ugg stores Why is the world’s largest forest certification scheme still standing

ugg sheepskin Why is the world’s largest forest certification scheme still standing

Earlier this week, we released some sad, shocking footage showing the slow and gruesome death of a Sumatran tiger that became trapped within an Asia Pulp and Paper (APP) concession in Sumatra’s Riau province. The video footage also revealed that in the same APP area, recent forest clearance had taken place in an area identified as tiger habitat.

This episode is not only tragic in conservation terms, it highlights the role of the world largest forestry certification body the Programme for the Endorsement of Forest Certification (PEFC) in greenwashing APP reputation by certifying some of its very questionable products.

Incredibly, APP products containing timber from the area where this tiger died could actually receive the PEFC stamp of approval and be sold around the world as sustainable.

How is this possible, given that there are no PEFC certified forests in Indonesia? Like many forest certification schemes, PEFC allows the production of what have become known as mixed source products that is, products that contain certified timber but also some timber that isn as explained on the PEFC website.

The part that isn certified has to come from what have become known as non controversial or controlled sources. This is timber that isn’t certified, but comes from areas that are checked or verified for things such as basic legality standards, standards which are set by PEFC.

But because these PEFC standards are weak, APP is able to trash forests in Indonesia, replace them with plantations, and then get these plantation areas verified as non controversial by PEFC. What a wheeze. And that is exactly what they’ve done. A number of APP concession areas in Indonesia have been verified under PEFC rules as non controversial sources. This verification is currently carried out by SGS, a certification audit body.

So APP imports PEFC certified timber from outside Indonesia, mixes it with this ‘non controversial Indonesian timber, and produces PEFC products. The APP area where the tiger died is one of these PEFC verified areas. Timber from all these verified areas can be used in PEFC certified mixed source products sold as by APP anywhere in the world.

Have PEFC launched an immediate enquiry or severed their connections to APP? Not quite. PEFC only public response has been an astonishing Italian press release which appears to expose a basic lack of understanding of their own certification scheme.

For those of us who haven cracked Italian, this release claims that Greenpeace is releasing false information which is damaging PEFC reputation. It goes on to claim that because the PEFC certified timber used by APP comes from certified plantations in Chile, we’re trying to sneakily misrepresent the facts. It also states that yes, APP may have issues in Indonesia, but this doesn’t apply to them because all the PEFC fibre is from Chile.

We’ve sent the report which shows how these areas are in fact PEFC verified (if not fully certified) to the PEFC office in Italy. Perhaps it may lead to a public correction of their inaccurate claims? Better still perhaps, it may lead to an urgent review of just how it can be that timber from these areas can possibly be considered as non controversial by PEFC?

APP deforestation includes the destruction of forests mapped as tiger habitat, replacing these forests with acacia plantations. APP is responsible for wiping out the home and hunting grounds of the Sumatran tiger to make throwaway paper products. How can it be that these same areas can then get verified as by the world largest forest certification scheme?

Isn it about time action was taken to stop APP from greenwashing its products with the PEFC brand?

Greenpeace is campaigning to protect Indonesian rainforests and tiger habitat. Support our work by making a donation.

Find out more about APP and Greenpeace’s work on deforestation:

>> Endangered Sumatran tiger dies in trap on APP concession in Indonesia

>> APP spins yet more greenwash with latest advert

>> Call Mattel about Barbie’s deforestation habit

>> How the toy industry and APP are responding to our Barbie campaign

>> Lego announces forest plan,
ugg stores Why is the world's largest forest certification scheme still standing
but what about Mattel?

Although usually spend most of their Ugg Boots Canada time in office work, but the static absolute than dynamic work to cold, recommended several Timb.

Although usually spend most of their Ugg Boots Canada time in office work, but the static absolute than dynamic work to cold, recommended several Timberland Boots UK exquisite 2011 new plume velvet suits: 2011 new autumn and winter fashion classic red down UK Timberland Boots jacket, the fall and winter of this year is the most brilliant red, let you from the beginning big change. Male money down outerwear outdoor sports clothing as the door is open. They are also Canada Uggs more and more worn on more occasions. This phenomenon is similar to that of Japan, is then collected all Cheap Timberland Boots those Milan luxury called paninari. Italy fashion fans have chosen as the only Moncler jacket. Blue, Timberland Boots in UK gray, blue, mixing turmeric, brown, winter can also are neat, delicate with images appearing, which requires skill, wool, cashmere, camel Ugg Canada hair cloth as raw material. For example: coffee, mustard yellow. The winter dress male money down outerwear extremely Cheap Timberland Boots UK warm to cold, bleak nature gives us the opportunity to show color, seasonal color equally attractive. Fabric texture in tight elastic worsted fabrics is 2011 meant Timberland Boots Sale for fashion, and fashion you for what kind of clothes to wear and it is more appropriate you worry. Chiffon become a year beans popular single goods, designer through the improvement and reform,
ugg stores Why is the world's largest forest certification scheme still standing
more refined style.

official ugg australia Who is Kate Moss dating

ugg boots classic tall Who is Kate Moss dating

RelationshipsKate Moss was previously married to Jamie Hince (2011 2016).Kate Moss has been in relationships with Russell Brand (2006), Jamie Dornan (2006 2007), Jamie Burke (2006), Pete Doherty (2005 2007), Jonny Lee Miller (2004), Daniel Craig (2004), Jefferson Hack (2001 2004), Emanuele Filiberto di Savoia (2001), Angus Fairhurst (2001), Jesse Wood (2000), Antony Langdon (1999), Robert del Naja (1999), Lenny Kravitz (1999), Dan MacMillan (1999), Tracy Pentano (1998), Jason Lake (1998),
official ugg australia Who is Kate Moss dating
Tarka Cordell (1997), John Kennedy Jr. (1996), Johnny Depp (1994 1998), Mario Sorrenti (1993 1994), Mark Wahlberg (1992) and Jake Chapman.Kate Moss has had encounters with Rhys Ifans (2007), Jack Osbourne (2006), Anthony Rossomando (2006), Jack Nicholson (2004), Billy Zane (1999), Evan Dando (1998), Nellee Hooper (1997), Frank Sinatra (1995) and Aviv Nevo.Kate Moss is rumoured to have hooked up with Bobby Gillespie (2004), Leonardo DiCaprio (1994), Vikram Chatwal and Jeordie .AboutKate Moss is a 44 year old . Born Katherine Ann Moss on 16th January, 1974 in , she is famous for . Her zodiac sign is .
official ugg australia Who is Kate Moss dating

ugg boots clearance Vomito nel cane

ugg boots clearance Vomito nel cane

Su segnalazione di una nostra amica su Facebook, oggi parleremo di vomito nel cane. Discuteremo delle cause più frequenti, di come distinguere il vomito dal rigurgito, quali terapie sono consigliate, ma soprattutto di cosa fare: come si deve comportare il proprietario in caso di vomito del cane? Cosa fare e, soprattutto, cosa non fare?

Prima di tutto se il cane vomita una volta, succhi gastrici, ma è vispo, vivace, mangia, il vomito non presenta sangue, le feci sono normali e succede solo ogni tanto, non bisognerebbe allarmarsi troppo. Certo, una visita dal veterinario non fa male, tuttavia se è stato un episodio isolato, non disperatevi subito. Diverso invece il caso in cui il vomito è ripetuto nella giornata, il cane è mogio, non mangia, non produce feci, compare del sangue: in questi casi urge una visita dal veterinario.

Prima di tutto dovete capire se il cane ha rigurgito o vomito. Il primo è meno grave, ma se si ripresenta spesso potrebbe essere indice di patologie a livello esofageo o di masse che comprimono a livello del torace. Il succo del discorso non cambia: un episodio non deve allarmare, episodi ripetuti e frequenti richiedono una visita veterinaria.

Il rigurgito normalmente avviene immediatamente dopo l’ingestione del cibo, il materiale ingerito viene buttato nuovamente fuori praticamente intonso, non è stato digerito perché appena arrivato allo stomaco è stato subito espulso. Nel rigurgito di solito sono assenti segni di nausea (salivazione, leccamento ossessivo delle labbra, ansia, agitazione), non ci sono i conati, non c’è bile.

Nel vomito, invece, abbiamo nausea, conati, può esserci presenza di bile e di sangue, sia digerito che indigerito. Anche qui dobbiamo distinguere però: una lieve striatura di sangue potrebbe essere dovuta alla rottura dei capillari di superficie causata dagli sforzi di vomito. La presenza di una pozza di sangue, invece, parrebbe suggestiva o di un’ulcerazione o di un avvelenamento da rodenticidi per esempio.

farmaci (in realtà quasi tutti possono provocare vomito, quelli che li causano più spesso sono digossina, chemioterapici, tetracicline. Occhio a non confondere il cane che sputa la compressa perché non gli garba con il vomito)gastrite acuta/cronica con o senza ulcere

enterite da Parvovirus, parassitoti, gastroenterite emorragica, colite, peritonite, pancreatite sia acuta che cronica

uremia da insufficienza renale, morbo di Addison, ipercalcemia, lesioni epatiche,
ugg boots clearance Vomito nel cane
chetoacidosi diabetica

La terapia del vomito nel cane dipende dalla causa: sarà il vostro veterinario a stabilire l’eziologia e a determinare la cura più giusta. In alcuni casi l’iter diagnostico è immediato, ma in altri sono richiesti diversi esami prima di riuscire a capire la causa. Come avete potuto vedere, la lista di cause è infinita e se una dilatazione/torsione è immediatamente riconoscibile, una stenosi del piloro, forme infiltrative, morbo di Addison e affini richiedono qualche accertamento in più.

La terapia si baserà su farmaci sintomatici per ridurre l’acidità dello stomaco, antibiotici se si sospetta una qualche forma infettiva, antiparassitari interni se la causa è da riscontrarsi in una verminosi, ma anche in farmaci specifici che curino alcune delle patologie elencate.

Se il vomito è frequente, con abbattimento e disidratazione, molto probabilmente verrà instaurata anche una fluidoterapia per reidratare il cane. Normalmente si procede in questo modo: si danno farmaci sintomatici, si stabilizza il paziente e se il vomito acuto non risponde alla terapia si procede con tutte le indagini diagnostiche del caso. E starà al vostro veterinario decidere quali siano più indicate per il vostro caso.

Veniamo ora alla parte che interessa forse di più i proprietari: cosa fare in caso di vomito nel cane? Beh, correre dal veterinario deve essere la prima opzione. Tuttavia in attesa della visita, potete cominciare a fare qualcosa. Prima di tutto se il cane vomita ripetutamente togliete il cibo: se mangia e vomita di continuo, la situazione è controproducente. Stesso discorso per l’acqua: è vero che se il cane non beve si disidrata, ma quando si vomita si ha una sete terribile, quindi bevi di più, dilati lo stomaco che già era irritato di suo e rivomiti subito. Più vomiti, più hai sete, più bevi, più vomiti: è un serpente che si morde la coda. In questi casi bisogna razionare l’acqua: poca e spesso, in modo da essere sicuri che il cane la trattenga.

Non fare mangiare erba al cane che vomita. E’ vero che il cane che sente di avere lo stomaco disturbato cerca l’erba per vomitare e questo va bene se il vomito si limita ad un singolo episodio. Ma in caso di vomiti ripetuti, più erba mangia il cane, più lo stomaco si irrita, più il cane vuole mangiare erba e siamo di nuovo al serpente che si morde la coda.

Vale sempre la raccomandazione di non agitarsi davanti al cane: già il povero cucciolo sta poco bene, se ancora sente l’ansia del proprietario, la sua pena, la sua agitazione, ai abbatterà ancora di più.

Cosa non fare in caso di vomito

Ed ecco le cose da non fare in caso di vomito del cane:

il fai da te: evitate di fare farmaci veterinari o umani a casaccio se non è stato il veterinario a prescriverli per quel determinato episodio. Il fatto che un anno prima vi sia stato prescritto un antiemetico, non vuol dire che vada bene per tutti i casi di vomito del vostro cane, magari la situazione adesso è diversa. Inoltre alcuni farmaci possono essere pericolosi a seconda della causa del vomito. Volete un esempio? Se ho un cane che vomita per un corpo estraneo intestinale e gli do della metoclopramide, noto farmaco antiemetico, rischio la perforazione intestinale. Perché? Beh, perché è un procinetico, aumenta in lieve misura la motilità intestinale, ma se l’intestino è bloccato la parete stimolata dalla metoclopramide si lacera

ascoltare i consigli dati in buona fede: stesso discorso di sopra, per quanto il vostro vicino di casa, il salumiere, il tizio incontrato al parco per caso, l’allevatore, il farmacista da sempre abbiano tenuto cani, non sono veterinari, quindi evitiamo di utilizzare rimedi impropri e potenzialmente dannosi che complicano la vita al cane, al veterinario e a voi. Per quanto siano consigli benintenzionati, non sono dati da professionisti del settore: vi fareste riparare i freni della macchina dal panettiere? No. E allora perché far curare il cane da tutti tranne che dal veterinario?

non dare il latte: il cane vomita, ergo ha ingerito un veleno, ergo gli do il latte come antidoto. Ehm, il latte è riferito al solo avvelenamento da piombo,
ugg boots clearance Vomito nel cane
per tutto il resto mi peggiora solamente la sintomatologia

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

ugg womens boots VOLUNTEER SPOTLIGHT

ugg online italia VOLUNTEER SPOTLIGHT

Lysa Janelle is one of our many awesome Greenpeace volunteers who work out of our Montreal office. Here’s what she had to say when asked about why she does what she does:

1] How long have you been volunteering for Greenpeace and why did you choose Greenpeace at a place to offer you time and energy?

I started to volunteer in April of 2010. I choose Greenpeace because I am sensitive to the campaigns they’ve been doing and support the fact that they are financially independent from governments and industries. I admire the creativity and various approaches they use when it comes to dealing with environmental issues. Most of all, the staff is incredibly generous in time and good energy, and it does not feel like a chore to give time to the organization.

2] In general, what motivates you to volunteer?

The fact that I can directly contribute to inform people on various issues. I’m highly motivated by the great people I have the chance to meet, the staff, the other volunteers or the people I meet on the streets when an action occurs.

3] Do you have a most memorable moment, activity or project at Greenpeace?

I honestly feel that every new action is better than the one before! Although, one that I particularly remember is the Beach Party Marée Noire at the Energy World Congress last September. What a great experience! I was backstage the whole time, helping out with the logistics of the event. There were so many people from different environmental groups gathering for that event, remembering the BP oil spill and discussing issues regarding fossil fuel energies. At some point, everyone became quiet. The act had started. Musicians led the slow march with a sad melody, accompanying the people covered with fake oil. The march ended, the musicians stopped playing, and in front of me stood a dramatic scene of 20 people covered in oil. It was beautiful and sad at the same time. Just to remember that iconic scene and the impact the event had, is enough to keep me going for a long time.

4] Do you have an inspirational message that you want to share with other environmental activists like yourself?

I was really inspired by the documentary Wasteland. I found it fascinating how people were able to create a recycling centre and, with the help of artist Vik Muniz, transform trash into works of art. Imagine all the great, positive things we can do with our resources! I also like to remember the line from the movie [People sometimes say “But one single can?” One single can, is of great importance. Certain cheap Coach Outlet overseas need a month for delivery. Therefore, if you want to purchase this cheap coach purses as a gift, you must be very clear, or you might miss the anniversary of your friend. Coach Factory outlet can be very comfortable and warm, reaching over nike dunk sb and a few considerations that are not expensive Prada Outlet. In addition to the plate of the car, it also ya a coach Puma Shoes, which is very popular and practical Supra Shoes. These Coach Bags was designed by Coach Outlet. The simple design offers these bags with classic coach outlet online. A robust exterior color difference inside is lined Coach Outlet Store. Never go with intent to endanger, try to go in coach factory outlet, even if they are on the hard discount in coach factory outlet online. Just run after the nike air yeezy is the best shoes. And you must also learn return policy because the burden of international Coach Factory Outlet is very expensive.

Although usually spend most of their Ugg Boots Canada time in office work, but the static absolute than dynamic work to cold, recommended several Timb.

Although usually spend most of their Ugg Boots Canada time in office work, but the static absolute than dynamic work to cold, recommended several Timberland Boots UK exquisite 2011 new plume velvet suits: 2011 new autumn and winter fashion classic red down UK Timberland Boots jacket, the fall and winter of this year is the most brilliant red, let you from the beginning big change. Male money down outerwear outdoor sports clothing as the door is open. They are also Canada Uggs more and more worn on more occasions. This phenomenon is similar to that of Japan, is then collected all Cheap Timberland Boots those Milan luxury called paninari. Italy fashion fans have chosen as the only Moncler jacket. Blue, Timberland Boots in UK gray, blue, mixing turmeric, brown, winter can also are neat, delicate with images appearing, which requires skill, wool, cashmere, camel Ugg Canada hair cloth as raw material. For example: coffee, mustard yellow. The winter dress male money down outerwear extremely Cheap Timberland Boots UK warm to cold, bleak nature gives us the opportunity to show color, seasonal color equally attractive. Fabric texture in tight elastic worsted fabrics is 2011 meant Timberland Boots Sale for fashion, and fashion you for what kind of clothes to wear and it is more appropriate you worry. Chiffon become a year beans popular single goods, designer through the improvement and reform, more refined style.
ugg womens boots VOLUNTEER SPOTLIGHT

ugg store locator Volontariato Internazionale per lo Sviluppo

www.ugg boots Volontariato Internazionale per lo Sviluppo

Riportiamo l’articolo di Mauro Furlan apparso su Peacereporter il 16 maggio scorso nel quale si parla delle attività del Techo Pinardi, centro di accoglienza notturna a Santa Cruz in Bolivia, e del nostro volontario Paolo Trevisanato.

Santa Cruz, capitale economica e crocevia dello sviluppo boliviano, fino a 20 anni fa era una piccola città. Finita l’epoca delle miniere, si è sviluppata l’agricoltura dando impulso alla coltivazione della soia e a grandi allevamenti. Questa provincia, da sola, è più grande dell’Italia ed è la parte pianeggiante della Bolivia. La città, febbricitante di commercio, è attraversata dal vento che alza la polvere, tanto che alla sera hai gli occhi che bruciano.

Nios de la calle. Il “Techo Pinardi”, progetto di accoglienza notturna per ragazzi di strada, diretto dai salesiani, è a pochi passi da Casa Mitai, nella zona centrale della città. Uno dei giorni precedenti, passando, avevamo incontrato Paolo, un giovane veneziano che da due anni fa servizio in questa casa. Ci aveva detto di tornare dopo le 7 di sera, quando i ragazzi arrivano. A Santa Cruz in questa stagione (autunno) il sole tramonta alle 18. già scuro quando arriviamo al Techo Pinardi. Un giardino, una tettoia, un piccolo campetto da calcetto, edifici a un piano tutto attorno, e una grande immagine di don Bosco giovane. Gli sguardi dei ragazzi ci sfiorano e non si fissano. Paolo compare e mi saluta, ma subito un ragazzino gli si avvicina. Lui gli chiede se si sia lavato, il ragazzino sorride e annuisce, e Paolo per capire se è vero gli annusa la testa. Poi mi chiede scusa e mi lascia perché sta seguendo un’attività.

All’ultimo goal. I ragazzi vanno e vengono: chi fa la doccia, chi va in infermeria a curarsi qualche ferita. Nel campetto da calcio, quattro ragazzini stanno giocando. Uno di loro, appena mi vede, chiede: “Facciamo una partita?”. Divide rapidamente il gruppo, chiama altri e si inizia. Non mi sono presentato, non serve. Mi metto in porta. La palla è flaccida, ma per giocare basta qualcosa che assomigli ad una palla. Io ho le scarpe, loro no: chi è a piedi nudi e chi indossa una ciabatta, ma solo sul piede che serve per tirare. La palla non vuole correre e il gioco sembra diventare una lotta libera. I ragazzini si muovono come una nuvola attorno a un pallone che non può andare lontano e il gioco diventa un corpo a corpo, una disputa piede contro piede. Comunque si riesce anche a fare goal. Ad un certo punto si stancano e spariscono.

A dama con gli scacchi.”Il Techo Pinardi è la prima tappa racconta Jesus, educatore del centro Noi qui accogliamo i ragazzi per dormire. Apriamo alle 18 per l’accoglienza, fino alle 22, e poi la mattina alle 8 tutti fuori. A chi vuole uscire dalla vita di strada proponiamo per un mese di dormire qui e durante il giorno di andare in un’altra casa dei salesiani,
ugg store locator Volontariato Internazionale per lo Sviluppo
dove si studia e si fanno attività educative. Noi non spingiamo perché vadano a lavorare. Dopo un mese di lento inserimento possono andare in una delle nostre case di accoglienza”. Accanto a noi due ragazzi di 12 anni giocano a dama con le pedine degli scacchi. Quando uno di loro arriva a fare dama, la pedina si trasforma in una regina che si muove in tutte le direzioni: ogni paese ha il suo modo di giocare. Arrivano grida dal cortile. ora di andare a mangiare. Seguo il gruppo al refettorio. I tavoli sono rotondi e i ragazzi siedono sugli sgabelli. I sei educatori in piedi. Paolo prende la parola e parla delle attività e degli appuntamenti.

Gli sguardi. I ragazzi hanno volti magri, tesi, pieni delle ferite della strada. Chi ha denti rotti, chi un occhio chiuso. Tutti hanno capelli nerissimi e diritti. I volti dei poveri sono sempre pronunciati: lineamenti forti, così lontani da quelli dei fotomodelli. La maggioranza è di Santa Cruz. Osserviamo le loro mosse. Sono più controllati che sulla strada. Lì sono i padroni, si muovono agili, le regole le fanno loro, sono imprevedibili e minacciosi. Qui invece si sottomettono alle regole, pur con grandi sforzi. Lo stile resta aggressivo, giocano e si provocano continuamente. Arriva il piatto con il cibo e ancor prima che vengano distribuiti i cucchiai si mettono a mangiare con le mani. Riso, carne, pomodoro a cubetti. Divorano tutto velocemente: la fame è tanta. Gli ossi della carne li sputano al centro del tavolo.

Storia di tutti i giorni. Non serve chiedere qual è la loro storia e perché sono sulla strada: è sempre la stessa solfa. Non hanno famiglia, erano poveri, vivevano in un tugurio. Tutte storie di povere famiglie o di famiglie inesistenti o assenti. Storie di abbandono. Figli di nessuno. Naufraghi di una nave affondata nella tempesta, afferrati a una fragile tavola, a un istinto di sopravvivenza in lotta con un mare che vuole solo ingoiarli.

Entra una ragazza, vede un posto libero, si siede, reclama il piatto. Ha gli occhi lucidi: ha sniffato colla. Gli altri la prendono in giro, lei non cede, urla più forte. Nessuno molla e cominciano le minacce. Nessuno cede. Intervengono gli educatori e la spostano a fatica in un altro tavolo. la legge della strada: mai cedere, colpire per primo, mai farsi mettere sotto, mai arrendersi, tener duro fino alle botte. La ragazza ha circa 15 anni, un linguaggio e un comportamento che evidenziano un passato lastricato di aggressività e violenza.

Arriva l’infermiera con la sua scatoletta. Vaccinazione contro la rosolia. In Bolivia c’è la campagna per vaccinarsi gratuitamente. Tutti si mettono in fila, ma la maggioranza ha paura della puntura sul braccio. strano vedere ragazzi che lottano ogni giorno per sopravvivere, tremare e retrocedere di fronte a una puntura.

l’ora dello svago. C’è il corso per giocolieri. Due ragazzi tedeschi hanno portato tutti gli attrezzi: palline, cerchi, birilli, piatti, e un monociclo. Molti prendono gli attrezzi e fanno pratica, mentre più in là un altro gruppo sceglie il ping pong. Un ragazzino si allontana, lo seguo con lo sguardo e lo vedo vomitare sullerba. Dopo aver sputato tutto ritorna e mi dice che è colpa della droga che ha inspirato.

Sono quasi le 10 di sera, i due tedeschi raccolgono gli attrezzi. I ragazzi vanno a dormire. Li saluto. Uno di loro mi dice: “Zio, vieni anche domani a insegnarci il ping pong?”. Gli rispondo: “Certo, domani la seconda lezione”. Mi guarda con il suo sorriso sdentato e mi dice, in italiano: “Buonanotte”.
ugg store locator Volontariato Internazionale per lo Sviluppo

ugg con bottoni VOLONTARI CITATI IN GIUDIZIO DA CORTE CONTI Abruzzo Web Quotidiano on line per l’Abruzzo

ugg knightsbridge VOLONTARI CITATI IN GIUDIZIO DA CORTE CONTI Abruzzo Web Quotidiano on line per l’Abruzzo

di Pescara, in passato gi sottoposti a processo penale per aver rivenduto ad alcuni commercianti le calzature che avevano ricevuto in donazione e che erano destinate ai terremotati dell nel 2009.

Il vice procuratore regionale della Corte dei Conti, Roberto Leoni, ha infatti citato in giudizio Franco Giovagnoli, presidente dell Daniele Marinelli,
ugg con bottoni VOLONTARI CITATI IN GIUDIZIO DA CORTE CONTI Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo
Dario e Mirko Francano e Franco Faccenda, tutti soci, chiedendo che vengano condannati al pagamento in favore della Regione Abruzzo di 81.978 euro.

L di volontariato di Pescara ha infatti un “legame funzionale” con la Regione Abruzzo, alla luce di una convenzione del 7 giugno 2006, ed il suo presidente considerato un “incaricato di pubblico servizio”. nel frangente del soccorso ai terremotati non in virt di un particolare affidamento diretto da parte dell regionale”.
ugg con bottoni VOLONTARI CITATI IN GIUDIZIO DA CORTE CONTI Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo

ugg boots america Voglio tornare vincente

ugg boots for cheap Voglio tornare vincente

Dopo il successo ottenuto con Albert Ramos, Novak Djokovic ha rilasciato un intervista ai media serbi presenti al Garros confermando il fatto che la collaborazione con Agassi sarà momentanea, come lo stesso ex tennista aveva ribadito: una lista di nomi ma non voglio dire nulla al momento. Saremo io e Andre a decidere. Anche lui dovrà scegliere chi avere al fianco. La gente legge sui giornali e trae le proprie conclusioni. Mi concentro su me stesso. Dieta? Si basa più su uova e pesce. E ormai da agosto settembre del 2015 che non mangio più carne,
ugg boots america Voglio tornare vincente
per questioni etiche e salutari. Per il momento non intendo tornare a mangiarla Garros, Djokovic punta a tornare interessante l rilasciata, con Djokovic che decide di togliersi qualche sassolino dalle scarpe: le cose non vanno bene è normale cercare alibi. Io rispetto l di tutti ma sono concentrato sulla mia evoluzione. Voglio lavorare in campo e fuori per tornare a essere vincente ho niente da dare alla Serbia. Non vivo più lì da 10 anni ormai ma sento sempre un grande amore. Non ho bisogno di monumenti o scuole
ugg boots america Voglio tornare vincente

ugg australia outlet Vittorio Emanuele III

official ugg Vittorio Emanuele III

Nel 1931, anno IX dell’Era fascista, nella monetazione del Regno d’Italia debutta un nuovo massimale in oro, di peso minore dei precedenti (8,8 grammi a titolo 900, per 23,5 millimetri di diametro), ma di qualità artistica altrettanto eccellente. Per tre anni, infatti, viene coniata la 100 lire Italia su prora che, ad un bel ritratto di Vittorio Emanuele III in uniforme, decorato in basso dal nodo sabaudo,
ugg australia outlet Vittorio Emanuele III
abbina una classica ed elegante personificazione dell’Italia con le vesti mosse dal vento, che regge nella destra un ramo d’ulivo (simbolo di Pace) e con la sinistra solleva alta la fiaccola della Civiltà.

Nel 1932 in Italia circolano 291.587 automobili e, nello stesso anno, viene presentata la Fiat Balilla. La benzina costa 2 lire al litro, Il pane 1,73 lire al chilo, la carne rossa 9, le cipolle 80 centesimi. Per un abito da uomo servono 235 lire e per un paio di scarpe 50 ma, mentre un impiegato guadagna da 300 a 600 lire ed un funzionario circa 1.000, braccianti ed operai si fermano a 300. “Se potessi avere mille lire al mese” canterà non a caso, qualche anno dopo, Gilberto Mazzi.
ugg australia outlet Vittorio Emanuele III

zalando ugg boots vigili aggrediti dagli immigrati

stivali tipo ugg vigili aggrediti dagli immigrati

Se la rabbia degli stranieri contro i vigili ha un volto, il volto tumefatto dell’agente Federico Carrozzo, 31 anni. Era appena uscito dall’ospedale dopo le botte nella guerriglia di Chinatown, il 12 aprile, e c’ rientrato ieri sera. In prognosi riservata. Ferito, con due colleghi, da 60 peruviani che al Parco Cassinis, periferia Sud Est della citt , hanno risposto a un controllo su un connazionale venditore di Nike taroccate.

L’uomo stava scaricando da un furgone scatoloni e scatoloni di scarpe a prezzi stracciati paia a 10 euro, per esempio quando sono comparsi 10 vigili. Controlli e manette. Lui ha urlato. E chiamato a raccolta i connazionali, in gran parte donne. Una massa urlante, infuriata, eccitata dagli alcolici tracannati in quantit industriale per tutto il pomeriggio. Le bottiglie sono diventate armi, tirate addosso agli agenti. Bottiglie in testa, bottiglie sui visi, bottiglie ovunque. Cinque arrestati, alla fine. Da inizio anno, 37 vigili finiti all’ospedale. A gennaio, l’aggressione di ambulanti senegalesi. Ad aprile, appunto, i cinesi.

Due settimane fa, un centinaio di nomadi romeni che pretendevano dal Comune roulotte per viverci dentro. A Milano, Forza Italia protesta ( Dove sono carabinieri e poliziotti? ),
zalando ugg boots vigili aggrediti dagli immigrati
il sindacato dei vigili Siapol suggerisce ( Maggiore dotazione di mezzi e strumenti ) e il vicesindaco Riccardo De Corato sbotta: Adesso basta . Basta ai clandestini ( Sono a quota 100mila: troppi ) e alle zone franche. Come i parchi pubblici. Parchi che pagano dazio, nel fine settimana, all’abbandono dei milanesi destinati ad altri lidi, tipo quelli liguri. D’accordo: ma soluzioni?

Ancora De Corato: Bisogna insistere con il far rispettare le regole. Tolleranza zero. Chi sgarra, deve andarsene. Certo, Milano, sull’emergenza stranieri, sinceramente non ce la fa pi . Continuiamo a chiedere aiuto al governo, ma non vediamo nessun miglioramento . Da fine aprile, il Comune ha fatto scattare l’operazione Verde sicuro , con una squadra di vigili addetta al controllo dei giardini pubblici. Luogo dove le comunit extracomunitarie si incontrano, mangiano, parlano e si divertono, perch , comunque, un parco dev’essere pur sempre un posto d’aggregazione e relax.

E per , forse approfittando di una generale scarsa sorveglianza, ci sono bande di immigrati che nei parchi piantano le loro attivit illegali. Cos ha fatto il peruviano che al Cassinis ha scatenato il putiferio. Per fortuna disse il 12 aprile l’agente Federico Carrozzo mi ha aiutato un collega. Altrimenti, sarei potuto morire . Ieri sera, Carrozzo era l , in ospedale, sanguinante, a ripetere le stesse parole
zalando ugg boots vigili aggrediti dagli immigrati

ugg australia sconti vietati a scuola gli stivali con il pelo

scarponcini ugg vietati a scuola gli stivali con il pelo

MILANO Stivali con il pelo vietati a scuola. Non si tratta dell’ultima presa di posizione di un preside attento all’abbigliamento formale, ma di un’esigenza nata nelle scuole di Philadelphia, Stati Uniti: gli studenti delle Middle School, l’equivalente delle nostre medie, infatti, nascondono nell’ampia calzatura i propri cellulari. Così, almeno nel distretto di Pottstown, è scattato il divieto.

DISTRAZIONE Il responsabile scolastico del distretto, John Armato, ha spiegato: I telefonini sono un problema per ovvie ragioni: il continuo squillare interrompe le lezioni. Adesso gli studenti possono indossare le loro calzature preferite mentre vanno a scuola, a patto che si portino un cambio e che lascino le loro scarpe pelose nei rispettivi armadietti. Oppure, possono indossare stivali bene allacciati e stretti. Sono anche state previste sanzioni: al terzo richiamo scatta il sequestro del telefono.
ugg australia sconti vietati a scuola gli stivali con il pelo