non uomini”. Li invitava a convincersi di non esser colpevoli strumenti sì del fascismo, ciechi dinanzi a quello che il fascismo era, vittime di quello che sembrava, deboli, non forti, ma non fascisti.

D’altronde come avrebbero potuto sapere? Si chiedeva, dimenticando un po’ troppo facilmente gli antifascisti che avevano marcito nelle galere o al confino. L’antifascismo era all’estero, e la sua voce giungeva deformata in Italia come tutto il resto che giungeva in Italia dall’estero: deformato. In fondo questi giovani, spiegava pensando probabilmente a se stesso, non erano reazionari erano per un progresso sociale, per una migliore “giustizia sociale”, per l’eliminazione del latifondo e la socializzazione delle grandi imprese. Il fascismo disse loro di essere questo. Il fascismo come malinteso, dunque. Un equivoco che avrebbe tratto in inganno le buone intenzioni di una generazione inquieta che, in modo inconsapevole oppure dissimulando astute forme di nicodemismo, con fare ermetico o approntando diaboliche strategie entriste, praticava l’antifascismo in camicia nera, anticipando la resistenza nei salotti, nelle redazioni, nei posti al sole del regime, tra littoriali, militanze nei Guf, prebende del Minculpop, lettere di raccomandazione al Duce, elogi della filmografia nazista e dei carri armati dell’asse. Un curioso modo antifascista d’essere fascisti: Voi non siete stati fascisti. Il vostro modo di esserlo, fino a qualunque data lo siate stati, è stato un modo “antifascista”. Antifascisti forse, ma senza esser mai stati antirazzisti dopo le leggi segregazioniste del 1938.

In questi brevi passi ripresi dal Vittorini pensiero si racchiude molto della sostanza di quel salto pindarico che permise a una larga generazione di intellettuali di vivere due volte, come ha scritto Mirella Serri nel suo saggio, I Redenti. Gli intellettuali che vissero due volte. 1938 1948. Certo, la vicenda è complessa e non nuova agli studi, per questo non può essere liquidata con sprezzanti tirate moralistiche, di cui invero quegli intellettuali “redenti” furono spesso (non tutti per fortuna) spietati maestri durante le loro seconde vite. Diversi tra loro si riscattarono nella Resistenza, anche nella tragedia della morte, altri si riciclarono attraverso il frondismo, che è sempre una maniera molto elegante di restare con un piede tra due scarpe. Tuttavia la sfilza di nomi, presa anche solo per difetto, disorienta: Cantimori, Muscetta, Montale, Guttuso, Argan, Alicata, Ingrao, Lizzani, Della Perruta, Trombadori, Pavese, Pintor, Della Volpe, senza dimenticare su altre sponde Bobbio, Spadolini, Pannunzio, Scalfari, Montanelli, Bocca, Biagi, lo stesso Calamandrei e ancora,
ugg sito ufficiale italiano scorci di un passato repubblicano fatto di redenti e di perduti
oltre Tevere, i clericofascisti come padre Agostino Gemelli. Insomma, benefattori, grandi uomini di cultura, facitori d’opinione, inter preti della religione civile, padri della patria.

Una prima chiave di lettura ci dice che, quali che siano i colori delle ideologie, questa è una classica storia d’élites, che riescono quasi sempre a traversare con pochi danni le tempeste della storia. Subentra poi la politica entrista che i comunisti condussero ai fianchi del regime, una volta abbandonata l’idea del rovesciamento armato e riconosciuta la sua natura reazionaria di massa. Quindi la vicenda del patto Ribentrop Molotov del 39 41, esaltata come l’alleanza delle nuove potenze monopolistiche contro le plutocrazie occidentali che stentavano a rimettersi dalla crisi (anche il new deal Roosveltiano guardava ai vantaggi dell’economia di pianificazione e in quegli anni Keynes elaborava la sua dottrina).

Il vecchio programma di Verona, l’originaria fase del fascismo di sinistra, antiborghese, corporatista e monopolista, fu il collante che consentì il successo della strategia di recupero attuata da Togliatti. Un organico disegno d’egemonia che attraverso la chiusura della guerra civile, l’amnistia politica e il reclutamento delle giovani energie intellettuali del passato regime, mirava a ricomprendere la storia nazionale rifondando le basi del paese. Un disegno strategico che l’odierna storiografia liberale tende a rileggere in termini d’inevitabile continuità, culturale e ideologica, conseguenza di una supposta omologia totalitaria tra fascismo e comunismo. Dimenticando i reclutamenti nel campo laico liberale e la posizione di Croce, la sua avversione verso le epurazioni, la metafora della grande parentesi con la quale si voleva liquidare il fascismo come se nulla fosse accaduto, e soprattutto sottacendo l’altra continuità, quella degli apparati statali, della magistratura, dell’industria e della finanza “fascistissima”, dei senatori del regno, come Agnelli, ingrassati con le avventure coloniali del regime. Singolare atteggiamento quello della storiografia liberale, che da una parte lancia anatemi sull’esecuzione di Gentile, ma poi denuncia la politica d’integrazione dei giovani quadri intellettuali del fascismo.

Comunque continuità ci fu, ma questa avvenne proprio a scapito del marxismo. L’integrazione togliattiana dei quadri bottaiani per un verso, e dell’azionismo dall’altro, entrambi formati alla filosofia di Gentile, produsse un singolare mescolanza di cui a tutt’oggi resta insuperata la critica mossa da Asor Rosa nell’oramai lontano Scrittori e popolo. Un ibrido ideologico che fondeva strati di nazional popolare, storicismo crociano, diamat staliniano, il tutto condito come ha sottolineato Romano Luperini da una visione dell’impegno improntato alla vita morale, ad ideali genericamente umanisti che vedevano nell’intellettuale il sale della terra. Io non mi sono iscritto al partito comunista italiano per motivi ideologici, scriveva Vittorini a Togliatti, Quando mi sono iscritto non avevo ancora avuto l’opportunità di leggere una sola opera di Marx, o di Lenin, o di Stalin Aderii ad una lotta e a degli uomini.

Non a caso si dovettero attendere gli anni Sessanta perché si affermassero in Italia i fermenti di un neomarxismo liberato dagli effluvi gentiliano bottaiani e gli anni Settanta perché questo divenisse pratica politica. Per questo oggi sarebbe più utile una riflessione storica sulle conseguenze politico culturali di quella stagione, piuttosto che l’attenzione un po’ scandalistica sulle rivelazioni di passati celati, memorie edulcorate, rimozioni, reticenze e autoindulgenze, per giunta condotte in molti casi di pari passo con la più spietata inclemenza verso quelle generazioni che negli anni Settanta tradussero concretamente la loro ricerca di una società diversa, che non si accontentava più del compromesso sociale istituzionale uscito dal dopoguerra. Per costoro, al contrario, non c’è stata nessuna indulgenza, alcun tentativo di capire, ancora meno una politica di recupero, nessuna delle tre amnistie concesse dal fascismo ai suoi nemici, ma solo carcere ed esilio. Il vero problema, dunque, non è il prima semmai il dopo.

In fondo, tutti dovrebbero avere il diritto di tentare, di crescere, di trarre lezione dall’esperienza. Allora dovrebbe far riflettere questo passato repubblicano fatto di redenti e di perduti, di salvati e di sommersi.
ugg sito ufficiale italiano scorci di un passato repubblicano fatto di redenti e di perduti

spaccio ugg milano Scopri come li aiutiamo 2014

ugg lattice cardy Scopri come li aiutiamo 2014

Un pitone reale e sei salamandre pezzate messi in salvo grazie all della LAV e trasferiti in una struttura di accoglienza.

La LAV: occorre al pi presto una legge che vieti finalmente la vendita e la detenzione di animali esotici.

L di salvataggio si tradotta in una vera e propria corsa contro il tempo, in particolare per il pitone a cui non veniva pi assicurata la temperatura ambientale di almeno 22 gradi centigradi, necessaria alla sua sopravvivenza, poich era stato collocato nel cortile all dell sita in un paese montano della Lessinia. Attualmente il pitone, consegnato magro, ferito, molto affamato e nervoso, sotto osservazione nella speranza riesca a sopravvivere alle privazioni e allo shock termico subito.

pitone un animale esotico la cui detenzione regolamentata dalla Convenzione di Washington, affermano i volontari LAV da sempre la nostra associazione si adopera per ottenere una legge severa che vieti l importazione, la vendita e la detenzione di specie alloctone poich i fatti hanno dimostrato quanto risulti impossibile garantire agli esotici uno stato di benessere e standard dignitosi di vita, quando non vengano addirittura abbandonati una volta che gli incauti acquirenti si rendano conto di quanto sia problematica la loro corretta gestione quanto riguarda le salamandre pezzate poi, esse non possono essere n catturate n detenute sulla base di quanto previsto dalla Convenzione di Berna del 1979 sulla conservazione della vita selvatica e dell naturale in Europa. Strapparle al loro habitat risulta un grave atto di predazione di un bene comune e un depauperamento ecologico. All della prossima primavera, i sei esemplari di salamandra verranno liberati nell Vajo Galina di Avesa, alla periferia di Verona, dove si riproduce da molti anni un nutrito numero di questi animali.

Il Tribunale di Verona condanna due coniugi ad un di 2000 euro per le precarie condizioni di detenzione del loro cane.

La Procura della Repubblica di Verona ha chiesto il rinvio a giudizio a carico della signora Silva Soave che gestisce, per conto dell S. Francesco, il canile di Villafontana, convenzionato con molti comuni della provincia di Verona: sono stati formulati cinque capi di imputazione, uno dei quali in concorso con il marito, sig. 544 ter del Codice Penale) che di detenzione incompatibile (art. Inoltre stata contestata alla Soave la frode ai danni dei comuni, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, nell delle convenzioni di custodia e mantenimento dei cani randagi catturati, veniva sia disincentivata costantemente l dei cani in custodia, sia comunicato ai comuni con grave ritardo l decesso o adozione, lucrando quindi sui contributi erogati dalle pubbliche amministrazioni per il mantenimento giornaliero degli animali (art. 81 e art. 356 Codice Penale) ed ancora di frode ai danni dei comuni in concorso con il marito, collaboratore addetto al recupero dei cani randagi, venivano ricoverati nel canile cani catturati in territori comunali diversi da quelli convenzionati con il canile S. Francesco E stata infine comminata la contravvenzione per lo smaltimento di rifiuti speciali nei canali di irrigazione o interrati in fosse scavate a ridosso del frutteto confinante con il canile (art.

La struttura era stata posta sotto sequestro nel maggio del 2014 a seguito di ispezioni e indagini del Corpo Forestale dello Stato, scaturite da denunce di ex volontari del canile di Villafontana che segnalavano gravi ipotesi delittuose a carico della sua gestione.

Durante il pur breve periodo del sequestro, ovvero dal 23 maggio al 17 giugno 2014, hanno trovato felicemente casa 86 cani ospiti della struttura, grazie al lavoro degli attivisti di Animalisti Verona, associazione nominata custode giudiziario, coadiuvati da volontari di altre associazioni veronesi.

attendiamo un atto dovuto, che sarebbe stato opportuno giungesse fin dal momento del sequestro, di revoca della convenzione per la custodia dei cani randagi da parte delle amministrazioni comunali ancora oggi convenzionate con il canile di Villafontana afferma il Coordinamento delle Associazioni Animaliste Veronesi, che esprime soddisfazione per la decisione della Procura della Repubblica conseguente ad accertate responsabilit ed inequivocabili elementi di prova. Animalisti Verona, LAV, Legambiente e Lega Nazionale Difesa del Cane si costituiranno parte civile nel procedimento penale la cui udienza preliminare dinanzi al GIP Giuliana Franciosi fissata per il 20 novembre 2015. Festa dei tordi il prossimo fine settimana, sabato 17 e domenica 18 Ottobre. La LAV chiede al sindaco l annullamento della manifestazione.

La LAV ha chiesto al Sindaco di Costermano, dott.

SAN PIETRO IN CARIANO (VERONA): SPARA A UNA GATTA E LA FINISCE SCHIACCIANDOLA CON LE SCARPE. LAV DENUNCIA L DEL GESTO EFFERATO: CHIEDIAMO MASSIMO DELLA PENA E SENTENZA ESEMPLARE CHE TENGA CONTO DELLA PERICOLOSIT DELL LAV ha sporto una denuncia nei confronti del presunto responsabile dell di una gatta,
spaccio ugg milano Scopri come li aiutiamo 2014
avvenuta il 7 settembre a San Pietro In Cariano (Verona). Un brutale che lascia sgomenti: intorno alle 11.00 del mattino un uomo sarebbe uscito dalla sua abitazione imbracciando un fucile, avrebbe preso la mira verso la gatta che camminava nei pressi del suo orto, e avrebbe sparato un colpo, forse di un fucile ad aria compressa, come riferito da alcune persone incredule e sconvolte dalla vista di ci che si stava consumando davanti ai loro occhi. L secondo le testimonianze, sarebbe successivamente rientrato in casa per poi uscirne con un sacchetto di plastica rosso nel quale avrebbe infilato la gatta ancora viva, che si muoveva. Messo a terra il sacchetto, l avrebbe ripetutamente schiacciato con le scarpe il corpo dell che si lamentava in modo straziante, fino a finirlo.

L stato segnalato alla LAV da alcune persone accorse sul luogo di tanta violenza, quando purtroppo per la gattina non c pi niente da fare. Il piccolo corpo straziato adesso a disposizione dell giudiziaria per i dovuti accertamenti. L del gesto si sarebbe giustificato dicendo che il gatto andava ucciso perch graffiava il telo di copertura della gabbia dove l detiene alcuni uccellini.

il massimo della pena per l di un cos efferata e crudele, per una morte inflitta in modo spietato, determinato e freddo, senza alcun ripensamento per la sorte della gatta, infierendo sul corpo ancora vivo fino a ucciderla dichiara Ilaria Innocenti, responsabile nazionale del Settore Cani e Gatti LAV chiediamo una pena che tenga conto anche della pericolosit di questa persona, che avrebbe sparato nei pressi di un condominio, mettendo cos anche a repentaglio l pubblica. Una sentenza esemplare un atto dovuto anche nei confronti della famiglia della gattina che l accolta in casa con affetto e a cui stata sottratta con tanta ferocia da farle fuoriuscire un occhio dall 09. 2015

Bussolengo (VR). Il Corpo Forestale dello Stato, su denuncia della LAV, sequestra un Labrador costretto a vivere in un terrazzino sul tetto di un condominio. Il cane stato affidato all di venerd della scorsa settimana, agenti del CFS del Comando Stazione di Caprino Veronese hanno portato a termine le operazioni di sequestro di un cane di razza Labrador confinato da mesi in un angusto terrazzino sito sul tetto di un condominio di via Asiago a Bussolengo. Nonostante da tempo i vicini cercassero di capire da dove provenisse la richiesta di aiuto del povero animale, solo di recente erano riusciti ad individuare il terrazzino sul tetto, permettendo cos di sottrarre ad una crudelissima condizione di abbandono e isolamento il cane. Attualmente sottoposto ad un percorso di recupero comportamentale per poterlo inserire quanto prima in una seria famiglia. Ufficio Stampa LAV Verona

Verona. Agenti del Corpo di Polizia Municipale sequestrano per maltrattamento 4 conigli e li affidano alla LAV

Quattro conigli bianchi, utilizzati per la macellazione, sono stati posti sotto sequestro alcuni giorni orsono da agenti del Corpo di Polizia Locale di Verona a seguito di un controllo di routine presso una fabbrica di scarpe di propriet di una famiglia di nazionalit cinese, sita in zona industriale. Gli animali erano confinati dentro due cassonetti di plastica completamente chiusi e posti all dell a ridosso del muro, sotto il sole cocente, costretti a vivere sui propri escrementi, al buio, privi di acqua nonostante l temperatura. Il loro pelo era completamente imbrattato di urina e feci.

Sequestrati per maltrattamento di animali, i conigli sono stati affidati alla sede LAV di Verona che ha provveduto a trasferirli, dopo i primi soccorsi, presso la fattoria di una volontaria dell dove gli animali da cortile posso trascorrere una vita serena, accuditi e liberi di scorrazzare in un bellissimo parco fino alla loro morte naturale. Il giudice ha puntato l sulla sofferenza cui erano sottoposti i due poveri cani, in condizione di solitudine, privi del necessario sostentamento e delle indispensabili cure: il Pastore Tedesco esposto permanentemente alle intemperie e il meticcio sempre rinchiuso e legato al buio dentro una stalla. La condanna ha previsto anche la confisca del meticcio superstite, e il suo affidamento in via definitiva alla LAV di Verona. Il povero pastore, al contrario, per i gravi patimenti subiti, non sopravvissuto pi di due mesi alla sua liberazione. Oggi Lucky, cagnolino delicato e malaticcio,
spaccio ugg milano Scopri come li aiutiamo 2014
vive accudito con grande amore presso una famiglia che si prodiga in tutti i modi per ripristinare nell una condizione di salute accettabile.

ugg botts scopre Bonazzoli

offerta ugg scopre Bonazzoli

Inter Trapani non passer certamente alla storia come la partita del secolo, almeno non per i tifosi nerazzurri. Lo sar per quelli del Trapani, ma questa un storia. Ma se c un evento da ricordare in questo travagliato terzo turno di Coppa Italia, questo certamente l a 16 anni e 197 giorni, di Federico Bonazzoli, giovane attaccante del vivaio nerazzurro. Bresciano di Ghedi, giovane stella della formazione Primavera, per molti un predestinato. Walter Mazzarri, nonostante il brutto secondo tempo, decide ugualmente di concedere qualche minuto di gara a lui e al compagno Isaac Donkor. Era il giovane attaccante, ovviamente, il debuttante pi atteso, anche per il rendimento incredibile che ha avuto e sta avendo nelle giovanili nerazzurre.

Scendendo in campo a San Siro al posto di Ishak Belfodil, il giovane Bonazzoli diventato di diritto il secondo debuttante pi giovane della storia dell Meglio di lui, solo Beppe Bergomi, che con i suoi 16 anni e 39 giorni praticamente inarrivabile per chiunque nel calcio di oggi. Dopo appena 120 secondi, Bonazzoli ha tra i piedi il pallone buono per bagnare il suo esordio con una rete che avrebbe fatto venir gi San Siro. Non gli andata bene, per ora l nella leggenda rimandato.

Il paragone con Mario Balotelli, per viene naturale. Era il 16 dicembre del 2007 quando Roberto Mancini decise di farlo debuttare al 90 di Cagliari Inter, al posto di David Suazo. Tre giorni dopo, il 19 dicembre, arrivano anche le sue prime reti ufficiali con la maglia nerazzurra, una doppietta in Reggina Inter (1 4), valida per l degli ottavi della Coppa Italia. Balotelli, come Bergomi e Bonazzoli, la fede nerazzurra non ce l certo nel dna. I primi due non hanno mai nascosto la simpatia (tifo nel caso di Super Mario) rossonera,
ugg botts scopre Bonazzoli
mentre Bonazzoli da bambino tifava Inter. Eppure atteggiamenti sopra le righe non ne abbiamo ancora mai visti. Anzi, dopo anni di trafila nelle giovanili nerazzurri in cui milita dai pulcini il nerazzurro ha finito col prevalere.

Ma chi davvero Federico Bonazzoli? Federico nasce a Manerbio il 21 maggio del 1997 (il 97 attualmente il suo numero di maglia). L lo scopre a Ghedi all di 6 anni, lo parcheggia per una stagione al Montichiari e alla fine lo porta in nerazzurro. Da allora, solo Inter, centinaia di reti, un titolo Giovanissimi e Allievi sempre giocando con compagni e avversari pi anziani di lui. A soli 15 anni, Andrea Stramaccioni gli permise di allenarsi con la prima squadra. E bresciano come Balotelli, ma le similitudini finiscono qui. E lo si notato gi dopo le dichiarazioni rilasciate a Inter Channel dopo il suo esordio: ” “Non ci credevo, gi da quando il mister mi ha detto di scaldarmi. C Zanetti e Olsen, non ci credevo. Mi guardavo attorno. Lo stadio era pieno, enorme. Io mi sentivo piccolo. Mi veniva quasi da piangere, era il sogno che avevo da bambino e che ho coronato”.

Quanto sembra lontano quel Mario Balotelli, che non si lasciava mai andare all dell e che non perdeva mai occasione per ribadire quanto il suo cuore fosse rossonero, con buona pace di chi gli corrispondeva un lauto stipendio. Quanto sembra lontana la maglia gettata a terra in Inter Barcellona, forse la gara pi importante della storia recente dell Difficile dire se Federico Bonazzoli diventer un top player come lo Mario Balotelli (seppur con alterne fortune). Per ora l lo lascia crescere e se lo gode. SUNING VUOLE LA CL, A GENNAIO OPERAZIONI ALLA GAGLIARDINI 11:00 TS INTER, L’ARRIVO DI BASTONI ANTICIPATO A GENNAIO 10:45 ODDO: “INTER SQUADRA FISICA CHE VIVE SULLE INDIVIDUALIT. JANKTO? NON ANCORA PRONTO PER UNA BIG” 10:30 CDS INTER, DE VRIJ E GORETZKA OBIETTIVI PER GIUGNO 10:15 TS MERCATO INTER, PASSA TUTTO DA J. MARIO: SI LAVORA A UNO SCAMBIO CON PASTORE. MATA MKHITARYAN ALTERNATIVE 10:00 GDS VERSO SASSUOLO INTER, SPALLETTI PENSA A QUALCHE CAMBIO: DENTRO JOAO CANCELO E NAGATOMO? 09:45 TS BORSINO INTER: SCENDE RAMIRES, SALE ALEX TEIXEIRA 09:30 CDS JOAO MARIO RISTABILITO: ORA PUNTA IL SASSUOLO

EDITORIALE di Gabriele Borzillo

SALI SUL CARRO, SCENDI DAL CARRO

Finalmente, mi viene da dire. Finalmente siamo inciampati, con buona pace di quelli che il VAR vi aiuta, quelli che siete in alto solo per fortuna, quelli che ritiro la squadra dal campionato,
ugg botts scopre Bonazzoli
c un complotto per far andare avanti l quelli che abbiamo p.

ugg slippers clearance scoperte le alterazioni genetiche

ugg knit boots scoperte le alterazioni genetiche

Il cancro del pancreas è uno dei tumori più pericolosi, ma da oggi potrebbe fare meno paura. A contenere i timori è il sequenziamento del genoma che ha permesso di svelare le alterazioni genetiche tipiche di questa neoplasia, aprendo così la strada a terapie personalizzate. La notizia arriva dalle pagine della prestigiosa rivista Nature, sulle quali i ricercatori di Arc Net, il centro di ricerca applicata sul cancro dell’Università e dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, hanno pubblicato i risultati degli studi condotti in collaborazione con la biobanca del centro, l’Unità di Diagnostica molecolare dei tumori dell’Azienda Ospedaliera Universitaria, gli esperti dell’Istituto del Pancreas e quelli dell’Oncologia universitaria.

I ricercatori hanno analizzato il genoma di 100 adenocarcinomi duttali, scoprendo che le alterazioni più freqeunti sono riarrangiamenti cromosomici che portano sia all’interruzione di geni noti per il loro coinvolgimento nel cancro del pancreas (TP53, SMAD4, CDKN2A, ARID1A e ROBO2) sia a quella di nuovi geni potenzialmente coinvolti nello sviluppo di questo tumore (KDM6A e PREX2).

Inoltre sono state rilevate numerose amplificazioni del materiale genetico, spesso riguardanti oncogeni che possono essere bersagliati con dei farmaci (ERBB2, MET, FGFR1, CDK6, PIK3R3 e PIK3CA). Infine, è stato scoperto che l’instabilità genomica osservata è associata all’inattivazione di geni coinvolti nella “manutenzione” del DNA (BRCA1, BRCA2 o PALB2) e a mutazioni tipiche di carenze nella capacità di riparare i danni al DNA.

Il sequenziamento ha inoltre permesso un ulteriore passo in avanti nella conoscenza del tumore del pancreas.

Riusciamo per la prima volta a classificare questo cancro terribile in quattro sottogruppi molecolari
ugg slippers clearance scoperte le alterazioni genetiche

ugg sito ufficiale italiano sconti e migliori offerte per l

ugg prezzi bassi sconti e migliori offerte per l

Vi aspetta una settimana di acquisti sfrenati online!oggi èilCyber Monday 2017! L si avvicina, siete pronti a sfoderare la carta di credito per comprare tutto ciò che vi serve o desiderate? Siete degli assidui frequentatori del web e vi servite di internet spesso e volentieri per fare compere quindi non potete non approfittare dei super sconti in arrivo! Certo, ci saranno una miriade di cose in offerta, dagli smartphone agli elettrodomestici, dai capi di vestiario ai giochi e districarsi nel marasma per cogliere le occasioni in promozione non sarà facile, perciò ecco cosa comprare su eBay nel Cyber Monday 2017!

Il Cyber Monday,
ugg sito ufficiale italiano sconti e migliori offerte per l
come il Black Friday, è una tradizione americana approdata in Italia e accolta con molto entusiasmo lo capiamo bene visto che in occasione del 27 novembre 2017 ci saranno dei super saldi ad attendervi. Si tratta di una giornata tutta vocata allo shopping online, con sconti esclusivi e offerte imperdibili. Se non avete tempo di dedicarvi al venerdì nero, non perdete il lunedì cibernetico su eBay, dove troverete moltissime promozioni!

eBay Cyber Monday 2017 Italia

Come iniziare la settimana in modo alternativo? Ma con il Cyber Monday, il lunedì dove fare acquisti economici è possibile. Vediamo quindi in rassegna tutte le offerte che propone eBay:

Smartphone Apple e Samsung a prezzi scontati fino al 50%! Occasione da non perdere! Tenete d iPhone 7 e iPhone 7 Plus, ma anche per iPhone 6 e iPhone 6 Plus!
ugg sito ufficiale italiano sconti e migliori offerte per l

ugg australian scompare un’intera fabbrica di calzature

ugg nightfall scompare un’intera fabbrica di calzature

Tra le varie modalit di licenziamento selvaggio, da qualche tempo sembra prendere piede nelle Marche quella di far sparire letteralmente sparire le aziende. Dopo il caso della Best, azienda metalmeccanica di Montefano, in provincia di Macerata, la cui propriet aveva apposto lo scorso autunno i sigilli all approfittando di un periodo di forzate un nuovo episodio occorso a Serra S. Abbondio, localit dell fanese, dove l calzaturificio di una certa dimensione (41 dipendenti) rimasto sul territorio si

Proprio cos Il 4 gennaio, i lavoratori della Vainer hanno ricevuto una lettera di licenziamento da una fantomatica Industriale calzature Srl senza alcun preavviso. Il sindacato, subito allertato, non riuscito a contattare il responsabile dell fantasma, mentre l direttore del personale della Vainer dice di non saperne nulla.

vicenda incredibile spiega Claudio Morganti, segretario generale della Filctem di Pesaro Urbino da tanti anni seguo il tessile e di piraterie ne ho viste a iosa, ma una cosa del genere mai mi era capitata E proprio la Filctem sta cercando di trovare il bandolo di una matassa apparentemente inestricabile,
ugg australian scompare un'intera fabbrica di calzature
partendo dalla contestazione dei licenziamenti. illegittimi sostiene Morganti noi cercheremo di ottenere almeno l di mobilit (i lavoratori erano gi in cassa integrazione, ndr) e di tutelare il personale in tutte le forme e con tutti gli strumenti possibili. Come sindacalisti facciamo il nostro dovere, ma crediamo che anche l del lavoro e la magistratura debbano occuparsene

Il marchio ha avuto un passato 250 dipendenti fino al 2008 in un localit marchigiana dell anconetano (Sassoferrato) e il lancio del fortunato Vainer venduto in tutto il mondo. Il calzaturificio chiude nel 2008, mettendo in mobilit i dipendenti per riaprire nella provincia di Pesaro Urbino con personale ridotto, 41 dipendenti. Fino al 28 dicembre 2011, quando nonostante tutti i lavoratori fossero a casa per le feste qualcuno nota alcuni strani movimenti nei pressi dello stabilimento: in particolare un via vai di tir e camion. Subito scatta l il sindacato chiama i carabinieri e l del lavoro, che per non riescono a entrare. Ora si teme che quei camion siano serviti a portar via i macchinari dall della fabbrica. Sta di fatto che, immediatamente dopo la sortita natalizia, sono partite le lettere di licenziamento.

La Cgil si appellata anche alle istituzioni locali. Per tutta risposta, la Provincia ha portato il caso al tavolo anticrisi e sta cercando di rintracciare i referenti della Industriale Calzaturificio ditta Vainer ci aveva contattati l scorso per ottenere la cassa integrazione ordinaria commenta ancora Morganti abbiamo sottoscritto un accordo per 13 settimane ed stata regolarmente erogata. L richiesta riguardava i mesi di ottobre, novembre e dicembre. Ma abbiamo scoperto che all la richiesta di cig non stata depositata e questo non consente un pagamento diretto da parte dell previdenziale

In questi giorni tutto il paese stretto intorono ai lavoratori della Vainer: solidariet consiglio comunale straordinario, picchetti e manifestazioni. La Filctem ipotizza che il marchio sia stato venduto alla Corea e che la nuova ditta altro non sia che una scatola vuota per pulito il marchio, liquidare la produzione e licenziare i lavoratori. vogliamo mettere in sicurezza i lavoratori conclude Morganti ma mi auguro che la magistratura proceda per verificare anche eventuali rilievi penali
ugg australian scompare un'intera fabbrica di calzature